La penombra e l'ansito

Appuntamento per giovedì 9 febbraio alle ore 22.00.
59 minuti di tempo per scrivere.
1313 caratteri max per racconto.
3 giorni per commentare e postare le proprie classifiche (commenti di minimo 113 caratteri).
Hitherto
Messaggi: 94

La penombra e l'ansito

Messaggio#1 » giovedì 9 febbraio 2017, 22:41

Sono nata e faceva molto caldo.
Mentre la mia coscienza si gonfiava in ogni direzione il mio corpo sbocciava. Giacevo poggiata su una superficie quasi del tutto liscia.
Sono cieca. Durante la mia esistenza ho provato sensazioni estreme. Quasi subito dopo la mia nascita mi sono sentita scivolare lungo una curva sottile ed elegante. Sono nata su un corpo in movimento. Erano dei movimenti ritmici, sinuosi, quasi felini. Sentivo qualcuno che ansimava.

Sono nato di sera, faceva molto caldo.
Sono sordo. Quando sono nato, percepivo solo il mio corpo che scivolava lungo un torace irto di peli scuri. Credevo che avrei cessato di esistere ma altre molecole d’acqua mi rifornivano nonostante lasciassi una scia. Ho alzato lo sguardo e l’ho vista: un’altra goccia stava scivolando come me, ma su un corpo di donna che si muoveva sul corpo su cui sono nato. La goccia scendeva dal collo della donna sul suo seno, poi sul suo addome teso. Il torace su cui mi trovavo sussultava e vibrava. Sapevo che ci saremmo incontrati lì dove finiva la pendenza.

Sono nata in un attimo e faceva molto caldo. Mi trovo nel punto più declive dell’unione di due corpi. Mi sembra che la mia coscienza non sia unica, ma derivi dall’unione di altre due. Ho sentito due gemiti intensi e poi più nulla, la penombra e l’ansito.


A me le d eufoniche piacciono!

Kuranes
Messaggi: 105

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#2 » venerdì 10 febbraio 2017, 14:02

Qualcuno ti ha detto male perché "è più poesia che racconto", io dico che chi scrive prosa ed evoca la poesia merita gli applausi, non il demerito. Il racconto mi piace, mi dispiace che tu abbia ceduto e usato la parola "goccia" dove ce l'avresti fatta benissimo anche senza (il soggetto implicito non avrebbe tolto chiarezza alla frase). D'altronde che usare la parola sia un demerito è tutta una mia paranoia

Avatar utente
Angela
Messaggi: 505
Contatta:

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#3 » venerdì 10 febbraio 2017, 14:44

Incredibile la varietà di gocce che siete stati capaci di realizzare. A questa forse, non aveva pensato nessuno e non per pudore, semplicemente abbiamo preso direzioni differenti. All'inizio della narrazione si va alla cieca (attenzione che manca una virgola proprio nell'incipit dopo la parola "direzione"), poi il racconto prende corpo e i corpi si muovono godendo l'uno dell'altro. Non sappiamo chi sono, se non che si tratta di un uomo e di una donna vigini all'orgasmo. Ho apprezzato particolarmente le descrizioni che non cadono mai nel volgare ma che trasmettono la sensazione di calore, di corpi in movimento, di sussulti e gemiti soffocati, almeno è questa l'immagine che mi è arrivata.
Apprezzabile anche il finale che culmina con l'orgasmo e nello stesso tempo gli umori del corpo che si mescolano nell'intimità. Complimenti per la realizzazione non facile e per la resa a mio avviso molto buona oltre che tema centrato.
Uno scrittore è un mondo intrappolato in una persona (Victor Hugo)

Avatar utente
raffaele.marra
Messaggi: 397

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#4 » venerdì 10 febbraio 2017, 15:26

Mi sembra una buona prova, originale e molto in tema. Secondo me avresti potuto ottenere molto di più limando un altro po' lo stile, accentuando i tratti erotici impliciti nel testo attraverso una maggiore ricercatezza in grado di sviluppare meglio gli accenni poetici che comunque non mancano. Ovviamente tutto ciò sarebbe stato più semplice farlo se il tempo non fosse stato così breve.

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 961
Contatta:

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#5 » venerdì 10 febbraio 2017, 17:23

Ricordo che da piccino mi piaceva molto osservare sul parabrezza dell'automobile, dopo la pioggia, le gocce che si univano e muovevano verso l'alto, lasciando una scia, sgonfiandosi e raccogliendo nuova acqua per strada, finendo per fondersi a volte.
Penso che il punto di vista delle gocce sia notevole e possa funzionare bene. E' abbastanza classico immaginare un racconto visto attraverso gli "occhi" di oggetti inanimati. Ma volerle mettere sui corpi di due persone forse è uno strafare. La goccia come entità cosciente puoi mostrarcela che vive le sue strane e aliene interazioni, è divertente, ma se ci sono delle componenti umane, il gioco diventa molto più difficile da reggere e ti riesce solo a metà, nonostante l'amplesso faccia il suo dovere nel creare immagini familiari.

Avatar utente
giancarmine trotta
Messaggi: 383

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#6 » venerdì 10 febbraio 2017, 18:46

Hai scelto una strada complicatissima, ma non priva di soddisfazioni!
Ho letto gli altri commenti ed effettivamente qualche aggiustatina avrebbe reso il testo un piccolo prontuario dell'Amore. Ma in 59 minuti era difficile fare meglio. Perché dare voce alle gocce significa camminare in una viuzza stretta stretta su un burrone; cadere nella banalità o nel fantasy senza senso era tremendamente facile.
L'originalità del testo, evocativo e poetico, mi soddisfa (in 59 minuti!).
Una buona prova.

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#7 » venerdì 10 febbraio 2017, 20:21

Ciao Hitherto.
A una prima lettura non avevo compreso che si trattasse di gocce. Avevo immaginato due persone, una cieca, l’altra sorda.
Poi l’ho riletto e ho compreso la coraggiosa impresa che hai saputo realizzare.
Il racconto è affascinante, le gocce si incontrano e sono loro a vivere una storia d’amore con tanto di concepimento finale.
Hai saputo creare la giusta atmosfera, utilizzano uno stile appropriato ed elegante.
Bravo.
Maria Rosaria

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#8 » venerdì 10 febbraio 2017, 23:56

Ciao Hitherto.

Racconto molto particolare il tuo. Umanizzi due gocce d'acqua come allegoria di quello che sta succedendo fra l'uomo e la donna. Il fatto che la femmina sia cieca e l'uomo sordo mi fa pensare al modo diverso di percepire il rapporto sessuale fra i due sessi e la goccia figlia che complementa i due probabilmente allude al figlio che nascerà da quel rapporto. Stilisticamente mi piace, anche se ammetto che, a prima lettura, mi aveva lasciato interdetto e ho dovuto tornare indietro e rileggerlo per capirlo. Forse siamo più dalle parti della poesia che della narrativa, ma su uno spazio così breve secondo me ci può stare.

A rileggerci,
Angelo

Avatar utente
Peter7413
Messaggi: 478

Re: La penombra e l'ansito

Messaggio#9 » sabato 11 febbraio 2017, 12:18

Un racconto che nasce da un peccato originale: senza conoscere a priori il tema del contest è impossibile comprenderlo. Quindi qui è il tema che permette la comprensione del testo e non viceversa. Vero, scritto bene e assolutamente coraggioso, ma la problematica evidenziata e decisamente penalizzante.

Torna a “95ª - Special Three Days Edition - L'edizione più veloce della storia di Minuti Contati”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti