Punti di vista - di Alessandro Randone

Appuntamento a lunedì 17 luglio dalle 21 all'una con una Special dedicata a Franco Brambilla!
Dovrete scrivere facendovi ispirare da una sua immagine a vrete più caratteri del solito: 5000 spazi inclusi!
Charlesdexter
Messaggi: 53

Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#1 » martedì 18 luglio 2017, 0:32

Punti di vista
«Uno così grande non lo avevo mai visto.» Giovanni mette l’indice della mano in direzione della scia che i motori del razzo, poco prima decollato, hanno disegnato in cielo, poi si volta.
«Se ci togliessimo questi gusci dalla testa mentre parte non sentiremmo questo tintinnio che mi rende sorda e nervosa» Dora gli risponde con voce stridula.
«Moriremmo all’istante» ribatte Giovanni «l’unico posto sicuro per toglierseli è a bordo del razzo.»
«Non voglio partire, mi piace qui e poi dicono che sui razzi partono solo le persone malate.»
«Sarebbe bellissimo vedere tutto dall’alto e non partono solo le persone malate, mia zia Emilia ha intrapreso il Grande Viaggio per Pirio di sua volontà dopo la morte di zio Nicola.»
«Tua zia Emilia ha intrapreso il Grande Viaggio per fare la cavia, dice zia Francesca e a volte mi urla anche che siamo già tutti malati, che la qualità dell’aria sta peggiorando di giorno in giorno e tra non molto ci metteranno tutti su un razzo e andremo a morire in un posto peggio di questo.»
«Ma non stare a sentire tua zia, lei cosa ne sa? Vorrei tanto andare su Pirio. anche Francesco mio cugino è partito, però non era malato.»
«No che non lo era, ma è partito nella Guardia Celeste infatti, ma la regola è sempre quella. Parti e non sai sei tornerai. Hai visto qualcuno tornare?»
«No effettivamente.»
«Papà dice che è un brutto pianeta, peggio che qui.»
«Ma come fa a essere peggio che qui?»
«Non ci sono le strade per le biciclette, ti danno da bere solo acqua, senza succhi sintentici, è un deserto come qui ma senza le case: devi stare sempre sulla navicella.»
«Ma come fa a saperlo?»
«Lui ne è sicuro, prima del Grande Giorno un suo amico che lavorava presso l’Ente spaziale gli mostrava foto e gli raccontava che l’umanità aveva scelto un posto peggiore dell’immondezzaio in cui già viveva per estinguersi. È solo un grande cimitero dove ci fanno credere che la vita sia più bella per farci avere qualche briciolo di speranza.»
«Ma non è possibile! Adesso vado a dire ai Custodi che tu pensi queste cose.»
«No, per favore! Non vuoi continuare a essere mia amica? Vuoi che mi mandino su Pirio oggi stesso?»
«Non dicevo seriamente ma non devi più pensare queste cose, mi fanno diventare triste.»
«Ma se me le hanno dette che colpa ne ho!»
«Cos’altro ti hanno detto?»
«Questo.»
«Ti racconto anch’io una storia, se anche tu prometti di non dire niente.»
«Va bene, prometto.»
«Oltre i Monti Merletti c’è ancora vita. Ci sono piante e frutta da mangiare e l’aria è respirabile.»
«Ma è fantastico!»
«Un giorno, mentre mio padre era in servizio presso il Confine, mi ha detto di aver visto alcuni uomini attraversare le montagne, di solito nessuno si avvicina, ma una volta una signora tutta stanca e coi vestiti strappati lo ha implorato di credergli: c’è ancora speranza per l’umanità.»
«Non ci posso credere, tuo padre che ha fatto?»
«Le ha sparato ovviamente, nessuno può avvicinarsi al Confine.»
«Davvero ha fatto una cosa del genere?»
«Scherzo, mio padre non ha mai lavorato al confine, ma ho letto su un libro questa storia.»
«Sei uno sciocco, che ne dici se andiamo davvero a fare un giro in direzione dei Monti Merletti per vedere se è vero?»
«Non ho voglia, aspetto di salire sul razzo e di gustarmi lo spettacolo.»
«Dai non fare lo stupido, se mi accompagni ti do un bacio.»
«Dici sempre così. Aspetta un attimo, fin quando il razzo non scompare dalla vista.»
«Però non farmi aspettare mezz’ora come al tuo solito!»

Dora ruota la bicicletta in direzione del sentiero che s’inerpica sulle montagne, Giovanni la segue a distanza.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4375

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#2 » martedì 18 luglio 2017, 0:33

Tutto ok con i parametri, Alessandro! Buona Brambilla Edition!

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#3 » giovedì 20 luglio 2017, 12:28

Ciao Alessandro.
Mi piacciono molto le storie in cui i dialoghi la fanno da padrone, nel senso che l'alternarsi del botta e risposta tra i protagonisti descrive un ambiente, una situazione e riesce, senza descrizioni lunghe e, spesso noiose, a comunicare la storia.
Tu sei stato bravo in questo, nel senso che attraverso il dialogo hai disegnato il mondo, i personaggi e le loro vicende.
In realtà mi rimane qualche dubbio sui personaggi, nel senso che mi sono chiesta che età avessero. Me li sono immaginati adolescenti, ma questo solo alla fine della storia.
Ho dovuto, inoltre, rileggere il racconto più volte perchè proprio il "punto di vista" mi ha disorientato.
Il racconto inizia con Giovanni che vuole salire sul razzo e andare su Pirio mentre Dora non è molto convinta.
Ad un certo punto scrivi:
Charlesdexter ha scritto:«Lui ne è sicuro, prima del Grande Giorno un suo amico che lavorava presso l’Ente spaziale gli mostrava foto e gli raccontava che l’umanità aveva scelto un posto peggiore dell’immondezzaio in cui già viveva per estinguersi. È solo un grande cimitero dove ci fanno credere che la vita sia più bella per farci avere qualche briciolo di speranza.»
«Ma non è possibile! Adesso vado a dire ai Custodi che tu pensi queste cose.»
«No, per favore! Non vuoi continuare a essere mia amica? Vuoi che mi mandino su Pirio oggi stesso?»


Quell'amica credo sia solo un refuso (sarbbe dovuto essere "amico") perchè chi parla in quella frase è Dora, però mi ha un po' scombussolata.
Anche il finale mi ha lasciato un po', diciamo, insoddisfatta.
Alla prossima
Maria Rosaria

Charlesdexter
Messaggi: 53

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#4 » giovedì 20 luglio 2017, 13:14

maria rosaria ha scritto:Ciao Alessandro.
Quell'amica credo sia solo un refuso (sarbbe dovuto essere "amico") perchè chi parla in quella frase è Dora, però mi ha un po' scombussolata.
Anche il finale mi ha lasciato un po', diciamo, insoddisfatta.
Alla prossima

Grazie Maria Rosaria per avermelo fatto notare, è un refuso, come ce ne sono vari altri.
Per la verità è un racconto che non stavo riuscendo a portare a termine causa penuria di idee e stanchezza; non piace neanche a me, salvo per un paio di battute.
A te cosa non convince del finale?

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#5 » giovedì 20 luglio 2017, 14:37

Charlesdexter ha scritto:A te cosa non convince del finale?

Dunque, ti dico subito che mi è sembrata la didascalia di una scena teatrale e mi ha lasciato come in sospeso, in attesa di qualcosa che accadesse o di una frase detta.
Rileggendo il racconto mi sembra di intuire che non hai scelto un punto di vista preciso. Per questo potrebbe essere carino far finire la storia con la stessa frase ma lì inserire il pensiero di uno dei due personaggi.
Tipo:
"Dora ruota la bicicletta in direzione del sentiero che s’inerpica sulle montagne. Giovanni la segue a distanza e non può fare a meno, osservandola, di pensare che quella ragazza gli è sempre piaciuta troppo."
:D
Ciao!
Maria Rosaria

valter_carignano
Messaggi: 417
Contatta:

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#6 » sabato 22 luglio 2017, 18:51

ciao
anch'io ho notato la stessa cosa di Maria Rosaria, quindi inutile stare a ripetere.
Bella scelta, il dialogo fra ragazzini. Anche la mancanza di virgole è una scelta, per avvicinarti al ritmo del parlato? Domanda assolutamente non tendenziosa, solo per capire le tue intenzioni.
Delinei bene un ambiente non certo accogliente, dici e non dici (è tutto un 'si dice', 'ho sentito una storia') e chissà che invece non sia tutto vero...
Al di là degli appunti e delle tue stesse perplessità, mi sembra un buon lavoro, magari da rifinire in qualche sua parte.

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#7 » sabato 22 luglio 2017, 23:51

Ciao Alessandro

Racconto molto carino, basato principalmente su un dialogo, ma che riesce a costruire un mondo complesso e difficile. Il buon umore che traspare, a tratti, dalle parole dei due ragazzi (le prese in giro di lui, l’offerta del bacio da parte di lei e lo scherzo sul non farla aspettare mezz’ora come ogni volta) danno la sensazione di come la vita, nel suo piccolo, continui nonostante tutte le difficoltà che la costringono. Anche a me la frase finale mi è sembrata un po’ troncata lì.

A rileggerci,
Angelo

Charlesdexter
Messaggi: 53

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#8 » domenica 23 luglio 2017, 18:07

Grazie Angelo!
valter_carignano ha scritto:Bella scelta, il dialogo fra ragazzini. Anche la mancanza di virgole è una scelta, per avvicinarti al ritmo del parlato? Domanda assolutamente non tendenziosa, solo per capire le tue intenzioni.

Grazie Valter del commento. La scelta di omettere le virgole è stata intenzionale, un dialogo col ritmo interrotto da continue parentetiche è un dialogo inverosimile per me.

Avatar utente
giancarmine trotta
Messaggi: 383

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#9 » lunedì 24 luglio 2017, 17:19

Ciao Alessandro,
non sono un appassionato dei racconti pieni di dialoghi e cerco di bilanciare le fasi racconto / dialogo; anzi, spesso prediligo pochi e mirati dialoghi. Questo non significa che il tuo non mi piaccia a prescindere: ho trovato un buon ritmo, concordo sul "non uso" delle virgole in alcuni dialoghi e tutto sommato la lettura è stata gradevole. Le mie perplessità sono le stesse di chi mi ha preceduto e tra quelle che ti hanno sottolineato, credo che il punto debole della tua storia sia il finale. È come se fosse monco.
'Giovanni la segue a distanza" e? perché?
Anche nella tua storia, come in quasi tutte quelle che ho letto, ho trovato un lato malinconico, credo conseguenza dell'immagine dai colori poco vivaci. Sbaglio?
Alla prossima lettura,
G.

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 419

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#10 » lunedì 24 luglio 2017, 21:37

Ciao, Alessandro.
Bell'approccio, il tuo, e difficile anche. Far immaginare un mondo solo (o principalmente) attraverso i dialoghi non è una cosa da poco, visto il rischio di far sembrare tutto finto. Tra l'altro, in questo caso hai anche pensato bene di omettere la punteggiatura per lasciar trasparire la cadenza del parlato, quasi una sorta di accento e questa è davvero una bella trovata (oltre al modo perfetto per fare imbestialire un grammar-nazi...)
Come già hanno sottolineato, mi unisco al gruppo dei poco entusiasti per il finale.
Ti rinnovo i complimenti per la resa generale e ti consiglio di dargli un'aggiustatina, perché la storia tra i due ragazzi, all'ombra dei Monti Merletti merita di essere raccontata.

Avatar utente
DandElion
Messaggi: 591

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#11 » mercoledì 26 luglio 2017, 0:00

Ciao Alessandro!
Dora e Giovanni mi sembrano molto molto carini per la loro giovane età. Ci vuole tutto il caratterino pepe e ribelle di lei e la posata lentezza maschile dei preadolescenti per vederli li, spettegolare di cose troppo grandi per loro. Mi piace molto il tuo racconto, lo trovo piuttosto però un prologo ad un possibile racconto più lungo. Cosa c'è oltre i monti, davvero? Non vale la pena di accompagnarli a scoprirlo? Io un saltino ce lo farei ;)
#AbbassoIlTerzoPuntino #NonSmerigliateLeBalle
#LicenzaPoeticaGrammatica
Adoro le critiche, ma -ve prego!- che siano costruttive!!

Avatar utente
lordmax
Messaggi: 308

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#12 » giovedì 27 luglio 2017, 11:17

Ben fatto. Un buon racconto dove i protagonisti sono subito evidenti e la scelta del dialogo come componente principe aiuta a delineare l’ambientazione.
Bella scelta quella di proporre l’ambientazione come sentito dire, tipico dell’approccio dei ragazzi nel raccontare le cose di cui non hanno esperienza.
Ci sono molte possibili sottotrame a cui accenni brevemente e mi lascia pensare che potrebbe essere il prologo di un racconto molto molto più lungo.
La scelta linguistica del non usare virgole nel parlato è azzardata ma funziona piuttosto bene in un pezzo così breve.
L’entusiasmo giovanile per tutto quanto li circonda fa da contraltare alla malinconia di fondo e il tutto crea un’alchimia molto interessante.
Ci sono ovviamente dei refusi e qualche parte che andrebbe limata ma sarebbe sicuramente molto interessante vederlo ripulito e magari ampliato nel laboratorio

Charlesdexter
Messaggi: 53

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#13 » venerdì 28 luglio 2017, 14:01

Grazie a tutti per aver commentato il mio racconto, mi avete dato uno stimolo per lavorarci e tirarne fuori magari qualcosa di buono.

Avatar utente
jimjams
Messaggi: 560

Re: Punti di vista - di Alessandro Randone

Messaggio#14 » mercoledì 2 agosto 2017, 19:27

C'è qualche errore, refusi, qualche passaggio non proprio chiarissimo. Però la storia è abbastanza intrigante ed è simpatico questo rapporto, tra il sospettoso e l'amoroso, che c'è tra i due personaggi. Il tema è centrato, niente da dire. L'idea di base interessante e anche piuttosto plausibile, forse anche al fatto che rimane poco chiaro dove si trovi questo pianeta di arrivo, o se ci sia davvero (potrebbe essere anche tutto uno sporco trucco).
C'è qualcosa che non mi convince nello stile del dialogo, ma non sono così bravo da puntare il dito e dirti cosa sia di preciso.
Un buon racconto, un po' triste, che finisce in un modo che mi piace, perché nonostante tutto la vita continua e fa il suo corso.

Torna a “102° Edizione - Franco Brambilla Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti