Dinamiche di LordMax

Lunedì 16 ottobre dalle 21.00 all'una.
Tema: LA PORTA.
Partecipanti in gara: 18
Avatar utente
lordmax
Messaggi: 308

Dinamiche di LordMax

Messaggio#1 » martedì 17 ottobre 2017, 1:24

"Aperta!"
"Cosa?"
"La porta! Sempre aperta. La lasci sempre aperta"
"Scusa, hai ragione. È che è più forte di me, esco e vado oltre."
"Intanto però quando il tuo gatto fa danni tocca a me pulire. Per non parlare degli odori"
"È per il Feng Shui tesoro. Le porte chiuse creano dei blocchi energetici"
"Blocchi energetici sto cazzo. Almeno l'asse del cesso chiudilo se vuoi tenere la porta aperta"
"Hai ragione" dice mentre si alza dal divano e va a chiudere prima il water e poi la porta del bagno.
Si ferma davanti a un piccolo coso peloso con due grandi occhi curiosi che lo osservano.
"E tu? Ti da fastidio la porta chiusa vero? Ti capisco. Prenditela con la tua padrona, io non c'entro" dice lui mentre torna in salotto.
"Sì, dai la colpa a me. Intanto però sto scemo ieri ha buttato a terra la candeggina e ci si è rotolato. Poi a vomitato tutto il giorno. Tu sei in ufficio e te ne freghi".
"Dai, poverino. Non è colpa sua, stava male, è ovvio che abbia vomitato" dice lui mentre prende in braccio il gatto e lo accarezza.
"Poverino un cazzo. È un drogato ecco cos'è. Appena riesce a infilarsi in bagno si fa di candeggina o di detersivi. Serbra uno di quei barboni che sniffano la colla"
"Un piccolo barbone peloso sei vero?" dice lui coccolando il gatto che intanto inizia a fare le fusa "sarà un ricordo d'infanzia. Lo abbiamo trovato dentro una scatola di detersivo. Magari scambia quell'odore con quello della mamma"
"Sarà. Intanto tutte le volte che può si sniffa qualsiasi cosa. E dovresti vedere quanto si rotola quando lavo il pavimento con la candeggina. Sembra che voglia sniffarsi tutta la casa. Poi dorme per giorni. Praticamente quando lavo i pavimenti è talmente strafatto che non mangia nemmeno" dice lei dando un buffetto al gatto.
"Dai drogatto, andiamo a letto che è tardi e domani dobbiamo alzarci presto" dice lui alzandosi dal divano e porgendo il gatto alla moglie.
...
"pst. Sei sveglio?" chiede lei dando un pugno sulle costole al marito.
"Huuu. ora sì. Che c'è?"
"Un rumore. Ho sentito un rumore"
"In casa? Sarà micio che gioca"
"Che dorme sui miei piedi. Ascolta!"
"È vero. sembra arrivi dal pianerottolo"
"Hai chiuso la porta?"
"Credo di sì"
"Ottimo, allora è aperta. Se entrano i ladri perché tu non hai chiuso a chiave la tua porta da 4000 euro non avranno bisogno di legarti perché ti meno prima io sappilo" dice lei con voce poco gentile.
"Manno, che dici. Siamo al 6° piano, troppo scomodo per dei ladri. Ora controllo" dice mentre si alza dal letto e si dirige al corridoio.
Un filo di luce filtra dal bordo inferiore della porta blindata. L'uomo si avvicina piano alla porta, mette una mano a conchiglia vicino allo spioncino e ne sposta il riparo per poter vedere fuori. Il pianerottolo è illuminato a giorno. Due figure con cappotti pesanti e cappuccio sono ferme sul pianerottolo. Una delle due sembra prendere degli appunti.
Raggelato l'uomo torna in camera, apre il cassetto del comodino e ne estrae un pugnale, uno di quelli che si usano in campeggio con l'impugnatura grande in cuoio, lo afferra mentre la donna lo guarda sbarrando gli occhi.
"Tranquilla. Non fare rumore. Se cercano di entrare li prendo di sorpresa" sussurra con voce malferma.
"Non fare sciocchezze" dice lei mentre si alza dal letto "fammi vedere"
"Non muoverti" dice lui mentre lei è già al suo fianco.
Lui la afferra per il braccio ma lascia subito la presa quando sente la sua decisione.
Anche lei si avvicina alla porta, forma una conca con la mano e osserva fuori dallo spioncino proprio mentre si sente il rumore di una porta che si apre.
Una delle figure incappucciate entra nella casa di fronte. L'altra resta di guardia fuori.
Una luce si accende, il corridoio, la figura entra decisa in casa e sparisce oltre l'angolo visibile.
"Chiama la polizia! Sono entrati dai Bianchi. Presto!" dice lei affannata.
Lui posa il coltello mentre, al buio, arraffa il cellulare. Inizia a comporre il numero, 113? 118? 112? chi si ricorda quale è da fare, pensa mentre digita.
La moglie allo spioncino continua a guardare.
La figura incappucciata esce dall'appartamente di fronte con una borsa in mano "Eccola, vedi che era dove dicevo?" dice alla seconda figura poi chiude la porta a chiave e entrambe si dirigono all'ascensore.
"Spegni!"
"Cosa, aspetta, sto chiamando"
"Spegni! Spegni subito ho detto" dice lei sottovoce ma con forza.
"Ok, perché?" risponde mentre chiude la chiamata e guarda la moglie stupito.
"Perché siamo due stupidi. Erano i Bianchi. Partono per la settimana bianca e avevano dimenticato qualcosa. Che spavento che mi hai fatto prendere" dice lei appoggiandosi alla porta.
"Io? Sei tu che mi hai svegliato. Come facevo a riconoscerli?" dice lui tra il divertito e il finto offeso.
"Apri il frigo e prendi il latte, ho bisogno di un latte caldo per riprendermi" dice lei mentre si siede al tavolo della cucina.
"Agli ordini mon amour. Latte caldo in arrivo" dice lui mentre va versa del latte in un pentolino.
"Ah, chiudi a chiave la porta visto che ci sei".



Avatar utente
antico
Messaggi: 4110

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#2 » martedì 17 ottobre 2017, 1:31

Ciao Max! Hai il malus tempo, ma sei ok con i caratteri, buona Schiavo Campo Edition!

Avatar utente
Flavia Imperi
Messaggi: 312
Contatta:

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#3 » martedì 17 ottobre 2017, 10:28

Bello il drogatto, belli i dialoghi, divertenti, ironici ma realistici.
La storia, narrata molto bene, fa battere il cuore e ha un finale divertente.
Unica pecca a mio avviso, a parte un paio di refusi (ha senza l’acca in “poi ha vomitato” e un altro che non ritrovo) è che tutta la storia del gatto (bellissima) è poi inutile alla trama, non ha conseguenze nella seconda parte. In un romanzo lungo andrebbe anche bene, farebbe ambientazione, ma in un racconto breve il gatto mi deve tornare, magari scappando dalla porta e spaventando i ladri, che lo chiamano per nome e i protagonisti così capiscono che i fantomatici ladri erano i vicini, tornati su dal garage, prima di partire, proprio per prendere i detersivi dimenticati.
Le storie sono tatuaggi dell'anima

Avatar utente
SalvatoreStefanelli
Messaggi: 278

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#4 » martedì 17 ottobre 2017, 13:28

Lordmax mi hai fatto proprio divertire con questa scena di vita domestica. La storia sarà anche semplice ma l'ironia la esalta. Il gatto mi sta simpatico, e pure il resto della famiglia. Tempi del racconto ottimi, le scene sono vivibili e, se non fosse che a volte ti viene da ridere, ci si cala bene dentro i personaggi. La storia del gatto fa scena, pur se ha poca confidenza con il tema portante non se ne discosta più di tanto, visto che "a porta aperta mi ci ficco" come miagolerebbe lui. L'altro refuso che Flavia non ricordava e un "serbra" qualche rigo più sotto. Io avrei messo qualche virgola in più e avrei cercato di evitare troppe ripetizioni a così poca distanza l'una dall'altra, vedi i vari mentre o latte, per fare qualche esempio. Nel complesso un gran bel racconto, nonostante tutto. Bravo.

alexandra.fischer
Messaggi: 1753

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#5 » martedì 17 ottobre 2017, 20:13

DINAMICHE di LordMax La specifica della porta c’è. E la storia è spassosa (equivoco dei falsi ladri a parte, l’elemento che la tiene su divertendo il lettore è il “drogatto” dei due coniugi. Ma anche i dialoghi fra loro due li rendono simpatici. La sbrigatività di lui, burbero ma premuroso si amalgama bene con lei, tutta New Age e vita domestica. Mi ricordano i personaggi radiofonici di “Cico e Pallina” creati da Federico Fellini (Pallina era, se non ricordo male, sua moglie Giulietta Masina).

È per il Feng Shui tesoro (manca la virgola dopo Feng Shui)
Attenzione a: sto c…o ( meglio scrivere ’sto c…o).
Sto scemo (meglio scrivere ‘sto scemo)
A vomitato (meglio scrivere : ha vomitato)
Serbra (meglio scrivere: sembra)
Un piccolo barbone peloso sei vero? (manca la virgola dopo sei)
Pst (meglio scrivere: Psst)
Huuu (meglio scrivere: Uhhh).
Manno (meglio scrivere: ma no)

Avatar utente
LauSil
Messaggi: 60

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#6 » giovedì 19 ottobre 2017, 20:42

Ciao Max ^_^
Un piccolo idillio familiare, questo, delicato e delizioso, scritto con mano sicura e briosa. Il racconto si lascia leggere con molto piacere, e i dettagli che tratteggiano le dinamiche della famiglia protagonista lo impreziosiscono. C’è un solo appunto che mi sento di fare, concordando con chi mi ha preceduto: per quanto gustoso, il paragrafo dedicato al drogatto è un po’ troppo lungo nell’economia di un racconto così breve e, purtroppo, non è giustificato da un’importanza cruciale del felino nella sezione conclusiva. Ma è un peccato che si perdona con facilità, a fronte di una narrazione disinvolta e simpatica. :)

viviana.tenga
Messaggi: 500

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#7 » lunedì 23 ottobre 2017, 19:56

Ciao Max,

Detto fuori dai denti: secondo me dovevi incentrare il racconto sul gatto. L’ho trovata la parte più riuscita del racconto ed è un peccato che c’entri poco o nulla con la trama principale. Detto questo, non è che il resto sia male. La scrittura è ottima, i dialoghi divertenti e naturali. Nel complesso, una prova molto riuscita.

Daniel Travis
Messaggi: 347
Contatta:

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#8 » martedì 24 ottobre 2017, 11:34

Ciao Max.
Bei dialoghi, centrati, così come il tema, e personalmente adoro quanto il quotidiano diventa assurdo o assurdamente intenso (ci ho provato anch'io qualche mese fa con un altro gatto: Agguato).
Detto questo, il ritmo tendente alla monotonia e la punteggiatura, non scorretta ma neanche curatissima, mi impediscono di entrare nella storia, e il finale è troppo didascalico per sortire il benché minimo effetto.
Inoltre, soprattutto, se passi la prima metà della storia a parlare di una pistola, nella seconda falla almeno miagolare; in altre parole: vojamo più gatto.
Il Crocicchio è un punto tra le cose. Qui si incontrano Dei e Diavoli e si stringono patti. Qui, dopo aver trapassato i vampiri e averli inchiodati a terra, decapitati, bruciati, si gettano al vento le loro ceneri.
Il Crocicchio è un luogo di possibilità.

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#9 » martedì 24 ottobre 2017, 21:49

Ciao Max,
il tuo racconto ruota attorno a due porte, quella del c...o e quella d'ingresso. In questo senso il tema è centrato. Il racconto è simpatico, brioso, e, tralasciando qualche piccolo refuso, molto godibile. Peccato che la parte più divertente e interessante sia quella iniziale, col drogatto che la fa da padrone ma che nella seconda sparisce del tutto. La seconda, a mio avviso, è meno briosa, più telefonata e, soprattutto, la si legge attendendo l'arrivo del gatto.
Buoni i dialoghi, che caratterizzano bene i personaggi.

Avatar utente
raffaele.marra
Messaggi: 397

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#10 » mercoledì 25 ottobre 2017, 22:13

La caratteristica migliore di questo racconto è la semplicità stilistica che lo rende leggero e divertente dalla prima all'ultima battuta. La storia è assurdamente ordinaria, eppure sembra pescare continuamente in un surrealismo che la rende affascinante come un'avventura fantasy. Lo so, mi sto contraddicendo in poche righe, ma la sensazione globale, a leggere questo racconto, è proprio di contrasto tra semplicità e complessità, tra ordinarietà e non-sense, tra comico e banale. Anche questo fatto che la storia sia nettamente divisa in due, come due sono le porte "protagoniste", contribuisce ad accrescere questa strana sensazione di "duplicità contraddittoria" che trovo unica. E' un po' come avviene in molte canzoni di Rino Gaetano, tanto per fare un esempio. O, tanto per restare nel mondo della musica, nei brani rock-progressive, dove, di punto in bianco, cambiano nettamente melodia e arrangiamento e, come se nulla fosse, si prende a "raccontare un'altra storia".

Avatar utente
jimjams
Messaggi: 558

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#11 » giovedì 26 ottobre 2017, 9:18

Una piccola scena di vita familiare. Una coppia che potrebbe tranquillamente essere la nostra, o quella dei vicini. Problematiche di vita quotidiana che ognuno di noi ha sperimentato in prima persona o per conoscenza. Tutto intorno a una porta, anzi due, anzi tre... credo. Ho qualche difficoltà a valutare il racconto, perché rompe i soliti schemi, almeno in parte, cui siamo abituati a MC. Ma forse questo è un merito, che dici? Buono lo stile, mi sono inceppato solo in un caso (sente la sua decisione, avrei usato fermezza, forse). C'è un refuso brutto da vedere ma che è appunto un refuso. Comunque ci tengo a dirlo, io le porte le chiudo sempre, solo che lo farei in tempi diversi da quelli che vuole mia moglie. Tipo l'armadio...

Avatar utente
lordmax
Messaggi: 308

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#12 » giovedì 26 ottobre 2017, 18:37

Grazie a tutti per i commenti.
Soprattutto per le correzioni, purtroppo, ok, è solo una scusa, ho scritto tutto in venti minuti e non ho riletto quindi spero che i refusi siano solo dovuti alla non rilettura.
Mi vergogno moltissimo per l'A senza H, moltissimo davvero.

Un grazie particolare a Raffaele che ha colto il punto centrale del racconto, sono due racconti, due momenti diversi.
Nel primo il gatto è il protagonista assoluto e gli umani sono solo di contorno, la seconda parte è una storia diversa e il gatto non ne fa parte se non marginalmente, il protagonista è il rapporto famigliare fra marito e moglie che si scontra con un fatto non tanto quotidiano e particolarmente teso come la possibilità di ladri in casa, uno dei terrori del momento.

Avatar utente
DandElion
Messaggi: 591

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#13 » giovedì 26 ottobre 2017, 21:56

La mia scarsissima voglia di legami "legalizzati" a divinis è definitivamente morta sotto i fendenti dell'immane scassamento di palle della moglie al marito. Il gatto fattone è la cosa più bella del mondo e solo per questo meriteresti un premio, però il finale mi sembra un po' poco convincente, insomma pure di notte (ma col pianerottolo illuminato a giorno) riconoscerei i miei vicini, che, partendo per la settimana bianca avranno sì il giaccone da neve- che ingombra ed è meglio non tenerlo in valigia, ok, ha senso- non credo che abbiano già il cappuccio calato.. In ogni caso il siparietto sul gatto è bellissimo e forse la mancanza di caratteri ti ha spinto ad accorciare un poco.. Non so molto carina ma mi convince non proprio del tutto..
#AbbassoIlTerzoPuntino #NonSmerigliateLeBalle
#LicenzaPoeticaGrammatica
Adoro le critiche, ma -ve prego!- che siano costruttive!!

Avatar utente
antico
Messaggi: 4110

Re: Dinamiche di LordMax

Messaggio#14 » martedì 31 ottobre 2017, 10:17

Racconto di difficile valutazione, almeno per me. Si nota tantissimo la fretta con cui l'hai scritto, alcune forme sono rivedibili e ci sono diversi erroretti sparsi. Paradossalmente, questa versione ancora acerba fa uscire con forza il nucleo centrale ammantandolo di un'aria di freschezza, pura energia che arriva direttamente al lettore. Godibile, certo, ma con un diverso equilibrio tra la prima, più brillante, e la seconda parte, laddove sarebbe stato meglio un'inversione con la seconda a "bucare di più". Il tema, ovviamente, è presente. In conclusione, direi un pollice che mira timidamente verso l'alto. Dopo una revisione attenta non potrà che essere da vetrina.

Torna a “106° Edizione - SCHIAVO CAMPO Edition - l'UNDICESIMA della Quinta Era - La 106° ALL TIME”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite