Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Ultima Special Estiva di Minuti Contati. Appuntamento per lunedì 20 agosto dalle 22.00 alle 00.00 con la moderatrice Eleonora Rossetti che svelerà il tema. I racconti non dovranno superare i 1500 caratteri!
Avatar utente
jimjams
Messaggi: 576

Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#1 » lunedì 20 agosto 2018, 22:55

L’Inquisitore scuote la testa. Può leggere negli occhi dell’uomo l’istinto omicida.
Se non fosse legato mi ucciderebbe con le sue mani.
«Che orribili sentimenti. Tuttavia coerenti con i tuoi comportamenti.»
L’uomo gli sputa contro, senza colpirlo.
«Quale sarebbe la mia colpa, sentiamo?» sussurra. «Avere idee che contrastano con la linea di governo?»
L’Inquisitore gli rivolge una smorfia di scherno.
«Pover’uomo. Qualcosa è andato storto nella tua testolina. Sai, non esiste colpa più grave. Questa comunità sopravvive grazie alla coesione, all’impegno costante e coordinato di tutti, all’adesione agli ideali della Colonia.»
L’uomo scuote i legacci, senza risultato.
«Propaganda. La vita qui è un Inferno, lavoriamo tutto il giorno nelle miniere e riceviamo il minimo per sopravvivere. Non possiamo decidere nulla, neanche con chi accoppiarci e fare figli. Ma non basta… Persino i pensieri controllate con le vostre macchine del cazzo.»
«Restrizioni necessarie. La vita è dura per tutti, siamo Colonizzatori.»
«Davvero? E dove vive lei? Sentiamo? E come?»
«Ne ho abbastanza, eseguite la sentenza!»
«Meglio morire!» urla il prigioniero mentre aghi letali penetrano le sue carni.
Pochi spasmi ed è tutto finito.
«Pulizia memoria e riciclo» ordina l’Inquisitore.
Due tecnici prelevano l’uomo e lo adagiano su un lettino medico, collegano elettrodi, aghi, flebo.
Pochi minuti dopo l’uomo si scuote, sbarra gli occhi.
«Do… dove sono?»
L’Inquisitore sorride.
«È tutto a posto, tranquillo» gli dice.
Bentornato all’Inferno.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4439

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#2 » lunedì 20 agosto 2018, 23:36

Ola Mario! Tutto a posto anche qua! Buona Edizione!

alexandra.fischer
Messaggi: 1866

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#3 » martedì 21 agosto 2018, 7:58

BENTORNATO AL’INFERNO di Mario Pacchiarotti Racconto molto particolare. Già nel titolo, controcorrente rispetto al tema (che è il benvenuto all’inferno), qui c’è un bentornato, dunque è ancora più da paura. L’Inquisitore, i Colonizzatori, l’uomo che si ribella a un ordine sociale infernale (lavoro da schiavi in miniera, matrimoni combinati dall’Autorità) venendone schiacciato (vedi gli aghi con la sostanza cancella memoria) ha qualcosa di kafkiano (penso alla “Sentenza”) che trovo molto ben reso. Bravo.

Avatar utente
Massimo Tivoli
Messaggi: 314
Contatta:

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#4 » martedì 21 agosto 2018, 8:47

Bel racconto, scritto bene, e lascia intuire un’ambientazione che va al di là di questo scorcio. Il “bentornato all’inferno” è emblematico. In una società in cui la dignità e la libertà umana e i diritti vengono costantemente messi sotto i piedi (non si può neanche più pensare in libertà) non vale tanto la pena vivere, perché tutto sommato sarebbe un inferno. La ciclicità della situazione raccontata, poi, non lascia scampo, un contrappasso eterno.

Avatar utente
diego.martelli
Messaggi: 133

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#5 » mercoledì 22 agosto 2018, 6:52

A livello tecnico o di registro, noto solo uno strano diminutivo ("testolina", che nel contesto di dove è usato mi appare non del tutto calzante - potrebbe essere benissimo, tuttavia, una mia personale preferenza) e una frase costruita in modo particolare ("Persino i pensieri controllate con le vostre macchine del cazzo", dove avrei visto meglio "Controllate persino i pensieri con le vostre macchine del cazzo"; se c'è un preciso intento in questa scelta non l'ho compresa).

Relativamente alla trama in sé, mi pare di intendere che dopo ogni sessione di tortura la memoria della vittima viene cancellata (o meglio, è ciò che intendo da "«Pulizia memoria e riciclo» ordina l’Inquisitore."). Qual è, dunque, lo scopo della tortura ripetitiva? Mi sembrerebbe che ai fini dichiarati dell'inquisitore (rieducare un ribelle) il ricordo continuo del dolore subito sarebbe uno strumento utile, e un "tormento infernale" ben peggiore.

In generale è scritto benissimo, ma il mio non comprendere alcuni passaggi me ne ha limitato l'apprezzamento.

viviana.tenga
Messaggi: 500

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#6 » mercoledì 22 agosto 2018, 18:56

Ciao Mario,
Sei riuscito a creare un'ambientazione distopica (o, per lo meno, farla discretamente intuire) in pochissimo spazio e senza rendere i dialoghi degli infodump forzati, e questo è senz'altro un merito. Considerato il poco spazio, però, avrei preferito che l'"Inquisitore" fosse indicato con un termine diverso. Complice anche il tema, per le prime righe ho immaginato la scena in un contesto storico e in un racconto così breve le prime 4 righe sono comunque parecchie. A parte questo dettaglio, giudizio assolutamente positivo.

Avatar utente
jimjams
Messaggi: 576

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#7 » mercoledì 22 agosto 2018, 20:33

diego.martelli ha scritto:A livello tecnico o di registro, noto solo uno strano diminutivo ("testolina", che nel contesto di dove è usato mi appare non del tutto calzante - potrebbe essere benissimo, tuttavia, una mia personale preferenza) e una frase costruita in modo particolare ("Persino i pensieri controllate con le vostre macchine del cazzo", dove avrei visto meglio "Controllate persino i pensieri con le vostre macchine del cazzo"; se c'è un preciso intento in questa scelta non l'ho compresa).

Relativamente alla trama in sé, mi pare di intendere che dopo ogni sessione di tortura la memoria della vittima viene cancellata (o meglio, è ciò che intendo da "«Pulizia memoria e riciclo» ordina l’Inquisitore."). Qual è, dunque, lo scopo della tortura ripetitiva? Mi sembrerebbe che ai fini dichiarati dell'inquisitore (rieducare un ribelle) il ricordo continuo del dolore subito sarebbe uno strumento utile, e un "tormento infernale" ben peggiore.

In generale è scritto benissimo, ma il mio non comprendere alcuni passaggi me ne ha limitato l'apprezzamento.


Rispondo senza troppo pensare, con i ricordi della sessione di scrittura ancora vivi. Testolina è un termine voluto, che dovrebbe introdurre un certo paternalismo nel ruolo dell'inquisitore, ma anche, insieme a tutto il resto, un distacco verso una classe di persone che non sono davvero tali. Eh, be', uno ci prova, poi non sempre passa.

La frase dal costrutto strano... mi capita spesso di ricevere questa osservazione, anche dagli editor. Io lo faccio spesso. Qui manca anche una virgola, non ricordo se ero a corto e ho fatto il furbetto o meno. Non so, a me piace: Controllate persino i pensieri, con le vostre macchine del cazzo. Se trovi robe così, sono io :-)

Il discorso del finale... non so, a me pare chiaro cosa succede. L'uomo viene "ucciso", o almeno viene uccisa la sua memoria, "resuscitato" e rispedito a svolgere il suo ruolo stabilito. Un posto dove neanche la morte ti rende libero come lo vuoi chiamare se non inferno?

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 961
Contatta:

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#8 » venerdì 24 agosto 2018, 18:49

Ciao!
Gli inferni ciclici sono andati di moda in questa edizione.
Io non l'ho interpretato come un cancellare la memoria durante la tortura, mi sembrava evidente dal racconto che la tortura fosse solo rituale o comunque approssimativa, e lo scopo fosse di resettare il prima possibile la memoria per rimandare al lavoro il soggetto.
Certo, se è una pratica abituale per ripulire e reimmettere in società le persone, mi aspetterei che il protagonista la elencasse nei peccati che imputa al regime insieme allo sfruttamente e al controllo. Che le persone spariscano senza spiegazione (perché vengono rilocate in luoghi lontani) o che tornino dopo un lavaggio del cervello, confuse (ma in quel caso mi aspetterei che sapesse cosa sta per arrivare).
I costrutti strani non mi dispiacciono.
"Persino i pensieri controllate con le vostre macchine del cazzo" lo vedo come un modo per mettere in evidenza il "Persino". Per sottolineare che controllano tutto e arrivano anche ai pensieri nella loro ossessione. Nell'altro verso, "Controllate persino i pensieri con le vostre macchine del cazzo" non sento quell'idea sottolineata, sembra quasi una frase di ammirazione, non di sdegno.

Avatar utente
Peter7413
Messaggi: 478

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#9 » domenica 26 agosto 2018, 11:24

Racconto che si fa leggere con piacere, ma che non riesco a valutare con il massimo della valutazione. Un po' perché la società che impone e controlla è un vero e proprio cliché (quindi manca di quell'originalità che farebbe esclamare WOW) e un po' perché alcune scelte nei termini non mi hanno convinto (dalla TESTOLINA alla scelta di chiamare il protagonista come INQUISITORE, che mi è parsa forzata nel contesto). Buono, sia chiaro, ma non eccellente.

Avatar utente
Gennibo
Messaggi: 272

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#10 » martedì 28 agosto 2018, 10:19

Ciao Mario, l’ho riletto qualche volta per capirne appieno la storia. Trovo che sia ben scritta e l’idea funziona alla grande. Bravo!
Mi chiedo, e se il tipo non fosse lì per la prima volta? Il cervello potrebbe non cancellarsi del tutto, potrebbe rimanere il seme della dissidenza che lo costringerebbe a vivere questa esperienza continuamente.

Avatar utente
roberto.masini
Messaggi: 320

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#11 » giovedì 30 agosto 2018, 15:36

Bel racconto di fantascienza: mi ha ricordato quelli di Dick. Qui però non si ricorda tutto come nel film Atto di forza, tratto da un suo racconto: qui non si ricorda più niente. E allora dove sta l'inferno? L'inferno, anche terreno, è sofferenza infinita. Per parafrasare Leopardi: "l'ignoranza del male produce addirittura felicità". Un ben strano inferno in cui la vittima non solo non ricorda ma non ricorderà mai nulla della sua sofferenza. Solo il lettore, forse! Secondo me il tema del contest non è stato perfettamente centrato.

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: Bentornato all'Inferno - Mario Pacchiarotti

Messaggio#12 » mercoledì 5 settembre 2018, 17:06

Ho apprezzato molto questo racconto dove l’inferno non è altro che una società spietata in cui chi si oppone alla linea di governo viene arrestato e la sua mente cancellata per ricominciare una nuova “sessione” di vita.
Una vita che si ripete, sempre uguale, in cui si lavora per ricevere il minimo per sopravvivere, in cui non si può decidere nulla, neanche con chi fare figli, e in cui vengono controllati persino i pensieri.
E anche se il poveraccio di turno non ha memoria della vita precedente, l’assenza di speranza e di affrancamento, rende bene il concetto di inferno.
Scritto bene, non ho appunti da fare.
Maria Rosaria

Torna a “119° All Time - Special Hot Sho(r)t Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite