Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Ultima Special Estiva di Minuti Contati. Appuntamento per lunedì 20 agosto dalle 22.00 alle 00.00 con la moderatrice Eleonora Rossetti che svelerà il tema. I racconti non dovranno superare i 1500 caratteri!
Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 970
Contatta:

Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#1 » lunedì 20 agosto 2018, 23:01

Benvenuto all’inferno!
Sulla scrivania trovi tutto quel che ti serve per la tua permanenza: un blocco di fogli e una matita. Non temere, i fogli sono infiniti e la matita non perde mai la punta!
Le giornate all’inferno sono rigorosamente divise in due parti.
Nelle prime dodici ore della giornata tutti i residenti restano nella propria stanza a scrivere sul foglio una proposta di attività individuale o di gruppo. Quando hai deciso, scrivi, piega il foglio e infilalo nella fessura che trovi sulla porta.
Ma parliamo di premi! Tutte le attività proposte vengono lette e valutate da uno speciale comitato e ogni giorno la proposta più crudele e innovativa viene implementata per tutti i residenti durante la seconda parte della giornata! Per tutti tranne che per il suo inventore che guadagna una sessione di riposo.
Questo meccanismo usa la creatività umana dei residenti per presentare torture sempre nuove ed entusiasmanti, grazie a un afflusso costante di idee, tecniche e perversioni dal mondo di sopra! Nessuna tortura monotona a cui è facile assuefarsi.
Sicuramente stai pensando che l’ovvia soluzione è che tutti scrivano attività blande e innocue. Ma in cuor tuo sai benissimo che non importa quanti siano d’accordo, quanti arrivino a questa consapevolezza: là fuori nelle altre stanze ci sarà sempre qualcuno che vuole il suo premio. Egoista, sfinito o semplicemente crudele. Accetta questa realtà.
Prenditi il tuo tempo, ambientati. Le prime proposte non sono mai all’altezza.
Imparerai presto.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4841

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#2 » lunedì 20 agosto 2018, 23:37

Ciao Andrea! E buona Edizione! Ovviamente tutto ok con i parametri!

Avatar utente
Massimo Tivoli
Messaggi: 314
Contatta:

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#3 » martedì 21 agosto 2018, 7:47

Questo micro mi è piaciuto parecchio. Nella sua brevità racchiude aspetti che credo siano essenziali per fare colpo con poche battute: l’idea e l’effetto.
L’idea di un inferno tenuto di fatto in piedi dalle perversioni, egoismi e difetti della vecchia natura umana che le anime dannate hanno lasciato mi ha stuzzicato non poco. Come a dire che, se fossimo tutti un po’ più altruisti e guardassimo al bene comune, l’inferno non esisterebbe. Ma ahimè non è così, è intrinseco nella nostra natura, meglio metterci una pietra sopra.
Per quanto riguarda l’effetto, secondo me, Andrea è stato astuto a dare al testo una parvenza epistolare, come se il lettore fosse la povera anima appena giunta, che si ritrova sulla sua scrivania questo “bel” bigliettino di benvenuto.
Che dire. Diabolico!

alexandra.fischer
Messaggi: 2004

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#4 » martedì 21 agosto 2018, 7:52

IL DILEMMA DEL DANNATO di Andrea Partiti un benvenuto all’inferno che sa molto di doposcuola estivo: la mia impressione è questa, leggendo del foglio e della matita sulla quale il dannato deve segnare nuovi tipi di tortura e farli pervenire a un comitato apposito (e a ogni tortura azzeccata si guadagna una sessione di riposo). Mi piace come racconto, è scritto bene e rende l’atmosfera claustrofobica di chi è costretto a cercare nuove idee in dodici ore (la preparazione del tormento è tormento essa stessa).

Avatar utente
diego.martelli
Messaggi: 133

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#5 » mercoledì 22 agosto 2018, 6:43

Semplice e divertente omaggio al celebre problema del dilemma del prigioniero, è impeccabile nel ritmo e nella stesura. Ho particolarmente apprezzato le scelte di registro, il tono da pamphlet pubblicitario di un centro vacanze orribilmente rovesciato, e le chicche di humor nero. Non ho significativi appunti da fare, se non che in un racconto normalmente apprezzo l'esistenza di un personaggio e di un intreccio esplicitati: dato il limite di caratteri di questa prova, tuttavia, trovo che la scelta di avere un protagonista implicito (colui che, magari per la prima volta, legge il testo) sia gradevole e adeguata.

viviana.tenga
Messaggi: 500

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#6 » mercoledì 22 agosto 2018, 18:56

Ciao Andrea,
Bella l'idea della rivisitazione 'infernale' del dilemma del prigioniero.
Personalmente, ho immaginato un altoparlante collocato nella camera con un annuncio che accoglie i nuovi arrivati.
Dovendo fare un appunto, forse è un po' forzato che la voce narrante spiega tutto invece che, per esempio, lasciare che le vittime scoprano da sole che accordarsi per scrivere punizioni blande non è possibile. Visto il poco spazio, però, lasciarlo implicito era rischioso e far emergere quest'aspetto in altri modi molto difficile.

Avatar utente
Peter7413
Messaggi: 478

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#7 » domenica 26 agosto 2018, 11:03

Stupendo. Ben scritto, arguto, non banale, bastardo all'infinito. In più, una riflessione sull'umana natura che non può lasciare indifferenti. In pratica, intrattiene e fornisce spunti di riflessione, cosa poter volere di più da millecinquecento caratteri? Promosso a pieni voti.

Avatar utente
Gennibo
Messaggi: 329

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#8 » martedì 28 agosto 2018, 10:05

Ciao Andrea, il racconto parte con una spiegazione breve, concisa ed efficace, noi lettori siamo subito in quella stanza. Insieme al protagonista cerchiamo una scappatoia, ma lì sotto conoscono molto bene le dinamiche umane e si viene subito scoraggiati dall’intraprendere giochetti al ribasso.
Perfetto anche il finale che non promette nulla di buono.
Bravissimo!

Avatar utente
roberto.masini
Messaggi: 334

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#9 » giovedì 30 agosto 2018, 15:10

Un bellissimo racconto che mi ha ricordato gli episodi di Ai confini della realtà. Un fenomenale lettera di presentazione di questo resort infernale dove le pene non sono inflitte seguendo regole non umane ma neppure utilizzando le leggi del contrappasso dantesco: qui è proprio l'uomo l'unico depositario di una mente diabolica nel senso letterale del termine. Come diceva Schopenhauer:"Il mondo è appunto l'inferno e gli uomini sono, da una parte, le anime tormentate e, dall'altra, i diavoli." Non ho trovato errori e, dato il tempo limitato, ciò mi è sembrato particolarmente lodevole.

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#10 » mercoledì 5 settembre 2018, 17:08

Eh sì, veramente benvenuti all’inferno. Con tanto di regole, premi e cotillons.
Qui il classico dilemma del prigioniero della teoria dei giochi è adattato a una situazione ripetuta più e più volte, lasciando al soggetto la scelta di decidere quale sarà l’attività più crudele che gli farà vincere il meritato premio: una mezza giornata di riposo.
Ci ho letto, tra le righe, una metafora del classico lavoro d’ufficio in cui i fannulloni vivono alle spalle di chi sgobba e fa lavori ripetitivi e stressanti. Ma questa è solo una mia deformazione…
Unico neo nel racconto è, a mio avviso, il riferimento temporale alle dodici ore: mi sono chiesta come possa la giuria scegliere la proposta vincente in poco tempo, tanto da proporla per le successive dodici ore. E, inoltre, in una realtà “infernale” in cui tutto è ripetitivo e infinito (come i fogli su cui scrivere e le mine delle matite) una giornata divisa in due parti di dodici ore l’una mi ha un po’ fatto storcere il naso. Mi sarei immaginata una giornata senza fine, ma forse neanche una giornata, solo del tempo che scorre all’infinito e all’interno del quale si svolgono le prove. Non so…
Ad ogni modo, idea molto interessante. Bravo.
Maria Rosaria

Avatar utente
jimjams
Messaggi: 576

Re: Il dilemma del dannato - Andrea Partiti

Messaggio#11 » venerdì 7 settembre 2018, 19:42

Ciao Andrea, commento scrivendo dal cellulare, quindi perdona eventuali refusi. Il tuo racconto ha in sè una buona idea, con il tema ben centrato.
L'aver limitato tutto al volantino lo capisco per la brevità necessaria in questa sessione. Mi chiedo però se non sarebbe stato possibile fare lo stesso con un breve dialogo, forse emotivamente più efficace.
Insomma bene, ma forse non benissimo.

Torna a “119° All Time - Special Hot Sho(r)t Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite