Questioni d'onore, di Valentino Poppi

Avatar utente
antico
Messaggi: 4375

Questioni d'onore, di Valentino Poppi

Messaggio#1 » mercoledì 12 dicembre 2018, 18:36

In questo tread si potrà commentare il racconto, finalista URANIA SHORT 2018, IQuestioni d'onore, di Valentino Poppi. Per leggerlo dovrete recuperarlo nella pubblicazione che lo contiene: URANIA 1660 - SIMBIONTI. Potete trovarla, oltre che nelle librerie e nei giornalai, anche in tutti i principali store digitali.

L'autore potrà, a sua discrezione, partecipare o meno al dibattito.



Avatar utente
megagenius
Messaggi: 353

Re: Questioni d'onore, di Valentino Poppi

Messaggio#2 » mercoledì 12 dicembre 2018, 23:24

Leggendo questo racconto mi sono venute in mente alcune storie di hard SF, tipo quelle di Greg Egan, Greg Bear e Gregory Benford, dove il nucleo centrale della storia è la speculazione scientifica portata alle estreme conseguenze. In generale, questo racconto mi ha entusiasmato per alcuni aspetti, deluso per altri. Parto dagli aspetti negativi: manca una cornice alla storia. C'è una sfida, una sorta di tenzone intergalattica che, però, viene fuori un po' dal nulla. Perché il duello? Ok, l'onore, ma se parliamo di potentissimi ed evolutissimi regni interdimensionali... si sfidano per l'onore?!?! E addirittura con strategie e metodologie fuori dall'ordinario come la variazione delle costanti fisiche e droni ipertecnologici! Ho trovato questa base concettuale un po' contorta. Però ho apprezzato tantissimo tutto il retroterra scientifico: la battaglia è molto interessante, sembra quasi di assistere a uno scontro navale d'altri tempi, ma in un contesto fantascientifico inedito e, a suo modo, affascinante.
Il coinvolgimento della terra è debole. Mi sarei aspettato, chessò, qualche bordata laser di satelliti in orbita, oppure tentativi di attaccare i droni precipitati, però così è tutto un po' campato in aria. Secondo me, un paio di pagine in più avrebbero giovato all'intera storia.
Intendiamoci: è un racconto scritto benissimo. Nulla da dire sullo stile e su come è condotta la narrazione, ma poteva essere sviluppato meglio.
Ultima modifica di megagenius il mercoledì 12 dicembre 2018, 23:39, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Re: Questioni d'onore, di Valentino Poppi

Messaggio#3 » martedì 18 dicembre 2018, 22:56

Sono d'accordo con Emiliano su punti di forza e debolezza del racconto.
Aggiungo che mi sarebbe piaciuto un minimo di caratterizzazione in più dei due rivali, per poter parteggiare per l'uno o per l'altro

friday
Messaggi: 5

Re: Questioni d'onore, di Valentino Poppi

Messaggio#4 » sabato 22 dicembre 2018, 16:10

Riporto quanto scritto sul mio blog (https://settequattro.wordpress.com/2018/12/22/tre-racconti-finalisti-al-premio-urania-short/).
Il sistema solare, suo malgrado, è teatro di una battaglia spaziale epica. Un duello in cui due forze incredibili si scontrano usando tecnologie inconcepibili, in grado di modificare le leggi della fisica, rispettando però le regole del gioco. Se la descrizione degli eventi è molto ben fatta, a volte un pelo troppo scientifica per i miei gusti, non si vede tanto il senso del tutto. Chi sono? Perché si scontrano? Mi sarebbe piaciuta qualche risposta.

Avatar utente
Marco Travaglini
Messaggi: 116

Re: Questioni d'onore, di Valentino Poppi

Messaggio#5 » mercoledì 2 gennaio 2019, 9:04

Il racconto da un punto di vista puramente fantascientifico è squisito: la possibilità di variare costanti fisiche, calate in un contesto tattico, è una bellissima trovata e mi ha affascinato e trascinato nella lettura. I punti deboli sono quelli già indicati dagli altri: scarsa caratterizzazione, zero empatia con uno dei due personaggi, assenza di contesto degli eventi. Ci fosse stata in gioco almeno la salvezza di qualche pianeta o sistema, la conquista di qualcosa, fosse anche la corona di qualche fantomatico .impero, mi sarei sentito un pochino più coinvolto. Per quanto riguarda il coinvolgimento della Terra invece per me va bene così, ci ho visto una sorta di evidenziazione dell'impossibilità dell'uomo di poter fare alcunché su argomenti troppo più grandi di lui. Certo, si poteva scegliere un posto più originale in cui far precipitare i due droni...
In generale un bellissimo racconto.

Torna a “I racconti finalisti dell'Urania Short 2018: PARLIAMONE”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite