REVE®TERO di Fabio Aloisio

Appuntamento nell'Arena fissato per lunedì 21 gennaio dalle 21.00 all'una con il tema di Elisa Emiliani!
Fabio84
Messaggi: 134

REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#1 » martedì 22 gennaio 2019, 0:35

REVE®TERO di Fabio Aloisio

Il Piccolo – 24 Aprile 2019. Prima pagina.
Il giallo della fatina dei denti di Silvio Liuti.
“Al centro di raccolta della Hera fa grande stupore il ritrovamento di migliaia di dentiere.
– Non penso si tratti di una partita di protesi gettata via: sono state rinvenute nei cassonetti dell’indifferenziato di ogni quartiere – testimonia… “

La vecia sale sulla 20 con un balzo. Le borse della spesa, che sembrano contenere una piantagione di angurie, non l’hanno affatto ostacolata. Squadra tutta la vettura, deserta come Corso Italia in una domenica d’agosto, e infine me, sbracato sui sedili in fondo. Leggo negli occhi ciò che brama: il mio posto.
Poi l’incredibile: timbra il biglietto e si siede all’altro capo del bus.
Passiamo davanti al cimitero, non lo degna nemmeno di uno sguardo.
Quando scendo mi sfodera un sorriso perfetto.

Il Piccolo – 26 Luglio 2019. Pagina della rubrica cittadina
Bel concerto di Luigina Kermec – 83 anni
“ …sono contenta che l’esibizione si sia protratta oltre i limiti orari fissati dal comune: certi spettacoli non devono essere condizionati dalle ordinanze del sindaco. Spiace non aver partecipato ma, anche se il mio appartamento è distante da piazza Unità, mi è sembrato di essere in mezzo alla folla.”


– Ai nostri tempi andare in discoteca era tranquillo. – Mostro a Filippo l’update Facebook: “Frontale tra auto. Serata in balera finisce in dramma. Nove ultraottantenni morti sul colpo.”
– Hai ragione, Giovanni.
– Una volta c’era Gigi Dag e Gabry Ponte. L’amour tojours! – rincaro la dose. – Non come quei divi che hanno rispolverato oggigiorno. Quei testi poi! Come si chiama quello? Quello che incita a correre con l’auto… cento all’ora qualcosa…
– Gianni Morandi.
– Ecco, lui. Poi i veci si fanno condizionare e guarda che capita!

Il Piccolo – 29 Agosto 2020. Prima pagina.
Il declino di Trieste: città sempre più giovane di Silvio Liuti
“ …la crisi economica non ha fatto altro che peggiorare questa situazione e i triestini, quelli giovani e “serviti”, di questi tempi si tengono ancor più stretti i loro risparmi e consumano meno..”

Troppo caldo sospiro.
Il barista mi porta il caffè corretto con Amaro del Capo.
– Giovanni – trilla una voce preoccupata alle mie spalle. – Ti avevo detto di aspettarmi a casa. Perché sei uscito?
Mi giro: un casco di capelli bianchi, con qualche venatura di grigio, incornicia un volto familiare.
– Nonna Pina. No, nonna Serena – mi correggo. Ormai nomi e ricordi si sovrappongono l’uno sull’altro, come gli scarti di una partita di ramino. – Mi sono dimenticato.
– Ti senti bene? – si preoccupa. Riprende ad annoiarmi coi soliti discorsi: – Hai bevuto abbastanza acqua? Il TG–COM raccomanda almeno due litri al giorno con queste giornate di afa.
Le narici le fremono, il viso le si accartoccia in un labirinto di rughe. Mi strappa la tazzina di mano: – Smettila di bere questa porcheria. Non ti fanno bene con le medicine per il cuore. Le hai prese a proposito?
Replico con una scrollata di spalle: non ricordo.
Lei sospira e mi bacia la fronte.
– Giovanni, io e il nonno facciamo fatica a starti dietro. Ti piacerebbe andare a vivere con altri della tua età? C’è un ospizio per giovani proprio qui vicino…



Avatar utente
antico
Messaggi: 4082

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#2 » martedì 22 gennaio 2019, 0:39

Fabio, buonasera! Tutto a posto con i parametri anche per te, divertiti in questa EMILIANI EDITION!

alexandra.fischer
Messaggi: 1740

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#3 » martedì 22 gennaio 2019, 18:57

RE®VETERO di Fabio Aloisio Trovo che il qualcosa di terribile che succede in città del tuo racconto sia l’inversione di ruoli: i giovani ridotti a elementi fragili del sistema da parte degli anziani, divenuti una forza della natura (vanno a schiantarsi prendendo alla lettera la canzone di Morandi, buttano le dentiere, si mostrano atletici, come la signora delle angurie sul bus e in vena di rimproveri affettuosi ma fermi, vedi la nonna e il caffè corretto con l’amaro e la figura dell’ingestibile meritevole di struttura la fa… il nipote). Da brivido!

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 399

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#4 » mercoledì 23 gennaio 2019, 14:31

Ciao, Fabio,
il tema dell'inversione giovani vecchi è abbastanza sentito, in questa edizione...
Scherzi a parte, quello che hai immaginato è una versione sociale di In senso Inverso di Philip Dick, dove i vecchietti sono quelli arzilli e i giovanotti sono da tenere sotto controllo, ma alla fine, non è sempre stato così?
Quello che manca al tuo racconto, che è una bellissima raccolta di polaroid e articoli di giornali, è una vera svolta, quel minimo di contrasto e di conflitto che lo fa diventare la storia di qualcuno.
Tecnicamente è ineccepibile, con delle metafore veramente azzeccate (quella degli scarti di ramino è pura poesia, calata nel contesto).
Ti faccio i complimenti per l'idea di fondo e ti consiglio di continuare ad esplorare questo universo sottosopra, sicuramente c'è qualcuno che ha qualcosa da raccontarti!

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 942
Contatta:

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#5 » mercoledì 23 gennaio 2019, 21:46

Bella l'idea e si legge bene.
Faccio fatica però a capire il collegamento tra le dentiere ritrovate e il resto. Istintivamente mi viene da pensarlo come un universo alternativo, in cui tutti nascono, vivono e muoiono alla Benjamin Button, al contrario, e le dentiere scaricate... non si incastrano.
Quindi devo supporre che siano l'elemento scatenante di questo cambiamento. Che i vecchini da vecchini siano diventati nuovi giovani in una singola notte, abbiano buttato le loro dentiere (perché non tenerle come soprammobile?) e gli sono cresciuti dei denti perfetti come alla signora sul bus.
Di questa inversione però non c'è memoria nel tuo mondo. I giovani-nuovi vecchi non soffrono per quello che hanno perduto e i vecchi-nuovi giovani non sembrano godere particolarmente della situazione, anzi, sembrano passare subito a un ruolo di responsabilità andando a recuperare il giovane-nuovo vecchio al bar.
Mi manca l'elenco scatenante che dia un senso all'inversione, oppure va bene senza, ma lasciando perdere il ritrovamento di dentiere (e perdendo la "cosa brutta" successa in città che ti serve per il tema).

Fabio84
Messaggi: 134

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#6 » mercoledì 23 gennaio 2019, 22:19

Ciao grazie per i commenti.
Per quanto riguarda le cose che mi avete segnalato:
- Si segue il punto di vista di un "gggiovane" che nel giro di un anno si trova, come tanti altri, ad avere problemi dovuti a un'età avanzata prematuramente, come se la sua vitalità fosse stata strappata via e ceduta ad altri. L'evento scatenante non è definito: da un giorno all'altro i vecchi "ringiovaniscono" e acquistano vigore (pur mantenendo le loro fattezze) e i giovani cominciano a dare segni di acciacco fisico - Polaroid finale - e ad assumere atteggiamenti più rigidi - Polaroid intermedio (In realtà non è nulla di straordinario, basta superare i trenta =p) .
La questione delle dentiere era un modo per risalire a quando poteva avere avuto l'inizio questo fenomeno.
- Sì, non riconosco elementi di conflitto. Quello che suggerisci avrebbe migliorato il racconto e dato un'impronta più interessante.

Gualtiero Bianchi
Messaggi: 65

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#7 » domenica 27 gennaio 2019, 19:03

Ciao Fabio,
bella scelta stilistica, il racconto si legge con particolare piacere perchè mostra a piccoli pezzi, aneddoticamente, una traumatica trasformazione nella società in cui i vecchi ringiovaniscono mentalmente, liberandosi in massa della "prigione" delle dentiere, mentre i giovani decadono psichicamente in uno stato senile. Mancano forse un movente e un filo ulteriore di coerenza interna: se nella seconda e terza scena i giovani-vecchi parlano davvero come anziani, nella scena della vecchietta sul bus il giovane-vecchio parla ancora come un giovane ("con un balzo", "piantagione di angurie", "sbracato", il sarcasmo sul fatto che si sieda davanti sul bus...). Spero di essermi spiegato, questo mi ha disturbato un po', ma ciò non toglie che sia comunque un ottimo racconto!

Fabio84
Messaggi: 134

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#8 » domenica 27 gennaio 2019, 20:35

Ciao Gualtiero,
grazie del commento.
La storia delle dentiere è il primo evento per cui c'è queste inversione di ruoli.
Possiamo dire che per i giovani inizia il declino della loro vitalità mentre gli anziani cominciano ad acquistarla. Quindi fino a quel momento nella testa del protagonista tutto andava secondo "il naturale ordine delle cose".
Mi sarebbe piaciuto renderlo più chiaro, magari con un ulteriore trafiletto di giornale, ma forse avrebbe spezzettato ancora di più la narrazione.
Ciao

Fabio

Gabriele Cavallini
Messaggi: 65

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#9 » martedì 29 gennaio 2019, 17:58

Scritto veramente bene, mi è piaciuto molto l'uso di porzioni del giornale Il Piccolo accordate con la storia principale, nonostante il poco spazio a disposizione, una scelta coraggiosa. Unico appunto è che non so se gli anziani che tornano ad essere giovani possa essere considerato un avvenimento "spaventoso", piuttosto grottesco ecco.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4082

Re: REVE®TERO di Fabio Aloisio

Messaggio#10 » mercoledì 6 febbraio 2019, 18:33

Penso anch'io che il racconto faccia fatica a svoltare. Bella l'idea e anche il tuo voler procedere così a spezzoni, però il tuo protagonista rimane distante, poco definito al punto da farmi domandare se fosse sempre lo stesso o cambiasse di caso in caso, e questo è di sicuro un problemuccio. Detto questo, per me un pollice tendente all'alto per il pacchetto nel suo complesso, anche se magari non in modo così brillante.

Torna a “124° Edizione - Emiliani Edition - Nona della Sesta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite