SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Appuntamento nell'Arena fissato per lunedì 21 gennaio dalle 21.00 all'una con il tema di Elisa Emiliani!
Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 407

SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#1 » martedì 22 gennaio 2019, 0:58

SANCTA AUREA PLUVIAM, MONDATRIX PECCATORUM
Di eugene fitzherbert


Ripieni di droga, io, JJ e Spike decidemmo di martellare la placca commemorativa che sigillava il Vespasiano di Piazza Mancini e i demoni invasero San Vito. Pezzi di arti mozzati, denti e ossa si accumularono lungo i marciapiedi trasportati da rigagnoli di sangue.
Avevamo intuito che il nostro solo indizio, la frase

SANCTA AUREA PLUVIA, MONDATRIX PECCATORUM

incisa sulla placca, si riferiva alla pioggia dorata, santa
«Svengo!» Don Marco, imbottito di pillole per urinare, si accasciò mentre continuava a farla di Santa Ragione.
«Sti cazzi,» intervenne JJ. «Tanto ormai ha pisciato sulla porta del diavolo.»
Ci serviva una pisciata santa, e chi meglio del prete del paese?
Spike guardò nel buco e un uncino di due metri emerse dalla cavità per trapassargli l’occhio destro. Dal Vespasiano emerse un mostro chitinoso.
«JJ, via!»
Lasciammo il prete, in mezzo alla sua pipì non così santa.
«Euge, Don era la nostra ultima speranza.»
«Non è detto.» Mi balenò un’idea. «Quale pipì viene chiamata acqua santa?»
Lui mi guardò un po’ stranito.
«JJ, quella dei bambini
Maledetta Ecstasy.
Mi calai anche io una pastiglia: non c’è niente di meglio di un paradiso artificiale per combattere l’inferno. «Ci serve un bambino. Qualche idea?»
«Beh, ci sarebbe Veronica, della 4° C.»
«Quella smandrappona?»
«Ha appena avuto un figlio, da Michele della Esso.»
«Scopano tutti!»
«E allora?»
«Ce lo andiamo a prendere.»

Veronica giaceva per metà in una pozzanghera del suo stesso sangue in cucina, e per metà sparsa sui muri. Il bambino, Elio o Ennio, strepitava in una culla. JJ lo afferrò e scappammo fuori.
Ora dovevamo sperare che la pipì del bambino chiudesse il Vespasiano.
Il cadavere di Spike era ancora al suolo, orbo; del prete c’era una scia di sangue e urina che scivolava all’Inferno: la sua estrema minzione.
Di fronte al buco, dissi: «Fallo pisciare.»
«E come? Mica è BabyMia, un tastino e spruzza piscetta profumata.»
«Dai qua.»
Afferrai Ennio o Elio e cominciai a spogliarlo.
«Euge, sbrigati. Ho il cervello liquefatto.»
«JJ, non andare in paranoia. Spike dovrebbe avere un po’ di Keta in tasca.» Avevo quasi tolto il panno al bambino irrequieto: mi veniva voglia di gettarlo nel buco.
JJ stava ravanando nelle tasche di Spike.
Il bambino nudo piangeva da far sanguinare le orecchie, ma non potevo lasciarmi sopraffare dall’urgenza di schiantarlo a terra. Puntai il pisellino verso il buco infernale: «Avanti, pezzo di merda. Piscia!»
In quella, Spike urlò: «Levami le mani di dosso!»
Tipico di Spike, dare di matto. Subito dopo realizzai che Spike era morto, cazzo!
La testa di JJ, volò dritta dentro il buco. Mi voltai, il bambino come scudo.
Spike si lanciò verso di me. Non seppi mai quanto erano affilati i suoi artigli, perché dilaniarono Ennio o Elio, squarciandogli la pancia.
Disperato, notai che, tra i rivoli di sangue, scorreva la pipì più santa che ci fosse. Ribaltai il bambino proprio sul buco infernale, le gocce di urina fumante che vi cadevano. La scritta incisa si illuminò in assenso.
«Ecco la tua Sancta Aurea Pluviam, bastardo!» urlai e lasciai cadere Ennio o Elio nel buco, un gavettone di carne, sangue e piscio.
Il buco si richiuse con un boato che mi lasciò privo di sensi. Quando mi ripresi, tra le macerie del mio paese di merda, c’erano solo umani barcollanti.
A guardarli mi chiedo se ne sia valsa veramente la pena…



Avatar utente
antico
Messaggi: 4280

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#2 » martedì 22 gennaio 2019, 1:02

Ciao Eugene! Tutto ok anche per te, buona EMILIANI EDITION!

Avatar utente
Wladimiro Borchi
Messaggi: 257

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#3 » mercoledì 23 gennaio 2019, 18:42

Ottimo!
E' evidentemente la "delirio edition"!
Sono morto e risorto un pio di volte durante la lettura.
Il racconto è PULP, osceno, folle, inaudito, volgare e bellissimo!
Quello che più mi è piaciuto è lo stile veloce, snello e frizzante.
Le battute all'interno, nonostante il ritmo concitato, spezzano in modo gradevole e sanno divertire.
Proprio in virtù del ritmo serrato e delle descrizioni che prediligono lo splatter al pathos, si riesce a non entrare in empatia con la piccola vittima (che deve pisciare nel buco), per cui anche quando il poveretto diventa un "gavettone di carne, sangue e piscio", a noi lettori non importa un beneamato cazzo, perché volgiamo solo sapere se funzionerà.
In poche battute sei riuscito a farmi entrare in una situazione estrema e farmela vivere con la distanza dei protagonisti strafatti.
Penso che sia la cosa Tua più riuscita che ho letto.
"In quella, Spike urlò" penso sia un refuso.
Per il resto complimenti!
Davvero!
Wladimiro
IMBUTO!!!

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 407

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#4 » giovedì 24 gennaio 2019, 9:41

Wladimiro Borchi ha scritto:"In quella, Spike urlò" penso sia un refuso.

Wladimiro


Wlad, nonostante tu mi abbia malamente sconfitto alla scorsa edizioni della sfida e quindi dovrei in un certo senso provare un vago sentimento di odio nei tuoi confronti :D, sappi che i tuoi complimenti sono stati stra-graditi e ti confesso che ho riletto il commento un paio di volte per essere sicuro di quello che c'era scritto!

Per quel che riguarda IN QUELLA: è una costruzione arcaica (ma veramente arcaica) per dire IN QUEL MENTRE, IN QUEL MOMENTO. Cosa non si fa per guadagnare quei tre o quattro caratteri!
Se invece ti riferisci a SPIKE, beh, no, è voluto. Il protagonista Euge sta cercando far urinare il bambino e alle sue spalle sente Spike che urla, incazzato. Non ci fa tanto caso, e POI realizza che SPIKE è morto e allora si caca sotto...
spero di aver chiarito la parte.

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 407

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#5 » giovedì 24 gennaio 2019, 16:58

Ciao Atlas,
del tuo commento, la cosa più bella è quando scrivi che il racconto lo rileggeresti! Beh, avere l'onore della rilettura è una cosa che mi capita per la prima volta e non posso far altro che ringraziarti.
Venendo a noi: sono perfettamente consapevole che spesso la storia vada troppo velocemente, e non è perché mi sono perso dei pezzi per strada. Anzi. Quei pezzi li HO DOVUTI TOGLIERE per mantenere il limite dei caratteri. La versione 'lunga' scritta di getto in quaranta minuti è un po' più approfondita e cerca di dare quanto più background possibile. Poi ho fatto opera di scarnificazione e montaggio per rendere quanto meno comprensibile il senso della storia.

Avatar utente
raffaele.palumbo
Messaggi: 53

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#6 » giovedì 24 gennaio 2019, 19:38

Eugene, non mi piace forzare in questo modo i generi, frullare Tarantino con il latinorum, i tossici di provincia con i demoni. Si capisce poco della meccanica degli avvenimenti, e forse ci sarebbero voluti molti più caratteri per dare peso a una storia che è comunque salvabile e soprattutto sviluppabile. Alcune cose carine come “Ennio o Elio”.

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 407

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#7 » giovedì 24 gennaio 2019, 20:08

Ciao, Raffaele,
la storia ERA più lunga nella prima stesura. L'ho dovuta scarnificare per arrivare a questi risultati che stavano dentro il numero pattuito di caratteri. Quello che ho lasciato è proprio la 'meccanica degli avvenimenti', e basta: viene scoperchiata la porta dell'inferno che può essere richiusa solo con dell'urina santa, almeno secondo l'interpretazioni dei tre tossici. Sarà vero? Chi lo sa, almeno proviamoci. Il resto è solo divertissement.
Che poi non sia immediato e palese, è vero, è una narrazione in prima persona inficiata dagli stati alterati della voce narrante.
Sul frullare i generi, sono in disaccordo: visto che li hai citati, ci sarebbe un Dal Tramonto All'Alba che ha fatto più o meno la stessa cosa, mischiando dentro ultraviolenza, acqua santa, vampiri e demoni ancestrali.

Avatar utente
megagenius
Messaggi: 349

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#8 » venerdì 25 gennaio 2019, 13:18

Ciao Eugene!!!
Me la sono goduta alla grande!!! Una storia da fuori di testa (come piacciono a me) in cui hai amalgamato di tutto, da Tarantino a Lansdale, passando per Laymon et similia. Battute fulminanti, sequenze pulp da "sangue e merda", piscio e interiora a fiumi e addirittura un infanticidio splatter livello "A serbian film"...
A me non ha dato fastidio il registro che hai voluto dare al tema, anzi! Sei riuscito a catapultare subito il lettore in una vicenda dinamica, folle, lisergica, accelerata.
Ho amato alcune invenzioni stilistiche e narrative: "Elio o Ennio", "Cervello liquefatto", "gavettone di carne", e poi il finale, davvero paradossale!
Se proprio devo rimproverarti qualcosa è l'eccessiva velocità della trama che ha reso alcuni passaggi confusi e fastidiosi, sicuramente da revisionare.
Per il resto, ottimo racconto, da considerare per il podio.

In bocca al lupo!
Emiliano.

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 407

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#9 » venerdì 25 gennaio 2019, 23:15

CIao, Emiliano,
Grazie per i complimenti fatti al racconto, sono contento che ti sia piaciuto. D'altronde accetto di buon grado gli appunti che mi hai fatto, che poi sono la parte più importante di tutto.
Ti confesso che per la prima stesura, scritta di getto alla velocità della luce, avevo impiegato oltre 9000 caratteri e dentro ci avevo messo altri pezzi della storia (il vespasiano sigillato e frantumato, il prete, più altri particolari di altra natura). Va da sè che il limite di caratteri ha rovinato molte velleità narrative. Ma pazienza.
Ovvio che sulla versione lunga ci ho già lavorato e ne ho scritta una nuova stesura, mantenendo il tono assurdo e allucinato.

Avatar utente
lordmax
Messaggi: 308

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#10 » sabato 26 gennaio 2019, 1:40

Molto PULP come storia. Ottima l'idea della pioggia santa, veramente ottima.
Il racconto è molto veloce, tiene il ritmo e rende bene. Alcuni passaggi però sono eccessivamente veloci, si perdono dei pezzi. Ho dovuto fermarmi per capire quando è comparso il prete... che sembra nella stessa scena di quando staccano la targa mentre avviene molto dopo, quando è ricomparso Spyke che di primo acchito sembra un refuso.
Nel complesso un bel pezzo delirante e grottesco che mescola un sacco di generi. Mi piacerebbe leggere la versione 'integrale'

Avatar utente
Il Calmo
Messaggi: 171

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#11 » lunedì 28 gennaio 2019, 0:29

Concordo con molti commenti precedenti.
All’inizio non ero entrato nel mood della situazione, anzi ero un po’ infastidito dai rimandi a trainspotting, poi ho cambiato idea e mi sono stra - goduto il racconto pulp e surreale.
Tema centrato, stile fluido e semplice, insomma un lavoro pienamente riuscito. Molto bene.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4280

Re: SANCTA AUREA PLUVIA, MUNDATRIX PECCATORUM

Messaggio#12 » mercoledì 6 febbraio 2019, 18:00

Ho faticato parecchio in tutta la parte iniziale, non riuscivo a entrare il sintonia e sono stato costretto a rileggere l'intro più volte. Poi il racconto salpa verso le sue corde di follia e nell'istante stesso che ti avvinghia non ti molla più fino al finale. Certo è che la meccanica alla sua base rimane esterna e si rischia di rimanere a leggere una sequenza action estremamente trash. Pollice tendente all'alto, per me, ma non in modo così brillante.

Torna a “124° Edizione - Emiliani Edition - Nona della Sesta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite