Il crollo

Per partecipare alla Sfida basta aver voglia di mettersi in gioco.
Le fasi di gioco sono quattro:
1) Il primo marzo sveleremo il tema deciso da Luca Mazza e Jack Sensolini. I partecipanti dovranno scrivere un racconto e postarlo sul forum.
2) Gli autori si leggeranno e classificheranno i racconti che gli saranno assegnati.
3) Gli SPONSOR leggeranno e commenteranno i racconti semifinalisti (i migliori X di ogni girone) e sceglieranno i finalisti.
4) I BOSS assegneranno la vittoria.
cristiano.saccoccia
Messaggi: 26

Il crollo

Messaggio#1 » domenica 12 maggio 2019, 11:55

Il Crollo.

Saccoccia Cristiano

Ambientazione marchigiana con dialetto (BONUS)



Maledetti bastardi.
Avanzano, zoppicano come vecchi malfermi trascinando i loro arti putrescenti. Si sbracano in bestemmie elaborate, c'è anche il vescovo che reppa una cacofonia di “mannaggiacristo” con le sue fauci deformi, mia nonna snocciola una sequenza indescrivibile di insulti, tra cui spicca un “te pijasse un corbu” vomitato dalla sua trachea aliena, grazie nonna, anche a te. Il pompa scatarra una coppia di bossoli, disegna un cono arancio in cui i lapilli mortali esplodono in una supernova assassina. Crepa il mutante che fin da quando ero piccolo mi offriva il pane bagnato nell'acqua zuccherata “tieni coccu, cuscì cresci bene”. Ora è una sagoma crivellata dall'ultimo fermano, l'ultimo degli umani.
Corro, fendo i trapezi di luce bianca partorita dai lampioni, mi perdo nella notte merlettata da stelle ignoranti, spettatrici della mia crociata subumana. Ammiro il bianco monolite della cattedrale di Santa Maria Assunta, da anni abbandonata. Dopo il Rovescio nessuno andava a casa di Dio.

«Che fai? Scappi?!» sibila la mutante col bikini Tezenis. Si staglia imperiosamente davanti ai battenti del portone di bronzo, la cattedrale ora è così dannatamente lontana. Allarga le braccia, viscide membrane pipistrelloformi si palesano sotto le sue ascelle rivoltanti; assurda parodia di un'arpia omerica, vampirella da discount. Snuda i canini, con un balzo si fionda su di me. Mi morde, l'acido della sua saliva mi infetta l'organismo; mi sento euforico. La mordo anche io.
«Senti Twilight, vedemo chi è più de coccio» ci sbraniamo la carne reciprocamente, assaporo il sangue viola che umetta le mie labbra. Le recido la carotide, finalmente, si dimena come un'ossessa in preda all'ultimo orgasmo fatale. Il vento alza un carnevale di buste di plastica marchiate Coop.
Mi trincero nell'architettura romanica dell'Assunta, il mio forte, la mia Alamo o Masada. La mia Tomba. Il marmo è battezzato dal sangue di alcuni corpi, tutte suore o preti, si sono suicidati per evitare il contagio. Li copro con la bandiera gialloblu della Fermana Calcio che usavo come coperta, un ultimo atto di umanità. Ci sono volantini elettorali CASAPOVND riversati nelle fontane d'acquasanta, trovo anche rivoltelle e manganelli, non mi serviranno a niente. Il profilo del DVCE è impresso un po' ovunque, lui che più di settant'anni fa aveva bonificato le paludi di San Marco con le sue squadriglie di genieri, e avevano avvelenato il suolo con la peggior merda. Dopo il Rovescio da Bologna a Ascoli, da Riccione a Macerata, il sottosuolo defecò progenie esecrabili di scorie malsane e malattie virulente. Gli umani regredirono o migliorarono in una nuova razza pustulosa, individui bubbonici e mostruosi. Malformati da tratti animaleschi e demoniaci, altri sembrano semplicemente ghoul o zombie, whitewalkers de casa nostra.
Ho paura. Sigillo il portone con le panche di legno massiccio, le vetrate di piombo lasciano trasparire rivoli di luce lunare, so perfettamente che prima o poi sfonderanno le lamine policromate pseudogotiche. Intanto la ferita al collo ribolle di oscura alchimia mutante, sento qualcosa di altamente potente scorrere in me. Scaccio dalla mente l'immagine di Yoda che sussurra cazzate sui Jedi, o Junior che urla “HAI UN'AUREA PONTENTISSIMA”.
I lamenti dei mutanti si fanno sempre più forti, sento i “facci entrare!” “diventa uno di noi!”
“non ti mangeremo tutto, umano!” “Oh si, prenderemo la tua carne a piccoli morsi, non devi avere paura!”
So benissimo che riusciranno a entrare, che scioglieranno il bronzo con il loro sputo corrosivo, che divelleranno le porte con i loro energumeni palestrati e verranno a stuprare l'ultima oncia di umanità che mi rimane. Venite, chi non ha niente da perdere è il primo a dare tutto per vincere. Tiro fuori il cellulare, mi metto in loop le scene di Theoden al fosso di Helm e ai campi Pelennor. Le cuffiette conficcate come un'excalibur nei miei padiglioni auricolari.
Lo sento, percepisco la mutazione che imperversa nel mio corpo, l'inferno malato e depravato che si impossessa della mia carne bianca. Ascolto il canto di un fuoco primordiale ed eterno, fiammelle verdi danzano sui miei palmi sudati. No, non riesco a fare incantesimi piromantici, nessun getto di fuoco fatuo o colonne di fiamme di giada. Ma so che qualunque cosa riuscirò a fare sarà l'ultima. Ecco i battenti istoriati con le figure dei santi che vacillano, le finestre che scoppiano mentre gli infetti saltano dentro come satiri voluttuosi.
Circondato, da tutto lo schifo possibile.
La mia pelle sfrigola come arrosticini abruzzesi, brucio come il nucleo di un sole nascente. Verde e accecante come l'inizio degli universi, abbacino gli scroti mutageni che avanzano contro di me. Le porte si aprono riversando mostri su mostri.
Ma tacciono, immobili.
Ci sono due silenzi.
Il primo è quello che potrebbe captare anche uno stolto, l'incredulità generale di un'orda pestilenziale che contempla un uomo che non è più uomo, ma qualcosa simile a loro. Qualcosa più di loro. Il secondo silenzio è tutto mio. Il silenzio ampio e infinito di un albero che cresce nei secoli, il silenzio sinuoso della lava che si raffredda dopo il cataclisma, l'inquietante silenzio di un dio che divorzia con l'umanità dall'alto della sua indifferenza. Il silenzio di un uomo che vuole morire, e ha in mano due incensieri. I turiboli d'argento divampano, sono verdi come smeraldi e luminosi come il sorriso di una donna che mi è stato tolto anni fa.
Eccolo il fuoco, il napalm si riversa nel sacro labirinto d'incenso, si illumina con tutto il verde della speranza. E spero che le leggi della termodinamica siano totalmente sbagliate, perché voglio che tutto si distrugga. Gli incensieri avvampano, sembrano grandi granate verdi, i mutanti sono ancora silenziosi e immobili, come eroi pietrificati da Medusa.
Poi li scaglio nella zolfa dei miei ospiti corrotti, bombe sovrumane e mutanti, turiboli santificati e insudiciati dal mio potere abominevole brillano come un'alba radioattiva. Non c'è il bene o il male, ma non c'è scritto da nessuna parte che un mostro non possa odiare gli altri mostri. Non siamo una razza, siamo ciò che vogliamo essere. Sento la terra che si spezza, le montagne sbriciolarsi dentro al mio cuore, il mare ribollire di spuma inquinante, sento lo “sbagliato” che nasce ovunque.
Circondato dalla mia stessa luce, l'ultima che vedrò, so soltanto una cosa.
Non sono un eroe o un martire.
Sono il Crollo.



Avatar utente
maurizio.ferrero
Messaggi: 317

Re: Il crollo

Messaggio#2 » martedì 21 maggio 2019, 18:31

Ciao Cristiano, e benvenuto alla Sfida!
Tra questa e l'edizione di MinutiContati di questo mese ne ho fin troppo da commentare, quindi tanto vale che dia inizio alla danze!

Il tuo racconto trasuda epicità da tutti i pori. L'atmosfera NAPALM è chiaramente riconoscibile, forse con rimandi fin troppo diretti a chi il libro l'ha letto (le buste Coop... o Koop?), ma visto che questo è il tema, direi che ci può stare di brutto.
L'ultimo atto di resistenza del protagonista contro l'orda mutante, inarrestabile e gigantesca, ricorda l'ultimo atto di Leonida alle Termopili. La lentezza della narrazione è ben piazzata nel contesto degli ultimi, interminabili minuti prima che l'inevitabile accada. L'atmosfera da provincia italiana è pervasiva, con tutti i piccoli elementi che la contraddistinguono.
Forse la cosa che meno mi convince è la quasi totale mancanza di dialoghi e di scene d'azione veloci, che spezzino un po' il ritmo della prosa lenta, quasi "al bullet-time", che per quanto sia adatta al contesto risulta un po' troppo pesante per reggere completamente il racconto.

Ti consiglio di tagliare un po' di aggettivi e avverbi. In alcuni punti rendono bene l'atmosfera, in altri rendono la narrazione inutilmente pesante. Ad esempio:

cristiano.saccoccia ha scritto:Corro, fendo i trapezi di luce bianca partorita dai lampioni, mi perdo nella notte merlettata da stelle ignoranti, spettatrici della mia crociata subumana.


Frase lunga e un po' ridondante, che spezza il ritmo. Bianca, merlettata, ignoranti, subumana. Troppi aggettivi, tagliane almeno uno. Ne ho presa una a caso, ce ne sono diverse.

Sui bonus: entrambi presenti.

A presto!

Avatar utente
Pretorian
Messaggi: 310

Re: Il crollo

Messaggio#3 » mercoledì 22 maggio 2019, 20:05

Ciao, Cristiano e piacere di leggerti.
Dunque, il racconto è bello potente. Trasuda epicità da ogni frase e anche l'idea di attribuire la motivazione delle mutazioni all'operato del rovesciato di Predappio non è male. Più che altro, penso che tu debba rivedere lo stile e l'approccio che in molti punti era fin troppo oltre il limite del trash-pop estremo. Sullo stile, la tua prosa è fin troppo pesante, con aggettivi e avverbi che finiscono per rallentare la narrazione e renderla ostica, invece che arricchire il testo.
Sul trash-pop (termine mio), ti assicuro che io sono un amante delle citazioni (diamine, ho visto "Ready Player One" ridendo come un bambino per questo) ma nel tuo racconto ce ne sono fin troppe! Dragon Ball, Lord of The Ring, Star Wars, 300... a un certo punto, anche quì, la cosa smette di divertire e diventa fastidiosa.

A presto!

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 400

Re: Il crollo

Messaggio#4 » domenica 26 maggio 2019, 12:27

Ciao, Cristiano,
prima volta che leggo qualcosa di tuo e quindi ti do il mio benvenuto qui su Minuti Contati.

Il tuo racconto è molto interessante e divertente nella misura in cui si è lasciato leggere fino alla fine. L'idea nazista è sempre vincente (d'altronde è in arrivo sui nostri schermi un film con gli squali volanti nazi-zombie!) e ancor di più è stata un'ottima scelta usare i fascisti nostrani, anziché gli abusati tedeschi.
Leggere la storia del Crollo mi ha ricordato un po' il finale di Io sono leggenda (il romanzo!), con la morte del protagonista (spoiler alert un corno, se qualcuno qua non ha letto Io sono leggenda merita di essere espulso!) e la sua trasfigurazione.
Le descrizioni splatterose e trash sono divertenti, anche se spesso prendono un po' troppo il sopravvento sull'azione che invece è un po' fumosa.
Forse dovresti movimentare di più il racconto, per renderlo più dinamico, più veloce.
Attento ad alcune piccolezze tecniche, come cambi di soggetto all'interno della stessa frase.

Per il resto, il racconto il mi è piaciuto, e il finale è interessante.

cristiano.saccoccia
Messaggi: 26

Re: Il crollo

Messaggio#5 » lunedì 27 maggio 2019, 18:12

Ciao ragazzi! Infinitamente grazie per gli apprezzamenti positivi e le critiche costruttive, che sono rarissime di questi tempi. Ho riconosciuto la mia sovraabbondanza lessicale e l'eccessiva pesantezza di alcune frasi. Ammetto di aver esagerato :D Sono nuovo e quindi grazie anche per il benvenuto.

cristiano.saccoccia
Messaggi: 26

Re: Il crollo

Messaggio#6 » lunedì 27 maggio 2019, 18:12

Ciao ragazzi! Infinitamente grazie per gli apprezzamenti positivi e le critiche costruttive, che sono rarissime di questi tempi. Ho riconosciuto la mia sovraabbondanza lessicale e l'eccessiva pesantezza di alcune frasi. Ammetto di aver esagerato :D Sono nuovo e quindi grazie anche per il benvenuto.

Torna a “La Sfida a Riviera Napalm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite