Finalissima!

Per partecipare alla Sfida basta aver voglia di mettersi in gioco.
Le fasi di gioco sono quattro:
1) Il primo marzo sveleremo il tema deciso da Luca Mazza e Jack Sensolini. I partecipanti dovranno scrivere un racconto e postarlo sul forum.
2) Gli autori si leggeranno e classificheranno i racconti che gli saranno assegnati.
3) Gli SPONSOR leggeranno e commenteranno i racconti semifinalisti (i migliori X di ogni girone) e sceglieranno i finalisti.
4) I BOSS assegneranno la vittoria.
Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 767

Finalissima!

Messaggio#1 » lunedì 10 giugno 2019, 23:01

Immagine

Ricordatevi: ne restaerà uno solo!

VINCE LA SFIDA A RIVIERA NAPALM: FRANCESCO BATTAGLIA CON UN INFERNO DI NIENT

Ecco i commenti e la proclamazione:

Siamo rimasti in due, almeno per sta volta, i conti non possono tornare pari.

Salam d'la duja e altre specialità locali.
Buona prosa, personaggi ben caratterizzati, anche se forse manca un pizzico di umanità che li renda più credibili, gli unici elementi che li differenziano sono quelli fisici. Regionalismi, luoghi e descrizioni in linea con l’ambientazione di Riviera Napalm e perfettamente adattati al post apocalittico. Ottima l’alternanza temporale per la struttura e il ritmo del racconto. Un susseguirsi di deliri mutanti che culminano in un climax ancora più delirante e mutato.
Unica vera pecca: troppo dialetto nei dialoghi. Non che sia un vero errore, però andrebbe dosato, per permettere anche ai “forestieri” di non dover spezzare il fiato in lettura per decifrarlo.
Nella summa, gran racconto.

Un inferno di nient.

Citazioni a Fahrenheit 451 di Bradbury, a Pokemon, al Signore degli Anelli (forse qui si eccede nella reiterazione) e, cosa più importante, a Riviera Napalm di Sensolini-Mazza.
Ho trovato un po’ stucchevole l’apologia della Divina commedia, ma è una questione più personale che altro.
Dialetto presente ma non abusato, sprazzi dosati di cultura pop.
Protagonista caratterizzato alla perfezione, fedele all’ambientazione ma con un forte tocco personale che lo caratterizza, un vero sopravvissuto del dopo Crollo.
Ma sopravvivere non è importante, è l’unica cosa che conta.

Quindi, nonostante il valore dell’avversario, la sfida se la porta a casa Un inferno di nient.



Torna a “La Sfida a Riviera Napalm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite