La lista di codici

Appuntamento per lunedì 16 dicembre dalle 21.00 all'una con il tema scelto dalla vincitrice del Premio Urania Francesca Cavallero e dai finalisti dell'Urania Short Fabio Aloisio, Elia Gonella e Axa Lydia Vallotto!
Avatar utente
Laura Cazzari
Messaggi: 243

La lista di codici

Messaggio#1 » lunedì 16 dicembre 2019, 23:32

- Che ore sono?
- Le 20.50.
- Quanto tempo abbiamo?
- 10 minuti.
- Impossibile. Hai idea di quanto sia grande questo posto?
- Mi sono allenata tutte la settimana, ce la possiamo fare. Prendi quella scorciatoia.
- E se anche ce la facessimo a fare tutto, chi ci dice che alla fine riusciremo a uscire?
- Perché perdi tempo a parlare? Se falliamo non sarà perché non abbiamo tentato. Inoltre, non credo avremo un’altra occasione. C’è il furgoncino di Stefano fuori ad aspettarci e non penso che sarà disposto a darci un’altra opportunità.
- D’accordo dimmi il piano.
- Così mi piaci Iacopo. Immagina di essere Leonida e davanti a te c’è l’esercito di Atene. Tu ti occuperai dei codici della parte destra e io di quelli della parte sinistra. Se saremo abbastanza veloci, in cinque minuti dovremmo essere arrivati al fondo.
- Leonida? Lo sai che ha perso vero?
- Beep Beep contro Willy il coyote ti sembra un esempio più calzante?
- Lascia perdere. Hai segnato tutti i codici?
- Certo. Ecco la tua lista.
- Ari, ma scrivi malissimo, cosa c’è scritto qui?
- È un due, ma non farmi perdere altro tempo. Vuoi portare a casa questa impresa per raccontarla ai nostri nipoti un giorno, o no?
- Va bene, ma non arrabbiarti con me se dovessi sbagliare qualcosa. Sono una frana coi numeri.
- 20.53, il tempo stringe e tu te la stai facendo sotto. Non sarò di certo io a fallire.
Una voce risuona dall’alto e ricorda il poco tempo disponibile. Ari, a quel segnale, si mette a correre a perdifiato, stringendo la propria lista di codici.
Iacopo la guarda allontanarsi poi raccoglie la sfida. Arriverà al fondo prima di lei e non dovrà subire quel supplizio un’altra volta.
Prende il foglietto e legge il primo codice 703.201.981. Poi si mette a correre.
I suoi piedi volano, come anche il tempo a loro disposizione.
Si sente come un concorrente dei giochi senza frontiere.
Il posto è enorme, ma i codici stanno diminuendo velocemente.
Alle 20.59 Ari e Iacopo hanno spuntato tutte e due le liste e si ritrovano alla fine del capannone.
- Hai visto? Un gioco da ragazzi. Come fanno le altre coppie a metterci tutto quel tempo?
Riescono a guadagnare l’uscita allo scoccare delle 21 e a raggiungere il furgoncino di Stefano.

- Pensavo di non rivedervi più.
- Ho imparato una grande lezione questa sera.
Dice Iacopo, sedendosi distrutto sul sedile anteriore.
- Non verrò mai più all’Ikea per comprare una libreria a dieci minuti dalla chiusura, per beccare meno gente.
Il furgoncino, con la libreria Billy nel bagagliaio, si dirige verso casa, mentre, dietro di loro, la scritta gialla su sfondo blu sembra ammiccare e sussurrargli un “a presto”.


Laura Cazzari

Avatar utente
antico
Messaggi: 4101

Re: La lista di codici

Messaggio#2 » lunedì 16 dicembre 2019, 23:40

Ciao Laura! Tutto ok con i parametri, divertiti in questa Urania Christmas Edition!

Avatar utente
Pretorian
Messaggi: 310

Re: La lista di codici

Messaggio#3 » martedì 17 dicembre 2019, 22:05

Ciao, Laura e piacere di leggerti.
Dunque, il tuo racconto si basa sull'equivoco dato tra le premessee da spy story e la disvelazione finale, di segno nettamene opposto. L'idea è buona e anche il modo in cui lo porti avanti fino alla fine è ben reso, ma è il disvelamento finale che mi lascia perplesso. Insomma, il modo in cui parlano i protagonisti, se è eccellente per dare l'illusione di un ambiente "da spia", a posteriori diventa fin troppo irrealistico. Insomma, rileggi e dimmi la verità: chi parlerebbe mai così in un contesto normale?
Ed è su questa irrealtà che tutto il contrasto crolla come un castello di carte e il racconto si perde.
Peccato.
Alla prossima.

Avatar utente
giulio.palmieri
Messaggi: 57

Re: La lista di codici

Messaggio#4 » mercoledì 18 dicembre 2019, 1:27

Buona sera Laura, piacere di leggerti.

Allora, l'idea mi sembra caruccia, ma lo svolgimento non mi convince.
Nel senso: all'inizio ho avuto come la sensazione di trovarmi in un labirinto (che poi purtroppo non viene descritto), invece verso la fine sembra esserci stata una specie di gara podistica. Quindi:
- descrizione spaziale assente
- cosa significa spuntare i codici prima di arrivare all'uscita? Va spiegato.

Alla fine ci troviamo all'uscita di un negozio Ikea, e l'armadio è già nel furgone. Perché? Andrebbe spiegata la relazione tra "l'impresa" e il risultato finale.
La trovata finale è carina, ma il racconto va costruito.

Ad ogni modo, sto scrivendo queste righe di fronte a una libreria dell'Ikea comprata chissà quanti anni fa. E niente, adesso continuo con gli altri racconti.

Avatar utente
Gabriele Dolzadelli
Messaggi: 214
Contatta:

Re: La lista di codici

Messaggio#5 » mercoledì 18 dicembre 2019, 15:31

Ciao Laura.
Che dire... Alzo le mani. Capolavoro. Davvero bel racconto. Divertente, soprattutto a una seconda lettura. E' un po' come quegli indovinelli dove non ci capisci nulla e dopo aver avuto la soluzione dici "ah...che scemo". Difatti, rileggendo, ogni dettaglio si incastona perfettamente nell'interpretazione finale.
Non ho trovato sbavature, ritmo incalzante e perfetto svolgimento di trama.
Forse, l'unico dettaglio che mi ha lasciato perplesso è l'uso plurale della parola "codici" quando alla fine loro dovevano individuarne solo uno, essendo interessati soltanto alla libreria Billy. Forse ho capito male questo punto?
A rileggerci con piacere.

alexandra.fischer
Messaggi: 1744

Re: La lista di codici

Messaggio#6 » mercoledì 18 dicembre 2019, 18:30

Tema centrato, ma discutibile l’arrivo alla sorpresa finale: tutto quel contare, quel fare paragoni con Leonida e gli Ateniesi o Willy il Coyote e Beep-Beep per arrivare a comperare una libreria da Ikea proprio al limite della chiusura? Non so. Mi lascia perplessa. Anche perché la storia sembra condurti verso qualcos’altro (di futuribile, con tanto di navicella spaziale o razzo sul punto di partire). E invece, questo quotidiano. Però è ben scritta e il corridoio narrativo che hai scelto va bene (ossia la storia regge). Bene. Oggi ho imparato qualcosa in più da te.
Attenta:
così mi piaci Iacopo (così mi piaci, Iacopo)

Avatar utente
Andrea Lauro
Messaggi: 259

Re: La lista di codici

Messaggio#7 » mercoledì 18 dicembre 2019, 22:42

Ciao Laura, me l’hai fatta sotto il naso. Per tutto il tempo mi stavo figurando questo edificio segreto / governativo / banca, poi a un certo punto (quando citi le “altre coppie”) penso quasi ad un gioco tipo “intrappolato”, così il finale mi ha fatto ridere. Anche la misteriosa voce dall’alto ad una rilettura si inquadra e contestualizza (“ah, ecco cos’era…!”).
La sequenza dialogica iniziale è ben resa, ma attenzione a un rischio di infodump in “C’è il furgoncino di Stefano fuori ad aspettarci”, i protagonisti già lo sanno. Potrebbe rendere meglio un: “Non credo che Stefano là fuori ci dia una seconda opportunità”. Tanto poi il furgoncino salta fuori comunque, io non lo citerei. Nel complesso mi è sembrato un racconto simpatico, scorrevole e leggero. Tema OK.
Note: C’è un a-capo non dovuto in : “Dice Iacopo, sedendosi distrutto sul sedile anteriore.”

Avatar utente
Laura Cazzari
Messaggi: 243

Re: La lista di codici

Messaggio#8 » giovedì 19 dicembre 2019, 8:08

Gabriele Dolzadelli ha scritto:Ciao Laura.
Che dire... Alzo le mani. Capolavoro. Davvero bel racconto. Divertente, soprattutto a una seconda lettura. E' un po' come quegli indovinelli dove non ci capisci nulla e dopo aver avuto la soluzione dici "ah...che scemo". Difatti, rileggendo, ogni dettaglio si incastona perfettamente nell'interpretazione finale.
Non ho trovato sbavature, ritmo incalzante e perfetto svolgimento di trama.
Forse, l'unico dettaglio che mi ha lasciato perplesso è l'uso plurale della parola "codici" quando alla fine loro dovevano individuarne solo uno, essendo interessati soltanto alla libreria Billy. Forse ho capito male questo punto?
A rileggerci con piacere.


Capista Gabriele grazie per il tuo commento. Ho cercato di andare fuori dalla mia confort zone e giocare un po' con il lettore. :) Mi hai beccato sulla pluralità di codici. Ho usato il plurale nella storia per far sembrare che i protagonisti dovessero affrontare una serie di prove per uscire, ma una volta fuori non volevo dilungarmi troppo nell'elenco delle cose comprate.
Laura Cazzari

Avatar utente
Laura Cazzari
Messaggi: 243

Re: La lista di codici

Messaggio#9 » giovedì 19 dicembre 2019, 8:29

Ringrazio tutti per i commenti e le osservazioni. Avete ragione che potevo lavorare meglio sui dettagli, è stato un esercizio difficile cercare di dare dettagli senza sbagliare in un senso o nell'altro. Il furgoncino serviva per rendere necessaria la corsa proprio quel giorno.
Laura Cazzari

Avatar utente
emiliano.maramonte
Messaggi: 165

Re: La lista di codici

Messaggio#10 » giovedì 19 dicembre 2019, 12:58

Ciao Laura, ben trovata!

Parto subito da quello che mi è piaciuto. La narrazione è abbastanza scorrevole, con la scelta di partire a razzo con un dialogo botta-e-risposta che ci catapulta immediatamente nell'azione. Confesso che stavo pensando a due operai di Amazon che si divertissero a fare una sfida nello spuntare i codici dei pacchi da spedire, in un magazzino enorme. E sorridevo nell'immaginarmi questa soluzione. Sinceramente non avevo neanche lontanamente pensato a una qualche trama spionistica. Poi arriva la conclusione: acquisti all'Ikea all'ultimo momento! Carina l'intuizione, ma lascia aperti molti buchi di trama, tra cui il perché dei codici, il furgone di Stefano, il come in 10 minuti abbiano potuto trasportare una libreria, senza perdere una vita intera alle casse per pagare (ci sono stato varie volte all'Ikea e l'esperienza è qualcosa di molto vicina all'inferno dantesco...), e così via.
Scrittura interessante e dinamica. Tema centrato.
Do una sufficienza per la simpatica scintilla che anima il racconto, qualcosa in meno per lo svolgimento. Migliorabile.

In bocca al lupo!
Emiliano.

Isabella Torazza
Messaggi: 38

Re: La lista di codici

Messaggio#11 » venerdì 20 dicembre 2019, 17:42

Ciao Laura, piacere!
Il racconto è senza dubbio scorrevole, i dialoghi fluidi ma in alcuni momenti li ho percepiti come un po’ fasulli, ti faccio degli esempi per chiarire:
-Inoltre non credo avremo... (inoltre, in un parlato reale, non ce lo vedo molto)
-un esempio più calzante (idem)
-ma non farmi perdere altro tempo (un “muoviti!” tra fidanzati all’ikea Sarebbe sembrato più reale.
Non sono amante dei finali a sorpresa con risvolto ironico e, come accade sempre in scrittura e lettura, il gusto personale influisce sul giudizio. Ciò non toglie che sia evidente che scrivi bene.
Buon contest!

Avatar utente
wladimiro.borchi
Messaggi: 157

Re: La lista di codici

Messaggio#12 » domenica 22 dicembre 2019, 8:48

Ciao Laura.
Racconto davvero carino, con una coclusione "barocca" e uno stile impeccabile.
Non è tra i miei preferiti del gruppo, ma mi ha strappato un bel sorriso al termine della lettura.
Il dialogo è pulito, ma se riletto al termine del lavoro, ha davvero un sapore artefatto, che rovina un po' il bel gioco degli equivoci che hai ordito ai danni del lettore.
A rileggerci presto.
Wladimiro

Avatar utente
daniele.mammana-torrisi
Messaggi: 112

Re: La lista di codici

Messaggio#13 » martedì 24 dicembre 2019, 14:46

Ciao, Laura!

Devo confessarti che ho riso alla fine, quando riveli che erano semplicemente all'Ikea. Altro che spie o guastatori o chissà che cos'altro, semplicemente due sciocchi che per fare compere si ritrovano agli ultimi minuti.
E questo è l'aspetto che mi è piaciuto di più. Quello che mi ha convinto di meno, invece, sta nei loro dialoghi. Allora, che siano un colpo, una battuta è bello, aiuta nell'immedesimazione, però ci sta una pecca.
Quando arrivi alla fine e ci mostri che sono due persone qualunque, la loro verbosità fa un po' crollare il gioco che avevi messo in piedi. Uno dei due, sopratutto, fa frasi lunghissime! In un contesto realistico, o per meglio dire nostrano, chi tira fuori questi poemi quando parla con un amico?
Certo, anche se fosero state spie o seal sarebbe sembrato strano lo stesso. Per agganciarmi alla menzione di Leonida (contro l'esercito... ateniese? Iacopo/Ari, sei sicuro di quello che dici?), la comunicazione laconica è la migliore comunicazione quando devi organizzare qualcosa di specifico.

E' una pecca, ma il finale mi ha davvero divertito.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4101

Re: La lista di codici

Messaggio#14 » domenica 29 dicembre 2019, 12:08

Un racconto simpatico con, a mio parere, qualche problema strutturale e di forma. I dialoghi non mi hanno convinto, a volte sembrano parecchio forzati. Ti consiglio di rileggerli ad alta voce per capire dove stridono. Vero è che dovevi usarli per inserire le informazioni, ma un modo più soft poteva essere più funzionale. C'è poi il discorso del perché di questi rimandi ad altre coppie che non ce l'avevano fatta, quasi fosse un gioco quello di presentarsi all'Ikea negli ultimi dieci minuti per riuscire a fare propria una libreria. Da qui, le domanda: lo fanno apposta di allenarsi per giorni per poi tentare proprio quella specifica impresa? E perché? Tema preso in pieno. Riassumendo: un pollice tendente verso l'alto, ma in modo un pelo forzato.

Torna a “135° ALL TIME - Urania Christmas Edition - la Quarta della Settima Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite