Gli Osservatori

Appuntamento per lunedì 16 dicembre dalle 21.00 all'una con il tema scelto dalla vincitrice del Premio Urania Francesca Cavallero e dai finalisti dell'Urania Short Fabio Aloisio, Elia Gonella e Axa Lydia Vallotto!
Avatar utente
Puch89
Messaggi: 123

Gli Osservatori

Messaggio#1 » martedì 17 dicembre 2019, 0:48

GLI OSSERVATORI
di Alessio Magno

«Ehi, quanto manca all'arrivo?»
«Non molto, pochi minuti, credo.»
«Dev'essere davvero un gran momento per loro. È emozionante trovarsi qui ad osservarli, fa riflettere.»
«Eh, si. Già. Tanti auguri. Perdonami, ma ormai non ho più la stessa attrattiva di un tempo.»
«Sta scherzando? Stiamo parlando di un traguardo fondamentale, non la eccita neanche un po?»
«Oh si, all'inizio si. Finché non ti rendi conto che sono fatti tutti con lo stampino. Storie diverse, modalità diverse, esiti identici. È deprimente.»
Un alone di silenzio permeava la cabina rivestita di freddo metallo cromato, interrotto solo ogni tanto da sommesse vibrazioni tipiche del nucleo a gravitoni del propulsore nella fase di inerzia.
«Quanto cinismo! Suvvia, vuole dirmi che fino ad ora non c’è stato nessuno in grado di stimolare interesse? Di ridestare la passione per l’imprevedibilità che serba l’esistenza agli individui che analizza?»
«Bah, tanto fanno tutti la stessa fine. Tanta dedizione, tanto impegno. Sognano tutti di arrivarci la prima volta, finché non ci riescono. Poi tornano ad ammazzarsi l’uno con l’altro. E purtroppo per loro non sarà diverso dagli altri. Sai cosa dicono al Comando Centrale?»
«Ah guardi, io non parlo con loro di queste cose, non ho un livello di accesso come il suo. Mi limito ad eseguire gli ordini. Oggi vai qui, domani lì… Ma a me piace così. Rimanessi fermo nello stesso sistema troppo a lungo rischierei di diventare come lei. Comunque, cosa dicono?»
«Non dovrei ma...Guarda qui. Ora intuirai perché tanto cinismo.» compì un gesto pigro con la destra, pizzicando con le dita a mezz'aria dalla console di comando. Un quadrante olografico dalle sfumature bluastre balzò fuori silenzioso, riportava varie nomenclature e rapporti dettagliati. Ne selezionò uno e lo ingrandì con un cenno per renderlo ben leggibile. «Ecco.»
«Mmm… Analisi eziologica comportamentale a lungo termine...» Gli occhi balzavano da una parola all'altra, finché un’espressione di incredulità non gli si stampò in volto. «...Che cosa?! “Altissimo potenziale di reiterazione” Vuole dire che...»
«...Che loro potrebbero farcela. Ne hanno facoltà. Possiedono la stessa scintilla che abbiamo noi. La stessa che pensavamo fosse nostra unica prerogativa in tutta la galassia. Sarebbe la prima volta nella storia del nostro Ordine. Te lo immagini?»
«Incredibile. Davvero incredibile. Ma allora… Perché è così amareggiato? È sensazionale!»
«Perché ormai sono condannati. È la loro natura. La stessa che li rende unici tanto da delinearli nostri pari. La stessa che li reclude nella loro prigione mentale di schiavitù. Hanno avuto millenni per differire l’ago della bilancia da una parte o dall'altra. Ed ora è troppo tardi. Quello di oggi è l’unico traguardo in tal senso che vedranno mai. Non ce ne saranno altri. Mai più. Si estingueranno entro un secolo.»
«Ma… È davvero sicuro? Potrebbero...»
«Si. I calcoli sono corretti.»
«Davvero un gran peccato… Che schifo.»
«Già. Ora capisci. Questo lavoro è uno strazio... Ehi, eccoli. Sono arrivati, annotalo.»
«Signorsì.»
20 Luglio 1969, ore 20:17, calendario terrestre. La razza umana effettua il suo primo allunaggio con successo sul proprio satellite naturale.”
«Sarà davvero l’unico astro che visiteranno?»
«L’unico.»
«Sono come noi... Tutti quei sogni… Infranti. Così tanto spazio da visitare, così poco tempo per viverlo.»
Ultima modifica di Puch89 il martedì 17 dicembre 2019, 0:57, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4082

Re: Gli Osservatori

Messaggio#2 » martedì 17 dicembre 2019, 0:51

Ciao Alessio! Tutto ok con i parametri, buona Urania Christmas Edition!

Avatar utente
Gabriele Dolzadelli
Messaggi: 214
Contatta:

Re: Gli Osservatori

Messaggio#3 » mercoledì 18 dicembre 2019, 18:43

Ciao Alessio. Piacere di ritrovarti.
Interessante il tuo racconto. Il punto di vista alieno dell'allunaggio è una trovata originale e il dialogo è piacevole, seppur si faccia un po' fatica a delineare le due figure per capire chi dica cosa, ma immagino che per te non fosse importante.
Scorre tutto molto bene e l'amarezza è palpabile. L'unico punto un po' criptico è quello in cui viene spiegato il motivo per cui, nonostante tutto, anche la razza umana non ce la potrà fare. Nonostante gli sforzi mi è stato difficile comprenderlo con totale chiarezza ed è stato come inciampare durante una piacevole camminata, rimanere comunque in piedi e proseguire, non so se mi spiego. Comunque, una buona prova. A presto.

Avatar utente
Pretorian
Messaggi: 310

Re: Gli Osservatori

Messaggio#4 » mercoledì 18 dicembre 2019, 22:04

Piacere di leggerti, Alessio.
Trovo molti punti di contatto tra il tuo racconto e un racconto breve di Asimov ("Razza di imbecilli" penso si chiami, ma non ne sono sicuro) in cui alcuni osservatori, pronti ad includere la razza umana tra quelle avanzate della galassia, rinunciano a farlo quando si rendono conto che gli umani usano le armi nucleari sul loro stesso mondo.
Nel tuo caso, il racconto è molto più colloquiale e fa la scelta sapiente di ricollegarsi ad un evento molto sentito come lo sbarco sulla Luna. Non solo: se in quello di Asimov il destino dell'Umanità è sostanzialmente segnato, per tutto il tuo racconto tu continui a indicare che un altro destino è possibile, anche se improbabile. Insomma, l'Umanità ha il suo destino nelle sua mani... nel bene e nel male. E, devo dirlo, questo è un dettaglio che ho adorato.
Come ha anticipato Gabriele, forse il tenere così criptico il motivo per cui uno dei protagonisti dubita del futuro del genere umano influisce negativamente sul racconto, anche perché sarebbe bastato davvero poco per colmare questa lacuna.
Casomai dovessi rielaborarlo, pensaci.

A presto!

Avatar utente
giulio.palmieri
Messaggi: 57

Re: Gli Osservatori

Messaggio#5 » giovedì 19 dicembre 2019, 13:02

Ciao Alessio, piacere di leggerti.
Non credo di avere molto da aggiungere agli ottimi commenti sul tuo racconto. Anch'io lo considero buono, sebbene, appunto, con certe difficoltà soprattutto nei dialoghi (che dovrebbero essere limati e resi più scorrevoli). Ottimo il riferimento all'allunaggio, come prova d'elevazione dell'umanità; la frase finale "Così tanto spazio da visitare, così poco tempo per viverlo" suggella il tema, risuonando quasi come un richiamo a non sprecare il proprio tempo. Devi però lavorare sulla scorrevolezza e sull'essenzialità degli elementi narrativi. Saluti e ci rileggiamo

Avatar utente
Andrea Lauro
Messaggi: 250

Re: Gli Osservatori

Messaggio#6 » giovedì 19 dicembre 2019, 21:34

Ciao Alessio, i dialoghi sono ben resi tra il veterano cinico che utilizza espressioni più colloquiali ed il sottoposto entusiasta che invece cerca di mostrarsi ossequioso: quindi una buona caratterizzazione ei personaggi. Bravo.
Ahimè, mi balzano agli occhi una serie di errori tra grammatica e battitura che mi hanno rallentato nella lettura: l’apostrofo mancante in “neanche un po?”, gli accenti mancanti in “Oh si, all'inizio si.” e la punteggiatura in “potenziale di reiterazione Vuole dire che…”
Inoltre c’è un “non ho più la stessa attrattiva” che non mi convince : forse intendevi “non ha più” la stessa attrattiva?
ll finale mi è piaciuto, un bel ribaltamento di punti di vista; c’è pure un cupo vaticinio sul futuro dell’umanità, risultato di una scienza che ricorda la psicostoria seldoniana. Quindi un bel lavoro, ma mi raccomando gli errori! So che sembrano bazzecole nell’economia della storia, ma è importante!
a presto!
andrea

Isabella Torazza
Messaggi: 38

Re: Gli Osservatori

Messaggio#7 » venerdì 20 dicembre 2019, 18:17

Ciao Punch,
Ho letto con facilità il tuo racconto fino alla parte finale in cui mi sono persa e ho dovuto rileggere più volte, poi ho capito. Hai scritto dei dialoghi davvero molto efficaci, non ho trovato forzature né un disallineamento rispetto ad un dialogo reale. Non è cosa da poco perché è davvero facile incappare in letture con errori, a volte grossolani, negli scambi di battute. Il finale, come ti dicevo, ha arrestato la lettura. L’idea funziona, la scrittura pure, è possibile che abbia semplicemente faticato io nel cogliere un ribaltamento di prospettiva così repentino.
Buon contest

Avatar utente
emiliano.maramonte
Messaggi: 165

Re: Gli Osservatori

Messaggio#8 » sabato 21 dicembre 2019, 17:21

Ciao Alessio! Felice di leggerti e commentarti.
Questo racconto ha un ottimo potenziale e contiene delle interessantissime riflessioni sull'umanità. Ho seguito con crescente curiosità il dialogo, cercando di capire chi parlasse e se degli alieni stessero decidendo il destino del pianeta. Purtroppo questo quadro sfumato ha un po' penalizzato la riuscita complessiva, perché avrei gradito chessò, un nome, una qualifica (per es. Direttore dei rapporti alieni; Ambasciatore intergalattico... qualcosa del genere), invece così, con una interlocuzione vaga, per quanto abbastanza ben caratterizzata, la fruizione del testo si fa difficoltosa. Come anche si fa difficoltosa in ragione dei numerosi refusi e gli errori di punteggiatura. In questa sede potrebbero essere perdonabili, a causa del meccanismo del contest, ma in altri ambiti, assolutamente no, quindi sono da rivedere.
Però ho adorato il finale. Che è agghiacciante. Conosciamo tutti uno degli eventi più importanti della storia umana... ebbene, sapere (seppure letterariamente) che è l'ultimo vero passo della razza umana prima della sua fine, mette i brividi. Quindi bravo, molto bello tutto ciò.
Ultima nota: io avrei scritto "atterraggio" e non "allunaggio" in quanto gli alieni potrebbero non conoscere questo termine, coniato proprio in occasione dello storico evento.
Il tema è centrato ed è intelligentemente rimarcato con la frase finale.
In sostanza, un racconto da sufficienza.

In bocca al lupo!
Emiliano.

Avatar utente
wladimiro.borchi
Messaggi: 156

Re: Gli Osservatori

Messaggio#9 » lunedì 23 dicembre 2019, 21:41

Ciao Alessio,
Racconto con un gran potenziale.
Allora, il dialogo iniziale, forse, è un po' troppo lungo.
Questo ha fatto sì che, durante la lettura, io abbia avuto il tempo di pensare: "questi sono alieni e parlano degli umani".
Non so se sia stata colpa del dialogo un po' troppo prolisso o del fatto che, durante la lettura, questo mi sia apparso come l'unico twist possibile.
Secondo me dovresti ridimensionare il dialogo e tenere la stessa tematica.
Resta una prova ottima.
A rileggerci presto.
W

Avatar utente
daniele.mammana-torrisi
Messaggi: 112

Re: Gli Osservatori

Messaggio#10 » martedì 24 dicembre 2019, 18:16

Ciao!

Rompo il ghiaccio con la considerazione che l'alieno osservatore ci sottovaluta e che, tempo permettendo, una volta che avremo scoperto il petrolio sul suo pianeta, il conto alla rovescia partirà per la sua civiltà.
Ciò detto, la familiarità gerarchica degli scambi iniziali ti induce a pensare che siano umani che osservano qualche altra specie riuscire in qualcosa e il punto di pregio è girare la questione. Usare termini più esotici o caratteristici avrebbe bruciato l'effetto sorpresa, quindi ben vengano quelli che confondono le acque.
Magari non è un plot twist eccezionale, sì, ma funziona. Mette una conclusione e chiude l'albo.
L'osservatore principale, più che amareggiato, mi è sembrato semplicemente stanco. Meno un "oh, no..." e più "che lunedì lungo, questo." Almeno, questa è la sensazione che mi ha dato.
Mi ci potrei rivedere, sembra il mio classico turno notturno.
Hai usato il nome del contest dentro la storia, inserendolo bene. Bravo!

alexandra.fischer
Messaggi: 1740

Re: Gli Osservatori

Messaggio#11 » mercoledì 25 dicembre 2019, 8:51

Tema centrato. Lo spunto è geniale: l’allunaggio del 1969 visto dagli Alieni (io li immagino come gli Abitanti della Faccia Buia della Luna). Vedono l’umanità in modo pessimistico. La morale è amara (c’è molto spazio, poco tempo per visitarlo e in più la perfida profezia algoritmica sull’estinzione dell’umanità entro un secolo). Questo è molto filosofico, pascaliano: l’essere umano come corda tesa fra l’angelo e la bestia. Secondo gli Alieni (I Seleniti?) gli umani rassomiglierebbero loro quanto a intelletto, ma avrebbero punti deboli che li degradano (vita breve, instabilità). Molto belli i dialoghi, ma la storia va aggiustata.

Attento:
eh si (eh, sì)
Errore ripetuto:
il si è la forma impersonale. Quando vuoi usare l’affermazione: sì, ci vuole questo accento per evitare confusioni. Lo scrivo per facilitarti la vita (quando sarai alle prese con l’editing delle tue opere sotto l’occhio implacabile dell’editor che ti assegneranno, perché un giorno succederà, credimi, vista la tua grande bravura).

Avatar utente
Puch89
Messaggi: 123

Re: Gli Osservatori

Messaggio#12 » giovedì 26 dicembre 2019, 0:16

Scusate se non sono riuscito ad essere "sul pezzo" e rispondervi per tempo, ma è stata una settimanaccia.
Vi ringrazio per i giudizi, negativi e positivi, espressi nei confronti di questo racconto che è stato partorito con un po di fatica, considerando che per le prime 2 ore e mezzo del tempo fornitoci non avevo ancora vergato nemmeno una parola.
Grazie a tutti!

@Pretorian
Innanzi tutto ti ringrazio per l'accostamento ad Asimov, difatti devo rivelarti che l'idea l'ho presa a piene mani proprio da quel racconto breve (Razza di deficienti, per l'esattezza). Chiaramente lo sviluppo ha preso una piega diversa, d'altronde io non sono Asimov (e ci mancherebbe altro!) Mi fa piacere che ti sia piaciuta l'impostazione del destino nell'umanità nel bene o nel male.
Il motivo per cui l'umanità è destinata però a non farcela, è rimasto criptico poichè, come qualcuno ha colto, si rifà sempre ad un'idea di Asimov, un calcolo algoritmico che si ispira alla Psicostoria di Hari Seldon nel Ciclo della Fondazione. L'ho lasciato volutamente così, forse andava spiegato un po meglio di cosa si trattasse la scienza che l'ha calcolato, in effetti.

@Andrea Lauro
Felice che tu abbia trovato ben caratterizzati i dialoghi, e anche del fatto che tu abbia colto l'ispirazione alla Psicostoria di Seldon. Per gli errori grammaticali hai perfettamente ragione, avrei dovuto fare più editing ma avendo iniziato a scrivere a quasi un'ora dalla fine dal contest, ero arrivato davvero pelo pelo.

@emiliano.maramonte
Avrei dovuto in effetti dare dei nominativi indicativi ai due dialoganti, ho lasciato un po' sfumata la cosa volontariamente, ma credo a posteriori non sia stata proprio una buona idea. Come ho già detto, avete perfettamente ragione sulla grammatica, ho avuto più di un paio di sviste per via del poco tempo rimastomi a disposizione per l'editing finale.
Felice davvero che ti sia piaciuto il finale ed il messaggio intrinseco sulle riflessioni legate all'umanità.

@wladimiro.borchi
Grazie per la tua opinione, Wladimiro. Per mia onesta visione del racconto, il dialogo mi è sembrato scritto bene, ma avere opinioni contrastanti aiuta senza dubbio a sondare e rivalutare le proprie opinioni ritenute giuste, con l'intento di migliorarsi. E' sempre apprezzata una critica costruttiva, personalmente sono qui proprio per questo.

@daniele.mammana-torrisi
Ciao Daniele, in effetti ho preferito lasciar sfumare ma solo intendere i ruoli dei due dialoganti sperando proprio che il lettore cogliesse l'opposto, per poi sorprenderlo successivamente. La sensazione che volevo far trasparire dell'osservatore principale è esattamente quello! Un turno di notte particolarmente pesante, che lascia strascichi evidenti sul suo umore (ne so qualcosa personalmente, forse è per quello che inconsciamente ho voluto dargli questa caratteristica). Grazie!

@alexandra.fischer
Ciao Alexandra, innanzi tutto ti ringrazio per aver commentato un racconto fuori dal tuo girone, lo apprezzo davvero molto.
Molto curiosa la tua interpretazione della razza aliena osservatrice, onestamente non l'avevo fornita di una connotazione particolare nel mio immaginario, magari una razza umanoide simile ai terrestri, ma non avevo pensato ai Seleniti, mi piace, è intrigante. La morale è stata il punto di partenza alla base del racconto, ciò che ne ha delineato l'essenza. Molto bella la tua immagine angelo/bestia, in effetti calza bene con ciò che avevo in testa.
Hai assolutamente ragione, ho ripetuto l'errore sulla forma impersonale e l'affermazione del "si", errore che mi capita spesso in realtà, devo assolutamente prestare più attenzione al riguardo, grazie per avermelo sottolineato. Grazie per il tuo giudizio!
Ultima modifica di Puch89 il domenica 29 dicembre 2019, 13:16, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4082

Re: Gli Osservatori

Messaggio#13 » domenica 29 dicembre 2019, 12:47

Parto dalla mia valutazione finale: pollice tendente all'alto anche se in modo non brillante. I miglioramenti possono, a mio modo di vedere, essere apportati proprio sul dialogo nella misura in cui puoi riempirlo di maggiori informazioni asciugando l'apparentemente inutile (tipo il fatto che prima non voleva dirgli il motivo e poi invece sì, tanto per fare un esempio). Di sicuro ci infilerei un riferimento più chiaro sul perché, nonostante fossero simili a loro, gli umani fossero destinati all'estinzione (ho anche pensato che fosse perché sarebbero stati gli stessi osservatori, una volta scovato "il pericolo" a causarne l'estinzione). Scritto bene, lettura gradevole, tema ben preso, ma con più tempo per la revisione poteva uscirne assolutamente potenziato.

Torna a “135° ALL TIME - Urania Christmas Edition - la Quarta della Settima Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite