Gruppo Guerra

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 848

Gruppo Guerra

Messaggio#1 » lunedì 22 giugno 2020, 9:30

Immagine
Questo è il gruppo Guerra de La (Mini) Sfida Apocalittica.

I concorrenti di questo gruppo dovranno leggere, commentare e classificare i racconti del gruppo Morte e saranno giudicati da i concorrenti del gruppo Carestia.

Il migliore di questo gruppo andrà in finale.


Vediamo i racconti ammessi:

Nuova speranza, di Andrea Partiti consegnato il 17/06 alle 23:30
Povero cristo, di Wladimiro Borchi consegnato il 19/06 alle 23:39
L'ultimo che se ne va, di Andrea Lauro consegnato il 20/06 alle 15.36
Salvate la speranza, di Polli Russell consegnato il 21/06 alle 18.36



Avete tempo fino alle 23.59 di domenica 28 giugno per commentare i racconti del gruppo Morte.
Chi non postasse anche solo un commento verrà squalificato.
Chi non postasse la classifica verrà squalificato
Le vostre classifiche corredate dai commenti andranno postate direttamente sul loro gruppo. Vi avverto che saremo fiscali e non accetteremo classifiche postate anche solo alle 00.00 a meno che problemi improvvisi vi ostacolino all'ultimo, ma in quel caso gradiamo essere avvertiti, sapete come trovare i moderatori. Vi ricordiamo che le vostre classifiche dovranno essere complete dal primo all'ultimo.

I racconti non possono essere più modificati. Se avete dubbi su come compilare le classifiche, rivolgetevi a Spartaco.
Potete commentare i vari racconti nei singoli thread per discutere con gli autori, ma la classifica corredata dai commenti deve obbligatoriamente essere postata nel gruppo .
Altra nota importante: evitate di rispondere qui ai commenti ai vostri lavori, ma fatelo esclusivamente sui vostri thread.

BUONA SFIDA A TUTTI!



Avatar utente
Pretorian
Messaggi: 445

Re: Gruppo Guerra

Messaggio#2 » mercoledì 24 giugno 2020, 14:46

Ed ecco commenti e graduatoria.

1) L'ULTIMO CHE SE NE VA di Andrea Lauro
Ciao, Andrea e piacere di leggerti.
Il racconto è una buona prova. Ci mostra la resistenza disperata di un gruppo di medici a "qualcosa", (ma di questo ne riparliamo) mentre tentano di portare in salvo i loro pazienti. Non sono eroi, sono uomini: sono spaventati, incazzati, nervosi, forse persino coraggiosi. Un ritratto magnifico, che fa dello "show don't tell" il suo punto di forza. Da questo punto di visita, ammetto di avere molto da imparare da questa narrazione. L'unica cosa che mi sento di suggerirti, è di rendere più esplicita la minaccia: cosa sono? Zombie? Demoni? Novax? Anche senza scendere nel dettaglio, penso che la storia ne avrebbe guadagnato a rendere più concreto il rischio che stavano correndo i medici.

Per il resto, tutto ok.

Alla prossima

2) SALVATE LA SPERANZA di Polly Russel
Ciao, Polly.

Insomma, a questo giro siamo andati proprio sul puro stereotipo di genere XDXDXD. C'era davvero tutto quello che ci si potrebbe aspettare da un racconto postapocalittico: mi aspettavo che da un momento all'altro saltasse fuori Rick Grimes con figlio a seguito.
Insomma, non ho molto da dire: dall'inizio, alla scena del sacrificio del militare, fino al finale cinico, abbiamo proprio la summa del racconto postapocalittico. Ecco, come "lavoro da manuale" direi che è perfetto, forse ci manca quel guizzo personale che sei sempre stata in grado di dare ai tuoi racconti. Non un male in sé, soprattutto se consideriamo che questo genere si presta facilmente agli stereotipi.

Alla prossima!

3) POVERO CRISTO di Wladimiro Borchi
Ciao, Wladimiro e piacere di leggerti.

Non so, Wlad, ma ho l'impressione che a questo giro tu non abbia agganciato il ritmo giusto. Da un lato, abbiamo una vicenda postapocalittica a tutto tondo, che rispetta così tanto i canoni del genere da arrivare a rasentare lo stereotipo. Dall'altro, un finale confuso, a cui forse sarebbe stato meglio dedicare più spazio: tutta la vicenda dei dissanguatori è un delirio del protagonista? Nel qual caso, il passaggio è a dir poco confuso e rischia di vanificare tutto quello che hai costruito nella prima parte (il trucchetto del "sogno" o del "delirio" se non ben gestiti ha sempre un simile rischio). Forse, l'unica cosa che mi sento di salvare sono gli accenni alla storia d'amore di Marco e Luca, che sono molto ben scritta.

Per il resto, ammetto che il tutto mi ha convinto poco.

4) NUOVA SPERANZA di Andrea Partiti
Ciao, Wladimiro e piacere di leggerti.

Ciao, Andrea e piacere di leggerti.

Di questo racconto posso dire di aver apprezzato la citazione biblica/herman melvilliana (in fondo, lo stesso H.M. prendeva i nomi dei suoi personaggi dalla bibbia, quindi tutto torna), oltre all'idea del connubio uomo/macchina, non originale, ma sempre affascinante. A parte questo, però, il resto è abbastanza sotto la tua media. Il primo problema è l'infodump, anzi, GLI infodump, perché ce ne sono ben due: il primo ci spiega cosa sia successo al mondo, il secondo ci introduce alla situazione attuale e alle ragioni che spingano Ismaele e Malachia alla loro missione. Vedi bene che un buon 40% finisce per diventare una sorta di "riassunto delle puntate precedenti", troppo, soprattutto per un racconto in cui, alla fine, succede ben poco. Certo, i caratteri non aiutavano, ma quando sei in queste situazioni il tuo sforzo dev'essere quello di sintetizzare e, soprattutto, centellinare: piuttosto che aggredire il lettore con un monolitico muro di testo, lascia che il contesto emerga un po' alla volta, soprattutto grazie ai dialoghi e alle descrizioni. A parte questo, il racconto offre ben poco: la scelta dei protagonisti di non fuggire per non condurre le macchine al rifugio della loro gente è abbastanza topica (ci sono situazioni simili in quasi ogni postapocalittico che si rispetti) ma la cosa ha poco senso: possibile che il Calcolatore, che pure ha preso il controllo di tutte le conoscenze della città, non sappia che ci sono umani liberi giusto alle porte del suo dominio? Mi sembra improbabile.

Peccato, Andrea. Alla prossima!
Ultima modifica di Pretorian il mercoledì 24 giugno 2020, 23:21, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Davide Di Tullio
Messaggi: 272

Re: Gruppo Guerra

Messaggio#3 » mercoledì 24 giugno 2020, 15:08

Ciao, ecco a voi la mia classifica. Per il 1. e il 2. posto ho dovuto fare pesare le minuzie nel testo :-D

1) L'ULTIMO CHE SE NE VA di Andrea Lauro

► Mostra testo


2) SALVATE LA SPERANZA di Polly Russel

► Mostra testo


3) POVERO CRISTO di Wladimiro Borchi

► Mostra testo


4) NUOVA SPERANZA di Andrea Partiti

► Mostra testo

Avatar utente
simone.marzola
Messaggi: 22

Re: Gruppo Guerra

Messaggio#4 » venerdì 26 giugno 2020, 15:42

Ciao a tutti,

Ecco i miei commenti con graduatoria:

1) L'ultimo che se ne va di Andrea Lauro

Complimenti per il racconto: i personaggi caratterizzati benissimo che evolvono nella storia che ho trovato avvincente e con ottimo ritmo. Il tutto è molto umano e non è facile in un racconto di così poche battute.
Anche il fatto che la minaccia sia solo incombente e non presente, devo dire che non mi è pesata perché comunque dai dialoghi traspare il senso di urgenza e pericolo. Che siano zombie, infetti o altro non mi è sembrato importante, anche se...
...ho solo a cosa che non mi è chiara: Il tipo di intervento o impianto che il dottore deve inserire. Si tratta di flebo normali? O è qualcosa di diverso, relativo a ciò che sta succedendo intorno a loro?
Non è una cosa fondamentale, ma personalmente mi darebbe un elemento di ambientazione in più, che avrei apprezzato.
O forse è solo curiosità :)

2) Salvate la speranza di Polly Russel
Piacere di leggerti!
Il tuo racconto è davvero cinematografico e descrivi e porti avanti l'azione in modo adrenalinico, anche se la storia affronta tutti i topoi e gli stereotipi del genere. Non trovo comunque sia un male, dato che lo fai con abilità.
Ho anche apprezzato queste creature che descrivi che non sono il solito zombi.

3) Povero Cristo di Wladimiro Borchi
La storia mi è piaciuta, i due personaggi sono ben caratterizzati ed è interessante anche la questione dei dissanguatori, anche se rimane non approfondita.
Ho apprezzato molto come hai tratteggiato la storia d'amore e l'adozione.
Non ho però apprezzato il twist finale che secondo me toglie un po' di pathos a quello che succede prima: arriva un po' troppo improvviso e mi sembra tolga carica alle parole minacciose del dissanguatore, anche se la chiusa che dai è comunque amara.

4) Nuova Speranza di Andrea Partiti
Il tuo racconto mi ha ricordato molto Matrix per alcune affinità e in parte anche un gioco di ruolo, Sine Requie, in una delle sue ambientazioni. Mi piace molto l'aspetto di unione tra uomo e computer ed è interessante la presenza di Ibridi e Larve, come li chiami.
Non mi è molto chiara la citazione iniziale, dato che non vedo altri agganci a Moby Dick nel tuo racconto. L'ho trovata un po' fine a se stessa.
Come altri fanno notare inoltre, c'è effettivamente una grossa parte del racconto in cui spieghi l'antefatto e questo contribuisce a ridurre di molto l'effettivo momento di azione, che rimane repentino e forse un po' troppo abbozzato.
Credo che andando a centellinare le informazioni nel racconto e lasciandole uscire pian piano (magari facendo incontrare una di queste creature semi-umane) possa giovarne tutta la struttura della narrazione.

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 848

Re: Gruppo Guerra

Messaggio#5 » lunedì 29 giugno 2020, 23:54

Classifica Finale:

1) L'ultimo che se ne va, di Andrea Lauro con 3 Punti
2) Salvate la speranza, di Polli Russell con 6 Punti
3) Povero cristo, di Wladimiro Borchi con 9 Punti
4) Nuova speranza, di Andrea Partiti con 12 Punti

Accede alla finale L'ultimo che se ne va, di Andrea Lauro

Torna a “La (mini)Sfida Apocalittica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite