Le facce della medaglia

Partenza: 01/07/2020
Avatar utente
el_tom
Messaggi: 75

Le facce della medaglia

Messaggio#1 » martedì 14 luglio 2020, 21:19

Le facce della medaglia

Arrivai una mattina di settembre.
Ero inquieto, finalmente sarei tornato a servire il mio paese dopo l’incidente e la lunga degenza che aveva comportato.
Alla stazione mi attendeva una piccola scorta: un ufficiale ed un autista.
“Benvenuto signor Schlecht, come sta? È andato bene il suo viaggio?”
“Benissimo, grazie. Le nostre ferrovie, come la nostra grande nazione, sono perfettamente funzionanti”.
L’ufficiale mi sorrise compiaciuto, fece un cenno all’autista che prese in carico il mio bagaglio.
“È molto distante il campo?” chiesi, più per rompere il silenzio che per una sincera curiosità.
“No, non molto, basta inoltrarsi per poco nelle campagne per raggiungerlo. È presente anche una stazione ma abbiamo preferito farla arrivare qui per permetterle di dare un’occhiata alla città e alle zone limitrofe”
Il cielo, che fino a poco prima mi era parso terso, ora mi sembrava nuvoloso e più scuro, fiocchi grigi turbinavano nell’aere. Era troppo presto per la prima neve.
Dopo l'incidente la mia vista non era più la stessa e mi risultava ancora più difficoltoso interpretare quel peculiare fenomeno metereologico.
L’ufficiale notò cosa stavo osservando.
“Qui l'aria è sempre così, all’inizio ci si sorprende ma ben presto si abituerà, non si preoccupi”.
La mattinata trascorse rapida sbrigando le formalità di rito, fui registrato, mi illustrarono la geografia del luogo, fui istruito su gli orari, i vari turni di servizio, le misure di sicurezza ed infine mi assegnarono un alloggio privato.
Pranzai da solo, nella mia stanza, in silenzio.
L’alloggio era troppo per me, le abitudini spartane affinate negli anni cozzavano con quello che mi sembrava un’inutile lusso.
Nel primo pomeriggio ricevetti una visita.
“Buongiorno signore, sono il dottor Fredrik Guttermann, lei è Hans Schlecht, piacere”.
Non era una domanda ma un’affermazione.
Ci stringemmo le mani.
“Sono io, molto piacere”
“Bene, lei è stato assegnato a me, da oggi sarà il mio assistente personale”
“Cercherò di servirla al meglio, herr doktor”
“L’aspetto domattina alle 8 nel mio studio presso il settore B-II-f, mi raccomando, sia puntuale, ci attende molto lavoro.”
La visita del dottore creò più dubbi di quelli che dipanò, ancora non sapevo esattamente cosa comportava la mansione che avrei svolto. Non c’era motivo di pensarci troppo, l’indomani avrei svelato l’arcano, decisi quindi di prendermi il resto della giornata per sistemarmi, fare del blando esercizio prescrittomi per la riabilitazione e riposare.

Mi presentai nello studio del dottore qualche minuto in anticipo, Guttermann era già all'interno.
Non feci in tempo a bussare che la porta si aprì.
“Buongiorno signor Schlecht, ha dormito bene?”
“Buongiorno a lei herr doktor, molto bene grazie"
“Mi fa piacere. La prego, mi chiami solo Fredrik, trascorreremo molto tempo insieme, eviterei inutili formalità”
“Come preferisce herr dok… Fredrik, allora io sarò solo Hans, per lei"
Guttermann annuì ed un gioco di luci fece brillare per un attimo i suoi occhiali tondi nascondendo gli occhi.
“Molto bene Hans, il suo lavoro consiste principalmente nell'occuparsi dei soggetti su cui concentro i miei studi e gli esperimenti. Ci saranno anche dei compiti accessori naturalmente, ma si tratta di operazioni secondarie e molto semplici"
“Mi sta dicendo che dovrò accudire ratti e conigli?”
Il dottore mi sorrise.
“Non saranno comuni roditori, per quanto inferiori, non li chiamerei bestie, piuttosto… materiale, si, materiale utile. Nonostante tutto, meritano un po' di rispetto, saranno fondamentali per ottenere risultati"
Mi sentivo denigrato, offeso.
“Con il dovuto rispetto, Fredrik, sono un soldato, non il guardiano dello zoo”
“Certo Hans, ne sono cosciente. Ho insistito molto per farla assegnare qui, immagina il perché?”
La calma che ostentava Guttermann non faceva altro che irritarmi ulteriormente.
“No, no lo so e non lo immagino, sono un uomo pragmatico, non è mia abitudine immaginare ma agire. Perché sono stato scelto?”
Non riuscì a controllarmi, nella mia voce trasparì tutta la mia indignazione e la rabbia crescente.
“Per la sua peculiare condizione, Hans"
Quella risposta mi spiazzò lasciandomi senza parole.
Guttermann ripropose quel suo sorriso, sembrava un maestro paziente alle prese con un alunno particolarmente restio a comprendere.
“Ho letto la sua cartella clinica, lei soffre di acromatopsia cerebrale, una condizione attualmente ritenuta irreversibile. Se le dicessi che ciò che faccio qui potrebbe ridare i colori al suo mondo?”
Rimasi sbalordito, la rabbia svanì all'istante.
“Vede Hans, ritengo che lei possa avere la motivazione e la forza necessaria per assistermi al meglio"
“Veramente potrei guarire?”
“Non sarà semplice e certamente non rapido ma si, ci sono ottime possibilità di curarla con successo"
“Perdoni la mia insubordinazione, Fredrik, sono ai suoi ordini"
Mi misi sull'attenti sbattendo i tacchi.
Guttermann sorrise ancora, compiaciuto.
“Bene Hans, ora che abbiamo trovato il nostro punto d’incontro direi di darci da fare. Necessito del contenuto della cella 4, cortesemente, lo conduca qui adeguatamente assicurato alla lettiga”
Che razza di cavia poteva essere legata su quel lettino d’acciaio?
“Jawohl, Fredrik”
“Ehm, Hans… la sua pistola, le consiglio di utilizzare una fondina ascellare, la prudenza non è mai troppa”
Il dottore aveva paura che un topo s’impadronisse della mia Luger?
Feci come mi aveva consigliato e mi diressi nel corridoio delle celle dalla porta in fondo al laboratorio.
Mi aspettavo una piccola stanza colma di gabbiette invece mi trovai a percorrere un lungo corridoio simile a quello di un carcere.
L’ambiente era basso e poco illuminato, forse per mantenere calmi gli ospiti.
Guardai all’interno delle celle ma l’oscurità e la mia vista erano complici nel celarmi il contenuto.
Arrivai alla cella 4 e vi entrai. Dentro c’era un uomo.
Cercai di restare indifferente per mascherare la mia sorpresa.
Gli mostrai il manganello di cuoio con l’anima in metallo.
“Sul lettino, schnell! e senza storie!” gli intimai sbattendo l’arma sulle sbarre della porta.
L’uomo si alzò a fatica dal suo giaciglio, era piuttosto basso e scuro di carnagione, emaciato, un untermensch.
La sporca e lisa uniforme a righe era abbondante su quel corpo scarno.
Non oppose resistenza alcuna, lo legai alla lettiga senza sforzo.
Quando giunsi di fronte a Guttermann non riuscì a trattenermi
“Cosa se ne fa la nostra gloriosa patria di questo sub-umano?” sputai rabbioso.
“Il signor Boyanov…”
“Signore? Questa feccia zingara?” interruppi violentemente il dottore.
Questi rimase impassibile. Non mi piaceva quell’atteggiamento clemente verso le razze inferiori.
“Il qui presente Boyanov è materiale indispensabile per la nostra ricerca, Hans, è un ingranaggio fondamentale anche per farla guarire dalla sua condizione”
Fui costretto, mio malgrado, ad accettare i modi di Guttermann che ora mi guardava con quel suo sorriso odioso.
Trasferì quel rifiuto su una sedia speciale e lo assicurai con delle cinghie.
Il dottore eseguì una serie di misurazioni e di test di cui non vedevo lo scopo.
Fece sollevare al soggetto dei pesi via via più pesanti fino a che quello sgorbio non riuscì più ad alzarli. Annotò il tutto in un taccuino rilegato in pelle nera.
Prese quindi alcuni preparati, li mescolò tra loro in proporzioni che annotò sempre sul taccuino.
Iniettò il siero ottenuto nell’arteria carotidea su un lato del collo del soggetto.
La cavia fu colta quasi immediatamente da convulsioni, si agitò sulla sedia e schiumò dalla bocca, sembrava in preda ad una crisi epilettica. Dopo un paio di minuti si stabilizzò.
Guttermann rifece le misurazioni ed i test, ora il soggetto riuscì a sollevare, senza apparente sforzo, quasi il doppio del peso che aveva alzato prima del trattamento.
“Wunderbar” sussurrò il dottore mentre continuava ad aumentare il carico per la cavia.
Arrivati a tre volte e mezzo il peso iniziale, il soggetto si mise ad urlare, il bicipite destro gli esplose seguito da altri muscoli in tutto il corpo.
Prima che quel miserabile corpo si riducesse ad un grumo di carne lacera e sangue, il dottore gli iniettò un’altra sostanza nel collo uccidendolo quasi immediatamente.
“Molto bene! Molto, molto bene! Stiamo progredendo.
Hans, per favore, prepara la salma per la vivisezione”
Estrassi la Luger dalla fondina ascellare e la puntai contro il professore
“Non farò nulla se prima lei non mi spiega cosa sta succedendo qui! Ho appena visto un sub-umano moltiplicare la sua forza! Questo è un crimine verso la razza pura! Il Fuhrer ne sarà informato e lei pagherà!”
Urlai in faccia a Guttermann.
Il dottore, come al solito, non si scompose minimamente ma esibì quel suo sorriso ripugnante.
“Mio caro Hans, ma il Fuhrer ne è già al corrente, anzi, tutto questo è una sua idea”
Non mi accorsi nemmeno di aver abbassato l’arma tanto ero sgomento, riuscì a malapena a borbottare
“Il Fuhrer sa”
Ancora quel sorriso.
Guttermann prese un fascicolo da uno schedario di metallo.
Posò il fascicolo sulla sua scrivania e lo girò verso di me.
Sopra c'era una scritta in grigio scuro.
Olympia Projekt.
Aprii il fascicolo.
In prima pagina c’era la foto di un negro.
“Quello è Jesse Owens” mi spiegò Guttermann “nelle olimpiadi di Berlino del ’36 vinse quattro medaglie d’oro sotto lo sguardo del Fuhrer e del mondo intero. Un negro che, sotto il cielo di Berlino, ha umiliato la Germania e la nostra razza”
Lo conoscevo, ricordavo, avrei voluto sfidarlo.
La patria aveva bisogno di me ed ero diventato un soldato, non ci fosse stata la guerra probabilmente sarei stato un atleta, ero stato un eccellente corridore, un candidato per le gare di mezzofondo alle olimpiadi di Tokyo del ’40 poi cancellate.
Il dottore continuò:
“Dopo questa umiliazione, il Fuhrer, ispirato dal motto olimpico: Citius!, Altius!, Fortius! mi contattò per affidarmi la direzione di questo progetto atto a migliorare la nobile razza ariana. Hans, noi rispondiamo direttamente al Fuhrer”
Rimasi per un attimo senza fiato.
“Ma come può essere utile questo materiale genetico di scarto nel miglioramento della nostra razza?” chiesi allora al dottore.
“Se otteniamo risultati validi con materiale scarto ed impuro, pensi cosa possiamo raggiungere con la perfezione genetica ariana”.
Quella rivelazione mi colpì come un pugno nello stomaco.
“Herr doktor, perdoni il mio comportamento, io non capivo, io non sapevo” mormorai abbassando il capo.
Guttermann mi appoggiò una mano su una spalla e mi fissò negli occhi ma, di nuovo, grazie al gioco dei riflessi, io non riuscivo a vedere i suoi, nascosti dietro le lenti degli occhiali.
“Mio caro, io non devo perdonarle nulla, questo è un altro motivo per cui lei è stato scelto, la sua fedeltà alla causa tedesca”
Preparai i resti di quel miserabile per gli studi del professore.
Una volta che il dottore ebbe finito pulii il laboratorio e mi occupai dello smaltimento dei rifiuti, ciò che rimaneva dello zingaro.
Scoprii così la causa dello strano fenomeno meteorologico che avviluppava il campo, batterie di forni lavoravano senza sosta per eliminare i corpi degli untermensch morti nelle varie sezioni del campo.
Problemi da vivi, problemi da morti.
Ancora una volta il genio tedesco dava prova di poter trovare la massima efficienza in qualsiasi compito a cui si dedicava.
L’orgoglio mi gonfiò il petto.

Dopo quell’inizio difficoltoso le cose migliorarono notevolmente.
Lavorai alacremente sotto le direttive del dottor Guttermann, non conoscevo fatica, non conoscevo riposo.
Raggiungere l’obbiettivo avrebbe portato ad una ricompensa multipla, avrei potuto riavere la vista di un tempo, avremmo dimostrato al mondo che gli scienziati tedeschi erano i migliori e che la fuga di tutti quei giudei scappati verso l’America era stata inutile, avrei reso un grande servizio alla nazione, alla razza, al Fuhrer.
I giorni si susseguirono veloci, diventarono settimane, le settimane mesi, i mesi anni.
Citius!, Altius!, Fortius!, quello era l’obbiettivo.
Fummo costretti ad utilizzare tutta la gamma di rifiuti sub-umani che ci veniva fornita: zingari, ebrei, invertiti, deviati, traditori della razza e della patria, pazzi, imperfetti. Tutto lo scarto che la realizzazione di una società perfetta comportava.
Guttermann era una macchina dedita al lavoro, il suo metodo era efficiente e regolare: osservava, studiava, sperimentava, sezionava, correggeva e ricomincia a da capo.
Mai un dubbio, mai un esitazione, mai un attimo di sconforto.
Molte volte lo trovavo, al mattino, addormentato nel laboratorio con ancora indosso il camice sporco di sangue dopo aver passato tutta la notte ad analizzare i campioni ricavati dopo gli esperimenti. A volte, per la foga di apprendere, nemmeno perdeva tempo ad uccidere le cavie, le sezionava da vive.
I progressi erano lenti ma regolari.
Guttermann riempì molti taccuini ed il fascicolo dell’ Olympia Projekt cresceva regolarmente.

Una mattina di ottobre il professore mi ordinò di portargli l’ospite della cella 8.
Era un vecchio ebreo cieco, debole ed inutile, non fu necessario nemmeno assicurarlo alla lettiga, lo presi per un braccio e lo trascinai al laboratorio dove seguì la prassi ormai collaudata.
“Molto bene Hans, oggi è un giorno speciale, fissi la testa del soggetto al poggiatesta” proclamò sorridente il mio superiore.
Prese una delle sue boccette ed una pipetta dosa liquidi.
Con l’aiuto di un blefarostato mantenne ben aperti gli occhi del giudeo e vi versò alcune gocce della sostanza contenuta nella boccetta.
Gli occhi del vecchio sfrigolarono ed emisero del fumo.
L’ebreo prese ad agitarsi sulla sedia ed a mugolare.
“Fermo e zitto, cane!” gli ordinai colpendolo al plesso solare con la punta del manganello.
I lamenti della cavia vennero strozzati nella sua gola.
Per un tempo che parve interminabile nessuno parlò, nessuno emise rumore.
“Hans, sleghi pure il soggetto e lo riporti al suo alloggio, riproveremo domani con un’altra formula” mi ordinò Guttermann mentre si dirigeva alla sua scrivania per compilare il solito taccuino.
Sciolsi la cinghia che tratteneva la testa del giudeo, questi raddrizzo il capo e sbarrò gli occhi.
“Grande Dio di Israele! Ci vedo! Io ci vedo!”
Guttermann si voltò di scatto e corse verso di noi.
Indossò un casco oftalmico composto da una fascia in cui, sulla fronte, c’era attaccata una luce elettrica e, all’altezza degli occhi, una serie di lenti di vari diametri e spessori.
Armeggiò con le lenti ed esaminò attentamente gli occhi dell’uomo. L’operazione durò alcuni minuti, ad ogni cambio della lente d’osservazione Guttermann scriveva qualche appunto sul taccuino.
“Hans, fissi nuovamente il capo del soggetto, procediamo all’enucleazione” ordinò questa volta il dottore mentre allestiva la strumentazione necessaria su un vassoio d’acciaio.
“Jawohl, Fredrik”
Guttermann cavò gli occhi all’israelita mentre questi era vivo e cosciente, le sue urla riempirono il laboratorio.
Non ci mise molto.
“Hans, il resto è inutile, se ne sbarazzi. Velocemente per favore, tutto questo strillare mina la mia concentrazione” dispose lo scienziato agitando una mano mentre si dirigeva verso gli strumenti d'analisi trasportando i preziosi reperti.
Portai fuori quel vecchio, lo feci inginocchiare e gli sparai alla nuca, presto anche lui sarebbe stato solo cenere soffiata nel vento.
Ora avevamo tutto.

Smettemmo di lavorare per ottenere singoli risultati, volevamo ottenere una sostanza che avrebbe migliorato l’uomo in ogni sua parte, l’elixier des ubermenschen.
Per farlo dovevamo collegare le parti e sintetizzare un’unica formula.
Il dottore era completamente assorto nella sua ricerca, in modo ancora più ossessivo: si dimenticava di mangiare, non dormiva, non curava più la sua persona.
Io non potevo fare molto e mi limitavo ad assistere Guttermann nel modo che mi pareva migliore, costringendolo a nutrirsi, riposare, lavarsi almeno il minimo indispensabile.
Ormai non uscivamo nemmeno più dal laboratorio, ci isolammo completamente.

La mattina del 27 gennaio 1945 mi svegliai di soprassalto sentendo gridare.
“Ich hab's gemacht! Hans! Hans, ci sono riuscito! Ho trovato la formula!”
Il dottore mi scuoteva una spalla mentre cercavo di alzarmi da quel giaciglio che avevo improvvisato nel laboratorio.
“Hans, ci siamo riusciti! Ce l’abbiamo fatta!”
Ci abbracciammo.
“Prendiamo tutti i documenti, Hans, andiamo a Berlino!” proclamò Guttermann sorridendo entusiasta.
Preparammo tutte le nostre cose per il viaggio e ci rendemmo presentabili, il lungo periodo di isolamento ci
aveva fatto tralasciare la normale toletta, le barbe ed i capelli erano fuori controllo.
Una volta pronti uscimmo dal laboratorio per dirigerci verso il corpo centrale del campo.
Lontano, alla nostra destra, sentimmo il brontolio di un tuono seguito da un fischio che si faceva sempre più forte.
Un edificio a qualche centinaio di metri da noi esplose.
Una alla volta le sirene d'allarme del campo riempirono l’aria con le loro grida.
Eravamo sotto attacco, com’era possibile?
L’appartarci dal mondo per concentrarci sullo studio della formula ci aveva resi ciechi ed ignoranti rispetto a ciò che ci succedeva attorno.
Rientrammo nel laboratorio.
“Hans, seguimi, c’è un tunnel in fondo al corridoio delle celle, ci porterà lontano dal campo, nei boschi a ovest, dobbiamo sopravvivere, dobbiamo salvare la formula, la razza umana ha bisogno della mia scoperta!”
Non dissi nulla, poggiai i bagagli, portammo con noi solo una valigetta con dentro il fascicolo dell’Olympia Projekt.
Il tunnel era stretto e basso, scarsamente illuminato. Camminammo in fila restando lievemente piegati per non sbattere la testa sul soffitto a volta.
Sopra di noi la battaglia infuriava, potevamo sentire le deflagrazioni attutite dalla terra. Ad ogni esplosione polvere e detriti cadevano sul pavimento.
Ci muovemmo il più velocemente possibile, il tunnel pareva non finire mai.
Dopo quelle che sembrarono ore, giungemmo a dei gradini di metallo ancorati al cemento, sopra di noi un portello che si apriva verso l’esterno.
Una volta fuori ci ritrovammo poco all'interno di un bosco. Non troppo lontano, il campo era stato parzialmente distrutto, i carri armati nemici lo avevano invaso e conquistato.
Guttermann fu sopraffatto dal panico, mi afferrò per entrambe le spalle e mi scosse, lo fissai negli occhi azzurri sconvolti dalla paura.
“Hans, non arriveremo mai a Berlino in queste condizioni, verremo sicuramente catturati, rischiamo di distruggere la formula, forse ci conviene consegnarci, collaborare, dobbiamo preservare la nostra scoperta per la razza umana!”
“Fredrik, guardi!” gli dissi indicando la zona della battaglia.
Gutterman si voltò verso il campo ormai devastato.
Gli sparai alla nuca con la Luger.
“Consegnarci? Collaborare? Il bene della razza umana? Tu non eri un vero tedesco!”
Sputai sul corpo morto di quel traditore.
Presi la valigetta e mi inoltrai nel bosco.

Hans Schlecht non fu mai trovato, né vivo né morto.

Il 4 marzo 2020, Pedro Filippuzzi, un investigatore privato, durante un’indagine scoprì, in mezzo alle cartacce ammassate alla rinfusa in un sotterraneo di una vecchia banca ormai in disuso, un documento dall’intestazione anomala:” Congresso della Nazione Argentina”, era la lista degli appartenenti ad una rete di 12000 nazisti sfuggiti alla cattura che avevano preso il largo e si erano rifugiati in Argentina.

Hans Schlecht era su quella lista.




Tom
Ultima modifica di el_tom il martedì 14 luglio 2020, 21:55, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
el_tom
Messaggi: 75

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#2 » martedì 14 luglio 2020, 21:29

Un evento storico: la liberazione da parte dell'armata rossa.

Bonus:
- Il protagonista ha praticato il mezzofondo
- Citazione di De Coubertin: il motto olimpico "Citius!, Altius!, Fortius!" fu ideato da Henri Didon ma fu De Coubertin a proporlo
come motto ufficiale per le olimpiadi nel 1894 (e subito accettato) ed usato dal 1924 in poi.
La frase più pericolosa in assoluto è: Abbiamo sempre fatto così.

Avatar utente
Pretorian
Messaggi: 445

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#3 » domenica 19 luglio 2020, 1:04

Ciao El-Tom e piacere di leggerti.

Dunque, prima di tutto un plauso per il maggior pregio di questo racconto, ossia l'aver costruito un protagonista appositamente per suscitare il disgusto da parte del lettore, senza per questo scadere nel banale. Sarebbe stato facilissimo tirar fiori la classica macchietta nazista alla Sturmtruppen, ma il fatto che tu te ne sia tenuto alla larga, creando un personaggio tutto sommato interessante è ammirevole. Venendo ai problemi, direi che il finale è il più grosso di tutti: insomma, dopo aver trascorso un intero racconto descrivendo la ricerca e l'ottenimento di un "siero del super soldato", il fatto che il progatonista si limiti a scomparire senza farne niente lascia un che di incompleto. Insomma, mi aspettavo una "post credit scene" con Hans che lavora in Sudamerica per creare un'armata di SS sotto steroidi, oppure lui che vende la formula a qualche regime...
A parte questo, volevo segnalarti quelle che, secondo me, sono un'altro paio di sbavature di minore importanza: in primis, il fatto che il dottore nasconda ad Hans il fatto che le loro cavie siano umane suona forzato. Perché avrebbe dovuto? Nessuno dei sue si fa scrupoli morali, quindi a livello di trama non ha senso, e il lettore capisce subito di che tipo di esperimenti si tratta, quindi non serve nemmeno a creare tensione. In secundis, posso capire tutto, ma è davvero poco credibile che Han e il doktor siano all'oscuro dell'arrivo imminente delle forze russe. Anche volendo ammettere una loro "distrazione", lavorano comunque all'interno di un sistema che si sarebbe preoccupato di spostare i laboratori lontano dalla linea del fronte o, in caso di emergenza, che li avrebbe obbigati a distruggere qualunque prova. Penso che sarebbe stato meglio inserire un elemento improvviso, come Hans che scopre il doktor che prova a scappare con le sue ricerche dai russi o un'improvviso sbarco di paracadutisti.

Alla prossima!

Avatar utente
el_tom
Messaggi: 75

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#4 » domenica 19 luglio 2020, 9:50

Ciao Agostino, ben ritrovato.
Grazie per il tuo commento, gli apprezzamenti e soprattutto le critiche.
Vado a spiegare i punti che hai toccato senza intento alcuno di delegittimare il tuo punto di vista, anzi, vediamo se riesco a perdere qualche punto :-)
Per quanto riguarda un mascheramento degli esperimenti da parte di Gutterman, non era quello che volevo trasmettere, avevo concepito più un Hans allo scuro di tutto, il suo difetto di vista non voleva essere solo fisico e il tutto condito dal fatto che il lavoro del doktor era sottoposto al solo giudizio del baffetto di Berlino pertanto il resto del campo non era tenuto ad esserne a conoscenza, questo legherebbe anche l'assalto improvviso dell'armata di liberazione. Voleva essere anche una sorta di sorpresa per il lettore che di fatto aveva lo stesso punto di vista del protagonista, fino al momento della rivelazione non c'erano molti elementi che potevano far pensare ad un campo di sterminio, si capiva che eravamo in territorio tedesco ma non c'erano ancora riferimenti temporali. Mea culpa, forse era troppo ambizioso come intento ponendo così pochi elementi.
Per quanto riguarda il finale in realtà dividerei la cosa in due parti, il siero in realtà non resta completamente inutilizzato, nel testo, forse un po' troppo nascosto in realtà, c'è un elemento che fa intendere un suo utilizzo. Per quanto riguarda una "scena post credit" non appare ma non è detto che non ci sia, semplicemente non è scritta, volevo lasciare l'amaro in bocca al lettore, sto disgraziato di Hans alla fine salva la buccia e finisce pure a mangiare bistecche in Argentina, un finale aperto (mia croce e delizia, non è la prima volta che lo utilizzo e, nonostante tutto, non sarà l'ultima) che, a quanto pare, si ritorce contro più a me che non al signor Schlecht.
Spero di essermi spiegato chiaramente.
Naturalmente colgo il tuo commento come spinta propositiva a cercare di trasmettere meglio le mie intenzioni, ho cercato di dare una forte caratterizazione psicologica ai personaggi e ho perso un po' di vista il disegno generale.
Ancora grazie.
A presto :-)
La frase più pericolosa in assoluto è: Abbiamo sempre fatto così.

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#5 » domenica 19 luglio 2020, 11:32

Ciao el_tom,

Il tuo racconto mi ha richiamato alla memoria diverse cose (il fumetto Hellboy, il film Overlord, i videogiochi della serie Wolfstein e l'amara e cruda realtà storica). Leggendo il tuo commento sarei curioso di sapere quale sia l'elemento nascosto nel testo per far capire l'utilizzo postumo del siero.
Non mi è dispiaciuto il fatto che Hans fosse all'oscuro inizialmente di dove fosse di preciso, ma in effetti a volte il doktor mi sembra esagerare un pochino con l'effetto mistero. Come lettore, forse anche per background personale, mi era abbastanza chiaro da subito dove Hans fosse arrivato e cosa sarebbe successo, quindi la rivelazione non è stata così forte. Inoltre, non credo che Hans non avesse minimamente capito di trovarsi almeno in un campo di prigionia. Ci sta che non tutti i soldati tedeschi sapessero dei campi di sterminio, ma entrando nella struttura credo che comunque qualcosa gli fosse evidente.
Passando all'arrivo dell'Armata Rossa, non mi è sembrato così strano che loro due fossero all'oscuro di cosa stesse succedendo fuori, anzi è un elemento che mi è piaciuto: descrivi bene come fossero concentrati sul lavoro e sui risultati, tanto da non accorgersi di cosa accadeva intorno. Immagino inoltre che non avessero contatti diretti con Hitler, che forse si è addirittura scordato del progetto del doktor.
La cosa che mi è sembrata strana è la reazione del medico, che fino a quel momento era stato un fervente sostenitore della razza ariana e nel finale invece parla di consegnarsi, collaborare e di razza umana a tutto tondo. Vero, ci sono stati molti scienziati nazisti presi e portati negli Stati Uniti e non è detto che tutti fossero redenti, ma mi è sembrato un cambiamento troppo repentino. Ciò detto la reazione di Hans invece mi sembra perfettamente in linea con il personaggio e sinceramente non avrei aggiunto la chiusa di flashforward, ma forse è solo mio gusto personale.
Alla prossima lettura!

Avatar utente
el_tom
Messaggi: 75

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#6 » domenica 19 luglio 2020, 23:40

Ciao Simone, grazie per il tuo commento. Il solo fatto di accostarmi, anche alla lontana, a Mignola mi lusinga tantissimo quindi non posso far altro che ringraziarti.
Passiamo ora al vivo del commento, mi collego alla risposta data ad Agostino/Pretorian, ho puntato molto sulla caratterizzazione psicologica dei personaggi, questa si vede in maniera più forte e netta con Hans che è lineare da un certo punto di vista ma anche Guttermann è bel tipino: subdolo, ossessivo, manipolatore. Nel trattare con Schlecht lo tiene per gli zebedei con la storia di poterlo guarire. Da del "signor" alla sua prima vittima suscitando le ire di Hans e poi corregge il tiro per averlo al suo fianco, alla fine non cambia idea, solo si rivela.
Ora, nella mia testa, la situazione era ben chiara e delineata, nell'esporla, evidentemente non è proprio così, da mia abitudine catalogo questo come un mio demerito e quindi ancora grazie per avermelo palesato e chiarirmi su cosa devo riflettere.
Per quanto riguarda invece l'utilizzo del siero... beh, ora che ci sono aspetterò tutti i commenti prima di un eventuale rivelazione :-) siete costretti a rileggere o attendere... muahahah :-)
Ancora grazie e a presto
La frase più pericolosa in assoluto è: Abbiamo sempre fatto così.

Michael Dag Scattina
Messaggi: 44

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#7 » lunedì 20 luglio 2020, 17:25

Il racconto mi è piaciuto, il protagonista è abbastanza caratterizzato, e pur mantenendo lo "stereotipo" del nazista esaltato, riesce comunque ad attirare interesse.
Molto ben fatta la linea temporale, si sente molto bene la loro dedizione al lavoro via via che passa il tempo e si avvicinano ai risultati.
Troppo sbrigativo il finale: ci stava un po' di dialogo tra i due, dove il dottore prova a convincere Hans, giusto per spiegare al lettore il perche di un cambio di idea così repentino. Da dottore pazzo nazista invasato a "il bene dell'umanità" in una sola scena mi ha lasciato un po' perplesso.
le citazioni alle olimpiadi e de coubertin le ho trovate un po' forzate.
Non ho capito il titolo.

Avatar utente
el_tom
Messaggi: 75

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#8 » lunedì 20 luglio 2020, 22:24

Ciao Michael e grazie per il tuo commento.
Parto dalla fine sempre collegandomi ai commenti precedenti.
Il finale è stato concepito cosi proprio per dare enfasi al crollo di Guttermann e al suo svelare la sua vera natura e completare il suo quadro psicologico.
Il titolo si riferisce ai due protagonisti, per molti versi differenti tra loro, uno "integro" nel suo pensiero: devoto alla nazione e alla causa, l'altro devoto a se stesso e alla sua causa personale ma entrambi fondamentalmente dei mostri che disumanizzano le loro vittime sia in termini fisici con le violenze che psicologici e di visione, utilizzando il POV di Hans non li chiama mai persone ma cavie, soggetti e Guttermann li considera di fatto strumenti a sua disposizione, quindi due facce della stessa brutalità di fondo.
Ancora grazie per il tuo commento.
A presto :-)
La frase più pericolosa in assoluto è: Abbiamo sempre fatto così.

Valerio Amadei
Messaggi: 8

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#9 » sabato 25 luglio 2020, 22:59

Ciao El-Tom, ho letto il tuo racconto con piacere.
Sono sempre affascinato dagli scienziati pazzi e dalla scienza di confine e ho apprezzato le atmosfere tetre e aberranti che hai descritto.
Il protagonista, come altri hanno già osservato, ha l’innegabile dono di rendersi odioso al lettore dalla prima all’ultima lettera, riuscendo al contempo a farti girare pagina dopo pagina anziché abbandonare la lettura.
Ho trovato lo stile a tratti un po’ troppo pomposo (non credo di aver mai letto “aere” privo di accezioni ironiche in un testo in prosa) e, più di ogni altra cosa (ma questo può benissimo essere un soggettivissimo gusto personale) mi irritano le locuzioni in lingua straniera inserite nel testo. Diverso sarebbe stato se un personaggio di origine straniera che colori con parole nella sua lingua i dialoghi in una finzione scenica che preveda che la lingua di base parlata sia un’altra, ma nel tuo racconto si dà per scontato che tutti i personaggi stiano parlando in tedesco, quindi trovo futile e fastidioso farcire i dialoghi di bocconcini di tedesco che hanno corrispettivi perfettamente traducibili in italiano. Alcuni hanno indubbiamente senso e ragione d’essere, come untermensch, che ha sfaccettature a cui una traduzione non renderebbe del tutto giustizia, ma (lo ribadisco: per me) ogni jawohl o herr doktor sono una grattata di unghie sulla lavagna.
Anche io come altri ho trovato un po’ forzata la “scoperta” di Schlecht sulla vera natura delle cavie e del campo. Inoltre, per quanto fanatico, pragmatico e umorale, mi sembrano un po’ troppo repentini i mutamenti di atteggiamento verso il dottore, che, come una banderuola, lo fanno passare in un istante dal “ti pesto come l’uva nel nome della Germania” al “grande luminare della scienza, tu puoi guarirmi e io sono ai tuoi ordini”.
Per inciso, a mio sentire l’acromatopsia è forse un movente un po’ troppo debole per garantire al dottore l’assoluta fedeltà (e infatti il finale lo dimostra); non mi sembra potente e radicale come un tornare a camminare, a sentire, recuperare un arto perduto e così via. Però io i colori li vedo tutti e anche molto bene, quindi mi rendo conto che per me è qualcosa di fin troppo facile da sminuire e quindi mi taccio.
Ottima la resa del progredire sempre più ossessivo dei loro studi, che li alienano dal resto del mondo. Se godevano dell’autonomia di cui paiono godere, non trovo così inconcepibile che l’attacco russo li colga come un fulmine a ciel sereno, anzi.
Il finale mi sembra un po’ tirato via.
Credo di intuire che il dottor Guttermann non avesse altro interesse che per la propria ricerca e per la scienza: la Germania e il Reich sono per lui solo strumenti. Ed è un tratto del personaggio che indubbiamente lo caratterizzerebbe a dovere e che apprezzerei. Però, proprio in quest’ottica, il suo viscerale interessamento per le sorti della razza umana, al punto di consegnarsi ai russi, suona stonato e posticcio. Avrei apprezzato di più un tentativo di convincere Schlecht a usare l’astuzia, del tipo «consegnamoci: da morti non saremo di alcuna utilità alla causa tedesca, mentre dietro le linee nemiche potremo tramare per blablabla». L’esito sarebbe stato lo stesso, ovviamente, ma ci si sarebbe arrivati in modo più fluido e coerente, e anche il fanatico lealismo di Schlecht ne sarebbe uscito rafforzato, impreziosendo il tutto.
Non mi è piaciuto particolarmente nemmeno il Flash Forward: non mi racconta nulla, non mi dice cosa ha fatto della formula, come ha difeso la causa tedesca, come si è salvato. Mi dice solo che è scappato in Sud America. Avrei apprezzato anche un finale aperto ma che alludesse a qualcosa. Oppure nessun FF, dato che il racconto era ben completo già così.
Riguardo i bonus direi che sono entrambi rispettati e ho particolarmente apprezzato la reinterpretazione superomistica e distorta del motto.

Avatar utente
el_tom
Messaggi: 75

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#10 » martedì 28 luglio 2020, 9:19

Ciao Valerio e grazie per il tuo commento.
Anche tu mi offri ottimi spunti di riflessione sia riguardo la gestione dei personaggi che quella del finale che, ahimè, non ha convinto molto, ma prima o poi troverò la formula giusta.
Per quanto riguarda l'inserimento di parti in lingua straniera e un vizietto che mi diverte molto, sicuramente devo rivedere le modalità, nella fattispecie avrei potuto eliminare un po' di herr doktor sicuramente, solo "schnel" non lo toglierei, non si è mai visto un nazista che non urla schnel :-)
Riguardo l'acromatopsia la mia spiegazione prende due strade, la prima è quella che mi ha fatto generare il racconto: non so spiegare il processo mentale che mi ha portato a voler provare a scriverlo in bianco e nero e quindi approdare a questa soluzione; la seconda punta alla psicologia di quell'invasato di Hans, nel suo ideale di tedesco non poteva esserci un difetto del genere che lo invalida e non gli consente di essere in prima linea nei combattimenti.
Ancora grazie.
A presto :-)
La frase più pericolosa in assoluto è: Abbiamo sempre fatto così.

Avatar utente
Mauro Lenzi
Messaggi: 219
Contatta:

Re: Le facce della medaglia

Messaggio#11 » martedì 28 luglio 2020, 12:22

Ciao el_tom, vedo che sei ancora attivo nel rispondere ai commenti, per cui ti do la precedenza rispetto agli altri cui avevo promesso il mio. Almeno con te so che sarà letto, spero che anche gli altri si facciano sentire, per conferma.

Veniamo a noi. Credo che ti siano state fatte osservazioni pertinenti.
L’uso dei termini tedeschi non necessari (nota: Fuhrer andrebbe scritto Führer), il finale troppo sbrigativo.
Anche io ho trovato un po’ altalenante l’atteggiamento del protagonista, forse perché il suo problema fisico non viene percepito con sufficiente forza. Il cambiamento repentino del dottore invece non l’ho trovato illogico, il che non vuol dire che non potesse essere sfruttato meglio.
Per quanto riguarda il fatto che non sapessero nulla dell’invasione, ho visto che ci sono diverse teorie e io sposo quella di Agostino / Pretorian. Se il dottore e il suo esperimento sono così importanti da rispondere direttamente al Führer, mi suona strano che non siano giunte disposizioni dall’alto per disporre del laboratorio. Viceversa, se per te la scena così com’è era importante, sarebbe comunque dovuto emergere dalla storia.

Vediamo se posso dare qualche contributo in più.

A livello di struttura generale, credo che il tuo racconto andrebbe ribilanciato riducendo la parte introduttiva, per destinare poi più spazio alla seconda parte delle trama, e laddove possibile, ai personaggi. In generale io favorisco sempre le storie dove il personaggio va incontro a qualche cambiamento di sé, un arco che lo porta a migliorarsi o a peggiorarsi.

Alcuni suggerimenti sparsi.

finalmente sarei tornato a servire il mio paese dopo l’incidente e la lunga degenza che aveva comportato.
Queste sono informazioni che lo scrittore spiega al lettore, spacciandole per un pensiero riassuntivo e poco credibile del personaggio. Avresti avuto la possibilità di far emergere tutto questo dai dialoghi, ad esempio.

Anche qui un riassunto che non favorisce l’immersione:
La mattinata trascorse rapida sbrigando le formalità di rito, fui registrato, mi illustrarono la geografia del luogo, fui istruito su gli orari, i vari turni di servizio, le misure di sicurezza ed infine mi assegnarono un alloggio privato.
Naturalmente spiegare tutto questo con scene di mostrato avrebbe allungato la storia. Ma il punto è, sono rilevanti per la storia? Direi che si possono tagliare.

cose che avrei valutato di tagliare, in un racconto dai caratteri limitati, sono battute di dialogo come queste:
“Buongiorno signor Schlecht, ha dormito bene?”
“Buongiorno a lei herr doktor, molto bene grazie"

Sempre nell’ottica di economizzare per dare più rilievo al finale.

Una cosa che è stata fatta notare anche a me, troppo “spezzettamento a capo” dei periodi. E cmq questo caso specifico te lo segnalo (ma non è l’unico del suo genere):
Il dottore mi sorrise.
“Non saranno comuni roditori, per quanto inferiori, non li chiamerei bestie, piuttosto… materiale, si, materiale utile. Nonostante tutto, meritano un po' di rispetto, saranno fondamentali per ottenere risultati"

L’andare a capo può confondere il lettore, soprattutto in dialoghi serrati. Lascia la battuta attacca all’azione di chi la compie. Il dottore sorride e parla.

Mi sentivo denigrato, offeso.
“Con il dovuto rispetto, Fredrik, sono un soldato, non il guardiano dello zoo”

Qui il personaggio ci “racconta” che è offeso. Avresti potuto mettere un pensiero diretto, oppure niente: tanto, che è offeso lo si capisce dalla battuta.

Gli sparai alla nuca con la Luger.
Troppo riassuntivo: inoltre il lettore si immagina prima l’atto di sparare, poi la Luger. Altra considerazione, una descrizione che inverta semplicemente questi due elementi perderebbe di tensione: già nel momento in cui estrae la Luger, il lettore ha già capito.
Per cui io farei in modo che quella Luger sia già fuori prima, durante la fuga. E lo sparo sia improvviso.


Ecco, queste sono alcune cose che ho notato. Il racconto comunque mi è piaciuto. In particolare, traspare il peggio della mentalità nazista nelle scene, nei dialoghi. Con un maggior rilievo a questi elementi, credo che questo tuo racconto possa fare da buona base a un’opera con elementi horror. In generale per le prossime opere credo che potresti beneficiare di una maggior pianificazione iniziale dell'impianto della struttura.
Spero di esserti stato utile.

Torna a “Lotta Greco Romana - La Sfida a... Special Olympic Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite