L'invisibile

70ª Edizione, Minuti Contati saluta l'estate dedicandogli la Summer Edition. Guest Star è Livio Gambarini, in passato anche concorrente e ora lanciatissimo nel mondo dell'editoria. QUI potete visionare il trailer, potete trovarci anche degli indizi per il tema che vi aspetta. Ricordiamo: l'appuntamento è per lunedì 24 agosto dalle ore 21.00 all'una. Una singola sera, in contrapposizione alla Two Days appena conclusa.
diego.ducoli
Messaggi: 265

L'invisibile

Messaggio#1 » martedì 25 agosto 2015, 0:39

Marta corre a perdifiato.

È il gran giorno, la stanno aspettando. I dirigenti di una multinazionale odiano perdere tempo.

Proprio quella mattina il suo vecchio catorcio aveva deciso di abbandonarla e come ciliegina sulla torta c'e lo sciopero dei tramvieri.

I tacchi rimbombano sulla strada mentre si fa largo tra la folla di persone stringendo la ventiquattrore al petto.

Urta con la spalla una ragazzo con lo skaterboard facendolo rovinare a terra. Si ferma per un istante porgendogli la mano.

Basta uno sguardo d'intesa.

Marta salta sulla tavola lasciandosi alle spalle il giovane che la guarda stupefatto.

La ragazza vola sull'asfalto, la gonnellina bianca sventola nella brezza del mattino, con sommo gaudio di tutti gli automobilisti presenti.

Un enorme palazzo si intravede all'orizzonte, un gigantesco e candido monolite in vetro e metallo.

Marta si tuffa attraverso le porte scorrevoli, tira una pedata sicura allo skateboard e lo consegna al portiere con naturalezza. Fruga nella borsetta in cerca del badge, logicamente non lo trova.

Davanti ai tornelli spicca un salto atterrando con grazia. Lancia un sorriso radioso al custode che ammicca sotto i baffi e scoppia in una grossa risata.

L'ascensore si spalanca e Marta viene inghiottita.

Uno sguardo all'orologio e uno allo specchio, sistema una ciocca ribelle, il trucco è perfetto come il suo corpo fasciato dal vestitino candido.

Le porte si aprono. Lei è bella come non lo è mai stata, si volta e sono tutti li ad aspettarla.

Il lungo tavolo in mogano riempie la stanza, facce severe la osservano.

Sorride e …

 

“STOP! STOP! STOP! Non va bene dobbiamo rifarla”

Marta butta la valigetta a terra e sbuffa, i “dirigenti” si svaccano sulle poltrone e berciano tra di loro.

Le luci che illuminano l'ambiente si abbassano e una serie di figure invade la scena,

“Cosa c'è che non va stavolta? È la sesta volta che la rifacciamo” sospira la ragazza.

L'uomo le si para davanti stringendo un plico di fogli.

“Guardati la gonna” urla l'uomo.

Marta osserva la piccola macchia purpurea allargarsi sul tessuto.

“Sti cosi fanno schifo. Non dovrebbero neanche produrli”

“Noi vendiamo idee, non prodotti. Tutto da rifare. Forza ragazzi sistematela che si riprende”

L'uomo con quattro falcate ripiomba sulla sedia.

“Luce! Motore! Bines seta. Sette. Azione.”

 



marina81
Messaggi: 27

Messaggio#2 » martedì 25 agosto 2015, 23:12

Ciao Diego
il racconto è giovane, fresco, brillante e dinamico. Sicuramente originale e un po' sopra le righe. Mi ha fatto piacere arrivare alla fine, trovando una certa sorpresa che mi ha strappato una risata. Qualche volta forse la forma potrebbe essere più efficace, cmq è divertente e ha un approccio singolare al tema.

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Messaggio#3 » mercoledì 26 agosto 2015, 0:05

Ciao Diego,
hai scritto un racconto divertentissimo. Certo, da donna posso dirti che è estremamente difficile macchiarsi (sul davanti poi, intuisco, visto che l'attrice non si gira a controllarsi, ma le basta abbassare lo sguardo) in maniera tanto visibile da disturbare una telecamera e l'intera troupe che sta girando uno spot, e che mi sembra uno strano paradosso che l'attrice che gira lo spot di un assorbente abbia "le sue cose" proprio in quel momento, ma sono delle imperfezioni che con qualche specificazione in più scorrerebbero lisce (che so, la gonna è di un tessuto particolare, Marta non si è accorta di essere in "quei giorni" ed il ciclo è partito proprio mentre giravano lo spot). Per il resto il racconto scorre fluido e godibile, mi hai regalato 5 ottimi minuti.
Alla prossima!
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Messaggio#4 » mercoledì 26 agosto 2015, 22:41

Ciao Diego,
il tuo racconto è molto simpatico; l'invisibile del tema sarebbe l'assorbente, o sbaglio? L'idea è di certo molto originale.
Un paio di appunti:
1) i tacchi che rimbombano mi paiono un po' eccessivi, a meno che non si tratti di un effetto sonoro voluto per enfatizzare l'arrivo della ragazza in scena
2) Basta uno sguardo d’intesa.
Marta salta sulla tavola lasciandosi alle spalle il giovane che la guarda stupefatto.

Se i due si scambiano uno sguardo d'intesa mi pare strano che il ragazzo rimanga stupefatto.
Comunque, molto divertente e simpatico, complimenti per l'originalità.

F.T. Hoffmann
Messaggi: 34

Messaggio#5 » giovedì 27 agosto 2015, 1:05

Ciao,
Devo dire che il racconto all'inizio mi stava lasciando tipo  O____O
Poi nel finale ti sei salvato. Lo stile in generale non è che sia bellissimo, ci sono parecchi punti da rivedere, a partire dal verbo della terza frase: in un racconto al presente, dopo aver usato "quella mattina" non usi "aveva deciso" ma ha deciso"... visto che dopo usi un altro presente (c'è sciopero)

Poi ci sono i tacchi che rimbombano, lo sguardo d'intesa(??? - sì ok sono attori ma noi non dobbiamo saperlo ancora per parecchie righe-), il fatto che la gonna prima sventola e poi è un vestito fasciante...

Arrivando alla trama, ripeto, buono il colpo di scena ma debole la logica. Prima di tutto uno spot non lo giri a camera fissa, avrà delle inquadrature, quindi al massimo sarà da rifare un solo pezzo. In secondo luogo perchè mai l'attrice dovrebbe avere il ciclo? e soprattutto perchè dovrebbe avere addosso proprio il lor, visto che fa pena. Mica le fanno uno zoom sotto la gonna e dentro le mutandine. Capisco il tuo desiderio di fare la battuta ma forse dovresti pensare a strutturare leggermente in modo diverso il finale.

Pensa per esempio che i panini delle pubblicità dei fast food sono creati da appositi food designer! figurati se mettessero i veri prodotti con la scusa che loro vendono idee.

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Messaggio#6 » venerdì 28 agosto 2015, 0:35

Ciao Diego

Mi ha davvero divertito la tua “interpretazione” della parola “invisibile” associata a “certi giorni” delle donne e al relativo battage pubblicitario e, nell’insieme, il racconto risulta simpatico ed efficace nel far sorridere il lettore.

Purtroppo c’è un errore logico che lo mina: la ripresa di una scena così complessa non può certo avvenire tutta di seguito (non ce lo vedo un regista pubblicitario affannarsi in una complicata pianosequenza per uno spot di pochi secondi). Quindi quella che descrivi come una successione di avvenimenti prima dello STOP del regista e che tale appare nello spot finale, nella realtà sarebbe il risultato di diverse scene riprese in ordine congeniale ai bisogni della produzione e non cronologico rispetto alla storia da mostrare. Questo, se non elimina il sorriso alla fine del racconto, lo rende narrativamente meno efficace e lo penalizza un po’.

Avatar utente
chiara.rufino
Messaggi: 147

Messaggio#7 » lunedì 31 agosto 2015, 14:12

Ciao Diego,

ammetto che ci ho messo un po' per capire che ti riferissi al tributo femminile del mese ma si sa,sono una donna distratta! Giusto un appunto; si può dire "rovinare"? Perché è l'unica cosa che m'ha disturbata. Nel complesso, lo trovo un racconto ben scritto, anche se l'effetto montaggio dello spot non aiuta la lettura. Mi associo con Ambra sull'improbabilità della macchia in quella zona della gonna, ma sono dettagli
404 Patience Not Found

Avatar utente
eleonora.rossetti
Messaggi: 499

Messaggio#8 » martedì 1 settembre 2015, 15:01

Ciao Diego,

il tuo racconto, sul finale, mi ha strappato un sorrisetto; tuttavia, essendo uscita da una scuola di Regia, la sola idea di fare un unico pianosequenza per lo spot è quantomeno un suicidio XD

 

Buono lo stile e il ritmo, in effetti mi chiedevo dove volessi andare a parare con quella vicenda, e il finale ha saputo sorprendermi. Se devo trovarci una macchietta, è proprio l'imprevisto della macchia (nomen omen): da donna, posso assicurarti che non ci si sporca in quella maniera ;)

 

 
Uccidi scrivendo.

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

Messaggio#9 » giovedì 3 settembre 2015, 18:57

Ciao Diego,
devo ammettere che hai avuto decisamente una gran fantasia a interpretare il tema in modo cosi originale. La storia è anche spassosa, effervescente e riesce a divertire. Peccato per alcune lacune “tecniche” che rendono la trama nel suo complesso poco credibile e debole. Anche sullo stile ho trovato qualche fragilità che ha penalizzato il racconto nella sua comprensione. Per esempio, a una prima lettura non ero riuscita a capire chi fosse quest’ipotetico “invisibile” >D

Avatar utente
raffaele.marra
Messaggi: 383

Messaggio#10 » venerdì 4 settembre 2015, 0:13

<span style="font-size: 12.0pt; font-family: 'Times New Roman'; mso-fareast-font-family: 'Times New Roman'; mso-ansi-language: IT; mso-fareast-language: IT; mso-bidi-language: AR-SA;">Questo racconto ha di buono il coraggio e l’originalità. Pecca però di superficialità in alcuni punti, apparendo a tratti addirittura ingenuo. Certo, non si tratta di un racconto “impegnato”, quindi una certa semplicità sarebbe anche ammissibile, probabilmente dovuta. Ma continuo a pensare che qualche cosa vada rivista un tantino (il ciclo dell’attrice è inverosimile, la macchia sulla gonna altrettanto, il fatto che una simile scena venga girata così tutta intera ancora di più). Lo stile asseconda quella semplicità e quella linearità che il racconto trasmette</span>

Avatar utente
antico
Messaggi: 3869

Messaggio#11 » domenica 6 settembre 2015, 16:48

Carina l'idea, anche se sa più di barzelletta. Un dubbio: cavolo che mega carrellata per questa pubblicità... il regista è lo stesso de l"Arca Russa"? Questo per dire che non è verosimile. Diversi refusi, alcune ripetizioni, hai dovuto scrivere in fretta e di sicuro non hai riletto. Di fondo, però, lo stile è bello, si sta rafforzando con il passare dei mesi, è straevidente. Un pollice ni tendente al basso, il laboratorio ti aspetta. ;)

Torna a “70ª Edizione – 5ª della Quarta Era – Summer Edition (starring Livio Gambarini)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite