Questione di energia

Partenza: 20/07/2020 ore 22.00
Avatar utente
Puch89
Messaggi: 208

Questione di energia

Messaggio#1 » lunedì 20 luglio 2020, 22:55

Questione di energia
di Alessio Magno


Il campo di battaglia era inzuppato dal sangue, scuro come l’animo dell’uomo misterioso che l’aveva liberato dalla prigionia della carne. Era circondato da una fitta distesa di cadaveri, attendeva immobile, come un monumento posto in veglia a quei morti. Teneva una katana ben serrata nella destra, dal filo letale e immacolato, come se non fosse mai stata usata per uccidere.
Il silenzio tombale era interrotto solo da una leggera brezza, che cullava mesta la sua chioma corvina. Come per incanto, i cadaveri sparirono nel nulla. L’uomo attese, conscio di ciò che stava per accadere.
Levò la katana alta, quasi a saggiarne l’equilibrio, poi l’afferrò con entrambe le mani arroccandosi in posizione di difesa. Un’altra orda di uomini senza volto lo assalirono, soggiogati dalla furia omicida. Erano venuti al mondo col solo scopo di annientarlo. Si preparò ad affrontarli l’ennesima volta in un ciclo infinito frutto di una maledizione senza nome.
“Vi ho uccisi a migliaia in un tormento senza fine... ma non avrete la mia vita, né ora, né mai!”
Si lanciò con tutte le sue forze menando fendenti precisi, ognuno di essi era letale. Ma mentre volteggiava in quella danza di morte, si bloccò di colpo.
Era immobile, come una statua.
Venne accerchiato e dilaniato in pochi istanti.
Buio.

«Batteria del cazzo, dovevi scaricarti proprio adesso?!»
Alessio lanciò frustrato il joypad sul divano, imprecando. Ci ripensò su, poi collegò il cavo e lo riprese in mano più agguerrito che mai. Non poteva perdere.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4854

Re: Questione di energia

Messaggio#2 » lunedì 20 luglio 2020, 23:01

Sto arrivando per il controllo

Avatar utente
antico
Messaggi: 4854

Re: Questione di energia

Messaggio#3 » lunedì 20 luglio 2020, 23:10

Parametri ok! Che le Olimpiadi siano con te!

Avatar utente
Polly Russell
Messaggi: 639

Re: Questione di energia

Messaggio#4 » martedì 21 luglio 2020, 12:15

Ben trovato Puch.
Mmm... è un paletto abusata la storia del videogame, che è un po’ “the new si-svegliò-tutto-sudato” che va anche bene eh, intendiamoci. L’ho usata anche io, una volta.
Però qui, che sia un videogioco non posso proprio immaginarlo. Anche perché mi liquidi la ciclicità tipica del videogioco con “una maledizione senza nome”. Invece il dubbio che lo sia mi piacerebbe averlo, tanto per potermi dire, alla fine, “ visto? Lo dicevo io!” Che al lettore (almeno a me) piace. La trovata infatti, per cui si blocca, a causa della batteria, è davvero buona.
Polly

alexandra.fischer
Messaggi: 2008

Re: Questione di energia

Messaggio#5 » martedì 21 luglio 2020, 21:39

QUESTIONE DI ENERGIA di Alessio Magno Tema centrato in modo impeccabile. Il plot-twist è una tecnica narrativa di estrema complessità che tu padroneggi magnificamente. Quello che tu mostri all’inizio, ossia la rappresentazione di uno dei tanti possibili inferni della mitologia giapponese (di ispirazione tibetana), con il samurai condannato a rivivere all’infinito una battaglia perduta contro nemici fantasma in una landa insanguinata, è proprio il contenuto del videogioco che si inceppa sul più bello (vedi il guasto al videogioco) e che alimenta la volontà di rivalsa del giocatore Alessio, mentre per il samurai rappresenta forse un breve istante di oblio.

Emamela
Messaggi: 50

Re: Questione di energia

Messaggio#6 » martedì 21 luglio 2020, 22:05

Ciao Alessio,
la tua idea è davvero bella. Mi è piaciuto molto come introduci l’ambientazione molto cupa. Bellissimo il paragone con la danza della morte, i kata (figure) dello iaido sono spesso associati alla danza e, praticandolo, ti posso assicurare che è proprio così. Il finale mi ha lasciata un po’ così, ma forse perché ero dentro lo scenario da samurai e volevo saperne di più della sua maledizione. Ma ci sta, anche se già usato in molte altre versioni, fa l’effetto che desideravi, e bene.
A presto
Emanuela

Avatar utente
Dario17
Messaggi: 155

Re: Questione di energia

Messaggio#7 » mercoledì 22 luglio 2020, 15:54

Oddio, no.
Il cliché del "era tutto un sogno" proprio non mi scende giù.
Ci sei andato duro con aggettivi aulici e magnificenti, messi anche piuttosto bene anche se ho percepito sullo sfondo un po' di sano esibizionismo lessicale, per descrivere solo un Nioh?
Se si parla di videogiocare, allora il tema c'è in quanto si tratta a stringere di una partita ai videogiochi, fosse stato uno scontro vero era più che altro voglia di sopravvivere.
Secondo me puoi fare di meglio a livello di originalita, visto come scrivi i mezzi ce li hai eccome (occhio alle virgole) .
Dacci dentro con la fantasia e sbaragliaci tutti!

Avatar utente
eleonora.rossetti
Messaggi: 553

Re: Questione di energia

Messaggio#8 » venerdì 24 luglio 2020, 10:16

Ciao Alessio, anche tu parli di videogiochi, vedo :)
Dunque, il pezzo si fa leggere, anzi, la prima parte è una prova di stile niente male. E' che quando si rivela essere soltanto un videogioco che mi perde un po' di meraviglia. Capisco comunque che tu voglia descrivere l'immersività, la tensione, e l'immedesimazione nel personaggio, e ci sta. Solo una cosa sul finale: da videogiocatrice incallita quale sono, so che quando il controller si spegne il gioco si freeza e parte l'obbligo di ricollegamento per continuare, inoltre la console avvisa per tempo che si sta scaricando. Per questo il colpo di scena mi è un po' sembrato forzato.
Alla prossima e buona Olimpiade!
Uccidi scrivendo.

Avatar utente
Giorgia D'Aversa
Messaggi: 106

Re: Questione di energia

Messaggio#9 » sabato 25 luglio 2020, 15:35

Ciao Alessio, una prova interessante.
Non ho capito il perché del corsivo nella prima battuta di dialogo: era superfluo dato che già distingue tra virgolette alte e caporali della seconda parte. Non mi ha fatto impazzire l’espediente del videogioco, interrompe la narrazione in maniera inaspettata ma non piacevole (almeno per quel che mi riguarda).
Però devo dire che la differenza di punto di vista e di stile tra le due parti si nota ed è apprezzabile, quindi nota di merito su questo. Riesci a evocare una buona sensazione di mistero e una bella atmosfera, quindi ti perdono il cliché del “risvegliarsi da un sogno” :)

Avatar utente
Gabriele Dolzadelli
Messaggi: 300
Contatta:

Re: Questione di energia

Messaggio#10 » domenica 26 luglio 2020, 23:04

Ciao Alessio.
Ci sono un po' di cose che non funzionano in questo racconto e che lo rendono non del tutto ben riuscito.
Un primo aspetto è l'uso di alcuni periodi lunghi (soprattutto i primi) e di aggettivi un po' superflui. Che la chioma sia corvina serve poco ai fini del racconto. Insomma, mi è parso eccessivamente pomposo.
Un secondo, invece, è l'uso del colpo di scena finale. L'avrei apprezzato se fossimo stato in qualche edizione precedente, ma ultimamente l'ho visto così tanto abusato che ha perso molto in originalità e non mi ha più strappato l'effetto wow.
Un'ultima perplessità l'ho avuta sulla battaglia perenne. Essendo un videogioco non dovrebbe, invece, avere una fine?
Alla prossima.

Torna a “100 metri piani: Minuti Contati Special Olympic Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite