Io voglio vincere!

Partenza: 20/07/2020 ore 22.00
Avatar utente
Fagiolo17
Messaggi: 205

Io voglio vincere!

Messaggio#1 » lunedì 20 luglio 2020, 22:58

«Vedo.» dice il Rosso.
Dimezza una delle sue pile pericolanti e lancia una manciata di fiches al centro. Socchiude l’occhio destro invaso dal fumo del sigaro e fissa il tizio seduto dopo di lui.
«Non è la mia serata» il Baffone si tocca lo stetson impolverato, «lascio spazio ai giovani.»
Si allontana barcollando col bicchiere pieno di whisky scuro.
È il mio turno. Ho un Dieci e un Asso. Se esce una Donna faccio scala. «Rilancio.»
«Sicuro ragazzino? Siamo abituati a fare sul serio da queste parti.» il tizio alla mia sinistra puzza più del mio cavallo, coi pochi denti che si ritrova biascica le parole.
«Ho detto rilancio.»
Mi agito sulla sedia e il mio revolver urta contro il piede del tavolo. Lo Sdentato lo guarda, poi mi scruta con occhi annacquati.
Con gli spiccioli che mi sono rimasti non mi pago neanche la cena, figuriamoci la stanza.
Il mazziere gira la quinta carta.
Merda, è un asso.
Il Rosso se la ride e il vecchio gli fa l’occhiolino: stanno cercando di fottermi?
«All in.» non posso tirarmi indietro ora.
«Ragazzo, non sai bluffare.» lo Sdentato spinge tutte le sue fiches col braccio, imitato dal Rosso. «Giocavo a poker quando ancora tua madre non sanguinava. Non hai niente.»
Rivelano la mano: Coppia di Re per il Rosso, tris di Sette per lo Sdentato.
Stringo i pugni finché non mi fanno male, io voglio vincere!
Lo sparo rimbomba nel saloon.
Il Rosso schizza in piedi. Lo Sdentato è riverso a terra con un buco in testa. Il mio revolver fuma.
«Coppia d’Assi batte coppia di Re. Ho vinto.»



Avatar utente
antico
Messaggi: 4841

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#2 » lunedì 20 luglio 2020, 23:02

Sto arrivando per il controllo

Avatar utente
antico
Messaggi: 4841

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#3 » lunedì 20 luglio 2020, 23:17

Ok tempo e caratteri, ma devi presentarti. Se sei su fb, mandami richiesta di amicizia ad Antico o a Maurizio Bertino.

coccolino
Messaggi: 39

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#4 » martedì 21 luglio 2020, 11:18

«Vedo.» dice il Rosso.

L'inizio mi fa pensare sia un racconto in terza persona. Il protagonista arriva diverse righe dopo, invece sarebbe meglio metterlo subito.



Socchiude l’occhio destro invaso dal fumo del sigaro e fissa il tizio seduto dopo di lui.

Due cose: "Occhio invaso dal fumo", non è una buona costruzione perché l'occhio al massimo è coperto dal fumo. Secondo, il tizio seduto dopo di lui non specifica esattamente "dove". Destra, sinistra? Quando leggevo non riuscivo a visualizzarlo.



È il mio turno. Ho un Dieci e un Asso. Se esce una Donna faccio scala. «Rilancio.»

Mio parere opinabile: non c'è bisogno di specificare le carte che il protagonista ha in mano, anche perché me le sono dimenticate quasi subito. "Se esce donna faccio scala", è sufficiente a far salire la tensione e far capire la posta in gioco.



«Sicuro ragazzino? Siamo abituati a fare sul serio da queste parti.» il tizio alla mia sinistra puzza più del mio cavallo, coi pochi denti che si ritrova biascica le parole.

È un dialogo un po' falso, troppo costruito. A parer mio sono due frasi fatte poste l'una accanto all'altra.



«Ho detto rilancio.»

Questo mi è piaciuto di più, è più vero.



Mi agito sulla sedia e il mio revolver urta contro il piede del tavolo.

"Agitarsi" può voler dire molte cose, non è chiaro quale movimento del ragazzino faccia urtare il revolver.
Inoltre sarebbe stata un'occasione perfetta per far salire ulteriormente la tensione, tipo un'allusione degli altri giocatori: "Hai un revolver lì?"



Stringo i pugni finché non mi fanno male.

Ho visto questa costruzione milioni di volte, non mi piace per niente. In vita mia non ho mai stretto i pugni finché mi facevano male. È una cosa molto rara che viene però molto abusata.



Lo sparo rimbomba nel saloon.
Il Rosso schizza in piedi. Lo Sdentato è riverso a terra con un buco in testa. Il mio revolver fuma.
«Coppia d’Assi batte coppia di Re. Ho vinto.»

Il finale mi è piaciuto, posto che non trovo un gran significato al racconto. Serve più a delineare il personaggio, cosa che secondo me è riuscita abbastanza. Lo troverei più riuscito come incipit.

Avatar utente
Fagiolo17
Messaggi: 205

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#5 » martedì 21 luglio 2020, 21:37

Ciao e grazie per il tuo commento.

ti rispondo punto per punto o quasi.

Il tizio seduto dopo di lui è inteso dopo di lui in ordine di gioco, mi sembrava superfluo indicare da che lato visto che il poker ha un giro fisso e avevo già messo "destro" poco sopra per indicare l'occhio del Rosso e sinistro poco sotto per indicare lo Sdentato.

Ho specificato che carte ha in mano il cowboy così quando esce il secondo asso il lettore sa già che punto ha in mano.

Avrei voluto dettagliare meglio quell'agito, ma il numero di caratteri e il tempo hanno giocato a mio sfavore. Speravo bastasse per immaginarsi una persona a disagio che si muove sulla sedia.

A me è capitato di stringere i pungi per la rabbia non fino a farmi sanguinare i palmi come si legge spesso nei romanzi ma è un figura che ho sempre trovato calzante e rappresentativa della rabbia.

Il racconto rappresentava solo una partita a poker e la voglia di vincere di un ragazzo esasperata al limite, tanto da fargli sparare in testa ad uno sconosciuto pur di portarsi a casa i soldi.

Mi fa piacere tu lo veda bene come incipit, significa che intriga, crea conflitto e spinge a desiderare di conoscere più dettagli sul ragazzo. Lo considero un grande complimento.

coccolino
Messaggi: 39

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#6 » martedì 21 luglio 2020, 23:03

Ciao! Figurati, mi ha fatto piacere analizzare il tuo testo.

Voglio risponderti giustificando le mie critiche. Per quanto riguarda quel dopo/alla mia destra/sinistra l'ho portato in ballo perché leggendolo non riuscivo a visualizzarlo e ha creato un po' di distacco dalla scena. Sono d'accordo che non è la fine del mondo, e poi d'altra parte è solo la mia opinione.


Per quanto riguarda la combinazione di carte, vorrei insistere: non è importante. Secondo me non devi sopravvalutare il lettore in termini di attenzione. Fatica a ricordare i nomi, figuriamoci le carte in mano e le possibili combinazioni. Su questo punto sono più convinto del precedente.

Per quanto riguarda il movimento sulla sedia, andrebbe bene una cosa tipo "mi raddrizzo sulla sedia e la pistola urta una gamba del tavolo".

Parlando dei pugni, a me questa immagine non piacerà mai e poi mai, scusa XD.


"Mi fa piacere tu lo veda bene come incipit, significa che intriga, crea conflitto e spinge a desiderare di conoscere più dettagli sul ragazzo. Lo considero un grande complimento."

Continua a lavorarci su! Per me la chiarezza nell'esposizione è l'aspetto più importante.

Avatar utente
maurizio.ferrero
Messaggi: 417

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#7 » mercoledì 22 luglio 2020, 21:17

Ciao Fagiolo, piacere di leggerti

La tua storia mi è piaciuta molto. La voglia di vincere questa mano di poker è tale da far sì che il protagonista vada fuori dalle regole del gioco e si crei la sua strada per una sanguinosa vittoria.
La suspance viene a crearsi molto bene, i dialoghi botta e risposta, brevi, sono molto accattivanti.
Vedo che c'è qualche pasticcio con punteggiatura e maiuscole: virgole fuori posto, maiuscole mancanti dopo un punto e così via. Dall'orario in cui l'hai postato, immagino tu l'abbia buttato dentro di tutta fretta... Per cui non avrai potuto fare molti giri di correzioni. Niente di grave, in ogni caso.
Un buon lavoro. A presto!

Avatar utente
raffaele.marra
Messaggi: 397

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#8 » giovedì 23 luglio 2020, 0:35

Non mi ha convinto del tutto, nonostante lo abbia trovato molto originale. L'ambientazione sembra essere quella del far-west, ma non ne sono sicuro. Sentire "all-in" mi ha riportato a un tempo più attuale, nonostante si parli di cavalli e di revolver. Questa indecisione sull'ambientazione (che potrebbe essere solo mia), non è comunque un problema significativo. Ciò che non mi convince è la storia in sé, che narra di un giocatore di poker che, pur di vincere, uccide uno dei suoi avversari con un colpo di pistola. La trovo un po' debole, come idea. Magari la scena in sé potrebbe anche essere credibile all'interno di un racconto molto più lungo o, perché no, in un film. Ma presa così, nella sua singolarità, lascia inevitabilmente un senso di indefinito che un tantino delude. Lo stile mi sembra buono, impegnato nella evocazione di un'ambientazione opportuna attraverso i dialoghi, i nomignoli e, in generale, la scelta lessicale. Insomma, una prova non male, però con qualche perplessità.

Avatar utente
Fagiolo17
Messaggi: 205

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#9 » giovedì 23 luglio 2020, 7:21

Ciao Maurizio e grazie del commento.
Mi fa piacere che il racconto ti sia piaciuto. Ho dovuto tagliare e modificare fino all'ultimo e ho perso per strada maiuscole e virgole. Me ne sono accorto poco dopo averlo postato, ma era troppo tardi per sistemarlo.

Ciao Raffaele e grazie del tuo commento.
Il poker Holdem in realtà è stato introdotto ufficialmente nel 1967, quindi il mio racconto non è accurato dal punto di vista "storico". In un'ora non avevo il tempo per documentarmi su altre varianti e ho proseguito con la versione che conoscevo meglio del gioco.
Ma magari il tutto è ambientato a Gilead e lì il poker ha avuto una diffusione precoce... Chissà!
A parte le battute sì, la scena è un po' sospesa e in un racconto più ampio avrebbe reso meglio e sarebbe stata più accurata, quindi ti ringrazio per il tuo parere.
Non avevo mai scritto un racconto di 1.5000 caratteri, sono un niente. È stato difficilissimo!

Avatar utente
Adry666
Messaggi: 521
Contatta:

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#10 » giovedì 23 luglio 2020, 18:20

Io voglio vincere!, di Fagiolo17

Ciao Fag,

nome strano, ma tema centrato anche nel titolo :-)

La tua narrazione sembra una scena western di un film di Sergio Leone, non male. Buona ambientazione e ritmo sostenuto.
Ci sono alcune imprecisioni nella scrittura, ma vista la tipologia di competizione è più che giustificata.
Il finale lascia un po’ interdetti, sembra un po’ troppo “facile” uccidere il compagno di poker per poter vincere.

Nel complesso buona prova
Ciao
Adriano

Avatar utente
Gennibo
Messaggi: 329

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#11 » sabato 25 luglio 2020, 0:42

Ciao Fagiolo, il tuo è un racconto che mi ha ricordato un incipit di Carofiglio, si entra subito nella storia, le pistole mettono in risalto il tipo di gente che c’è, belle le immagini che riesci ad evocare, le caratterizzazioni ci aiutano a seguire la storia, ed è interessante anche il finale, con la battuta che spiega le ragioni dell’omicidio. Bravo.

alexandra.fischer
Messaggi: 2004

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#12 » sabato 25 luglio 2020, 17:35

Tema centrato in modo efficace. E con un genere difficile, il western. In pochi tratti ci fai respirare l’atmosfera fumosa e alcolica del saloon e la tensione del gioco d’azzardo con i due bari. Io vedo così il Rosso e lo Sdentato. E sono d’accordo con la prudenza del Baffone a inizio storia. Ma il Nostro è veramente nelle grane, così, trova la carta vincente a modo suo (usando il revolver).

Attento:
la frase con la virgola, «lascio spazio ai giovani» (la vedrei meglio con il punto a capo e scritta: «Lascio spazio ai giovani»)
Whisky scuro (frase che mi lascia in dubbio; non esiste il whisky bianco, che io sappia)
«Sicuro ragazzino?» («Sicuro, ragazzino?»)

zan
Messaggi: 25

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#13 » sabato 25 luglio 2020, 18:57

Ciao Fagiolo17,

Il racconto mi è piaciuto! Ci si immerge subito nella scena, e con i nomi dei personaggi riesci a renderli vividi al lettore con una descrizione minima. Anche il protagonista è realistico, i suoi pensieri sono in linea con la descrizione... Davvero un bel lavoro. Anche l'idea è molto originale. Per non parlare del finale, adeguato alla storia ma comunque sorprendente. Nel complesso un bel racconto, complimenti!

Avatar utente
DandElion
Messaggi: 603

Re: Io voglio vincere!

Messaggio#14 » domenica 26 luglio 2020, 23:37

Ciao Fagiolo!
Molto scorrevole il tuo stile, niente male la narrazione. I personaggi sono delineati con pochi dettagli e le descrizioni funzionano.
Avrei accennato qualche tratto in più per far capire che l'ambientazione è western, magari non aspettando le ultime battute per dire "saloon". Mi spiego, "cavallo" può essere un comune fantino odierno, non necessariamente un cowboy, - sono cresciuta a cento metri da un ippodromo, nella mia testa il cavallo non è una roba di altri tempi- e revolver mi richiama più i bassi fondi di qualche città americana che non Wild wild west.
a parte questo è interessante il plot twist e sarei curiosa di sapere come altro può muoversi questo racconto.
#AbbassoIlTerzoPuntino #NonSmerigliateLeBalle
#LicenzaPoeticaGrammatica
Adoro le critiche, ma -ve prego!- che siano costruttive!!

Torna a “100 metri piani: Minuti Contati Special Olympic Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite