Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Simone Marzola
Messaggi: 64

Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#1 » mercoledì 5 agosto 2020, 9:05

Il cacciavite cade dalla mano di Mae.
La stanza è sottosopra, il letto ribaltato, ma ciò che attira lo sguardo della dottoressa è il paziente.
Peter rantola e gorgoglia, la fessura su quello che dovrebbe essere il volto pronuncia sillabe sconnesse, una parodia di una lingua, mentre il resto del corpo assume forme non euclidee, cerchi e angoli che un corpo non dovrebbe avere. Organi e arti si mischiano tra loro con suoni disgustosi, risucchi, scoppi e flatulenze, mentre entrano ed escono dalla loro sede, mimando un perverso quadro di Escher. Le dita strisciano lungo tutto il corpo, come vermi disgustosi fermandosi attorno alla bocca, entrando e prendendo il posto dei denti. Il ventre si gonfia oltre misura, lucido e prominente, mentre sulla schiena la spina dorsale scivola fino ad uscire dall’ano torcendosi su sé stessa a formare una coda. Polmoni e cuore pulsano sul dorso della creatura, mentre gli intestini vorticano e scorrono senza sosta lungo tutta la superficie del corpo.

Nicolai stringe l’estintore, l’unico modo che ha di mantenere la sanità mentale mentre quello che era il suo compagno astronauta, il suo amico, si alza in posizione eretta con fatica. Sembra stia cercando di capire come muoversi, imparare a camminare mentre non ha ancora deciso che forma assumere.
Un primo passo, i femori ticchettano sul pavimento liscio, un vagito: l’istinto diventa più forte, prende il sopravvento e Nicolai lancia la sua arma verso Non-Peter.
La creatura fa scattare il suo braccio, ormai più simile alla chela di un insetto.
L’estremità si chiude intorno all’estintore. Il metallo oppone resistenza, ma la pressione di una forza inumana lo deforma, lo piega. Esplode.
Una nube di agenti chimici invade la stanza facendo sparire Non-Peter in una nebbia biancastra, lattiginosa. Nicolai spalanca gli occhi, cerca di penetrare quella cortina di fumo. Si mette in guardia, pronto a difendersi con le unghie e con i denti se necessario. Un grido acuto invade l’infermeria, più frustrazione che dolore, poi, metallo che viene squarciato, un rumore liquido, come se qualcosa di viscoso stesse colando in un tubo.
L’infermeria piomba nuovamente nel silenzio, pochi secondi e anche la nebbia si dirada. Un condotto di ventilazione è completamente aperto, la grata distrutta e Non-Peter non è più lì. Nicolai osserva i tubi e i condotti sopra la sua testa, chiedendosi se quella cosa li stia guardando.
Mae è accucciata, le mani ancora sulle orecchie, gli occhi serrati.
«Mae, se n’è andato» dice Nicolai. Lei non si muove, rimane ferma. Ciondola leggermente avanti e indietro.
Lui le tocca una spalla. La donna grida e scatta come una molla, striscia sul pavimento per allontanarsi, il volto terrorizzato. Ansima e si guarda intorno. Con la mano raggiunge il cacciavite e lo tiene davanti a sé.
«Mae, se n’è andato» ripete Nicolai piano, avvicinandosi. Cerca di sembrare tranquillo, i palmi all’insù, le mani che tremano. La mascella si contrare dolorosamente, la vista è annebbiata, ma non vuole cedere per sé stesso e per lei. Sente le pulsazioni tambureggiare fin nel cervello.
«Cosa… cosa… cosa» la dottoressa non riesce a dire altro. Gli occhi scattano all’impazzata in ogni direzione.
«Mae, siamo tu e io… guardami.»

La donna fissa lo sguardo su Nicolai, deglutisce. Il respiro inizia a calmarsi, il petto si alza e si abbassa sempre più regolarmente. Mae chiude gli occhi, inspira profondamente. Sente il gusto del sangue in bocca, le guance e la lingua le fanno male. Qualche lacrima scende e si fa strada sulle guance fino al mento. Non singhiozza. Non emette suono. Pensa che se lasciasse uscire qualcosa, anche il raziocinio uscirebbe con esso. Solo il respiro lascia uscire. Il cuore martella nel petto.
Quando riapre gli occhi, la donna è più calma, anche se ancora trema. Anche le mani di Nicolai tremano.
Mae si fa aiutare ad alzarsi. Con l’altra mano stringe ancora il cacciavite, le unghie che segnano il palmo.
«Tutto bene?» le chiede Nicolai. Domanda stupida pensa, ma devono riportare la situazione alla normalità se vogliono sopravvivere.
Mae annuisce, si sistema la coda di capelli corvini. La stringe e la sistema come faceva quando andava a correre o quando si preparava a una gara di atletica. Un gesto semplice ma che le ridà determinazione.
La dottoressa guarda il punto dove la creatura Peter li aveva accolti. Una secrezione viscida segna il percorso della creatura fino al condotto di aerazione. Incredibile come sia riuscita a passare, è troppo stretto, si dice Mae, ma sa che Peter va oltre la sua comprensione.
Si avvicina alla melma di colore bianco, riflessi gialli sulla superficie sembrano salutarla, vogliono attirarla a sé, come oro liquido sotto la fredda luce artificiale. Troppo simile a quella trovata vicino ai generatori per non essere la stessa. La donna prende un tampone e una provetta da un ripiano e raccoglie un campione. La sostanza si allunga verso il tampone, lo abbraccia e lo avvolge. Mae richiude il vasetto prima che possa arrivarle alla mano.
«Guarda…» dice mostrando al compagno il flaconcino. La sostanza cola sul fondo. Nicolai si sente osservato, anche se non vede occhi. «Vieni voglio vedere una cosa…» continua la donna.
«Dobbiamo andarcene da qui» taglia corto il russo.
«Nicolai, non facciamoci prendere dal panico. Se uscissimo ora, rischieremmo di venire investiti dalle radiazioni» Lascia l’infermeria. Deve recuperare il barattolo che ha lasciato nella camera di depressurizzazione.
«Panico?» gli occhi si sgranano, il collo si gonfia. «Hai visto quella cosa di là?»
«Quella cosa ha un nome. Era Peter!» sbotta Mae, senza voltarsi.
«Esatto! Era! Ora noi ci copriamo, prendiamo l’orso e ce ne andiamo.» urla Nicolai inseguendola.
«Ah sì? E dove vorresti andare?» Mae si pianta nel corridoio.
«Verso la Orion. Se ci avviciniamo al punto dove si sono nascosti, un segnale potrebbe raggiungerli. Potremmo chiedere un recupero d’urgenza.»
«Nicolai, è un suicidio!»
«E stare qui cosa sarebbe?»
Mae rimane interdetta. Nicolai non ha tutti i torti. Ripensa di nuovo al giuramento che ogni medico deve fare. Si vergogna per aver pensato di metterlo da parte solo perché nessuno può vederla. Lei porterebbe sempre con sé quel tradimento. Dopo aver visto Peter in quelle condizioni, però... Dio solo sa il dolore che sta provando. È sicura stesse solo cercando aiuto.
«Abbiamo tutto quello che ci serve per sopravvivere... e ho gli strumenti per fare delle analisi, per aiutare Peter.»
«Blyad’! Quello non è più Peter!» sbotta il russo, dimenticando le buone maniere e l’inglese nella foga. «Cosa pensi di fare, di rimetterlo insieme? Come un puzzle?»
Mae vede un bagliore bluastro. L’aurora boreale marziana. La tempesta è sopra di loro. Un brivido le scende dall’attaccatura dei capelli lungo tutta la spina dorsale, mentre spera che il materiale speciale di cui sono fatti gli oblò e le pareti che li circondano riescano a proteggerli dalle radiazioni. Spera che non ci siano guasti al supporto vitale.
«Guarda! L’aurora! Siamo in mezzo alla tempesta solare.»
«Fai quello che vuoi. Io qui non ci rimango» replica Nicolai testardo, allontanandosi.
Mae scuote la testa. Devono raggiungere l’altro lato del pianeta. È un’impresa disperata in quelle condizioni.
La dottoressa si guarda intorno. La sua tuta è sul pavimento, buttata lì prima che… prima di vedere Peter.
«Dov’è finito?» Mae solleva la tuta, il casco, controlla la camera di depressurizzazione centimetro per centimetro. Niente. Sparito. La cosa non la fa stare tranquilla. E se lo dicesse a Nicolai non farebbe che avvallare la sua tesi di fuga. Deve capire cosa è quella sostanza.

Il russo borbotta mentre si allontana. Non vuole stare un minuto di più lì dentro con quella creatura che striscia nei condotti. Provviste, acqua, aria. Magari qualcosa con cui difendersi. Marte sembra non essere più così disabitato. Nel piccolo magazzino dovrebbero esserci anche dei teli di scorta. Li può adattare alla tuta, ripararsi.
Nicolai guarda fuori. Le luci nel cielo sono affascinanti. Una danza continua, simile a quella visibile sulla Terra, ma così aliena nei colori. Un movimento ipnotico, rilassante.
La chela che cozza sul vetro lo riporta nel presente.
«Cazzo!» Nicolai incespica, cade all’indietro. Non-Peter sbatte contro il vetro, dapprima con quell’apparato chitinoso, poi con il resto del corpo. L’orifizio al posto della bocca si attacca al vetro come una ventosa e le dita tastano la superficie allargandosi. Gli occhi del mostro appaiono nella gola per cercare di scrutare nella struttura. Il rumore viscido e orribile che sente gli ricorda un polipo sbattuto contro gli scogli. L’essere si stacca, sembra mimare qualche parola, pallida memoria di umanità.
Nicolai si ritrae nell’ombra. Ancora un colpo e poi il silenzio della superficie marziana riprende il sopravvento. Come cazzo è possibile che riesca a sopravvivere lì fuori? Se lo dicesse a Mae non farebbe che confermare la sua folle idea di rimanere lì dentro. Speriamo non abbia sentito.
Rimane per un attimo fermo, per calmarsi i nervi. Dovrà decisamente prendere qualcosa con cui difendersi.
I teli sono accuratamente piegati. Non dovrebbe essere difficile sagomarli e fissarli con il nastro adesivo alla tuta. Gli basta arrivare all’orso e poi le schermature del mezzo lo avrebbero protetto. Pochi metri sul suolo marziano e si lascerà indietro quella follia. Si spera.
Gli spiace abbandonare Mae. Però potrebbe sempre tornare indietro a prenderla una volta che avrà contattato la Orion. Se sopravvive. Nicolai si sfrega la testa. Certo che sopravvivrà, è una tosta.
Ogni passo è misurato, lento, l’orecchio teso a ogni minimo rumore mentre prepara tutto il necessario per la fuga davanti alla camera di depressurizzazione. Se ha fatto i conti esatti gli ci dovrebbero volere quattro giorni per arrivare abbastanza vicino alla Orion.
Non sarà facile caricare tutto da solo sull’orso. Forse dovrebbe parlare ancora con Mae. Cercare di convincerla. A proposito di Mae, dove si è cacciata?
Nicolai afferra un tubo in metallo, un ricambio idraulico convertito a oggetto contundente. Poca roba visto quello che la chela della creatura poteva fare, ma sempre meglio che lottare a mani nude.
Il silenzio è innaturale. In momenti normali tengono acceso lo stereo, ma con la tempesta hanno tolto tutti i sistemi elettrici non necessari. Le luci al neon rendono le ombre più nette nei corridoi. Per sua fortuna non ci sono angoli in cui nascondersi. Escludendo i condotti dell’aria. Nicolai scuote la testa. Deve stare concentrato.
L’uomo avanza verso l’infermeria. «Mae?» chiama, ma la stanza è vuota. Dove si è cacciata? Non è così grande la base. Nicolai tende l’orecchio. Nessun rumore.
Sala comune, magazzino, cuccette. Nemmeno in laboratorio.
Resta la serra.
«Mae?» nessuna risposta. La stanza è nella penombra, la luce che arriva dal corridoio è insufficiente per illuminare l’intero ambiente.
Se accendo le luci, quella cosa rischia di distruggere tutte le piante, si dice il russo. Cerca a tastoni nella tasca una piccola torica di emergenza, il fascio sufficiente a rischiarare pochi passi davanti a lui.
Dall’ingresso Nicolai non riesce a vedere il fondo della stanza. Le strutture che sorreggono le piante mascherano la vista. Eppure, qualcosa sembra muoversi.
«Mae? Sei tu?» il russo stringe il tubo mentre avanza. L’umidità e il caldo sono soffocanti. Per ottimizzare lo spazio aveva disposto personalmente ogni filare e ora si trovava a camminare in un labirinto di erbe. Una curva a destra, una a sinistra, senza mai togliere lo sguardo da quel movimento.
«Mae? Cosa stai…»
La donna è in piedi, immobile. Si volta, gli occhi girati all’indietro, un bagliore dorato nello sguardo alla luce della torica. La melma cola incessante dal barattolo che ha in mano, inondando le piante.
Ultima modifica di Simone Marzola il giovedì 6 agosto 2020, 20:36, modificato 4 volte in totale.



alexandra.fischer
Messaggi: 1943

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#2 » mercoledì 5 agosto 2020, 18:00

Il tema è sullo sfondo. Peter, ridotto a creatura mutante, non è proprio sparito dalla stazione marziana. Gira non visto, per il terrore della dottoressa Mae e di Nicolai. Ogni tanto appare (bella la scena della chela che batte contro il vetro). La tempesta, più che fisica, è psicologica. Peter è mostrificato (per qualcosa accaduto alla base), Nicolai vuole scappare sulla nave di soccorso, a costo di lasciare sola la dottoressa e andare a prenderla in un secondo tempo…ma non arriva a farlo, perché anche lei subisce la stessa mutazione di Peter. SF interessante, da non far leggere ai prossimi selezionati per il programma marziano.
Attento:
più simile a una chela di insetto ormai (ormai più simile alla chela di un insetto)

Avatar utente
antico
Messaggi: 4714

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#3 » mercoledì 5 agosto 2020, 21:01

Bene, ok con i caratteri, ti ricordo che puoi modificare questo pezzo (non quello della TRACCIA 1) fino alla scadenza delle 23.59 di giovedì 6 agosto.

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#4 » giovedì 6 agosto 2020, 14:09

alexandra.fischer ha scritto:Il tema è sullo sfondo. Peter, ridotto a creatura mutante, non è proprio sparito dalla stazione marziana. Gira non visto, per il terrore della dottoressa Mae e di Nicolai. Ogni tanto appare (bella la scena della chela che batte contro il vetro). La tempesta, più che fisica, è psicologica. Peter è mostrificato (per qualcosa accaduto alla base), Nicolai vuole scappare sulla nave di soccorso, a costo di lasciare sola la dottoressa e andare a prenderla in un secondo tempo…ma non arriva a farlo, perché anche lei subisce la stessa mutazione di Peter. SF interessante, da non far leggere ai prossimi selezionati per il programma marziano.
Attento:
più simile a una chela di insetto ormai (ormai più simile alla chela di un insetto)



Grazie!! Modifico!

Avatar utente
Polly Russell
Messaggi: 614

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#5 » giovedì 6 agosto 2020, 14:46

Ciao Simone, davvero buono, l’ambientazione è ottima: molto “Alien”.
Personaggi ben resi, mi dispiace non aver letto il primo capitolo, ma anche così è una piacevole lettura. Ci sono un paio di faglie bel punto di vista. Usi un narratore onnisciente, non puoi usare espressioni come “una specie di...” ora non ricordo il punto preciso, ma un di volte usi frasi vaghe che un narratore onnisciente non dovrebbe usare. Se ho un paio di minuti prima del dentista, te me cerco.
Per il resto scorre bene.
Polly

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#6 » giovedì 6 agosto 2020, 15:13

Polly Russell ha scritto:Ciao Simone, davvero buono, l’ambientazione è ottima: molto “Alien”.
Personaggi ben resi, mi dispiace non aver letto il primo capitolo, ma anche così è una piacevole lettura. Ci sono un paio di faglie bel punto di vista. Usi un narratore onnisciente, non puoi usare espressioni come “una specie di...” ora non ricordo il punto preciso, ma un di volte usi frasi vaghe che un narratore onnisciente non dovrebbe usare. Se ho un paio di minuti prima del dentista, te me cerco.
Per il resto scorre bene.


Ciao Polly grazie!
Il feedback è prezioso perché in realtà volevo evitare il narratore onnisciente e cambiare pdv dall'uno all'altro personaggio, cercando di far percepire la scena secondo i pensieri di entrambi.
Posso chiederti per favore degli esempi, se e quando puoi? Così interverrei per cercare di entrare di più nell'ottica dei personaggi!

Grazie ancora!!

Avatar utente
Giacomo Puca
Messaggi: 159

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#7 » giovedì 6 agosto 2020, 17:25

Ciao Simone, eccomi a commentare il tuo 66% di racconto.

Il racconto scorre, la prosa non è sovraccarica e ciò rende la lettura scorrevole.
La scelta del narratore onnisciente poteva essere aggirata narrando i pdv dei due in parallelo, un po' come ha fatto Waldimiro nel suo racconto per capirci.
Mi sarebbe piaciuto se avessi spinto un po' di più sull'originalità. Non c'è praticamente niente che non si sia già visto, sembra "La cosa" ambientato su Marte. Immagino sia una specie di tributo ai classici di fantascienza/horror, però avrei gradito qualche novità.
Un consiglio che mi sento assolutamente di darti è quello di mostrare un pochino di più. Per esempio una delle scene clou, la trasformazione di Peter, non viene per nulla mostrata. Ci viene detto che assume forme non euclidee, che ricorda Escher... Però alla fine io come lo devo immaginare questo non-Peter? Stessa cosa coi suoni, sono disgustosi ok, ma che suoni sono?
Avresti avuto la libertà di sbizzarrirti con l'assurdo e il grottesco. Mostrare che so, che le mani gli si staccano, camminano per terra e vengono riassorbite dai piedi, che gli escono degli occhi sulla lingua... Dico cose a caso, però è per consigliarti di non lasciare che sia il lettore a dover immaginare la forma del mostro.

Un appunto tecnico. Le luci per la coltivazione sono tutto fuorché tenui. Sono fortissime! La coltivazione idroponica, quella che usa la NASA per intenderci, non prevede nessun irrigatore che nebulizzi l'aria!

Alla prossima, e buona maratona!
In narrativa non esistono regole, ma se le rispetti è meglio.

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#8 » giovedì 6 agosto 2020, 17:49

Giacomo Puca ha scritto:Ciao Simone, eccomi a commentare il tuo 66% di racconto.

Il racconto scorre, la prosa non è sovraccarica e ciò rende la lettura scorrevole.
La scelta del narratore onnisciente poteva essere aggirata narrando i pdv dei due in parallelo, un po' come ha fatto Waldimiro nel suo racconto per capirci.
Mi sarebbe piaciuto se avessi spinto un po' di più sull'originalità. Non c'è praticamente niente che non si sia già visto, sembra "La cosa" ambientato su Marte. Immagino sia una specie di tributo ai classici di fantascienza/horror, però avrei gradito qualche novità.
Un consiglio che mi sento assolutamente di darti è quello di mostrare un pochino di più. Per esempio una delle scene clou, la trasformazione di Peter, non viene per nulla mostrata. Ci viene detto che assume forme non euclidee, che ricorda Escher... Però alla fine io come lo devo immaginare questo non-Peter? Stessa cosa coi suoni, sono disgustosi ok, ma che suoni sono?
Avresti avuto la libertà di sbizzarrirti con l'assurdo e il grottesco. Mostrare che so, che le mani gli si staccano, camminano per terra e vengono riassorbite dai piedi, che gli escono degli occhi sulla lingua... Dico cose a caso, però è per consigliarti di non lasciare che sia il lettore a dover immaginare la forma del mostro.

Un appunto tecnico. Le luci per la coltivazione sono tutto fuorché tenui. Sono fortissime! La coltivazione idroponica, quella che usa la NASA per intenderci, non prevede nessun irrigatore che nebulizzi l'aria!

Alla prossima, e buona maratona!


Ciao Giacomo,

Grazie! Appena riesco intervengo!

Avatar utente
Polly Russell
Messaggi: 614

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#9 » giovedì 6 agosto 2020, 18:00

«Ai… t… o… iu… o…
questo proprio non mi piace, anche perché la frase successiva è più che sufficiente a spiegare il modo che ha di esprimersi.

Per il pov, se il tuo interesse è usare quello dei due protagonisti è inutile che ti segnalerò quelli che avevo visto, dato che pensavo fosse un narratore onnisciente, ma, in questa ottica, ho altri suggerimenti:
Il cacciavite cade dalla mano di Mae.
La stanza è sottosopra, il letto ribaltato, ma ciò che attira lo sguardo della dottoressa è il paziente.
«Ai… t… o… iu… o…» Peter rantola e gorgoglia, la fessura su quello che dovrebbe essere il volto pronuncia sillabe sconnesse, una parodia di una lingua, mentre il resto del corpo assume forme non euclidee, cerchi e angoli che un corpo non dovrebbe avere. Organi e arti si mischiano tra loro con suoni disgustosi, entrando e uscendo dalla loro sede, mimando un perverso quadro di Escher.
Nicolai stringe l’estintore, l’unico modo che ha di mantenere la sanità mentale mentre quello che era il suo compagno astronauta, il suo amico, si alza in posizione eretta con fatica. Sembra stia cercando di capire come muoversi, imparare a camminare mentre non ha ancora deciso che forma assumere.
Un primo passo, un vagito: l’istinto diventa più forte, prende il sopravvento e Nicolai lancia la sua arma verso Non-Peter.
La creatura fa scattare il suo braccio, ormai più simile alla chela di un insetto.
L’estremità si chiude intorno all’estintore. Il metallo oppone resistenza, ma la pressione di una forza inumana lo deforma, lo piega. Esplode.
Una nube di agenti chimici invade la stanza facendo sparire Non-Peter in una nebbia biancastra, lattiginosa. Un grido acuto invade l’infermeria, più frustrazione che dolore: Mae si tappa le orecchie e serra gli occhi nella speranza di dimenticare. Stringe i denti e la mascella, sente il gusto del sangue mentre si morde le guance per non urlare. Pensa che se lasciasse uscire qualcosa, anche il raziocinio uscirebbe con esso. Non vuole urlare. Non deve.
Nicolai spalanca gli occhi, cerca di penetrare quella cortina di fumo. Si mette in guardia, pronto a difendersi con le unghie e con i denti se necessario, ma quello che sente sono solo rumori, metallo che viene squarciato, un rumore liquido, come se qualcosa di viscoso stesse colando in un tubo.
passi dal pov di Mae a quello di Nicolai, tutto nello stesso paragrafo. Che andrebbe anche bene ma se non vuoi usare un narratore onnisciente forse dovresti mantenere un punto di vista unico per paragrafo, almeno.
Ovviamente anche in quelli dopo. ;)
Polly

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#10 » giovedì 6 agosto 2020, 18:16

Polly Russell ha scritto:
«Ai… t… o… iu… o…
questo proprio non mi piace, anche perché la frase successiva è più che sufficiente a spiegare il modo che ha di esprimersi.

Per il pov, se il tuo interesse è usare quello dei due protagonisti è inutile che ti segnalerò quelli che avevo visto, dato che pensavo fosse un narratore onnisciente, ma, in questa ottica, ho altri suggerimenti:
Il cacciavite cade dalla mano di Mae.
La stanza è sottosopra, il letto ribaltato, ma ciò che attira lo sguardo della dottoressa è il paziente.
«Ai… t… o… iu… o…» Peter rantola e gorgoglia, la fessura su quello che dovrebbe essere il volto pronuncia sillabe sconnesse, una parodia di una lingua, mentre il resto del corpo assume forme non euclidee, cerchi e angoli che un corpo non dovrebbe avere. Organi e arti si mischiano tra loro con suoni disgustosi, entrando e uscendo dalla loro sede, mimando un perverso quadro di Escher.
Nicolai stringe l’estintore, l’unico modo che ha di mantenere la sanità mentale mentre quello che era il suo compagno astronauta, il suo amico, si alza in posizione eretta con fatica. Sembra stia cercando di capire come muoversi, imparare a camminare mentre non ha ancora deciso che forma assumere.
Un primo passo, un vagito: l’istinto diventa più forte, prende il sopravvento e Nicolai lancia la sua arma verso Non-Peter.
La creatura fa scattare il suo braccio, ormai più simile alla chela di un insetto.
L’estremità si chiude intorno all’estintore. Il metallo oppone resistenza, ma la pressione di una forza inumana lo deforma, lo piega. Esplode.
Una nube di agenti chimici invade la stanza facendo sparire Non-Peter in una nebbia biancastra, lattiginosa. Un grido acuto invade l’infermeria, più frustrazione che dolore: Mae si tappa le orecchie e serra gli occhi nella speranza di dimenticare. Stringe i denti e la mascella, sente il gusto del sangue mentre si morde le guance per non urlare. Pensa che se lasciasse uscire qualcosa, anche il raziocinio uscirebbe con esso. Non vuole urlare. Non deve.
Nicolai spalanca gli occhi, cerca di penetrare quella cortina di fumo. Si mette in guardia, pronto a difendersi con le unghie e con i denti se necessario, ma quello che sente sono solo rumori, metallo che viene squarciato, un rumore liquido, come se qualcosa di viscoso stesse colando in un tubo.
passi dal pov di Mae a quello di Nicolai, tutto nello stesso paragrafo. Che andrebbe anche bene ma se non vuoi usare un narratore onnisciente forse dovresti mantenere un punto di vista unico per paragrafo, almeno.
Ovviamente anche in quelli dopo. ;)


Ah ok grazie! Chiaro: appena riesco cerco di intervenire... Spero di fare in tempo!

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#11 » giovedì 6 agosto 2020, 20:29

Giacomo Puca ha scritto:Ciao Simone, eccomi a commentare il tuo 66% di racconto.

Il racconto scorre, la prosa non è sovraccarica e ciò rende la lettura scorrevole.
La scelta del narratore onnisciente poteva essere aggirata narrando i pdv dei due in parallelo, un po' come ha fatto Waldimiro nel suo racconto per capirci.
Mi sarebbe piaciuto se avessi spinto un po' di più sull'originalità. Non c'è praticamente niente che non si sia già visto, sembra "La cosa" ambientato su Marte. Immagino sia una specie di tributo ai classici di fantascienza/horror, però avrei gradito qualche novità.
Un consiglio che mi sento assolutamente di darti è quello di mostrare un pochino di più. Per esempio una delle scene clou, la trasformazione di Peter, non viene per nulla mostrata. Ci viene detto che assume forme non euclidee, che ricorda Escher... Però alla fine io come lo devo immaginare questo non-Peter? Stessa cosa coi suoni, sono disgustosi ok, ma che suoni sono?
Avresti avuto la libertà di sbizzarrirti con l'assurdo e il grottesco. Mostrare che so, che le mani gli si staccano, camminano per terra e vengono riassorbite dai piedi, che gli escono degli occhi sulla lingua... Dico cose a caso, però è per consigliarti di non lasciare che sia il lettore a dover immaginare la forma del mostro.

Un appunto tecnico. Le luci per la coltivazione sono tutto fuorché tenui. Sono fortissime! La coltivazione idroponica, quella che usa la NASA per intenderci, non prevede nessun irrigatore che nebulizzi l'aria!

Alla prossima, e buona maratona!


Sono riuscito a correggere! Ho aggiunto qualche elemento descrittivo in più alla creatura. Sì l'ispirazione forte è La Cosa e altre cosine qui e là, ma vorrei cercare di giocare sulla terza parte!
Per quanto riguarda l'ultima parte tecnica: grazie davvero! Mi ero fatto un po' di ricerche, ma non ero sceso in profondità sulla questione colture!

Grazie ancora dei feedback!

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#12 » giovedì 6 agosto 2020, 20:32

Polly Russell ha scritto:
«Ai… t… o… iu… o…
questo proprio non mi piace, anche perché la frase successiva è più che sufficiente a spiegare il modo che ha di esprimersi.

Per il pov, se il tuo interesse è usare quello dei due protagonisti è inutile che ti segnalerò quelli che avevo visto, dato che pensavo fosse un narratore onnisciente, ma, in questa ottica, ho altri suggerimenti:
Il cacciavite cade dalla mano di Mae.
La stanza è sottosopra, il letto ribaltato, ma ciò che attira lo sguardo della dottoressa è il paziente.
«Ai… t… o… iu… o…» Peter rantola e gorgoglia, la fessura su quello che dovrebbe essere il volto pronuncia sillabe sconnesse, una parodia di una lingua, mentre il resto del corpo assume forme non euclidee, cerchi e angoli che un corpo non dovrebbe avere. Organi e arti si mischiano tra loro con suoni disgustosi, entrando e uscendo dalla loro sede, mimando un perverso quadro di Escher.
Nicolai stringe l’estintore, l’unico modo che ha di mantenere la sanità mentale mentre quello che era il suo compagno astronauta, il suo amico, si alza in posizione eretta con fatica. Sembra stia cercando di capire come muoversi, imparare a camminare mentre non ha ancora deciso che forma assumere.
Un primo passo, un vagito: l’istinto diventa più forte, prende il sopravvento e Nicolai lancia la sua arma verso Non-Peter.
La creatura fa scattare il suo braccio, ormai più simile alla chela di un insetto.
L’estremità si chiude intorno all’estintore. Il metallo oppone resistenza, ma la pressione di una forza inumana lo deforma, lo piega. Esplode.
Una nube di agenti chimici invade la stanza facendo sparire Non-Peter in una nebbia biancastra, lattiginosa. Un grido acuto invade l’infermeria, più frustrazione che dolore: Mae si tappa le orecchie e serra gli occhi nella speranza di dimenticare. Stringe i denti e la mascella, sente il gusto del sangue mentre si morde le guance per non urlare. Pensa che se lasciasse uscire qualcosa, anche il raziocinio uscirebbe con esso. Non vuole urlare. Non deve.
Nicolai spalanca gli occhi, cerca di penetrare quella cortina di fumo. Si mette in guardia, pronto a difendersi con le unghie e con i denti se necessario, ma quello che sente sono solo rumori, metallo che viene squarciato, un rumore liquido, come se qualcosa di viscoso stesse colando in un tubo.
passi dal pov di Mae a quello di Nicolai, tutto nello stesso paragrafo. Che andrebbe anche bene ma se non vuoi usare un narratore onnisciente forse dovresti mantenere un punto di vista unico per paragrafo, almeno.
Ovviamente anche in quelli dopo. ;)


Dovrei aver girato tutto per rendere meno bruschi i cambi di pdv, andando a paragrafare meglio tra i due personaggi e rigirando le frasi dove necessario!
Spero di esserci riuscito nell'intento…
(Ho tolto anche la frase detta dal mostro, mi piaceva molto, ma in effetti è ridondante: ho salvato spazio per descrivere un po' di più la creatura)

Grazie ancora dei feedback! Super apprezzati!
Ultima modifica di Simone Marzola il giovedì 6 agosto 2020, 20:33, modificato 1 volta in totale.

Simone Marzola
Messaggi: 64

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#13 » giovedì 6 agosto 2020, 20:32

antico ha scritto:Bene, ok con i caratteri, ti ricordo che puoi modificare questo pezzo (non quello della TRACCIA 1) fino alla scadenza delle 23.59 di giovedì 6 agosto.


Ho rimaneggiato un po' il testo!

Avatar utente
Luca Nesler
Messaggi: 547
Contatta:

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#14 » giovedì 6 agosto 2020, 22:58

Ciao Simone, purtroppo non sono riuscito a leggerti prima e mi dispiace visto l'aiuto che mi hai dato. Leggerò per prima la tua terza traccia, promesso!
L'ambientazione è chiara e affascinante, cogli le ingerenze tipiche del genere e le porti avanti bene.
Dal punto di vista della trama direi che non è niente male. Il finale è angosciante e molli lì un cliffanger enorme. Chissà cosa tirerai fuori: incuriosisce molto. Il tema, chiaramente è centrato.
Sul piano tecnico fai periodi brevi e scorrevoli e sei abbastanza chiaro, ma usi molto tell e il PDV è parecchio ballerino. Se raffinassi il mostrato e fossi più rigoroso con la focalizzazione sarebbe ancora più avvincente, ne verrebbe un pezzo notevole. Anche così è godibile, intendiamoci. Si vede che scrivi con cognizione di causa, tuttavia sono convinto che ne guadagnerebbe.
Anche tu come Polly hai scelto una terza persona presente. Posso chiederti perché questa scelta? (io non l'ho mai usato)
Non mi soffermo a darti indicazioni perché sarebbe superfluo ora, ma se ti interessa in generale avere indicazioni puntuali, posso commentarti ancora quando avrò un attimo di tempo in più.
Scusami per lo scarso contributo.
Sono curioso del proseguo!

Avatar utente
antico
Messaggi: 4714

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#15 » venerdì 7 agosto 2020, 0:27

Molto bene, caratteri ok, pronto per il giudizio!

Avatar utente
antico
Messaggi: 4714

Re: Missione Orion - Capitolo 2 - Siamo soli?

Messaggio#16 » martedì 11 agosto 2020, 14:20

Una bella seconda parte con un cliffhanger che porta a concludere la lettura. Attenzione a una debolezza che mi è parsa bella grossa: se la creatura è uscita all'aperto, non credo abbia aperto e poi chiuso una porta... E quindi dovrebbe esserci una falla e Nicolai e Mae già belli e andati. Insomma, questo è un problemone logistico non da poco. Inoltre, non mi è piaciuto il tuo riferirti alla creatura come NON PETER, mi sembra una forzatura oltre che poco in linea con il bello stile che mediamente mostri in tutto il testo. Infine, il momento della separazione non mi sembra così dovutamente sottolineato, nel senso che mi accorgo andando avanti nella lettura che si sono allontanati così tanto mentre in prima battuta mi sembravano ancora nella stessa stanza o comunque in ambienti vicini. Riguardo alla traccia: occhio che li fai già ritrovare, i protagonisti e questo è un piccolo malus. Sulla tempesta: arriva, ma rimane sullo sfondo metre molto più presente è quella metaforica che investe Nicolai e Mae, quindi ok. In conlusione, confermo il pollice tendente verso l'alto, ma in modo meno convinto rispetto alla prima parte.

Torna a “Testi Seconda Traccia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite