Finalissima!

Per partecipare alla Sfida basta aver voglia di mettersi in gioco.
Le fasi di gioco sono quattro:
1) Il primo ottobre sveleremo il tema deciso da Debora Spatola. I partecipanti dovranno scrivere un racconto e postarlo sul forum.
2) Gli autori si leggeranno e classificheranno i racconti che gli saranno assegnati.
3) Gli SPONSOR leggeranno e commenteranno i racconti semifinalisti (i migliori X di ogni girone) e sceglieranno i finalisti.
4) Il BOSS assegnerà la vittoria.
Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 848

Finalissima!

Messaggio#1 » lunedì 16 novembre 2020, 10:24

Immagine

Chi la spunterà tra L'ultima volta, di Luca Fagiolo e Trinità lunare, di Matis KaraKorum?

L'ultima parola spetta a Debora Spatola!



Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 848

Re: Finalissima!

Messaggio#2 » lunedì 23 novembre 2020, 23:37

Commenti e assegnazione della vittoria di Debora Spatola!

La protagonista di Trinità Lunare è una fanciulla albina la cui dote sembra essere solo questa. Vive in un circo assieme ad altri personaggi atipici come lei e non sopporta più la sua condizione di “fenomeno da baraccone”. È una ragazza in età da marito ed è molto bella, dunque i suoi genitori pensano bene di cederla a un ricco lord in cambio della loro libertà.
Lei si offre volentieri e mi sembra anche ben disponibile ad offrire il suo cuore a questa persona, ma solo prima di scoprire che questo tizio è un ricco collezionista di macabro e la vuole solo per la sua collezione di esemplari pittoreschi.

La storia, anche se ha gli estremi per sviluppi più ampi di un racconto, è raccontata in modo semplice e scorrevole. Ho gradito la sorpresa quando è venuto fuori che si trattava di una ragazza albina.
Certo, raccontare una storia nelle poche battute che concede un racconto, è un’impresa ardua. Definire personalità e ruoli, dinamiche e intenti, è quasi impossibile. Però ho la sensazione che si poteva fare qualcosa di più. Forse meno personaggi ma quei pochi più approfonditi. Sarebbe bastato un pensiero introspettivo per dare profondità a una ragazza reclusa o un dialogo più emozionale con i suoi genitori. Dettagli, pochi accenni che toccassero il cuore.
In ogni caso lo sviluppo segue una logica, l’aneddoto iniziale in cui conosciamo una ragazza che ha voglia di farsi “conoscere”, l’ambito in cui è inserita, poi la novità che si propone nella sua vita.
Il finale però, è stato troppo frettoloso. Al fine di offrire un obbligato colpo di scena, un personaggio proposto come un galante pretendente si è trasformato in pochissime battute in uno sfruttatore.
Al posto dell’autore avrei preferito un lieto fine piuttosto che sovvertire una personalità senza dargli il beneficio di valide giustificazioni.


L’ultima volta è la breve storia (triste) di un mutaforma che in qualche modo offre i suoi servigi alle forze dell’ordine, un po’ come un infiltrato costretto a collaborare sotto minaccia. Si trasforma in una donna dello spettacolo al fine di tenere impegnato un uomo che si beccherà un arresto. La trasformazione è pericolosa e dolorosa e immagino anche umiliante.
Il personaggio principale si presenta bene, è gretto, zozzo e poveraccio. Si convince a collaborare per l’ultima volta perché ha intenzione di riempire il frigorifero.
La sua narrazione rimane mascolina e intrisa di sofferenza anche quando si trasforma in donna, e porta a compimento la missione nonostante sia stato scoperto e picchiato.
La scrittura è secca e priva di fronzoli ma anche qui - maledetti racconti brevi - ci sono pochi approfondimenti e la parte in cui avrei voluto trovare più personalità o più “disperazione”, è occupata da momenti in cui il nostro mutante ormai donna si inserisce nella festa e beve qualcosa.


Sono stati entrambi due racconti originali, che offrono diversi spunti per creare veri e propri romanzi, ma forse un racconto non deve offrire questo. Dovrebbe soltanto essere limitato a se stesso, completo e su misura per quello che si propone di essere.
Per aver limitato il numero di personaggi sulla scena, e per l’originalità, ho preferito L’ultima volta.
Per mio gusto personale e per ambientazione, mi è piaciuto di più Trinità Lunare.
Ma dato che sono obbligata a sceglierne uno soltanto, anche se sono stati due racconti molto gradevoli e sullo stesso piano, scelgo Trinità Lunare.

Avatar utente
MentisKarakorum
Messaggi: 182

Re: Finalissima!

Messaggio#3 » martedì 24 novembre 2020, 18:05

Vi ringrazio molto, sono davvero sorpreso del risultato. Essendo questo il mio primo tentativo mi date veramente un grande incoraggiamento a continuare a coltivare la mia passione. Prenderò sul serio i vostri commenti e forse amplierò quest'idea che avete apprezzato così tanto in un romanzo, facendo tesoro dei vostri consigli sul bisogno di aumentare la caratterizzazione dei personaggi, soprattutto della voce narrante.
I miei complimenti anche a Luca Fagiolo e agli altri racconti in gara nella semifinale che, in tutta sincerità, non reputo al di sotto del mio lavoretto, ma dei modelli da imitare.
Ci vedremo (leggeremo) presto ancora!
Di nuovo grazie di cuore a tutti.

Torna a “La Sfida ad Avvento”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite