L'inutile beffa.

Moderatore: Laboratorio

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

L'inutile beffa.

Messaggio#1 » martedì 6 ottobre 2015, 19:35

Non c'era giorno in cui Luigi non scrivesse una nuova lettera. Una volta sigillata dentro una busta me la consegnava affinché fossi io a recapitarla alla destinataria. C'era solo un difetto in questo procedimento, alquanto imbarazzante a dire il vero: le risposte le scrivevo io stesso perché l'ipotetica ragazza non esisteva.
Tutto cominciò un giorno in cui sorpresi Luigi in sala studio.
Lui, chino su un libro, emetteva con la bocca i soliti versi che davano l'idea di un fastidioso ronzio.
Tuonai alle sue spalle:
“Mia cugina è passata in Facoltà. Ti ha visto e gli sei piaciuto. Pensa, non parla che di te.”.
Detto questo lasciai cadere una foto di Agata, la mia ex, quella che mi aveva lasciato un mese fa per il francese.
Inconsapevole del morboso gioco che stavo avviando pensai solo al godimento di inventare una simile beffa.
Lui guardò la foto e si umettò le labbra:
“Com'è bella. Sembra la sirena di Waterhouse”
“Water che? E’ chi diavolo sarebbe?”
“Un pittore inglese. La sirena è il mio quadro preferito”
Lo sguardo rovente come uno schiaffo contrastava l'innocenza dei suoi occhi. Non vi erano dubbi: mi credeva!
Un altro avrebbe storto il naso, ma lui che a venti anni era calvo e al posto della bocca aveva una caverna, pareva un bambino fin troppo ingenuo.
Chi avrebbe potuto intuire cosa si provasse a essere prigionieri di un corpo decrepito? La causa di quel handicap a pochi importava, tutti però lo deridevano; ahimè, me compreso.
Da quel giorno iniziò a scrivere. Ed era come se facesse l'amore con i vocaboli perché ciò che elaborava dubito altri sarebbero stati in grado di trasmetterlo con egual enfasi.
Sfortuna volle che Elio, un mio amico, venne a conoscenza della farsa. Divertito si precipitò dal malcapitato che intanto disegnava sirene su carta.
“Basta scrivere, basta disegnare!” – diceva sparpagliando con slancio i fogli.
“Vai dalla tua bella! Devi vivere! Non puoi continuare a nasconderti!”
E rideva lui che senza tanti scrupoli portava le ragazze nei boschi per mettergli le mani dentro i vestiti, altro che storie.
Luigi lo guardava rapito borbottando la solita litania incomprensibile.
Il giorno dopo non si presentò in Facoltà, ma nulla escludeva avesse preso un malanno: così non mi preoccupai.
Il tempo però passava e la sua assenza cominciava a pesarmi come piombo.
Nel sole estivo che bruciava ormai la città finirono anche gli esami .
Mi decisi ad andarlo a trovare.
L'appartamento in cui viveva era malridotto quasi quanto lui e la porta di casa l'aprì una donna dall’aspetto bovino.
“Cercavo Luigi. Sono un compagno di… ”
Non riuscii a terminare il discorso che lei scoppiò a piangere.
“Non è più tornato. Un giorno è andato dalla fidanzata, non so nemmeno dove abitasse, erano mesi che si scrivevano, sai come sono gli innamorati... da allora è scomparso. La polizia ha fatto tutte le verifiche del caso. In realtà pare abbia acquistato un biglietto di sola andata per Londra. Sono riusciti a trovare l'hotel dove ha preso alloggio. Due notti ci è restato. Durante il giorno invece è andato a visitare il British Museum, un guardiano del museo ha affermato di averlo visto seduto davanti il quadro di una sirena per parecchie ore. Se solo fosse stato più normale, forse sarebbe riuscito ad avere più amici. Invece... Da quel momento nessuno l'ha più visto. In fondo, è maggiorenne. Non gli si può imporgli niente. Ma potessi sapere almeno se sta bene. ” E si asciugava le lacrime con un grembiule sporco di sugo.
D'allora non ho saputo più nulla di Luigi, è sparito dalla vita di tutti come un'ombra maldestra, ma il maledetto ronzio che sempre emetteva entra ancora nei miei sogni ogni notte, come si burlasse di me.
Io vorrei dirgli di smettere e di lasciarmi in pace, ma puntuale si ripresenta sempre.



Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Messaggio#2 » giovedì 8 ottobre 2015, 9:00

Ciao Alessandra.
C’è tanta sensibilità in questa storia triste e malinconica in cui alla fine vince il senso di colpa.
L’idea non è male ma la scrittura andrebbe, a mio modesto avviso, un po’ rivista e “asciugata”.
Ti riporto, ad esempio, le correzioni che io farei sull’incipit:

“Non c’era giorno in cui Luigi non scrivesse una nuova lettera. Una volta sigillata dentro una busta me la consegnava affinché fossi io a recapitarla alla destinataria. Quello che Luigi non sapeva era che (C’era solo un difetto in questo procedimento, alquanto imbarazzante a dire il vero: ) le risposte le scrivevo io stesso perché l’ipotetica ragazza non esisteva.
Tutto cominciò (ebbe inizio) un giorno in cui sorpresi Luigi in sala studio.
Lui, chino su un libro, emetteva con la bocca i soliti versi, che davano l’idea di un fastidioso ronzio quasi un ronzio.
Tuonai alle sue spalle:
“Mia cugina è passata in Facoltà. Ti ha visto e gli sei piaciuto. Pensa, non parla che di te.”.
Detto questo lasciai cadere una foto di Agata, la mia ex, quella che mi aveva lasciato un mese fa per il francese prima […]”.

Riflettendo sulla storia, poi, ho pensato che forse (ma è solo una mia idea e forse un po’ troppo sperimentale) anziché usare un solo punto di vista potrebbe essere interessante dividere la storia in due.
Una prima parte narrata in prima persona da chi prende in giro Luigi; la seconda parte utilizzando il punto di vista di Luigi.
Ma questa è solo una idea che mi è venuta in mente questa notte riflettendo sul racconto anche perché a me piace molto sentire in un racconto la “voce” dei perdenti, dei diversi. Non so se è molto praticabile con soli 5000 caratteri.

A presto.

:-)


Maria Rosaria

Luchiastro
Messaggi: 76

Messaggio#3 » giovedì 8 ottobre 2015, 17:31

Ciao Alessandra,

La storia è ben realizzata e interessante. Il fatto che Luigi si "innamori" di una foto trova spiegazione dal suo handicap (tra l'altro il tema è trattato senza retorica, anche con una bella dose di ironia: in questo senso toglierei il ahimé, me compreso del protagonista). Forse il fatto che addirittura si decida a partire per Londra da solo su ordine di Elio (per lui un semisconosciuto) lascia un po' straniti.

Questa frase, nella seconda parte, mi sembra troppo colloquiale: L’appartamento in cui viveva era malridotto quasi quanto lui e la porta di casa l’aprì una donna dall’aspetto bovino. Anche Il discorso diretto finale della donna andrebbe rivisto, troppe frasi brevi appesantiscono la lettura.

Avatar utente
Angela
Messaggi: 505
Contatta:

Messaggio#4 » venerdì 9 ottobre 2015, 20:19

Amando molto l'arte e la pittura (da profana), non mi stupisco affatto che qualcuno possa essersi innamorato di un dipinto. Lo sono stata io del "Narciso" di Caravaggio per tanto tempo dopo averlo visto a Roma :)
La trama da questo punto di vista mi piace molto e trovo tu l'abbia trattata con sensibilità, tanto è vero che la figura di un uomo vecchio, calvo ma con lo sguardo innocente ne esce vincente.
Tuttavia ci sono delle cose da sistemare nella forma che ti ho evidenziato. Anche il finale secondo me, anche se adeguato, andrebbe rivisto. Ci vuole un tocco di romanticismo, qualcosa che ammorbidisca il tono perché "ma puntuale si ripresenta sempre", non rende merito a una bella figura come l'uomo che hai descritto.
Passiamo ora agli appunti. Spero di rileggere la seconda stesura, ci terrei parecchio anche perché abbiamo un quadro in comune nei nostri racconti. A presto!

“Com’è bella. Sembra la sirena di Waterhouse”
Il termine straniero lo metterei in corsivo

“Un pittore inglese. La sirena è il mio quadro preferito”
“La sirena” andrebbe tra virgolette perché è il titolo dell’opera, dal momento però che si tratta di un dialogo e ci sono già le virgolette, puoi optare per il maiuscolo per evidenziarlo.

Lo sguardo rovente come uno schiaffo contrastava l’innocenza dei suoi occhi.
Contrastava “con” l’innocenza dei suoi occhi.

La causa di quel handicap a pochi importava,
quell’handicap.

Ed era come se facesse l’amore
Si cerca sempre di evitare le “d” eufoniche per quanto possibile. In questo caso puoi ometterla iniziando direttamente con “Era come se…”

trasmetterlo con egual enfasi.
Eguale enfasi.

“Basta scrivere, basta disegnare!” – diceva sparpagliando con slancio i fogli.
Taglierei “con slancio” che si addice più a un’azione diretta (prendere lo slancio, per esempio). Secondo me basterebbe dire che ha sparpagliato i fogli sul tavolo.

Il giorno dopo non si presentò in Facoltà, ma nulla escludeva avesse preso un malanno: così non mi preoccupai.
Semplicizza. “Il giorno dopo non si presentò in Facoltà, ma io non mi preoccupai, alla sua età avrebbe potuto benissimo prendersi un malanno”.

Se solo fosse stato più normale, forse sarebbe riuscito ad avere più amici. Invece… Da quel momento
Devi staccare i due periodi andando a capo.

Non gli si può imporgli niente.
Non gli si può imporre niente.

Ma potessi sapere almeno se sta bene.
Non iniziare una frase con “ma”.
Uno scrittore è un mondo intrappolato in una persona (Victor Hugo)

alexandra.fischer
Messaggi: 1743

Messaggio#5 » lunedì 12 ottobre 2015, 20:50

Ciao Alessandra Corrà,
il tuo racconto è toccante. Luigi è un ragazzo sensibile, scrive, disegna sirene per aprirsi alla vita e all'amore, forse per via del suo handicap (soffre della malattia dei "bambini vecchi"). Ha poco tempo per vivere e dunque, ben venga anche una fidanzata immaginaria. Taglierei la parte riferita alla procedura per recapitare le lettere: scrivendo semplicemente "c'era solo un difetto imbarazzante, le risposte le scrivevo io stesso. Toglierei elaborava: metterei esprimeva.
Correggerei: versi che davano l'idea di un fastidioso ronzio, così : versi dal ronzio fastidioso.
Correggerei: quel handicap con quell'handicap.

Correggerei mettergli, con metter loro.

alexandra.fischer
Messaggi: 1743

Messaggio#6 » lunedì 12 ottobre 2015, 20:56

Ancora qualche osservazione sul racconto: bello l'alone di mistero della scomparsa di Luigi a Londra, ma saperne di più non guasterebbe (anche solo un accenno). Interessante la donna dall'aspetto bovino che vive nell'alloggio malridotto. Chi è? Strano che si sia fidata di uno scambio di lettere senza informarsi dell'identità della ragazza prima di permettere a Luigi di partire. Questo, però è un mio parere. In una storia d'amore immaginario, possono anche esserci figure come la donna dall'aspetto bovino (anche lei suggestionata dalla fantasia di Luigi).

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 942
Contatta:

Messaggio#7 » martedì 13 ottobre 2015, 17:38

Le annotazioni puramente tecniche te le hanno già fatte tutte, e non credo di aver notato nulla di più a riguardo, penso che si riparino molto facilmente, quindi mi limito a osservare il racconto nel suo insieme.

Mi piacciono molto l'attacco e la conclusione del racconto, apprezzo i finali aperti che lasciano spazio sia alla tragedia che alla speranza. La parte centrale è un po' pastosa, la snellirei di alcuni paragrafi più lenti. L'amico che si intromette sembra non avere un ruolo sacrificabile, c'è un paragrafo dedicato a quel che fa lungo quanto il paragrafo per caratterizzarlo... sembra molto sbilanciato. Personalmente troverei un modo per espandere il suo ruolo radicalmente o (meglio) tagliarlo via del tutto, in modo che tutto possa essere vissuto dal punto di vista del narratore, senza una seconda voce.

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

Messaggio#8 » mercoledì 14 ottobre 2015, 18:32

Grazie a tutti per l'editing e i suggerimenti molto interessanti avuti fino adesso!
Nei prossimi giorni, oltre a mettere a posto il testo, cercherò di ricambiare il commento e leggere anche i vostri racconti!

Avatar utente
Peter7413
Messaggi: 478

Messaggio#9 » venerdì 23 ottobre 2015, 9:41

Un racconto che lascia bene impresse le sue immagini nella mente del lettore. Una storia semplice, due protagonisti rotondi che però celano demoni non così nascosti. Hai il suo fascino questo tuo modo di raccontare storie "malate" con stile semplice. Apporterei giusto qualche correzione di forma, ma una volta fatte quelle per me il racconto è ok.
Quindi:
 
CHIEDO LA GRAZIA PER IL RACCONTO DI ALESSANDRA

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

Messaggio#10 » domenica 25 ottobre 2015, 19:13

Trascrivo il BRANO REVISIONATO, grazie a tutti per i commenti!

L'inutile beffa.

Non c’era giorno in cui Luigi non scrivesse una nuova lettera. Una volta sigillata dentro una busta me la consegnava affinché fossi io a recapitarla alla destinataria. C’era solo un difetto in questo procedimento, le risposte le scrivevo io stesso perché l’ipotetica ragazza non esisteva.
Tutto ebbe inizio un giorno in cui sorpresi Luigi in sala studio.
Lui, chino su un libro, emetteva con la bocca i soliti versi, quasi un ronzio fastidioso.
Tuonai alle sue spalle:
“Mia cugina è passata in Facoltà. Ti ha visto e gli sei piaciuto. Pensa, non parla che di te.”.
Detto questo lasciai cadere una foto di Agata, la mia ex, quella che mi aveva lasciato un mese prima.
Inconsapevole del morboso gioco che stavo avviando pensai solo al godimento di inventare una simile beffa.
Lui guardò la foto e si umettò le labbra:
“Com’è bella. Sembra "la sirena" di Waterhouse”
“Water che? E’ chi diavolo sarebbe?”
“Un pittore inglese. La sirena è il mio quadro preferito”
Lo sguardo rovente come uno schiaffo contrastava con innocenza dei suoi occhi. Non vi erano dubbi: mi credeva!
Un altro avrebbe storto il naso, ma lui che a venti anni era calvo e al posto della bocca aveva una caverna, pareva un bambino fin troppo ingenuo.
Chi avrebbe potuto intuire cosa si provasse a essere prigionieri di un corpo decrepito? La causa di quell'handicap a pochi importava, tutti però lo deridevano; ahimè, me compreso.
Da quel giorno iniziò a scrivere. Era come se facesse l’amore con i vocaboli perché ciò che elaborava dubito altri sarebbero stati in grado di trasmetterlo con eguale enfasi.
Sfortuna volle che Elio, un mio amico, venne a conoscenza della farsa. Divertito si precipitò dal malcapitato che intanto disegnava sirene su carta.
“Basta scrivere, basta disegnare!” – diceva sparpagliando i fogli sul tavolo.
“Vai dalla tua bella! Devi vivere! Non puoi continuare a nasconderti!”
E rideva lui che senza tanti scrupoli portava le ragazze nei boschi per mettergli le mani dentro i vestiti, altro che storie.
Luigi lo guardava rapito borbottando la solita litania incomprensibile.
Il giorno dopo non si presentò in Facoltà, ma io non mi preoccupai, alla sua età avrebbe potuto benissimo prendersi un malanno
Il tempo però passava e la sua assenza cominciava a pesarmi come piombo.
Nel sole estivo che bruciava ormai la città finirono anche gli esami .
Mi decisi ad andarlo a trovare.
L’appartamento in cui viveva era malridotto quasi quanto lui e la porta di casa l’aprì una donna dall’aspetto bovino.
“Cercavo Luigi. Sono un compagno di… ”
Non riuscii a terminare il discorso che lei scoppiò a piangere.
“Non è più tornato. Un giorno è andato dalla fidanzata, non so nemmeno dove abitasse, erano mesi che si scrivevano, sai come sono gli innamorati… da allora è scomparso. La polizia ha fatto tutte le verifiche del caso. In realtà pare abbia acquistato un biglietto di sola andata per Londra. Sono riusciti a intercettare l’hotel dove ha preso alloggio. Due notti ci è restato. Durante il giorno invece è andato a visitare il British Museum, un guardiano del museo ha affermato di averlo visto seduto davanti il quadro di una sirena per parecchie ore. Se solo fosse stato più normale, forse sarebbe riuscito ad avere degli amici. Invece…
Da quel momento nessuno l’ha più visto. In fondo, è maggiorenne. Seppur sia sua mamma non posso più imporre niente. Potessi sapere almeno se sta bene, mio marito è morto tanti anni fa, mi era rimasto solo più lui. ” E si asciugava le lacrime con un grembiule sporco di sugo.
Dopo qualche anno mi sono trasferito con la mia famiglia in un'altra città e d’allora non ho saputo più nulla di Luigi. Fisicamente è sparito dalla mia vita come un’ombra maldestra, ma lo sgradevole ronzio che emetteva entra ancora nei miei sogni la notte, come si burlasse di me.
Io vorrei dirgli di lasciarmi in pace, in fondo ciò che è stato è stato, ma puntuale ogni notte si ripresenta sempre.

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 767

Messaggio#11 » martedì 27 ottobre 2015, 23:53

Forza Alessandra, ti do lo stesso consiglio che ho dato agli altri: Vai a commentare i racconti degli altri così da spronarli. Ti ricordo che chiuderò la sessione il 31/10.

alexandra.fischer
Messaggi: 1743

Messaggio#12 » venerdì 30 ottobre 2015, 19:14


Ciao Alessandra Corrà,
mi è piaciuto come hai migliorato il racconto, soprattutto alla luce delle spiegazioni che hai aggiunto riguardo alla sorte di Luigi.
Era già buono prima, ora ha acquistato ulteriore valore.
C'è ancora qualcosa da aggiustare.

Attenta al refuso: E' chi diavolo sarebbe? per E chi diavolo sarebbe?
Suona maluccio ahimè, me compreso (quel me compreso lo userei diversamente, riscrivendo la frase: tutti lo deridevano però, ahimè, me compreso, così: tutti, però, me compreso, lo deridevano, ahimè.

Avatar utente
Vastatio
Messaggi: 618

Messaggio#13 » venerdì 30 ottobre 2015, 22:49

Ciao,

Cattiveria che mi aspetterei più da ragazzini che da universitari. Trovo un po' pesanti alcuni vocaboli (umettò, farsa,...), che mal si sposano con lo stile semplice del racconto e del protagonista.

La frase finale, per quantos di effetto, la trovo un po' ridondante, avendo espresso lo stesso concetto poco sopra.

Poche cose in ogni caso. Spartaco può avere la tua schiena.

Chiedo la grazia.

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

Messaggio#14 » sabato 31 ottobre 2015, 11:25

Grazie ad Alexandra e Vastatio per gli ulteriori suggerimenti.
ecco la terza versione del racconto.

Non c’era giorno in cui Luigi non scrivesse una nuova lettera. Una volta sigillata dentro una busta me la consegnava affinché fossi io a recapitarla alla destinataria. C’era solo un difetto in questo procedimento, alquanto imbarazzante a dire il vero: le risposte le scrivevo io stesso perché l’ipotetica ragazza non esisteva.
Tutto cominciò un giorno in cui sorpresi Luigi in sala studio.
Lui, chino su un libro, emetteva con la bocca i soliti versi che davano l’idea di un fastidioso ronzio.
Tuonai alle sue spalle:
“Mia cugina è passata in Facoltà. Ti ha visto e gli sei piaciuto. Pensa, non parla che di te.”.
Detto questo lasciai cadere una foto di Agata, la mia ex, quella che mi aveva lasciato un mese fa per il francese.
Inconsapevole del morboso gioco che stavo avviando pensai solo al godimento di inventare una simile beffa.
Lui guardò la foto e si inumidi' le labbra:
“Com’è bella. Sembra la sirena di Waterhouse”
“Water che? E chi diavolo sarebbe?”
“Un pittore inglese. La sirena è il mio quadro preferito”
Lo sguardo rovente come uno schiaffo contrastava l’innocenza dei suoi occhi. Non vi erano dubbi: mi credeva!
Un altro avrebbe storto il naso, ma lui che a venti anni era calvo e al posto della bocca
aveva una caverna, pareva un bambino fin troppo ingenuo.
Chi avrebbe potuto intuire cosa si provasse a essere prigionieri di un corpo decrepito? La causa di quel handicap a pochi importava e tutti, me compreso, lo deridevano, ahimè.
Da quel giorno iniziò a scrivere. Ed era come se facesse l’amore con i vocaboli perché ciò che elaborava dubito altri sarebbero stati in grado di trasmetterlo con egual enfasi.
Sfortuna volle che Elio, un mio amico, venne a conoscenza della burla. Divertito si precipitò dal malcapitato che intanto disegnava sirene su carta.
“Basta scrivere, basta disegnare!” – diceva sparpagliando con slancio i fogli.
“Vai dalla tua bella! Devi vivere! Non puoi continuare a nasconderti!”
E rideva lui che senza tanti scrupoli portava le ragazze nei boschi per mettergli le mani dentro i vestiti, altro che storie.
Luigi lo guardava rapito borbottando la solita litania incomprensibile.
Il giorno dopo non si presentò in Facoltà, ma nulla escludeva avesse preso un malanno: così non mi preoccupai.
Il tempo però passava e la sua assenza cominciava a pesarmi come piombo.
Nel sole estivo che bruciava ormai la città finirono anche gli esami .
Mi decisi ad andarlo a trovare.
L’appartamento in cui viveva era malridotto quasi quanto lui e la porta di casa l’aprì
una donna dall’aspetto bovino.
“Cercavo Luigi. Sono un compagno di… ”
Non riuscii a terminare il discorso che lei scoppiò a piangere.
“Non è più tornato. Un giorno è andato dalla fidanzata, non so nemmeno dove abitasse, erano mesi che si scrivevano, sai come sono gli innamorati… da allora è scomparso. La polizia ha fatto tutte le verifiche del caso. In realtà pare abbia acquistato un biglietto di sola andata per Londra. Sono riusciti a trovare l’hotel dove ha preso alloggio. Due notti ci è restato. Durante il giorno invece è andato a visitare il British Museum, un guardiano del museo ha affermato di averlo visto seduto davanti il quadro di una sirena per parecchie ore. Se solo fosse stato più normale, forse sarebbe riuscito ad avere più amici. Invece… Da quel momento nessuno l’ha più visto. In fondo, è maggiorenne. Non gli si può imporgli niente. Ma potessi sapere almeno se sta bene. ” E si asciugava le lacrime con un grembiule sporco di sugo.
D’allora non ho saputo più nulla di Luigi, è sparito dalla vita di tutti come un’ombra maldestra, ma il maledetto ronzio che sempre emetteva entra ancora nei miei sogni ogni notte, come si burlasse di me.
Io vorrei dirgli di smettere e di lasciarmi in pace, ma puntuale si ripresenta sempre.

E SFIDO SPARTACO

Torna a “Sessione di Ottobre 2015”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite