Dal diario di Merilion

Moderatore: Laboratorio

Avatar utente
Vastatio
Messaggi: 618

Dal diario di Merilion

Messaggio#1 » martedì 6 ottobre 2015, 22:21

La missione era quasi finita.
Erano riusciti a trovare ed interrompere il flusso necromantico che impediva a Simbul di arrivare e dar loro una mano (anche perchè sarebbe stata dura tirare giù un Lich di immondesimo livello e un demone da soli).
Nonostante ciò la situazione non era delle più rosee.
Il druido era morto ed ora giaceva in una cassa nel piano etereo. Il chierico aveva finito gli incantesimi. Il prode guerriero era ora di 2° livello. Il nano era idiota come al solito e il mago, come sempre, non si vedeva in giro. L’unico contento era il ladro che, nascosto nelle ombre, contemplava il suo arco tornato alla potenza originaria.
Simbul apparve, come per magia (grazie al cazzo è una maga), dinnanzi ai nostri eroi.
-Complimenti avete interrotto il flusso che mi impediva di usare il Teletraporto. Tuttavia non abbiamo molto tempo per sconfiggire il demone. Dov’è il druido? - chiese la maga guardandosi intorno.
-Sta nel piano etereo a riposare - risuonò la voce del mago (invisibile e volante) da sopra le loro teste.
-Beh, portalo indietro che lo resuscito!
-Ma a che cavolo serve? Non potrebbe lanciare incantesimi quindi sarebbe inutile e poi dovremmo dividere i PX con lui!
-Muoviti che è sempre carne da macello!
-Giusto! - e dal nulla (come per magia) comparve uno splendido baule da almeno 5000 mo davanti alla maga. All’interno il corpo del druido e di un elfo.
-Dell’elfo non me ne faccio nulla è schiattato di brutto, tiro su solo il druido.
Dopo ventiquattro ore che era morto il druido riprese conoscienza, ma quello che vide non fu esattamente bello.
La stanza si stava espandendo e, quando le nebbie che l’avvolgevano si diradarono, il gruppo capì era nella merda fino al collo.
Davanti a loro si trovava il Lich con parte del suo esercito: una Morte Minore, quattro guerrieri di 10° livello, sei spettri, un mago di supporto e Eltab,il demone!
- MIIINCHIA apriamogli il culo!- questa era la voce di Adrillis lo spadone incantato del guerriero ora nuovamente di 10° livello grazie a Simbul.
La battaglia era iniziata.
Simbul marcava a uomo il Lich.
Il mago rovesciò addosso ai guerrieri una nuvola di acido. Il nano,il guerriero e il chierico combattevano contro l’orda di spettri. Il ladro scaricava le sue travi incantate sulla Morte Minore e il druido, trasformatosi in uccello, svolazzava allegro e beato verso la piramide in cui era prigioniero lo spirito del demone.
Ognuno si faceva i cazzi suoi, parando e colpendo i cattivi, fino a quando il druido non spiaccicò la gemma,dono di Simbul, su una parete della piramide.
Il Lich se la prese a male poichè ci aveva messo un bel po’ a costruire quel bordellone per imprigionare Eltab ed ora il demone era nuovamente libero e non sotto il suo controllo.
-Bisogna Ucciderlo!- fu il consiglio di Simbul, Adrillis(che comunque aveva sempre avuto quell’intenzione) e del Lich.
Il guerriero non se lo fece ripetere due volte e subito piazzò un colpo perfetto sulla gamba del demone.
La gamba cedette ed Eltab perse l’equlibrio. Si accasciò e decise di farlo sul nano (scoprendo in questo modo che se voleva uccidere in fretta il gruppo avrebbe dovuto svenire su tutti i componenti senza usare Spade o Fruste ciuccialivelli).
Nel frattempo la situazione stava per prendere una piega ancora più brutta.
Eltab, nonstante fosse stato ferito, aveva fatto in tempo a chiamare dal suo piano di esistenza alcuni suoi sottoposti ed ora i vortici di summoning coprivano ogni spazio bianco della lavagnetta.
Il mago evocò allora due Elementali del Fuoco per sollevare Eltab,paralizzato dalla sfiga, e liberare così il nano.
Bisognava agire in fretta.
Gli attimi successivi furono i più tragici.
Il chierico, per la grande cacarella, decise di attivare l’ultimo potere del suo scudo: -Ed ora con l’aiuto di Tempus vincerò. Attacco solare. Energia!
E l’energia venne e tostò senza problemi il chierico e tutto quello che gli stava vicino.
Un altro affondo del guerriero nelle immonde carni del demone e questi si ritirò nel suo piano d’origine giurando vendetta, ma i suoi allegri amici non scomparvero e continuarono la loro opera di distruzione.
Il ladro fu fatto a pezzi e il nano adeguatamente messo a tacere. Era l’ora di tagliare la corda.
I superstiti trascinarono i cadaveri verso il passaggio segreto indicato da Simbul al druido che, non avendo fatto cazzate per almeno 7 round, decise di dare un’occhiata al trono, su cui prima era confinata l’anima di Eltab.
E gli piacque tanto che volle andare a sedercisi sopra.
Risolto il problema della coglionaggine del druido grazie a una pozione Controllo Umani (ma per controllare il druido ne bastò un piccolo sorso, giusto una Controllo Deficienti), i tre si incamminarono per una scala che li portò all’aperto in mezzo a un allegro cimitero.
-Ma quella troia di Simbul ci doveva infilare proprio in questo passaggio segreto? lo sa che siamo sfigati da fare schifo coi non-morti, il nostro guerriero è ora un contadino con spadone +3 grazie a loro!- fu la gioviale imprecazione del mago.
E per tener fede alla proverbiale sfiga di gruppo i presenti sentirono di dover fare un tiro salvezza contro lo Charme dei vampiri. Tuttavia non c’erano cazzi e Simbul venne in aiuto dei suoi stipendiati permettendo così a questi di prepararsi per una nuova e potente avventura: la “ROD” (of seven part).



Avatar utente
Vastatio
Messaggi: 618

Messaggio#2 » mercoledì 7 ottobre 2015, 8:01

Nota: non perdete tempo a cercare di fare editing su questo racconto. E' inadatto alla vetrina.
Ieri sera stavo cercando qualche racconto da postare nel laboratorio tra quelli che ho in WiP, ma sforavano tutti il limite di caratteri in modo indecente.

La serata è proseguita rileggendo i riassunti delle sessioni di D&D del mio vecchio gruppo.
Questo è come scrivevo nel 1998, senza rileggere e "inter nos".

Se siete dei giocatori di ruolo magari vi potrà strappare qualche sorriso, altrimenti non datevi pena.

alexandra.fischer
Messaggi: 1758

Messaggio#3 » sabato 10 ottobre 2015, 20:24

Ciao Vastatio,
io ti ho letto con piacere. Mi hai strappato parecchi sorrisi. Ho capito che si trattava di un gioco di ruolo quando ho letto parole come round e livelli. Prima l'ho gustato come una buona prova di fantasy-fiction, dalla terminologia molto giovanilistica (sì, parlano proprio così e anche ai miei tempi c'era gente colorita). Io credo che potrebbe piacere agli appassionati di gioco di ruolo, certo, ma anche come racconto di per sé. Ha qualcosa di Lafferty. Bravo. Se limassi qualche espressione, magari adattandola più al mondo fantasy, saresti a posto (ad esempio, con il c....o che era una maga lo avrei scritto: con il demoniaco c...o che era una maga. Ma è solo un mio parere.

Avatar utente
Peter7413
Messaggi: 478

Messaggio#4 » sabato 17 ottobre 2015, 10:08

Però l'hai postato e quindi, da contratto, ti becchi anche un mio, pur minimo, commento (stilato secondo i dettami del nostro Spartaco)...
 
Punti di forza
Sembra scritto avendo sotto mano le carte di Munchkin, quindi è divertente, scanzonato, irriverente.
Punti deboli
Però è anche troppo lungo. Perdi la misura, andava chiuso prima o quanto meno rilanciato con qualche nuova idea invece di morire nel suo brodo primordiale.
Ci sono anche diverse D eufoniche, soprattutto nella prima parte, e alcune formulazioni un pelo ingenue non da te, semmai di un di te di anni e anni fa.
Migliorabile
Va riscritto con la tua skill attuale. Bene l'impronta generale, ma gli va data una chiusa migliore. Punterei anche a eliminare il nome dei personaggi, a meno che la loro presenza non sia giustificata da un'evoluzione della trama che, allo stato attuale, non si vede. Molto buona l'atmosfera scanzonata, ma va dosata meglio e resa funzionale per quello che vuoi narrare.

Avatar utente
Flavia Imperi
Messaggi: 312
Contatta:

Messaggio#5 » martedì 20 ottobre 2015, 21:53

Allora, da brava giocatrice di ruolo posso dirti che l'ho apprezzato, rivedendomi nei gesti assurdi (forse anche un po' troppo powerplay per i miei gusti XD) dei personaggi della giocata. Ma in effetti chiunque al di fuori della nostra cerchia nerd non capirebbe un'acca! Sì, a livello tecnico molte d eufoniche, virgole che mancano o eccedono, i trattini corti per i dialoghi (vanno usati quelli lunghi!) con gli spazi messi male. A livello stilistico invece, per l'appunto tutta la storia è la descrizione netta di una serie di eventi, manca un po' la parte narrativa. Sistemalo un po' e ne esce fuori un piacevole racconto per amanti di D&D.
Le storie sono tatuaggi dell'anima

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Messaggio#6 » venerdì 23 ottobre 2015, 0:31

Ciao,
intanto ti ringrazio per questa parentesi nerd che mi ha portata indietro di qualche anno :)

Credo che, se vogliamo prenderlo come un racconto, il punto di forza di questa narrazione sia proprio il tono divertito, divertente e ironico con cui tratti una vicenda che altrimenti sarebbe abbastanza drammatica.ù
Il punto debole è che è chiaro che questa vicenda si inserisca all'interno di una narrazione ben più ampia, mi parli di personaggi che da lettrice approdata ora alla vicenda non riconosco se non in base a criteri di razza e classe, ed anche la trama è abbastanza nebulosa, si nota appunto che è solo un episodio di una narrazione più ampia.
Secondo me attribuendo ad ogni personaggio una peculiarità attraverso il suo stesso linguaggio e dando un setting più esaustivo all'inizio (chi sono i personaggi? perché sono lì? Qual è il motivo per cui mi stai raccontando questa storia?), tutti i problemi si risolverebbero.
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 767

Messaggio#7 » martedì 27 ottobre 2015, 23:29

Anche questo racconto è lontanissimo dalla grazia. Hai tre giorni per ricevere le richieste di grazia e convocarmi. Vai e fai lo stesso con gli altri.

Torna a “Sessione di Ottobre 2015”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite