Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#1 » martedì 19 aprile 2016, 0:31

Il mondo senza Molly

Ambra Stancampiano


La notte in cui sono cadute le città ero piccola, e non ricordo quasi nulla oltre la mano grinzosa di Mammì, piena di anelli ruvidi, che stringeva la mia.
Mammì mi ha trovata seduta su un marciapiede in mezzo alla folla impazzita e mi ha presa per mano, io avevo capito che mio padre non sarebbe tornato come promesso e mi sono lasciata guidare da lei.
Stavamo fuggendo dal Grande Rogo di Las Vegas insieme ai pochi sopravvissuti; il deserto roccioso, illuminato dalle mille lingue di fuoco che inghiottivano le nostre case, piene degli oggetti che amavamo, ci restituiva ombre lunghe e minacciose come il futuro che tutti, intorno a me, temevano.
Durante quella corsa forsennata, il mio pensiero tornava di continuo alla mia bambola Molly, dispersa in mezzo alle rovine della civiltà; ricordo ancora il suo volto meglio di quello di mia madre, un’ombra sbiadita nella memoria.
Per distrarmi, cercavo di contare gli anelli infilati sulle dita morbide e tozze di Mammì, che serravano la mia manina trascinandomi lontano.

I Religiosi sono comparsi pochi mesi dopo e hanno restituito la fede a un’umanità confusa, predicando il pentimento per la nostra vita civilizzata, zeppa di beni materiali.
Cosa può dare più sollievo della promessa del Paradiso a chi si contorce tra le pene dell’Inferno?
I Religiosi hanno guadagnato potere narrando di una Città Santa costruita dal loro Ordine, a cui solo i più puri possono accedere.
Quando mi hanno scelta, ho pianto mille lacrime: non volevo andare via con quell’uomo pallido dal naso adunco, che intabarrato nel suo mantello nero mi ricordava un corvo delle rovine.
Mammì accostò la sua manona al mio visino umido:
- Non piangere, Cosetta; è un grande onore essere scelti per la Nuova Umanità. Tieni.
Si tolse un anello di bronzo con una grossa pietra verde.
- Ti porterà fortuna.
L’uomo mi prese per mano, tirandomi via senza troppe cerimonie e c’incamminammo verso il deserto; si fece consegnare l’anello e lo gettò nella sabbia.
- Non ti è permesso possedere oggetti. La vecchia civiltà li adorava come falsi dèi, è ciò ha fatto incollerire il Primigenio.
Ho sentito un fastidio pungente, che non mi ha mai più abbandonata. L’uomo si è avvicinato a una roccia, ha aperto una porta nascosta, mi ha spinta giù per un tunnel buio.
Non ho più visto il sole da allora.

Ho trascorso gli ultimi anni a servire l’ordine e a studiare le regole di un mondo che non mi è permesso vedere.
Come gli altri discepoli, sono in attesa della Prova, che stabilirà se sono degna di far parte della Nuova Umanità.

Sarà domani mattina; stasera mi hanno lasciata libera dal turno in cucina, e nel mio alloggio mi aspettava una sorpresa: dal pagliericcio occhieggiava un visino di plastica che conosco troppo bene.
Molly è qui con me, ma io non riesco ad esserne felice; per questo scrivo frettolosamente la mia storia al buio, ho bisogno di lasciare una traccia del mio passaggio.
Domani mi ordineranno di distruggerla, ma io non sono disposta a vivere in un mondo in cui non c’è niente che amo.
Ultima modifica di AmbraStancampiano il martedì 19 aprile 2016, 0:51, modificato 1 volta in totale.


Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
antico
Messaggi: 3869

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#2 » martedì 19 aprile 2016, 0:49

Ed ecco la vincitrice della Two Days Edition! Tutto ok e buona edizione!

Avatar utente
Angela
Messaggi: 505
Contatta:

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#3 » martedì 19 aprile 2016, 13:32

Racconto molto curato, scritto con uno stile raffinato ed elegante che ti è congeniale. Molto bello l'incipit e la caratterizzazione dei personaggi attraverso i dettagli. Ottima l'ambientazione e le descrizioni precise che colpiscono l'immaginazione (mille lingue di fuoco che inghiottivano case). Forse la parte che mi è piaciuta meno è quella che precede il finale, dal tunnell buio in poi, ma solo perché ti sono mancati i caratteri necessari per ampliarla. Bello il riferimento alla bambola e anche il titolo, secondo me uno dei migliori di questa tornata. Pollice alzato anche per il tuo racconto. Brava.

Giusto due appunti:

Sarà domani mattina; stasera...
(mattina e sera separati solo da un punto e virgola non funzionano benissimo)

mio pensiero/mia bambola
(troppi aggettivi possessivi).
Uno scrittore è un mondo intrappolato in una persona (Victor Hugo)

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 907
Contatta:

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#4 » martedì 19 aprile 2016, 14:50

Mi piace molto il mondo che hai costruito da pochi dettagli.
Forse mi immaginavo una direzione diversa, di sfruttamento e falsità religiosa, in una sorta di critica, ma il finale lascia quasi sperare nell'onestà della setta, che ci sia davvero qualcosa a cui accedere accettandone i valori. La falsità degli dei viene messa in discussione.
Il fatto che trovino la bambola perduta, di cui (probabilmente) la tua protagonista non ha mai parlato a nessuno, suggerisce che potrebbero non essere dei truffatori, ma voler davvero selezionare dei nuovi adepti privi del materialismo che ha fatto crollare la società.
Niente da criticare sullo stile, al massimo proverei a riequilibrare un po' la storia se ci rimetterai le mani, ripristinando quel che hai tagliato dagli ultimi due paragrafi, in modo da averla divisa in blocchi di narrazione di lunghezza paragonabile. Ora l'accellerata finale rovina un po' il ritmo, ma niente di grave.

Avatar utente
leonardo.marconi
Messaggi: 63

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#5 » martedì 19 aprile 2016, 19:41

Davvero un bel racconto con il suo risvolto inquietante. Sembrerebbe lapalissiano il riferimento alle tecnocrazia spinta del nostro mondo (ma forse è solo una mia considerazione). E che quella tecnocrazia postmoderna e postapocalittica si nasconde sotto le spoglie di una società puramente ierocratica ha qualcosa d'inquietante e di geniale assieme. Peccato il finale che poteva essere meglio gestito con toni più forti e vivi ma mi sento davvero di congratularmi con l'autore!!!!

Avatar utente
Jacopo Berti
Messaggi: 424
Contatta:

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#6 » mercoledì 20 aprile 2016, 18:54

Ciao Ambra, sono venuto a leggerti sia perché conosco la qualità della tua scrittura sia perché il titolo, secondo me, funziona benissimo: incuriosisce, è una buona promessa; promessa che poi rispetti.
Lo trovo "profondo" ('profondo' è il meno profondo di tutti gli aggettivi, sorry) e realistico, non stereotipato e molto umano. Brava!
«Se avessimo anche una Fantastica, come una Logica, sarebbe scoperta l'arte di inventare» (Novalis, Frammenti)

Avatar utente
marco.roncaccia
Messaggi: 518
Contatta:

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#7 » sabato 23 aprile 2016, 14:01

Ciao Ambra,
anche nel tuo racconto (come in quello di Francesco Nucera) i falsi dei sono gli oggetti materiali. Ci può stare. Quello che trovo poco caratterizzato è il nuovo ordine, quello che ha preso il posto della civiltà. Per certi versi fa pensare all’ISIS per visione assolutista e per metodi coercitivi che utilizza ma non ne sappiamo molto di più. La scelta della tua protagonista (che per ironia della sorte si chiama Cosetta) l’ho trovata poco credibile. Mi sembra che, nonostante siano passati degli anni, il personaggio non si discosti molto da quando era bambina, per questo la scelta di morire per non distruggere la bambola mi risulta poco credibile.

Avatar utente
invernomuto
Messaggi: 257

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#8 » domenica 24 aprile 2016, 4:37

Ciao Ambra!
Il tuo stile riesce sempre a colpirmi in positivo.
L'incipit è potente e tira il lettore dentro la pagina prendendolo per la manica, le descrizioni sono evocative e grandiose come tuo solito.
Il setting della storia funziona, e l'ordine dei Religiosi ha abbastanza personalità da far venire voglia di leggere qualcosa di più riguardo il nuovo mondo che desiderano costruire.
In realtà, forse, l'unico problema che ho con il tuo racconto è proprio il suo respiro così ampio. Hai messo davvero tanta carne al fuoco, tanto da farlo somigliare più al prologo di una storia più ampia che a un racconto contenuto nel suo scarno conto caratteri.
Ottimo stile, buono svolgimento. Una bella prova.

Avatar utente
Linda De Santi
Messaggi: 497

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#9 » domenica 24 aprile 2016, 17:43

Ciao Ambra!
Un bel racconto, con molte buone idee e un bello stile, e anche il tema è centrato.
Come altri hanno già notato, il finale purtroppo non ha lo spazio che avrebbe meritato: dopo una parte iniziale così ricca i due paragrafi conclusivi soffrono un po', ma d’altronde il limite di 3.000 caratteri è tiranno e tutto sommato credo che tu, anche in quelle poche righe finali, sia riuscita a gestire bene il tutto.
Nel complesso una prova molto buona, brava.

Zebratigrata
Messaggi: 308

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#10 » domenica 24 aprile 2016, 20:03

Ciao Ambra,

la lettura del tuo racconto scorre senza inciampi e crei un’ambientazione molto evocativa e vivida. Non cadi nell’infodump, la storia nella storia che ci racconti non è affatto noiosa da leggere. È strano come anche se il linguaggio della nostra narratrice è adulto riesci a mantenere in esso una traccia di infanzia. Forse l’infanzia che dovrebbe lasciare andare per entrare a far parte della Nuova Umanità. Credo che l’impressione derivi dai dettagli che metti a fuoco nella prima parte della narrazione: il visino, le manine, e l’appropriatissimo nome Cosetta.

Avrei però voluto sapere l’esito della prova. Possiamo immaginare che preferisca morire che distruggere la sua bambola, ma in qualche modo lasciando il finale implicito e comunque aperto il racconto manca di qualcosa, come se tu avessi creato un’ambientazione appunto, ma non avessi portato a termine la storia che contiene. In alcuni casi funziona benissimo, ma stavolta mi spiace un po’ :-).

Anche l’interpretazione del tema mi è piaciuta molto!

Avatar utente
jimjams
Messaggi: 537

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#11 » giovedì 28 aprile 2016, 17:23

Splendida idea che si ricollega a tanta letteratura distopica. Qui si miscela un po' del filone economico con quello sociale. La piccola è una vera e propria eroina, una novella martire, che preferisce soccombere piuttosto che rinunciare alla sua umanità. Questo non significa che il possesso sia necessario, piuttosto il problema della società che hai creato è la perdita degli affetti. L'amore per gli oggetti evidentemente non è stato adeguatamente sostituito da quello per le persone.

Avatar utente
beppe.roncari
Messaggi: 382
Contatta:

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#12 » giovedì 28 aprile 2016, 18:31

Ciao Ambra, ben ritrovata!
L’idea del racconto è carina, ma la protagonista non mi pare sufficientemente caratterizzata. Tu ci “dici” che è tanto legata a Molly e che ricorda meglio il volto della sua bambola più di quello di sua madre… ma non sappiamo perché. E poi sembra che la vita sottoterra con i Religiosi non l’abbia cambiata per niente.
È troppo consapevole, perfetta, non toccata da nulla, pura. Mi pare più retorica, che buona costruzione narrativa.
Una prova media, ciao!

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#13 » venerdì 29 aprile 2016, 11:33

Ciao a tutti, grazie per i commenti e scusate se rispondo solo ora, purtroppo non ho più tutto il tempo che vorrei :)
Ringrazio tutti per l'apprezzamento, è vero che il finale sembra un po' affrettato per motivi di spazio, e in parte è così, ma c'era anche una mia precisa volontà dietro: Cosetta sta scrivendo i pezzi della sua storia più importanti per lei al buio e cercando di non farsi scoprire.
Questo è anche il motivo per cui sembra non cambiare dall'apocalisse al giorno della prova: non è proprio così, è lei che ci sta raccontando (lo dichiara anche a un certo punto: "per questo scrivo frettolosamente la mia storia al buio") dei ricordi del suo passato, ed è chiaramente un narratore inaffidabile.
Stesso motivo per cui l'ordine non è ben caratterizzato: lei sta scrivendo la SUA storia e non quella del mondo, cerca di ricordare i SUOI giorni felici o comunque i più importanti della sua vita; una descrizione politica dell'ordine sarebbe stata lunga, noiosa, fuori contesto e fuori dal campo d'interesse della storia.
Riguardo al fatto che è troppo pura, troppo perfetta, troppo consapevole e nulla la tocca non sono d'accordo, @Beppe. E' una disposta a farsi ammazzare per non cedere l'unico oggetto che sente di possedere, colma d'ingratitudine verso chi l'ha mantenuta ed educata per anni, vive in un passato che non riesce a lasciare andare e scambia il suo materialismo per affetto. Non ricorda la faccia della madre proprio per questo motivo: per lei era più importante la bambola.
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
antico
Messaggi: 3869

Re: Il mondo senza Molly - Ambra Stancampiano

Messaggio#14 » martedì 3 maggio 2016, 15:46

Un racconto breve decisamente articolato: descrivi la fine di un mondo e la nascita di quello successivo attraverso una protagonista che, a conti fatti, ne è un raccordo e che, nel caso specifico, decide di non voler far parte del nuovo futuro lasciandosi avvinghiare da ciò che fu. Bello. Trovo poco realistica la presenza della bambola del finale, per un motivo prettamente pragmatico: un oggetto tra miliardi non è banale da trovare, a meno che in qualche modo Mammì non gliel’avesse sottratto da bambina, cosa impossibile non conoscendo lei ancora la direzione verso cui sarebbe andato il nuovo mondo. Ecco, questa cosa, a mio avviso, va sistemata. Pollice tendente all’alto per me.

Torna a “81ª Edizione - 13ª della Quarta Era -All Stars Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti