La voce del tuono

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

La voce del tuono

Messaggio#1 » sabato 10 settembre 2016, 16:27

La voce del tuono
di Ambra Stancampiano

Ho sempre odiato i temporali. Non per la pioggia, quella serve per un buon raccolto. Io detesto i tuoni e i fulmini.
Avete mai sentito un tuono forte, di quelli che sembrano esploderti accanto e vomitare la loro rabbia su di te e sulla vallata? Ecco, io so che quella è la voce dei draghi, anche se non mi crede nessuno. Lo so e basta, come so che è ora di pranzo quando mi brontola lo stomaco. Mamma dice che mangio proprio come un drago, ma è chiaro che non ne ha mai visto uno: un animale con quella voce non può saziarsi con due piatti di stufato. Quando dico queste cose, mamma scuote la testa e alza gli occhi al cielo: è disperata per questa storia, dice che volo troppo con la fantasia e che invece dovrei pensare alle ragazze, ai campi, o almeno a farmi degli amici; al villaggio mi prendono tutti in giro, ma io gli dimostrerò che ho ragione.

Ho aspettato un temporale bello grosso, e invece di rintanarmi sotto al letto come al solito sono corso fino in cima alla collina. Mi sono messo a osservare il cielo: giganteschi nuvoloni neri rombavano e s’illuminavano di fulmini, la terra tremava di tuoni e annegava di pioggia. Da una nuvola si è staccata una palla di fuoco, che è piombata proprio ai miei piedi. Mi sono chinato per raccoglierla, pensavo fosse un sasso. A volte càpita, lo stregone del villaggio mi ha raccontato che molto prima che nascessi c’è stata una pioggia di sassi di fuoco, e che col più grande hanno forgiato la spada del re.
Già immaginavo lo spadino lucente che mi sarei fatto fare dal fabbro, quando mi sono accorto che ai miei piedi non c’era un sasso, ma una tossicchiante lucertolina azzurra più piccola della mia mano. Ho provato a prenderla, ma mi ha dissuaso con un getto di fuoco così piccolo che non sarebbe bastato per accendere la pipa di papà.
- Ma tu sei un drago! Allora esistete davvero!
- Certo che esistiamo! A quanto pare esistete anche voi umani, nessuno mi crederà alla grotta.
- È il posto in cui vivi?
- Ci stavo andando con la mia famiglia, ma ho preso un fulmine e sono caduto. Non volo più tanto bene.
- Ma sei un drago bambino? V’immaginavo più grandi.
- Più grandi? Ma che dici! Io sono il drago più grande del mondo!
L’ho afferrato per la coda, ignorando i getti di fuoco con cui cercava disperatamente di bruciarmi le dita; sono corso verso il villaggio.
- Mamma! Mamma! Guarda: avevo ragione! Ho catturato il drago più grande del mondo!


Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Niko G
Messaggi: 138

Re: La voce del tuono

Messaggio#2 » lunedì 12 settembre 2016, 17:04

Mi è piaciuto moltissimo. Mi sono piaciuti molto il tono fiabesco, la leggerezza dello stile. Tossicchiante mi ha fatto sorridere e mi ha aiutato a immaginare il contegno del draghetto che cerca di dissuadere il bambino dal toccarlo con le sue piccole fiamme. Mi è piaciuto anche il modo in cui l'autrice ha tratteggiato l'ambientazione fantasy sottostante, perfettamente integrato nel tessuto del racconto. Ottimo lavoro anche nello stare sotto i tremila caratteri ☺
Non so scrivere, ma ho bisogno di farlo.

Avatar utente
Jacopo Berti
Messaggi: 424
Contatta:

Re: La voce del tuono

Messaggio#3 » lunedì 12 settembre 2016, 19:25

Ciao Ambra,
il tuo racconto è simpatico e ne ho apprezzato il tono leggero quanto quello di Valter. Se nel suo testo la scanzonatura è data dall'ironia e dall'affidarsi a stereotipi, nel tuo è data dalla tenerezza dei "piccoli" protagonisti. Devo dire poi che la tua idea principale non manca di originalità, mentre apprezzo alcuni elementi "classici" del fantasy (ma anche della "storia vera") inseriti come spunti secondari, tipo quello delle armi di meteorite.
Lo trovo ben scritto, anche se so che sai scrivere ancora meglio.
Comunque, brava!
«Se avessimo anche una Fantastica, come una Logica, sarebbe scoperta l'arte di inventare» (Novalis, Frammenti)

Canadria
Messaggi: 232

Re: La voce del tuono

Messaggio#4 » martedì 13 settembre 2016, 19:03

Cara Ambra, mi è piaciuta molto la scrittura leggera e scorrevole, fanciullesca, ed il tono allegro che rappresenta bene il racconto di un bambino. Quando penso ad un racconto di tremila caratteri lo immagino più o meno così, fluido come il tuo. Molto carina l'idea di stravolgere l'idea del drago, rendendolo una piccola creaturina "tossicchiante fuoco". Mi ha stupito, infine, il bambino che supera la piccola delusione per essersi trovato davanti una lucertolina piuttosto che un dragone, ma corre comunque felice dalla mamma gridando "Aveva ragione!". Ben fatto! Complimenti.

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 951
Contatta:

Re: La voce del tuono

Messaggio#5 » mercoledì 14 settembre 2016, 8:01

Bella la tua atmosfera tempestosa, e fantastico il protagonista bambino che riesce a essere davvero un bambino, con fissazioni, rituali in famiglia, frasi ricorrenti. Riesci a renderlo credibile molto rapidamente.
Il racconto è scritto bene, ritmo perfetto, con un'incipit che dura il giusto e non stanca anche se non succede ancora nulla... ma non mi sarei aspettato niente di meno visti i tuoi precedenti!
Trovo lievemente incongrui alcuni elementi, perché lo stregone e la superstizione generale del racconto fanno pensare a un'ambientazione di stampo medievale, mentre il "pensare alle ragazze, ai campi e a farsi degli amici" come raccomandazione dei genitori, sembra estremamente moderna. Non credo che invitare a frequentare ragazze o amici fosse una delle grandi preoccupazioni del popolano medio, o almeno non nell'immaginario medievale che ci è arrivato.
Una minuzia che ti faccio notare (ma che nulla toglie al racconto) e spero mi perdonerai, ma sto perdendo tempo di recente studiando i meccanismi dei dialoghi, quindi ci sto facendo più attenzione e li seziono per allenamento:
► Mostra testo

(Comunque sappiamo che il drago ha mentito! Non nega di essere un cucciolo, e i suoi genitori sono sicuramente più grandi di lui! Tipico drago che vuole farsi grosso.)

Avatar utente
Simone Cassia
Messaggi: 133

Re: La voce del tuono

Messaggio#6 » giovedì 15 settembre 2016, 15:22

Ciao Ambra,
racconto ben scritto che si legge piacevolmente. I protagonisti “bimbi” ispirano tanta tenerezza e la loro curiosità ti permette di dipingere a tratti l’ambientazione senza rischiare infodump, ben fatto. Buono anche il dialogo, ma se proprio devo spaccare il capello, mi associo all’osservazione di Andrea che lo scambio sulla grotta e il fulmine è meno immediata delle altre. Nel complesso un ottimo lavoro :-)

Fabiana Donato
Messaggi: 81

Re: La voce del tuono

Messaggio#7 » giovedì 15 settembre 2016, 17:30

Ciao Ambra! Io trovo questo racconto fantastico, nel vero senso della parola. Mentre lo leggevo, mi sono divertita un sacco, soprattutto perché l'ho visto scorrere nella mia testa come la scena di un film. La cosa che però, mi ha colpita maggiormente, è stata questa frase:
"A volte càpita, lo stregone del villaggio mi ha raccontato che molto prima che nascessi c’è stata una pioggia di sassi di fuoco, e che col più grande hanno forgiato la spada del re."

Non perché sia una frase studiata o complessa, ma perché da questa piccola frase ho iniziato a fantasticare e a pensare alla realtà in cui sono immersi i protagonisti. E' un'idea semplice, che però nasconde qualcosa di più. L'unica cosa che non mi è piaciuta molto, è stato il trovare così semplicemente una creatura leggendaria e mostrarla a tutti, infatti, alla fine avrei preferito un colpo di scena. Per il resto, è una storia interessante e scritta molto bene. Stile azzeccato! Alla prossima :)

valter_carignano
Messaggi: 417
Contatta:

Re: La voce del tuono

Messaggio#8 » venerdì 16 settembre 2016, 12:58

ciao
allora, o commento per primo o non devo leggere i commenti prima del mio. Perché poi mi trovo a non poter più dire niente d'interessante che non sia già stato detto: il bambino che è un vero bambino (ottimo!), lo sfondo fantasy evocato da poche ma importanti parole (la pioggia di fuoco, la spada) e il bel rovesciamento finale (anche se il draghetto mi fa pena, cattivo bambino!).
Bello.

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Re: La voce del tuono

Messaggio#9 » domenica 18 settembre 2016, 15:19

Ciao a tutti e grazie per i commenti, gli apprezzamenti e i consigli, sempre preziosissimi ;)
Sul dialogo mi avete beccata, fino all'ultimo minuto sono stata incerta sul draghetto: sta dicendo la verità ed è quindi un drago anziano che non riesce più a volare molto bene? Oppure mente, è un cucciolo ai suoi primi voli e vuole farsi grosso? Da qui l'incertezza nella battuta, che modificherò seguendo il vostro consiglio, che ha indirizzato il mio immaginario nella direzione giusta :)
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4389

Re: La voce del tuono

Messaggio#10 » venerdì 23 settembre 2016, 15:42

Evochi una gran bell'immagine e gestisci bene tutto il racconto rimanendo sempre molto equilibrata. Sul finale sento anch'io un po' la necessità di una maggiore determinazione riguardo al draghetto. Riguardo all'appunto di Andrea circa il contesto medievale, non mi è parso lo sia quanto piuttosto un villaggio fantasy atipico che ti permette, pertanto, di gestire le informazioni a tuo piacimento. Un pollice tendente all'alto e visto che so che il mio giudizio va a decidere la contesa in quanto tu e Carignano siete alla pari devo anche spiegare perché preferisco, pur di poco, il tuo (premesso che il racconto di Partiti si beccherà il primo posto nella mia classifica): ecco, pur essendo entrambi i racconti deboli sul finale (nel senso che hanno proprio lì le loro maggiori debolezze) il tuo rimane più soffuso, meno sbroccato (purtroppo la bagna cauda e la moglie del racconto di Valter li ho trovati un pelo troppo "forti"), più magico e delicato riuscendo così a ingranare quella marcia in più per superare l'avversario al fotofinish.

Torna a “87ª Edizione - Live Edition Dragon Fest (Minuti Contati sbarca in Sicilia!)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite