Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Lunedì 17 ottobre 2016 ore 21.00
Evandro
Messaggi: 106

Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#1 » lunedì 17 ottobre 2016, 23:58

- Che cosa? - urlò la Contessa Bathory, mentre si dirigeva sul Ponte di Comando dell'ammiraglia dell'Armata Stellare. - Il Voivoda non si è arreso? -
- La sua ammiraglia è appena entrata nel reticolo di controllo, Contessa - annunciò l'Ammiraglio. - Ci viene incontro in assetto da battaglia -.
- Ho dipinto il suo mondo col sangue - gracchiò lei. Qualcosa nella sua tracotante sicurezza si era incrinato. Sul Ponte di Comando gli ufficiali se n'erano accorti. - Perché non si arrende? -
Persino l'Ammiraglio abbassò lo sguardo.
La Contessa deglutì fiele. Doveva impartire una lezione. - Armate i cannoni al plasma! -
Pensò a un rimedio. “Dovrò dipingere il mondo del Voivoda un'altra volta. Mi sono rimaste solo tre vergini. È strano che con lui non abbia funzionato”.
La Contessa Erzsébet Bathory aveva sofferto di psiche disturbata fin da bambina. Ciò l'aveva portata a commettere atti di violenza insensata contro chiunque le si opponesse. Ancora poco più che ragazza, ascese al potere grazie a una magia che le fu donata attraverso un sogno reale. Non ebbe altro modo di definirlo. Da quel momento fu dotata di un potere immenso; il mondo lo strinse nelle sue mani in breve tempo. Nessuna Casata, nessun nemico politico poteva opporsi efficacemente.
In seguito le sue mire espansionistiche l'avevano portata a guardare oltre. Al comando della sua Armata Stellare aveva assoggettato mezzo universo.
Il potere concessole dal sogno reale consisteva in un rituale: dipingere di sangue di vergine le mappe dei mondi da conquistare. E i governanti si arrendevano.
Solo Vlad Tepes il Voivoda le si opponeva.
Conosceva Vlad per fama. Lei e lui erano i tiranni più crudeli dell'universo. Forte del proprio potere, aveva deciso di sfidarlo e dipinse il suo mondo. “Solo che invece di venire ad arrendersi, quel bastardo è uscito con la sua Ammiraglia. Non mi piace...”
- Fate fuoco, Ammiraglio! Che cosa aspettate? -
“Se non si arrende lo faccio fuori. È semplice”.
I cannoni esplosero le loro bordate e...
La Contessa Bathory si ritrovò nel buio. Silenzio. Intorno a lei l'universo si dipanava nel suo eterno incedere. Sotto i piedi sentiva il duro: un pavimento trasparente.
Udì passi alle sue spalle. Vlad Tepes il Voivoda.
- Quale onore, Contessa! -
Lei non rispose. Rughe di rabbia e impotenza le piegarono le labbra all'ingiù.
- Il plasma non funziona; l'ho trasformato in un semplice Vettore Temporale - spiegò il Voivoda. - E nemmeno il sangue di vergine, funziona -. Sorrise beffardo. - Ne ho avuto di tempo per studiarti! Ti ho lasciato dipingere il mio mondo per assaporare una vittoria più dolce, Erzsébet. Quella di avere te. Scegli, Contessa: Oltre il tuo sogno di conquista, la tenebra eterna; oppure - allungò una mano come per accarezzarla, - con me, per continuare a dipingere i mondi col sangue. Ti era piaciuto il sogno reale? Hai conquistato l'universo per me. Non ci resta che dominarlo -.
Quale che fu la scelta di Erzsébet, i mondi continuarono a essere dipinti di sangue.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4381

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#2 » martedì 18 ottobre 2016, 0:03

Ciao Evandro! Tutto ok con i parametri, divertiti in questa Atzori Edition!

Avatar utente
ceranu
Messaggi: 738

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#3 » martedì 18 ottobre 2016, 22:24

Ciao Evandro, bentrovato.
La storia è carina, ma lo svolgimento un po' confuso. Cambi stile di narrazione troppo spesso e ci catapulti da una terza persona soggettiva a una onnisciente in maniera repentina. La parte centrale è un tell troppo lungo. Sarebbe stato più efficace se fosse passato al lettore come un racconto della contessa e non come il riassunto di una voce fori campo.
Nel complesso è un racconto piacevole ma, dal mio punto di vista, con un errore tecnico importante.
Ciao e alla prossima.

Evandro
Messaggi: 106

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#4 » mercoledì 19 ottobre 2016, 13:50

Ciao Ceranu, d'accordo con te sulla parte centrale, che sarebbe stato meglio non fosse narrata da una voce fuori campo. Eh, la mattina dopo mi è parso chiaro anche a me, anche se non l'ho considerato grave come reputato da te. Scrivere di sera, spesso dopo una dura giornata, mi porta questi regali (non è una giustificazione, solo un fattore tecnico). Alla prossima!

Avatar utente
Callagan
Messaggi: 214

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#5 » giovedì 20 ottobre 2016, 14:48

Ciao, Evandro. Il difetto più grande del tuo racconto sta in quell'immenso infodump che spezza il testo in due. Lo spiegone che sta alla base del racconto lo dovevi evitare, andando a mostrarci immagini, azioni, facendoci ascoltare dialoghi che ci facessero capire quello che hai detto esplicitamente.
Inoltre, credo che qui il tema del contest sia un po' tirato per le orecchie. Dal momento che già il sogno della protagonista comprende la tenebra.

"Sotto i piedi sentiva il duro: un pavimento trasparente."
Questo periodo è scritto male, è brutto da leggere e non da immagini immediate, potenti, che possono giustificare due frasi così secche.

Ps. Domanda off topic: conoschi Alexandra Fisher? O hai letto qualcosa di suo? Come stile e come tipologia di racconto ti avvicini molto ai suoi racconti :)

Evandro
Messaggi: 106

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#6 » giovedì 20 ottobre 2016, 18:28

Ciao Callagan, sì conosco Alexandra, ma solo attraverso i social. Di suo ho letto qualcosa qui su MC. Sono d'accordo con te sul discorso parte centrale, ma con soli 3000 caratteri a disposizione sviluppare lo "spiegone" come da te indicato, poteva allungare troppo il brodo. "Sotto i piedi sentiva il duro: un pavimento trasparente." Che dire? Penso l'esatto contrario di ciò che hai affermato; l'immagine è potentissima, poiché è circondata dall'intero universo. Alla prossima!

Avatar utente
Callagan
Messaggi: 214

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#7 » giovedì 20 ottobre 2016, 19:55

Evandro ha scritto:Ciao Callagan, sì conosco Alexandra, ma solo attraverso i social. Di suo ho letto qualcosa qui su MC. Sono d'accordo con te sul discorso parte centrale, ma con soli 3000 caratteri a disposizione sviluppare lo "spiegone" come da te indicato, poteva allungare troppo il brodo. "Sotto i piedi sentiva il duro: un pavimento trasparente." Che dire? Penso l'esatto contrario di ciò che hai affermato; l'immagine è potentissima, poiché è circondata dall'intero universo. Alla prossima!

Non si tratta di sviluppare lo spiegone. Si tratta di sostituire lo spiegone con qualcosa di mostrato, di vissuto. Cosa che, ti assicuro, è possibile fare anche in 3000 caratteri.
Ma l'immagine è potentissima per te, che sei lo scrittore, che hai prima avuto l'immagine e poi l'hai trasferita a parole. Evidentemente, quelle parole non suscitano la stessa immagine (che è nella tua testa) nel lettore. Poi, la frase che ti ho citato, secondo me non ha senso. "Sotto i piedi sentiva il duro" il duro? in che senso? Leggo i due punti quindi penso tu me lo voglia spiegare, e invece "un pavimento trasparente"... e quindi? Che il personaggio si trovi circondato dall'intero universo lo sai tu, non il lettore che non ha elementi per capirlo.

Evandro
Messaggi: 106

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#8 » venerdì 21 ottobre 2016, 13:52

"La Contessa Bathory si ritrovò nel buio. Silenzio. Intorno a lei l'universo si dipanava nel suo eterno incedere. Sotto i piedi sentiva il duro: un pavimento trasparente". Secondo te, Callagan, il lettore non ha elementi per capire che la Contessa è circondata dall'universo? E poi, "un pavimento trasparente" spiega esattamente che cosa sia il duro. Quindi la frase non ha senso per te, e ci sta, ci mancherebbe, è la tua opinione.

Avatar utente
Callagan
Messaggi: 214

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#9 » venerdì 21 ottobre 2016, 14:29

Il mio è un invito a far attenzione non solo a quello che dici, ma a come lo dici. Ovvio che sia un'opinione.

Evandro
Messaggi: 106

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#10 » venerdì 21 ottobre 2016, 14:44

Scusa, io devo fare attenzione? A che cosa? Stiamo avendo uno scambio di opinioni, mi sembra. La tua vale come la mia. Se quello che dico, e come lo dico, ti procura offese ingiustificate, ti esorto a sintonizzarti su coordinate che abbiano meno supponenza.

Avatar utente
Jacopo Berti
Messaggi: 424
Contatta:

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#11 » sabato 22 ottobre 2016, 9:46

Ciao Evandro, attento che qui si stanno generando conflitti per nulla: quando Callagan scrive "Il mio è un invito a far attenzione non solo a quello che dici, ma a come lo dici." non si sta riferendo allo scambio di opinioni su questo thread, perché il tuo atteggiamento è correttissimo quanto il suo. Si sta semplicemente riferendo al racconto: alle parole parole che soggettivamente scegli per trasmettere un'immagine. Dice semplicemente che il contenuto (quel che dici) è condivisibile, mentre la forma (come lo dici) secondo lui non rende.

Detto questo, il tuo racconto mi ha incuriosito parecchio e mi è parso scritto bene all'inizio. Quando la contessa dice "ho dipinto il suo mondo di sangue", complice anche il titolo, l'interesse è vivo, perché non sappiamo se si tratti di una metafora o di una qualche procedura fantastica o fantascientifica. La cosa si fa più chiara (si tratta di un rituale) quando appaiono le tre vergini, e a questo punto il lettore è curioso di sapere come concili fantascienza e rituali magici.
Poi inizia la parte che anche io non esito a chiamare "spiegone" o "infodump". Improvvisamente passi dalla narrativa alla "storia", assumi uno stile quasi saggistico, e alcune frasi sono come una pagina di wikipedia:
"Ciò l'aveva portata a commettere atti di violenza insensata contro chiunque le si opponesse. Ancora poco più che ragazza, ascese al potere grazie a una magia che le fu donata attraverso un sogno reale"
.
Lo stile "voce di un'enciclopedia" continua poi a lungo e anche se il racconto torna potenzialmente godibile non lo si apprezza come prima, dopo un terzo del testo in quella forma.
Guardando la storia dall'esterno, ovvero senza preoccuparmi di quanto mi sia piaciuto il modo in cui l'hai raccontata, mi piace e la tua inventiva è il punto forte del racconto. Ma non basta. E in questo posso ripetere le parole di Callagan: conta "come lo dici" non solo "cosa dici". Sembra che a un certo punto tu abbia fretta di comunicare tutta la trama e ti preoccupi poco delle qualità comunicative ed empatiche della scrittura. Certo, fa parte del gioco di MC rimanere senza caratteri, ma l'abilità sta nello scrivere qualcosa che abbia bisogno al più di 3000 battute o condensare in modo che non si veda che hai dovuto farlo.

Complessivamente il tuo testo mi ha convinto poco.
«Se avessimo anche una Fantastica, come una Logica, sarebbe scoperta l'arte di inventare» (Novalis, Frammenti)

Avatar utente
Callagan
Messaggi: 214

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#12 » sabato 22 ottobre 2016, 11:20

@Timetrapoler Grazie! :)
Sì, Evandro, mi riferivo al testo, come ha precisato il nostro collega. Nessuna offesa, tranquillo ;)

Evandro
Messaggi: 106

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#13 » sabato 22 ottobre 2016, 14:10

Oh mamma! E adesso? Ha certamente ragione @timetrapoler. Non c'ero arrivato, quindi ti chiedo scusa @Callagan. Sinceramente.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4381

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#14 » sabato 22 ottobre 2016, 14:22

A volte ci possono essere incomprensioni, succede quando si è all'interno di un confronto. Vedo che cmq Jacopo ha individuato la causa e subito spento il possibile flame. Bene così. :)

Avatar utente
Adry666
Messaggi: 521
Contatta:

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#15 » sabato 22 ottobre 2016, 21:27

Ciao Evandro,
tema centrato.
L’idea è buona, la tua storia è scritta bene, invece il ritmo risente di alcune imprecisioni di punteggiatura e scelte non sempre felici di termini.
Una notazione: potresti evitare di chiudere i dialoghi con un trattino, genera confusione; come qui:
- Che cosa? - urlò la Contessa Bathory, mentre si dirigeva sul Ponte di Comando dell'ammiraglia dell'Armata Stellare. - Il Voivoda non si è arreso? -
Ho letto che ti hanno fatto già notare il troppo “parlato” centrale. Sarebbe andato bene per un racconto più lungo, in questo caso suona troppo da infodump.
Nel complesso discreta prova. Spero di leggere il tuo racconto senza limitazioni di caratteri.
Ciao
Adriano

Avatar utente
Callagan
Messaggi: 214

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#16 » domenica 23 ottobre 2016, 12:33

@Evandro Nessunissimo problema, tranquillo! :)

Avatar utente
beppe.roncari
Messaggi: 382
Contatta:

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#17 » lunedì 24 ottobre 2016, 20:15

Ciao Evandro, ben trovato!
Il tuo racconto mi ha preso e incuriosito, anche se anch'io mi sono trovato un po' a disagio davanti a una narrazione più "spiegata" che non "mostrata".
Usare troppe spiegazioni esplicite poi, credo, fa perdere anche altri elementi della narrazione, che poteva essere più pungente. Mi riferisco in questo caso alla "semina e raccolta" ("setup and payoff" in inglese).
Non ci sono indizi nella prima parte della narrazione del fatto che Vlad Tepes il Voivoda possa vincere contro la Contessa. Attenzione, questo non aumenta ma diminuisce la sorpresa e la tensione narrativa.
Ciao, alla prossima!

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#18 » lunedì 24 ottobre 2016, 22:51

Ciao Evandro,
il racconto comincia bene, incuriosisce con la storia della Contessa che cerca di sconfiggere il Voivoda senza riuscirci. Poi purtroppo lo spiegone centrale fa calare verticalmente la tensione. L'incontro tra la Contessa e il Voivoda, poi, mi ha lasciato interdetto: io avevo capito che la Contessa e il Voivoda stessero ognuno sulla propria nave da battaglia: come fa il Voivoda ad apparire lì senza che lei se ne accorga, senza che nessuno rilevi un'intrusione? Forse, possibilissimo, non ho colto qualche particolare dell'ambientazioe e mi sono incasinato?
Anche a me, ti devo dire, la questione del pavimento duro non ha fatto pensare che la Contessa sia circondata dall'universo.
Credo che il racconto abbia molte potenzialità, ma necessiti di una messa a punto.

Avatar utente
Flavia Imperi
Messaggi: 312
Contatta:

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#19 » martedì 25 ottobre 2016, 13:12

Ciao Evandro!
Di sicuro l'inventiva non ti manca, in poche righe hai creato un conflitto spaziale da far rivalità a Guerre Stellari e Doctor Who, e la contessa è un gran personaggio. Tuttavia ho avuto qualche difficoltà di lettura per via del ritmo troppo serrato: sembra scritto di fretta e con poca attenzione per ritmo, musicalità delle parole e riflessione su alcuni termini.

Detto fra noi, anche io preferirei un contest del sabato mattina, che la sera sono cotta! Prima o poi l'Antico cederà alle mie richieste, speriamo, così anche noi mattinieri potremo dare il nostro meglio.

Comunque nonostante le spiegazioni centrali, davvero non ho capito quello che accade alla fine. Il potere glielo aveva dato il Voivoda fin dall'inizio? E soprattutto come ha fatto a trovare delle vergini, oggigiorno? XD (scherzo)

Forse non era una storia adatta ai 3000 caratteri, ne richiederebbe molti di più per soddisfare il lettore, e spesso è il "difetto" dei mondi fantastici, che richiedono tempo e spazio per essere raccontati (per questo le più famose sono tutte saghe se ci fai caso!).

Quindi concludo con un incoraggiamento per il tipo di storia, ma con un posto basso in classifica per la forma del racconto troppo confusionaria.
Le storie sono tatuaggi dell'anima

Evandro
Messaggi: 106

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#20 » martedì 25 ottobre 2016, 14:19

@Adry666 Hai ragione sul trattino. Lo uso come fossero caporali; è bene che cambi rotta.

@beppe.roncari interessante la tua tesi sugli indizi. Mi sta facendo ragionare.

@Fernando Nappo La Contessa e il Voivoda s'incontrano nel sogno reale inculcato inizialmente alla Contessa dal Voivoda: è il plasma, l'arma energetica dell'ammiraglia della Contessa, che ne è il vettore temporale. Forse il concetto è bene infilato nella mia testa, ma non l'ho spiegato come si deve.

@Flavia Imperi è il mio solito problema. Prima di capitare su MC non avevo mai scritto racconti. Solo lunghissimi romanzi. Questi racconti mi costano una fatica che non ti dico. Sono tutti romanzi in pillole; in ogni racconto potrei svilupparci centinaia di pagine, e un giorno lo farò.

Avatar utente
Vastatio
Messaggi: 621

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#21 » martedì 25 ottobre 2016, 14:37

Ciao,
il tuo racconto fila fino a quando non ripeti per la seconda volta il titolo (capito, non serve ripeterlo per tutto il racconto, non è un ritornello). Hai un ottimo incipit, ma bruci tutto in un infodump/biografia eterno e in un cliché tristissimo (le vergini). A parte che di vergini ce ne sono a chili, basta prendere dei neonati (e non credo che la tua Contessa si farebbe scrupoli al riguardo), avresti almeno potuto optare su qualcosa di meno classico: se proprio ti piacciono le vergini perché non i nati nel mese della vergine e allora sì che, conosciuta la fama della Contessa, qualcuno avrebbe potuto decidere di non sfilarsi le mutande facendosi prima un paio di conti.
Molto meglio vedere una Contessa che entra nella sua stanza privata e sbatta all'aria i dipinti mentre inveisce per far capire che la sua frase è "letterale" e che "qualcosa non va come dovrebbe".
A parte questo non riesci, come non riesco io, a non creare mondi/situazioni che in 3000 caratteri non ci stanno. Troppa roba: sogno reale è un bel escamotage, ma tra quello, quindi la magia infilata in un contesto fantacientifico in cui non si è abituati a vederla (ok, star wars ci ha abituati in tal senso, ma non è la prassi), e gli spiegoni che si rendono necessari per le altre dinamiche la "bellezza" degli eventi svanisce.
Tema ok.

Avatar utente
Flavia Imperi
Messaggi: 312
Contatta:

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#22 » martedì 25 ottobre 2016, 19:54

@Vastatio, hai scritto: "se proprio ti piacciono le vergini perché non i nati nel mese della vergine", occhio che, da amante della fantascienza ti devo corregere, perchè l'astrologia è assolutamente relativa al pianeta Terra. E' la suddivisione stagionale in base ad archetipi (pesci, vergine, bilancia) che hanno origine dalla proiezione dell'energia di una fascia di costellazione omonime (costellazione dei pesci, etc) sul nostro pianeta. Su un altro mondo quindi non potrebbero esistere persone del segno della vergine! XD
Le storie sono tatuaggi dell'anima

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#23 » martedì 25 ottobre 2016, 22:13

Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Ciao Evandro.

Il tuo racconto è uno strano miscuglio di generi e ambientazioni: la presenza di una flotta spaziale farebbe pensare alla fantascienza, la magia al fantasy e il richiamo a due nomi come quello di Dracula e di Elisabeth Bathory all'horror ma anche a pagine truci della Storia.
Tutto ciò non sarebbe un male: si tratta di generi che si prestano benissimo alla contaminazione. Il fatto è che nell'insieme mi sembra che manchi un'armonizzazione dei vari elementi e che il mondo che vuoi definire sia troppo complesso per essere racchiuso in tremila caratteri.
Aggiungo che tutta la parte centrale in cui racconti la storia della Contessa fa perdere fortemente il ritmo alla narrazione.
Non mi è piaciuto poi il modo in cui Vlad Tepes sconfigge la contessa: trasforma le armi della nave in qualcosa di inutile e questo mi dà la sensazione che qualunque cosa possa accadere, senza che vi siano delle "regole" di funzionamento precise di questo mondo, facendo crollare completamente il patto narrativo col lettore.
Inoltre noto che hai la tentazione, talvolta, di ricorrere a termini ed espressioni altisonanti (ingoiò fiele, tracotante sicurezza...) che stonano nell'insieme. Ti suggerirei di provare a semplificare, da questo punto di vista, un po' lo stile.

A rileggerci
Angelo

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#24 » giovedì 27 ottobre 2016, 9:01

Ciao Evandro,

purtroppo devo ammettere che anche io ho fatto un pò fatica a seguire la tua storia. Forse è anche colpa mia, non sono molto avvezza al genere fantasy, quindi tecnicamente non mi sento in grado di esprimerti che cosa cambierei e cosa no. Posso però dirti che da lettrice, come ti è già stato fatto notare, il tutto arriva un pò confuso, incerto. La tua storia è interessante, e andrebbe approfondita, ma risente dei pochi caratteri che avevi a disposizione. Posso capire la difficoltà di far stare tutto in una storia breve, però è un esercizio/allenamento molto utile, con il tempo vedrai risultati preziosi.
Alla prossima.

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#25 » giovedì 27 ottobre 2016, 23:23

Ciao Evandro,
mi dispiace commentare così in ritardo, perché temo di non poter più dire niente di utile.
Anche io come gli altri ho apprezzato l'incipit e sofferto per l'immenso spiegone centrale, con un cambio di stile un po' troppo netto.
La storia si risolleva sul finale, interessante e aperto, anche se la frase finale mi ha convinto più nelle sue intenzioni che nella sua realizzazione.
Tutto sommato la storia è interessante, ma andrebbe trovato un escamotage per mostrarci la tua protagonista in modo da sopperire allo spiegone centrale lasciandoci solo intuire il suo background.
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4381

Re: Il Mondo Dipinto di Sangue - di Evandro Straccini

Messaggio#26 » mercoledì 2 novembre 2016, 18:55

Devo dire che ciò che ti caratterizza è davvero una smisurata capacità di creare trame e personaggi, anche se spesso incappi in problemi relativi al fare rientrare il tutto in spazi determinati, ma mi sembra che tu stia migliorando mese dopo mese, in questo. Vero, l'infodump centrale è eccessivo, ma la sfida è trovare il modo per fare arrivare quelle informazioni diversamente, t'invito a provarci, magari aggiungendo qualche migliaio di caratteri al racconto, nel laboratorio. Mi piace la Contessa, mi piace il disegno malefico di Vlad, trovo gradevole l'intreccio, da fantascienza anni 60. Pollice ni che punta verso l'alto, per me.

Torna a “90ª Edizione - Atzori Edition - la Seconda della Quinta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite