Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

L'edizione si è svolta su due serate, lunedì 19 e martedì 20 dicembre 2016, ognuna con un differente tema, e si potrà decidere quando partecipare. Ma non solo! Chi vorrà, potrà scrivere entrambe le serate e comunicare al termine della seconda il racconto con cui vorrà effettivamente concorrere (il secondo verrà spostato in automatico nel Laboratorio). Occhio che in mancanza di tale comunicazione verrà considerato valido per la partecipazione il secondo racconto scritto.
Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#1 » mercoledì 21 dicembre 2016, 0:23

La cosa più bella che mi è capitata nella vita, è stata la mia morte.
Vi sembrerà esagerato, ma è stato davvero spettacolare: ne hanno parlato tv, giornali, riviste, il popolo di internet è impazzito. Sono finito perfino sui Darwin Awards, anche se non sono convinto di essermelo meritato. Diciamo che le circostanze della mia morte sono state più scoppiettanti del previsto, ecco tutto.
La cosa più esplosiva, comunque, non è stata la valigia di tritolo su cui sono inciampato ma le vendite dei miei libri, che sono schizzate alle stelle insieme ai primi titoli di giornale.
Alcuni mi hanno dato dell'eroe, altri del coglione, ma tutti hanno comprato il mio romanzo. Dopo le prime recensioni positive, mia moglie ha pubblicato i miei racconti, la mia sceneggiatura teatrale, perfino le lettere erotiche che le scrivevo quando sono partito militare. Si è fatta un sacco di soldi, ma mi ha tenuto vivo.
Qui nell'aldilà degli scrittori funziona così: siamo delle ombre un po' sbiadite, e più il tuo nome è nominato più ti mantieni corporeo. Poi vediamo tutto e volendo potremmo anche parlare coi vivi, ma succede qualcosa dopo il trapasso, in un certo senso non ci interessa più.
Il mio nome adesso viene scritto, letto e nominato di continuo: su di me fioccano le recensioni, i commenti, gli articoli. Esiste un premio letterario che porta il mio nome e ho una voce tutta per me su Wikipedia.
C'è una cosa, però, che mi turba: il mio fan club.
La verità è che non li capisco: l’altro giorno un ventenne si è fatto una foto con una copia dei miei Racconti scritti al buio e l’ha postata su twitter, dicendo che il personaggio di un racconto gli aveva ispirato il look del giorno: aveva un paio di baffi a manubrio posticci, occhialetti alla Gramsci, e indossava delle bretelle a Y su una felpa stampata insieme a un paio di jeans risvoltati a metà polpaccio e a dei mocassini viola acido. Giuro che non ho mai scritto sci-fi.
E ieri una ragazzina si è fatta una foto sexy e l’ha postata su tumblr insieme a una citazione estrapolata da un mio saggio sull’arte longobarda.
La verità è che ti dicono sempre che dovresti scrivere per gli altri, ma io gli altri me li immaginavo uguali a me.
Poco fa, durante l’inaugurazione di un coktail bar che porta il mio nome, hanno letto un brano del mio romanzo associandolo a una ridicola interpretazione new age mai sentita in vita mia; ho sentito un prurito acuto e fastidioso dalle parti del fondoschiena, poi sul malleolo sinistro, poi dietro le scapole. Ho cominciato a grattarmi come un forsennato. Proprio in quel momento di lì stava passando Bukowski; mi ha guardato con comprensione:
- Prude, eh?
- Da matti! Ma che diavolo è?
- Hai presente l’espressione rivoltarsi nella tomba?
È scoppiato a ridere, prima di salutarmi. L’ho osservato allontanarsi, è uno di quelli che si mantengono meglio, qui. Ora capisco perché ha tutte quelle vesciche sulla faccia. E pensare che credevo di essere nel paradiso degli scrittori.


Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#2 » mercoledì 21 dicembre 2016, 0:23

Partecipo con questo!
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4714

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#3 » mercoledì 21 dicembre 2016, 0:29

E anche Ambra ha scritto per la seconda serata consecutiva, complimentissimi! Tutto ok con caratteri e tempo e ha già espresso l'intenzione di partecipare con questo racconto :)

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#4 » giovedì 22 dicembre 2016, 22:34

Ciao, Ambra.

Il tuo racconto è simpatico, ma c’è qualcosa che nell’insieme stona alle mie orecchie. Credo sia la sensazione che, con tutto l’impegno del mondo, è mi difficile applicare la sospensione dell’incredulità: è come se si sentisse troppo la metafora che c’è sotto la storia e questo un po’ mi spiazza (probabilmente è un problema mio, perché una cosa simile mi capita, per esempio, anche con alcuni racconti di Buzzati). Però non posso dire che sia un brutto racconto, alla fine mi ha fatto anche sorridere.
Dal punto di vista narrativo, mi sembra inutile la storia della morte stupida e della valigia di tritolo, che sembra un po’ buttata là senza avere un seguito nel racconto

A rileggerci.
Angelo

Avatar utente
AmbraStancampiano
Messaggi: 476
Contatta:

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#5 » venerdì 23 dicembre 2016, 2:24

Ciao Angelo, grazie per il commento.
Con la storia della morte volevo rendere il primo improvviso rovescio di fortuna: il protagonista muore improvvisamente e in maniera stupida; sembrerebbe una bella sfortuna, e invece per lui significa arrivare alla notorietà che tanto desiderava.
Per il resto, non era mia intenzione costruire una metafora, in realtà non volevo nemmeno scrivere di scrittori (in genere non lo faccio mai) proprio per evitare di creare confusione, ma mi è venuta questa idea e l'ho portata avanti, senza particolari pretese :)
Buon contest!
Qui giace il mio cervello, che poteva fare tanto e ha deciso di fare lo stronzo.

Hitherto
Messaggi: 94

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#6 » venerdì 23 dicembre 2016, 14:15

Ciao Ambra, trovo il tuo racconto piacevole da leggere ma credo che ciò che non mi soddisfa è la resa dell'atmosfera un po' surreale. Mi sembra narrata come la si racconterebbe a dei bambini e penso che avresti potuta renderla meglio. Il tema mi sembra centrato e l'idea è carina. Due appunti: nella prima frase la virgola spezza soggetto e verbo. Inoltre, in "cocktail" devi mettere la "c" prima della "k". In generale, il tema del racconto non è male ma avrei preferito uno stile un po' diverso. Buon contest :)
A me le d eufoniche piacciono!

ClaudiaEnrica
Messaggi: 35

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#7 » sabato 24 dicembre 2016, 9:50

Ciao Ambra,
devo dire che quando leggo racconti in cui viene usata la prima persona per me è tutta un’altra cosa! Mi sei piaciuta molto, mi hai fatto sorridere, l’ho trovato delicato e molto vero. Ho apprezzato la tua delicatezza ed anche il tema-denuncia sullo scempio nel mondo delle citazioni sotto selfie improbabili. Azzeccata e molto vicina ai miei gusti personali. Brava!

Canadria
Messaggi: 232

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#8 » lunedì 26 dicembre 2016, 16:00

Ciao, Ambra!
La tua scrittura è sempre fresca e leggera e scorre piacevolmente. Il racconto mi è piaciuto molto, l’ho trovato simpatico alla prima (e persino alla seconda) lettura. Non stanca e diverte. Al contrario di Angelo, a me è sembrato azzeccato il paragrafo sulla modalità di morte del protagonista: permette un piccolo colpo di scena iniziale (“La cosa più bella che mi è capitata nella vita, è stata la mia morte.”) e aiuta il lettore ad avvicinarsi alla mentalità del narratore. Nonostante la voglia di successo, quando il successo arriva non era come lo immaginava. Brava!
Alla prossima!

Giuseppe Patti
Messaggi: 49

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#9 » martedì 27 dicembre 2016, 14:17

Ciao Ambra,
il racconto è carino, l'idea oserei dire geniale, e la narrazione in prima persona è quella che preferisco, non so è come se leggendo sia io a fare quelle cose narrate. Nessun commento negativo, anzi mi è piaciuto l'accostamento fortuna/morte, e soprattutto il modo in cui hai narrato: in modo semplice e leggero. Complimenti.

Avatar utente
alessandra.corra
Messaggi: 280

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#10 » martedì 27 dicembre 2016, 14:40

Ciao Ambra,

il tuo racconto è davvero molto carino e l'interpretazione del tema azzeccata. L'ho letto tutto d'un fiato senza nessuna fatica. Mi ha saputo strappare più di un sorriso. Trovo credibile il personaggio dello scrittore, contento di essere morto perchè così almeno ha finalmente ottenuto la tanta agognata notorietà. Anche il finale è simpatico con la comparsa di Bukowski. Mi viene quasi da dire che non sarebbe per niente male poter incrociare nell'aldilà gli scrittori del passato, pur con tutte le dovute conseguenze... :)

Alla prossima!

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#11 » martedì 27 dicembre 2016, 18:12

Ciao Ambra,
in effetti, l'incidende iniziale aiuta a rispettare il tema che hai scelto di sviluppare, però poi che venga accantonato senza fornire maggiori spiegazioni lascia un po' l'amaro in bocca. Molto interessante, e credo vicino alla realtà, l'uso distorto che viene fatto da parte dei fan delle opere del protagonista, che giustamente se ne risente.
Trovo molto bella questa frase:
Si è fatta un sacco di soldi, ma mi ha tenuto vivo.
È molto amara, e da' la sensazione che uno scrittore (o almeno il protagonista del tuo racconto), sia disposto a tutto pur di essere ricordato. Che tra l'altro pare fregarsene d'essere morto dato che questo gli ha dato la fama che evidentemente in vita non ha saputo trovare.
Un racconto che si legge abbastanza bene, con un tono surreale, e che rispetta il tema.

Avatar utente
invernomuto
Messaggi: 257

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#12 » giovedì 29 dicembre 2016, 1:27

Ciao Ambra!
Sei una scrittrice che ha scritto di uno scrittore, quando questo accade tendo a drizzare le orecchie in modo particolare. Nel tuo caso è subito chiaro che l'elemento "introspettivo" che viene spesso fuori da questo genere di esercizio è assente, probabilmente proprio per la natura quasi "accidentale" di aver scelto uno scrittore come protagonista.
Peccato, perché nonostante il buono stile che non manchi mai di dimostrare, la storia sembra un po'debole. Indubbiamente presente, e ripetutamente "rovesciato" il tema principale.
Una buona prova.

Avatar utente
marco.roncaccia
Messaggi: 559
Contatta:

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#13 » giovedì 29 dicembre 2016, 10:32

Ciao Ambra,
trovo il tuo racconto poco racconto.
E’ piuttosto una sorta di aneddoto che propone una riflessione sugli effetti inaspettati (e nel caso del personaggio indesiderati) della scrittura nella società di oggi. Condivisibile lo stato di meraviglia del personaggio e simpatico il Bukowski beffeggiante. Però quando leggo un racconto ho bisogno di un movimento, di vedere i personaggi in azione e non di sentire una voce dall’aldilà che non è chiaro a chi parli e perché.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4714

Re: Il paradiso degli scrittori - Ambra Stancampiano

Messaggio#14 » mercoledì 4 gennaio 2017, 13:33

In seconda lettura l’ho apprezzato di più che durante la prima. Le riflessioni sono interessanti, ben esposte. In seconda lettura sono riuscito a percepire il racconto, cosa che mi era sfuggita in prima battuta. Il tema è centrato e bene. Forse l’avrei “narrato” meno. Se tu avessi contestualizzato tutto proprio durante una delle presentazioni in cui un suo scritto viene utilizzato ad caxxum, ecco, avresti avuto modo di narrare tutto quello che hai descritto e metterlo anche più contrastato con personaggi vivi e lui lì in mezzo, spettatore sempre più inorridito. Per me un pollice tendente all’alto, ma poco brillante.

Torna a “93ª - Morozzi Edition - la Quarta della Quinta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite