2.0

Appuntamento per le ore 21.00 di lunedì 18 maggio con l'ultima edizione della Settima Era e con uno straordinario cast di guest stars: Carmen Laterza, Francesca Cavallero, Stefano Pastor, Francesca Bertuzzi e Patrizia Rinaldi!
Avatar utente
Laura Cazzari
Messaggi: 243

2.0

Messaggio#1 » lunedì 18 maggio 2020, 23:19

Elettra trema, seduta sulla sua sedia a rotelle.
Ha freddo, anche se uno spesso scialle di lana le circonda il busto.
Sente il brusio del pubblico e le risate esplodere dopo una battuta del presentatore.
C’è troppo rumore e troppa gente attorno a lei.
Ha un vuoto di memoria. Perché si trova lì? Si guarda intorno, ma non scorge volti noti.
Un ragazzo, poco distante da lei, sta guardando l’ologramma proiettato dall'aggeggio che ha in mano.
È molto bello e assomiglia al primo ragazzo che ha baciato.
Qualcuno la spinge verso il palco. Si agita, perché non ricorda cosa stia accadendo.
- ...quindi dopo questa breve introduzione sono felice di presentarvi Elettra - annuncia il presentatore.
La donna viene spinta al centro del palco e la luce intensa la acceca.
Uno scroscio di applausi la accoglie ed Elettra si mette una mano davanti agli occhi per cercare di scorgere il pubblico.
La donna nota che la platea è composta da migliaia di persone di tutte le età, tutte di bell’aspetto.
Una scritta lampeggia in fondo alla sala: Control.
- Benvenuta Elettra, grazie per essere venuta - la saluta il presentatore.
Lei non risponde.
- So che non si chiede l’età a una donna, ma può dirci quanti anni ha? - continua lui sfoggiando un sorriso bianchissimo e incoraggiante.
- Novantanove - biascica lei.
Un altro scroscio di applausi invade la sala.
- Incredibile, non è vero? Le sorprese, però, non sono finite, abbiamo preparato per voi un breve filmato sulla vita di Elettra.
Uno schermo scende sul palco e immagini della vita della donna iniziano a scorrere davanti a tutti. Elettra si sente violata.
Vede se stessa neonata.
A tre anni è al funerale della madre, morta per dare alla luce suo fratello.
A cinque anni sorride mostrando un dentino mancante.
A dieci anni sta imparando ad andare in bici.
A quindici anni, immortalata nel suo abito blu per il ballo scolastico.
Il suo matrimonio, la vacanza in Australia, l’arrivo dei figli, il funerale del fratello, il matrimonio dei figli, il funerale di suo marito.
Poi lo schermo si spegne.
Il pubblico applaude.
- Stupefacente, non è vero amici miei? - riprende a parlare il presentatore - Vi starete domandando perché vi abbiamo fatto vedere tutto questo, durante i festeggiamenti per i cent’anni dalla fondazione della Control. Ebbene sono felice di comunicarvi che la nostra Elettra è l’ultima persona al mondo nata naturalmente.
Il pubblico è sbalordito ed Elettra non riesce a capire.
Poi ricorda quando è nata sua figlia. Non l’aveva partorita, come invece aveva fatto sua madre con lei. L’avevano scelta, creata in ogni piccolo particolare partendo dal DNA suo e di suo marito.
Avevano scelto il colore della pelle, degli occhi, dei capelli. Come anche lo spessore delle ossa, la forma del naso e del viso. Una macchina l’aveva creata.
- L’umanità ha raggiunto la perfezione - continua il presentatore - ogni essere umano vivente, ad eccezione della nostra Elettra, è frutto delle scelte dei propri genitori. Abbiamo debellato i rischi del parto, le malattie geneticamente trasmissibili e, infine, ma non meno importante, abbiamo sconfitto l’imperfezione e la bruttezza. Siamo la generazione 2.0 -
Il pubblico applaude e fischia per celebrare il momento.
Elettra ha lo sguardo perso nel vuoto, mentre il battito sempre più flebile del suo cuore scandisce, a lenti rintocchi, la fine di un’era.


Laura Cazzari

Avatar utente
antico
Messaggi: 4139

Re: 2.0

Messaggio#2 » lunedì 18 maggio 2020, 23:26

Ciao Laura! Caratteri e tempo ok anche per te, buona ALL STARS EDITION!

alexandra.fischer
Messaggi: 1760

Re: 2.0

Messaggio#3 » martedì 19 maggio 2020, 15:47

2.0 Di Laura Cazzari Tema centrato in modo inquietante. Elettra, novantanovenne, si gode l’ultimo momento di celebrità in uno show televisivo (o su You Tube) dal vivo nel quale non si celebra tanto la sua vita, uguale a quella di milioni di altre persone (vedi lo schermo composto di istantanee dolci :la sua crescita simboleggiata dal primo dentino, dalla bicicletta, dal ballo scolastico, il matrimonio, la vacanza in Australia, i figli, le nozze dei figli e amare: il funerale della madre dopo che ha dato la luce il fratello, il funerale del fratello stesso e del marito) e anche un ricordo dal vivo (il ragazzo del pubblico sosia del suo primo amore; e più interessato all’ologramma che a lei), ma il fatto di essere venuta al mondo in modo naturale e non artificiale (manipolazione genetica).

Avatar utente
Sirimedho
Messaggi: 146
Contatta:

Re: 2.0

Messaggio#4 » martedì 19 maggio 2020, 20:32

Laura, piacere di leggerti.
Il racconto rappresenta bene la fine dell’era della riproduzione animale, almeno per gli uomini. Temo però che non mi abbia preso. Ho già trovato a Minuti Contati altre variazioni di questo tema della trasmissione televisiva con i ricordi esibiti della persona, tipicamente un anziano. La nostra Elettra mi sembra forse un po’ troppo anziana, un po’ troppo stereotipata con il suo spesso scialle di lana. Mi sembra anche strano che in futuro ci siano ancora trasmissioni così, vedo che già oggi i ragazzi non le guardano.
Buona tecnica di scrittura, tema centrato.
In bocca al lupo!

Avatar utente
Davide Di Tullio
Messaggi: 179

Re: 2.0

Messaggio#5 » mercoledì 20 maggio 2020, 15:02

Ciao Laura, piacere di rileggerti!

una prosa scorrevole, fatta di periodi brevi, qualche breve dialogo e l´uso del tempo presente. il PDV della protagonista é sostanzialmente rispettato e trovo assente qualsiasi raccontato generico (forse si puó trovare una sbavatura nel "Elettra non riesce a capire", ma ci sta, niente di rilevante insomma).
Forse il tema trattato non risulta particolarmente originale (perlomeno a me che piace un certo cinema di fantascienza, mi é parso giá trattato in qualche film di cui peró mi sfugge il nome), tuttavia quello della scarsa (o presunta tale) originalitá non é di per se un handicap, solo una cosiderazione. Quello che mi é parso rilevante é il buon andamento dello scritto la discreta capacitá di mettere nelle condizioni il lettore di provare empatia per la protagonista. Ben fatto, dunque

a rileggerci!

Avatar utente
wladimiro.borchi
Messaggi: 160

Re: 2.0

Messaggio#6 » venerdì 22 maggio 2020, 10:22

Ciao Laura,
piacere di leggerti.
Allora, il racconto mi è piaciuto e l'espediente del filmato per farci conoscere la vita precedente di Elettra mi è sembrato un bel colpo di genio.
Lo stile non è affatto male, anzi, complimenti, asciutto e pulito, come dev'essere.
L'unica immagine che avresti potuto sfruttare di più è quella dello "spesso scialle di lana" che "le circonda il busto". "Circonda" è un termine un po' troppo "asettico". Uno scialle di lana dona sensazioni, forse si poteva usare qualcosa di più "sensuale" (inteso nel senso arcaico di "relativo a sensazioni fisiche").
Avrei sfruttato qualche carattere in più per far empatizzare di più Elettra con le singole immagini che la passano davanti.
Non mi è piaciuta, invece, la reazione della donna alla situazione. Forse, se davvero non sapeva dove si trovava, l'invasione nella vita, che stava subendo, avrebbe dovuto portarla a voler scappare terrorizzata.
La didascalia nel finale poteva essere evitata, ma è un errore che ho fatto anche io, spaventato dall'idea che qualcuno mi dicesse di essere andato fuori tema.
Tutti e due dovremmo confidare un po' di più nell'intelligenza dei lettori.
In ogni caso una buonissima prova.
A rileggerci presto
Wladimiro

Avatar utente
Andrea Lauro
Messaggi: 269

Re: 2.0

Messaggio#7 » venerdì 22 maggio 2020, 16:10

Ciao Laura, il racconto mi è piaciuto: l’ultimo essere umano della serie 1.x di fronte al futuro. Non ci sono elementi che danno a intendere che la nuova Era sia in qualche modo peggiore di quella passata, anzi, leggendo ci si convince del contrario. Ti aspetti di arrivare alla magagna, che qualcuno dica “però ora succede anche questo”, ma il momento non arriva. Rispetto a tanti racconti già visti sul tema, è un’importante differenza che mi è piaciuta. Non lo sapremo mai se è davvero meglio o no (a parte quel “si sentì violata” che mette in allerta). Mi sto perdendo in divagazioni, riprendo il filo.
Stilisticamente nulla da segnalare, il racconto fila e procede spedito verso la conclusione. Condivido il commento di Wladimiro, non sarebbe stato male sviluppare maggiormente le emozioni di Elettra mentre guarda le immagini della sua vita. Avrebbe migliorato l’emozione.
Ho apprezzato molto il senso di spaesamento iniziale, è ben descritto e mi ha trascinato verso il centro.
grazie della lettura, a presto!
andrea

viviana.tenga
Messaggi: 500

Re: 2.0

Messaggio#8 » sabato 23 maggio 2020, 20:10

Ciao Laura,
Il racconto mi è piaciuto molto. Bello l'espediente di farci vedere tutto con gli occhi di una vecchia che inizia a accusare problemi di demenza, con un senso di spaesamento a cui il lettore partecipa a perché deve ancora mettere a fuoco l'ambientazione. L'idea può non essere originalissima, ma è bella la lente da cui la guardi e il modo in cui la sviluppi, e l'importante è questo.
Unico appunto: non so se ho interpretato male io, ma da quel che ho capito la madre di Elettra sia morta di parto. Quindi vuol dire che, almeno per i tre anni successivi alla sua nascita, c'erano donne che continuavano a partorire in maniera naturale. Tenendo conto che già adesso arrivare a novantasei anni è raro ma non così tanto, mi sembra un po' presto perché lei sia l'ultima rimasta.
A parte questa piccolezza, davvero un ottimo racconto.

Avatar utente
DandElion
Messaggi: 591

Re: 2.0

Messaggio#9 » giovedì 28 maggio 2020, 18:07

Ciao Laura!
Mi è piaciuto molto il tuo racconto! Fila liscio, davvero senza una sbavatura.
"Elettra si sente violata." deve essere orribile rivedere tutta la propria vita, non con nella propria intimità, ma proiettata davanti a sconosciuti. Interessante il tema dello scegliere ogni cosa di un figlio, davvero si tratta di alta ingegneria genetica. Chapeux per la leggerezza con la quale hai affrontato il tema. Centrato in pieno.
#AbbassoIlTerzoPuntino #NonSmerigliateLeBalle
#LicenzaPoeticaGrammatica
Adoro le critiche, ma -ve prego!- che siano costruttive!!

costellazione di bacco
Messaggi: 65

Re: 2.0

Messaggio#10 » giovedì 28 maggio 2020, 20:02

Ciao Laura, piacere di leggerti,
Il tuo racconto mi è piaciuto molto e trovo interessante come hai affrontato la tematica: l’unica donna rimasta sulla faccia della terra ad essere nata naturalmente contro una platea nata “artificialmente”. Spettacolare. Il testo scorre bene e non lascia spazio né alla noia né alla perdita di concentrazione. Ho apprezzato anche la didascalia finale che sottolinea la fine di un’Era con la morte della protagonista. Bene, continua così.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4139

Re: 2.0

Messaggio#11 » mercoledì 3 giugno 2020, 18:54

Un bel racconto che si legge bene. Forse si rimane un po' esterni a Elettra, il mio consiglio è quello di rendere ancora più importante il momento del filmato, anche centrale e inglobante il racconto. Durante la riproduzione delle scene di vita della protagonista potresti comunque lavorare sul suo senso di spaesamento e sul contesto in cui si trova. Il tutto risulterebbe più intimo e compresso. Detto questo, di sicuro un pollice tendente verso l'alto, anche in modo discretamente brillante.

Torna a “All Stars Edition - la Nona della Settima Era - 141° All Time”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti