Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Appuntamento alle 21.00 di lunedì 22 giugno con il tema proposto da tre grandi donne di Minuti Contati: Linda De Santi, Eleonora Rossetti e Ambra Stancampiano!
Avatar utente
antico
Messaggi: 3933

Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#1 » martedì 23 giugno 2020, 2:00

Immagine

BENVENUTI ALLA PRE OLYMPIC SPECIAL CERBERO EDITION, LA 142° ALL TIME!

Questo è il gruppo DE SANTI della PRE OLYMPIC SPECIAL CERBERO EDITION con LINDA DE SANTI, ELEONORA ROSSETTI e AMBRA STANCAMPIANO nelle vesti di Guest Stars.

Gli autori del gruppo DE SANTI dovranno commentare e classificare i racconti del gruppo ROSSETTI.

I racconti di questo gruppo verranno commentati e classificati dagli autori del gruppo STANCAMPIANO


Questo è un gruppo da OTTO racconti e saranno i primi TRE ad avere diritto alla pubblicazione immediata sul sito e a entrare tra i finalisti che verranno valutati dalle GUEST STARS. Altri racconti ritenuti meritevoli da me, l'Antico, verranno a loro volta ammessi alla vetrina del sito, ma non alla finale. Ricordo che per decidere quanti finalisti ogni gruppo debba emettere cerco sempre di rimanere in un rapporto di uno ogni tre approsimandolo all'occorrenza per eccesso.

Per la composizione dei gruppi ho tenuto conto del seguente metodo: per primi ho assegnato ai raggruppamenti coloro in possesso di punti RANK ALL TIME (il primo nel gruppo A, il secondo nel gruppo B, il terzo nel gruppo C, il quarto nel gruppo A e così via), coloro che non hanno ancora ottenuto punti nel RANK ALL TIME sono stati assegnati a seguire (primo a postare gruppo X, secondo a postare gruppo Y, terzo a postare gruppo BETA, quarto a postare gruppo X e così via). A prescindere da tutto, ho inoltre forzato in modo che l'unico racconto con MALUS fosse assegnato al gruppo da OTTO partecipanti.

E ora vediamo i racconti ammessi nel gruppo DE SANTI:

Il pozzo nuovo di Valbassa, di Andrea Partiti, ore 22.33, 3268 caratteri
Tocca a te, di Maurizio Ferrero, ore 22.15, 3325 caratteri
Nessi causali, di Wladimiro Borchi, ore 23.55, 3307 caratteri
Una splendida coppia, di Luca Nesler, ore 22.51, 2709 caratteri
La candela, di Alexandra Fischer, ore 22.03, 2985 caratteri
Montalbano sono, di Simone Cassia, ore 00.27, 3159 caratteri
Ritmo e rumore, di Stefano De Luca, ore 00.12, 2618 caratteri
I fatti, di Giulio Palmieri, ore 23.47, 3636 caratteri MALUS 4 PUNTI

Avete tempo fino alle 23.59 di giovedì 2 LUGLIO per commentare i racconti del gruppo ROSSETTI. Le vostre classifiche corredate dai commenti andranno postate direttamente sul loro gruppo. Per i ritardatari ci sarà un'ora di tempo in più per postare le classifiche e i commenti, quindi fino alle 00.59 del 3 LUGLIO, ma si prenderanno un malus pari alla metà del numero di autori inseriti nel gruppo approssimato per difetto. Vi avverto che sarò fiscale e non concederò un solo secondo in più. Vi ricordo che le vostre classifiche dovranno essere complete dal primo all'ultimo. Una volta postate tutte le vostre classifiche, posterò la mia e stilerò quella finale dei raggruppamenti.
NB: avete DIECI giorni per commentare e classificare i racconti del gruppo ROSSETTI e so bene che sono tanti. Ricordatevi però che Minuti Contati, oltre che una gara, è primariamente un'occasione di confronto. Utilizzate il tempo anche per leggere e commentare gli altri racconti in gara e se la guardate in quest'ottica, ve lo assicuro, DIECI giorni sono anche troppo pochi. E ancora: date diritto di replica, tornate a vedere se hanno risposto ai vostri commenti, argomentate, difendete le vostre tesi e cedete quando vi convinceranno dell'opposto. Questa è la vostra palestra, dateci dentro.

Eventuali vostre pigrizie nei confronti dei commenti ai racconti (che devono avere un limite minimo di 300 caratteri ognuno) verranno penalizzate in questo modo:
– 0 punti malus per chi commenta TUTTI i racconti assegnati al suo gruppo con il corretto numero minimo di caratteri.
– 13 punti malus per chi commenta tutti i racconti assegnati al suo gruppo, ma senza il numero minimo di caratteri.
– ELIMINAZIONE per chi non commenta anche solo un racconto di quelli assegnati al suo gruppo.


Vi ricordo che i racconti non possono essere più modificati. Se avete dubbi su come compilare le classifiche, rivolgetevi a me.
Potete commentare i vari racconti nei singoli thread per discutere con gli autori, ma la classifica corredata dai commenti deve obbligatoriamente essere postata nel gruppo ROSSETTI.
Altra nota importante: evitate di rispondere qui ai commenti ai vostri lavori, ma fatelo esclusivamente sui vostri tread.

E infine: una volta postate e da me controllate, le classifiche non possono più essere modificate a meno di mia specifica richiesta in seguito a vostre dimenticanze. L'eventuale modifica non verrà contabilizzata nel conteggio finale e sarà passibile di malus pari a SETTE punti.

BUONA PRE OLYMPIC SPECIAL CERBERO EDITION A TUTTI!



Sybilla Levanti
Messaggi: 142

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#2 » giovedì 25 giugno 2020, 1:29

Ecco la lista con i miei comments e la rank. Per i comments ho scelto di seguire l'ordine dato da L'Antico mentre sotto trovate la classifica. Fino all'ultimo decidere come posizionare alcuni racconti non ha rappresentato un'impresa facile dato che sono tutti di ottimo livello.

Comments:

I fatti - Ciao Giulio, penso che questa sia la prima volta che ti commento un racconto e l'ho apprezzato: sono un'amante dei polizieschi e dei thriller e l'idea potrebbe anche essere ampliata, a mio avviso.Il topic l'hai colto e sviluppato bene. Da un punto di vista strutturale del testo, trovo che sia scorrevole. Ci sono alcuni termini che non mi convincono, come "allentato" riferito all'assunzione dell'eparina per citarne uno ma non rappresentano un problema all'interno dell'economia generale del racconto.
Questa frase, invece,
I capelli grigi necessitavano di un po’ di colore, e la gonna nera sulle gambe le nascondeva le caviglie.
non mi convince per come l'hai formulata. Il senso è chiaro ma mi sembra che manchi qualcosa a livello sintattico.
Comunque un buon lavoro e un thumb up per te.

Sybilla


Ritmo e rumore Ciao Stefano. Topic centrato, con un racconto che ha il sapore della riscossa e della rivalsa. All'inizio non mi era del tutto chiaro quale fosse il tema centrale e almeno fino al terzo paragrafo mi ero immaginata scenari molto differenti. Condivido la scelta del flusso di coscienza come "voce" principale, come se essa fosse un personaggio a parte.
Lo stile è gradevole e scorrevole ma ci sono alcuni punti che non mi convincono. Questa frase
Ansimando torna dei colpo scuotendo il corpo, ora si sentono anche le gambe. Chi lo ha detto? A me? Sono a malapena un corpo!
andrebbe rivista, secondo me perché (forse nella foga di scrivere o di correggere) mi suona un po' pasticciata. Anche verso la fine, non riesco a capire se la moglie sia con lui sulla montagna e lui la lasci indietro o se lei sia solo una voce nella sua testa, hce l'ha spinto a intraprendere di nuovo la scalata, questa volta davvero da solo.

Buona lavoro, comunque

Sybilla


Montalbano sono Ciao Simone, hai centrato il tema anche se non viene esplicitato nel tuo racconto. Carina l'idea di usare il personaggio di Montalbano come ispirazione (o protagonista) per lo sviluppo della trama. Grazie anche per aver incluso la traduzione per i non siciliani. Hai una scrittura chiara e lineare e il tuo testo scorre bene. Non ho particolari appunti da fare riguardo alla struttura o alla sintassi. L'unico appunto che mi sento di farti riguarda il finale, che - secondo me - suona un po' telegrafato e "tirato via".

Thumb up per te.

Sybilla


La candela Ciao Alexandra! Un piacere leggerti again. Da witch posso dirti che ho adorato il tuo piccolo racconto. Scritto in modo scorrevole e piacevole ma ho dei dubbi su alcune parti della narrazione. Non sono del tutto sicura riguardo al "dove" nella prima frase. Non sarebbe corretto usare il "quando"? Ho questo dubbio dato dal fatto che in inglese si usa "when" invece di "where" e faccio confusione ora...
Deve essersi infilato in mezzo ai fazzoletti di carta e alla sveglia, ma la sola idea di alzare le tapparelle a quest’ora mi fa orrore: sono già le sette, e fa un caldo terribile.
: trovo un po' confusa questa parte del testo con le due azioni che mi sembrano scollegate tra loro e rendono poco chiaro l'insieme.
Lo raccolgo e lo metto sul tavolo, dove trovo una candela nera con il simbolo di un albero troncato a metà: è immersa in una ciotola d’acqua con accanto una lametta da barba.
Tiro via la candela e avverto una scarica di elettricità, mi si propaga lungo tutto il corpo e mi ritrovo fra le mani un grumo di cera fusa.
: anche qui sono un po' confusa. La candela sembra essere integra quando il protagonista si avvicina ma poi appare come un grumo di cera fusa (quando si fa uno spell bisogna attendere fino a quando la candela si consuma completamente ).
Allora mi ricordo del tuo sorriso maligno quando mi hai convinto ad accettare il tuo dono: abiti nell’alloggio a tre piani sopra il mio e ho salvato la vita al tuo gatto agguantandolo appena in tempo prima che cadesse dal balcone.
: anche qui non riesco a capire la consecutio dei fatti...scusa se sono noiosa. Tra l'altro son proprio io che non capisco, nulla da eccepire sul tuo stile o sulla sintassi/grammatica.
Vuoto la ciotola nel lavello e anche la lametta da barba.
: la lametta da barba nel lavello?

Non prendertela male eh, voglio solo capire.

Thumb up per te.

Sybilla.


Una splendida coppia Ciao Luca, piacere di rileggerti. Il tuo racconto ha toccato alcune corde molto recondite del mio animo. Il tuo racconto lo trovo ben scritto e di facile lettura, il ritmo scorre bene e non sveli nulla fino alla fine. Non ho ben capito quale sia la cosa non fatta ma che si sa (il protagonista sa che il suo amico/familiare si trova in una care home di un qualche tipo, che sa che Ester sia al cimitero per esempio). Limite mio. A parte questo, ho davvero apprezzato il tuo racconto.

Thumb up

Sybilla


Nessi causali Ciao Wladimiro, piacere di rileggerti. La tua storia mi ha colpita molto. Sia per lo stile asciutto e tecnico (specie quando parla il pubblico ministero) che per il tema che hai scelto. La trama risulta solida e ben costruita, con lo snodo degli eventi abbastanza lineare. Anche la scelta di intervallare le actions del protagonista con l'arringa del pubblico minitero makes sense e non appesantisce il racconto, pur risultando un flashback de facto.

Unico appunto: non so se sia stata una tua precisa scelta stilistica o se sia colpa del mio laptop, ma il font che hai utilizzato risulta microscopico. Non che questo influisca sul mio positivo giudizio.

Thumbs up per te.


Sybilla


Tocca a te Ciao Maurizio. Ho apprezzato il tuo racconto, da amante del genere distopico post apocalisse alla Hokuto No Ken o alla Mad Max, come ha citato qualcuno in un suo commento dove vige la regola del "homo homini lupus". Ho trovato lo stile un po' pesante e farragginoso, spesso non chiaro rispetto all'azione che volevi raccontare. (Anche se devo ammettere che ultimamente il mio level di comprensione dell'italiano ha avuto un tracollo notevole, quindi potrei anche essere io a non aver capito bene).
In generale il racconto fila senza troppe storture.


Thumb up,

Sybilla


Il pozzo nuovo di Valbassa Ciao Andrea, hai fatto un buon lavoro con il racconto, centrando il tema proposto ma alcuni punti mi son risultati oscuri, specie nella parte finale. Non si tratta di problematiche legato allo stile, che si presenta consistent e snello, quanto a quello che volevi dire e che rende, secondo me, poco chiaro il come alcuni abbiano mancato "qualcosa" pur, di fatto, aver compiuto l'azione di fare una donazione alla creatura che vive in fondo al pozzo (che me la immagino un po' Creatura della Black Lagoon e un po' strega de l'Armata delle Tenebre"). Dove si delinea il discrimine tra chi ottiene quello che chiede senza conseguenze e chi invece lo ottiene ma poi si spegne per non aver pagato il "giusto prezzo"? Come fa qualcuno a sapere quale esso sia e altri no e chi lo sa potrebbe dirlo agli altri? O deve mantenere il segreto? Un'ultima domanda, se si tratta di un pozzo ormai in disuso e sostituito dalla fontana, come mai hai intitolato il tuo racconto "Il pozzo nuovo di Valbassa"? Scusa per tutte le domande.
Se si tratta di uno spoiler attendi fino a quando tutti avranno commentato...non voglio rovinare la lettura a nessuno. Si tratta di curiosità non di veri dubbi.

Thumb up anche per te,

Sybilla



Classifica:

1 Nessi causali
2 La candela
3 Una splendida coppia
4 Montalbano sono
5 I fatti
6 Tocca a te
7 Il pozzo nuovo di Valbassa
8 Ritmo e rumore

Avatar utente
Piscu
Messaggi: 83
Contatta:

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#3 » giovedì 25 giugno 2020, 11:07

salve a tutti, ecco commenti in ordine sparso e classifica alla fine. in media comunque racconti discreti, non ho trovato nessuna schifezza totale! :)



Il pozzo nuovo di Valbassa
racconto di atmosfera che riesce a suggerire in modo efficace questa presenza misteriosa al centro del paese e anche come la vita della piccola comunità gli ruota intorno. bella l'idea di questo "debito" contratto con l'entità che poi rimane nella mente delle persone e le porta a dubitare se abbiano offerto abbastanza. personalmente avrei cambiato proprio le ultime righe, in cui viene praticamente resa esplicita la presenza di qualche tipo di creatura. io l'avrei lasciato più ambiguo, suggerendo che fosse tutta una tradizione degli abitanti talmente forte da condizionare il loro modo di vedere il mondo nonostante l'assenza di prove.

Tocca a te, di Maurizio Ferrero
contesto postapocalittico alla mad max, con i predoni cannibali e tribù varie in lotta tra loro. nella prima sezione ammetto che ho fatto un po' di fatica a distinguere i due personaggi, soggetti e complementi erano intrecciati tra loro e ero sicuro di chi fosse il predone "buono". mi sarei aspettato un twist più forte, ma funziona abbastanza bene così, e la sequenza di scontro tra i due è resa molto bene. non particolarmente originale ma ben fatto.

Nessi causali, di Wladimiro Borchi
efficace la contrapposizione tra narrazione ed estratti "legali", che porta a pensare che stiamo vedendo la scena descritta e invece si scopre che è una sequenza futura. purtroppo quando viene rivelata la verità la storia traballa un po', perché la ricostruzione dei fatti mi sembra troppo semplicistica perché possa essere passata. so che ci sono casi reali in cui sono state fatte valutazioni su elementi ben più labili di questo, ma un racconto deve essere "più credibile" della realtà, quindi qui non mi basta. inoltre il tema del pedofilo cattivo è un po' un jolly troppo facile da usare quando si vuole suscitare la reazione "di pancia" del lettore, e qui mi pare che sia stato usato proprio per creare uno shock più forte di quanto la storia richiedesse.

Montalbano sono, di Simone Cassia

l'aderenza al tema c'è, ma la storia in sé mi sembra un po' limitata. nel senso, la trama in sostanza è "un amante geloso spacca il vetro alla persona sbagliata". il problema principale è che il protagonista non è coinvolto nella vicenda, è appunto uno spettatore e quindi quando si scopre cosa era successo realmente la reazione è "ah, vabbè". un po' come se la leggessimo sul giornale, ci può sembrare una storia curiosa ma finisce lì, non abbiamo altre reazioni quindi rimane tutto molto freddo.

La candela, di Alexandra Fischer
non sono sicuro di aver capito, in pratica il nucleo della storia è che lui non ha compiuto il rito nel modo corretto? quindi l'effetto non è stato quello voluto, ma allora quale avrebbe dovuto essere? parli di un "incanteismo di morte", possibile che fosse così in collera verso la ex da volerla ammazzare? non aiuta il fatto che la parte iniziale del racconto è un po' confusa, si basa sulla descrizione di un ambiente che probabilmente tu avevi chiaro in testa ma non è trasmesso con la stessa efficacia. inoltre la storia si basa anche sul cliché del "persona ubriaca che fa cose che non si ricorda", quando per la maggior parte l'ubriachezza non funziona così, e soprattutto non è un interruttore on/off che ora sei normale e un secondo dopo perdi il controllo e non ricordi cosa hai fatto. inoltre per arrivare in questo stato di blackout totale con un litro e mezzo di birra (nemmeno di vino!) bisogna essere proprio dei pischelletti! fagli bere un litro e mezzo di tequila e se ne riparla.

Una splendida coppia, di Luca Nesler
racconto ben scritto e il finale colpisce, anche se si riusciva a intuire già verso metà. analizzandolo al netto dell'impatto emotivo però qualcosa non funziona del tutto. innanzitutto non capisco quale sia il rapporto tra i due. chi è che va a trovare il vecchio? si suppone che sia una persona più giovane (ma non è detto), quindi è il figlio, o un amico qualunque? dice che andrà a trovare anche la moglie al cimitero, quindi conosceva anche lei, ma in che rapporti erano? insomma mi manca un po' di capire perché a lui interessa fare compagnia al vecchio. il dettaglio dell'ippocastano secondo me è ingannevole: supponiamo che il vecchio abbia qualche forma di demenza/alzheimer/amnesia, quindi crede di essere nel suo passato. se è convinto di aver appena piantato l'albero che c'è fuori, ma lo dice mentre lo guarda, allora dovrebbe accorgersi che qualcosa non va. il particolare è efficace come indizio ma l'hai posto nel modo sbagliato, avresti dovuto fargli citare l'albero ma senza vederlo, perché così a meno di una totale dissociazione dalla realtà si dovrebbe rendere conto che non può averlo appena piantato. in ultimo, non ritrovo l'aderenza al tema. cos'è che uno di loro NON ha fatto? "non si è ricordato" di essere invecchiato? o l'altro "non gli ha detto" che sono passati anni? il collegamento col tema lo trovo molto esile, al limite del mancato.

Ritmo e rumore, di Stefano De Luca
è sempre rischioso scrivere racconti che si svolgono "nella testa" di quacuno che non ricorda, non sa, non sente. si va incontro a paragrafi di frasi confuse e poco significative. all'inizio si ha quella sensazione, di "voce nel vuoto" che probabilmente era l'intento, ma che ammazza subito l'attenzione, perché leggendo si pensa "si ok questo non si ricorda, ma che succede?". io avrei trascinato molto meno la parte di confusine iniziale, se non addirittura solo la prima frase per poi passare all'azione. il tema è centrato, anche se mi permetto di dire che la moglie mi pare un po' troppo esigente, salire sulla vetta con due guide sherpa non mi sembra comunque un'impresa da quaqquaraqqua.

I fatti, di Giulio Palmieri
non è facile condensare un giallo in così poco spazio, e purtroppo credo che tu abbia avuto qualche difficoltà nel bilanciare la storia. infatti l'introduzione è molto distesa, con descrizioni e dettagli, ci fai vedere i personaggi e il contesto. poi nel finale hai dovuto sintetizzare tutto in uno spiegone che il commissario sputa tutto d'un fiato a beneficio del lettore, perché il racconto sta finendo e bisogna tirare le fila. la storia, anche se non originale, funziona, ma il racconto soffre molto di questo disequilibrio. sarebbe stato meglio diluire meglio le informazioni, mettere qualche primo indizio già nella prima parte e non dover quindi fare lo spiegone alla fine. credo che già rimuovendo il personaggio dello stenografo o quel che è, che di fatto non aggiunge niente, avrebbe dato più spazio di sviluppare la storia meglio.


classifica:

1 - Il pozzo nuovo di Valbassa, di Andrea Partiti
2 - Tocca a te, di Maurizio Ferrero
3 - Ritmo e rumore, di Stefano De Luca
4 - I fatti, di Giulio Palmieri
5 - Una splendida coppia, di Luca Nesler
6 - Nessi causali, di Wladimiro Borchi
7 - Montalbano sono, di Simone Cassia
8 - La candela, di Alexandra Fischer

Avatar utente
Davide Di Tullio
Messaggi: 175

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#4 » lunedì 29 giugno 2020, 20:32

Ciao, ecco la mia classifica:

1 - Il pozzo nuovo di Valbassa, di Andrea Partiti

► Mostra testo


2 - Tocca a te, di Maurizio Ferrero

► Mostra testo


3 -Una splendida coppia, di Luca Nesler
► Mostra testo


4 -Nessi causali, di Wladimiro Borchi

► Mostra testo

5 - Ritmo e rumore, di Stefano De Luca

► Mostra testo


6 I fatti di Giulio Palmieri

► Mostra testo



7 La candela, di Alexandra Fischer

► Mostra testo


8 - Montalbano sono, di Simone Cassia

► Mostra testo
.

Avatar utente
antico
Messaggi: 3933

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#5 » martedì 30 giugno 2020, 14:37

Solo tre le classifiche da voi ricevute quando mancano due giorni al termine. All'appello devono ancora rispondere Polly Russell, Roberto Romanelli, Danilo Riccio e Giulio Marchese.

Avatar utente
Vastatio
Messaggi: 618

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#6 » mercoledì 1 luglio 2020, 11:26

Il pozzo nuovo di Valbassa

Ciao,
certo che la tua Valbassa di roba strana ne ha. Mi piace questo racconto, sa di "leggenda" raccontata dal taxista di turno che porta i turisti in giro per la regione. La chiusa mi lascia un po' deluso. Con l'altro racconto di Valbassa mi avevi "dipinto" una Valbassa "stronza". Mi sarei aspettato un mostro nel pozzo che, in qualche modo, fregasse qualcuno in base a qualche sua regola strana (o a capriccio) in modo da rendere l'offerta non adeguata alla fortuna ricevuta. Rendendo quindi l'uso del pozzo un rischio non solo dovuto alla propria incapacità di valutare la propria richiesta. Alla fine, però, non dicendo nulla in tal senso, posso anche interpretarlo così.
In ogni caso una buona prova.

Tocca a te

Ciao,

bella ambientazione, bella interpretazione del tema e bello stile pulito. Non so se tu l'abbia fatto apposta, ma, la tua "fotografia" cozza con l'immaginario comune proprio di quell'ambientazione. Ho trovato tutto molto "tranquillo", "quotidiano" (per i protagonisti, sia chiaro, il mio massimo dilemma quotidiano su come procacciarmi il cibo è scegliere il supermercato vicino casa o vicino all'ufficio). Un contrasto decisamente forte rispetto alla situazione. Devo ancora decidere se la cosa mi sia piaciuta o mi abbia creato più un effetto "meh".


Nessi causali

Ciao,

non sei l'unico a giocarti la carta dell'abuso in questa edizione (ho letto anche altri racconti oltre al tuo girone) e questo ti fa perdere qualche punto. Recuperi per la struttura e, almeno per me, perdi un po' nel finale che mi sembra una soluzione non all'altezza di quello che mi avevi prospettato . Mi piace che stai raccontando la storia del "capro espiatorio", ma non mi piace l'aver tirato fuori il figlio malato mentale che scappa dall'istituto.

Una splendida coppia

Ciao,

una bella dose di allegria, con spruzzata di limone negli occhi alla fine. Ti bruci subito all'inizio l'eventuale effetto sorpresa, "fingendo" di notare l'ippocastano. In questo modo è chiaro che per tutto il racconto lui lo sta assecondando. E assecondare un vecchio in quella che potrebbe essere la sua camera alla casa di riposo (pantofole nuove, letto singolo) e parlare poi della moglie mi porta a mangiare la foglia molto presto. Inoltre, se vuoi farmi piangere (commuovere va, non esageriamo), devi mostrarmi qualcosa di deprimente, non dirmi semplicemente come si sente lui. Non empatizzo altrimenti. La frase finale mi è piaciuta parecchio.


La candela

Ciao,

manco da MC da parecchio e, devo dire, che ti ho trovata molto migliorata.
La storia di per sé reggerebbe, è che, secondo me, hai voluto inserire "troppi" dettagli, per rendere più viva la scena, ma che mandano in confusione. Che cavolo di casa ha? Per arrivare dalla camera da letto alla cucina deve fare attenzione all'appendiabiti (ok, ci sta, può averlo in camera) e al portaombrelli (io questo lo metto o FUORI dalla porta d'ingresso o subito lì vicino)... Il cellulare poi è in carica "per terra" in cucina? Ha agguantato il gatto al volo dal balcone 10 metri sopra di lui? La sua ex chiama un numero (accettiamo che lo abbia ancora in rubrica) che non chiama da (circa) 4 ANNI? Non ha qualcuno di più "recente" nella cronologia chiamate? Oppure è una "rompiscatole" proprio perché lo assilla (quindi ci sta che sia nella sua cronologia), ma allora perché lui "vorrebbe chiamarla"?
Ho come l'impressione che la "rompiscatole" non sia quella che lui vorrebbe chiamare e per cui si strugge all'inizio.


Montalbano sono

Ciao,

non amo l'uso del dialetto. Non lo amo perché non lo capisco e, di norma, sono costretto o a perdermi interi paragrafi o a fruire di note e traduzioni che, converrai, spezzano in modo indecente la lettura.
Non è il tuo caso perché, avendo sangue terrone nelle vene, lo capisco. Però non mi piace lo stesso, anche perché non lo releghi solo al "parlato", ma anche al narrato (e ci sta, essendo una prima persona). Però, in questo caso, solo poche parole per fare "colore"... mi sembra una alchimia dosata male.
A parte questo l'idea è carina. Un equivoco, da cui partono le seghe mentali del protagonista. Trattandosi di un altro però avrei preferito vedere qualche "effetto" delle paranoie... perché così mi sembra una occasione sprecata.




Ritmo e rumore

Ciao,

ammetto che non ci stavo capendo nulla. Poi, quando finalmente arriva un ricordo "CHIARO", la situazone si capisce. Prendo per buona la tua motivazione: rivalsa dopo una "critica" della moglie (non ci arrivava "prima" da solo che la moglie lo avrebbe beccato?). Quello ch enon mi piace è l'uso che fai del "suono". Premetto che io "sento" più che "vedere" quello che leggo e "rumore" e "suono" non mi dicono niente.
Show don't tell vale anche per i suoni. Ci sta che ci sia "rumore" quando è ancora intontito, quando si sta risvegliando. Quando non riesce a mettere a fuoco. Quando perà è vigile "rumore" e "suono" hanno un origine e una forma precisa. Altrimenti sono solo "qualcosa".



I fatti

Ciao,

il fatto è che hai finito lo spazio. Solo così si spiega l'infodump finale (non è che, solo perché è in un dialogo, non puzza di infodump). E il problema è che tutto il ragionamento del "commissario" si basa su voci che potrebbero, facilmente (forse), essere dimostrate da ricette del medico non usate in farmacia, da flaconi di erparina buttati ancora pieni, o il conto delle siringhe che non quadra. Non è che stiamo parlando della morte di "ieri" e del commissario che, in meno di 24 ore, sbroglia la matassa, usando solo voci e il suo intuito. Son passati dieci giorni!



Classifica

1. Il pozzo nuovo di Valbassa
2. Tocca a te
3. Una splendida coppia
4. Nessi causali
5. Montalbano sono
6. La candela
7. I fatti
8. Ritmo e rumore

Kiljedayn
Messaggi: 64

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#7 » mercoledì 1 luglio 2020, 15:34

Salve a tutti, ecco qui la mia classifica e i miei commenti, al solito, è stata dura! Complimenti a tutti i partecipanti di questo gruppo!

CLASSIFICA
1) Il pozzo nuovo di Valbassa
2)Tocca a te
3)Nessi causali
4)Una splendida coppia
5)La candela
6)I fatti
7)Ritmo e rumore
8)Montalbano sono

COMMENTI

IL POZZO NUOVO DI VALBASSA:
Ciao Andrea!

Racconto inquietante, che centra in modo perfetto il tema di questa edition. Devo farti i miei complimenti, riesci nella difficile impresa di suggerire una minaccia ultraterrena senza però lasciarla poco approfondita. Il mistero è tale, ma suona anche stranamente "concreto": spetta al lettore decidere cosa sia effettivamente questa creatura, ma i suoi effetti sulla vita e sulle persone sono ben delineati; il risultato è un racconto che ha il sapore della leggenda che si racconta ai forestieri per lasciarli con un ultimo brivido prima di addormentarsi, con suggestioni lovecraftiane che personalmente apprezzo tantissimo.
Ancora complimenti, quindi, e ti faccio i miei migliori auguri per il contest!
Alla prossima!

TOCCA A TE:
Ciao Ferre, prima volta che devo commentare ufficialmente un tuo racconto!

Essendo un tuo lettore da un po' di tempo so bene che nei paesaggi apocalittici ci sguazzi a meraviglia, e infatti, anche in questo caso, l'ambientazione funziona a dovere. Abbiamo i cannibali, i veicoli alla mad Max e quel classico senso di "andare in culo a chi sta peggio" che caratterizza questo tipo di storie. Sono sempre contento di vedere quando a un'azione estremamente aberrante come quella del cannibalismo viene attribuito il giusto peso, fin troppo spesso film e videogiochi ci regalano lo stereotipo del mangiatore di uomini pazzo e completamente desensibilizzato allo schifo che compie per sopravvivere. Appropriato il finale con contrappasso, dove i cacciatori diventano le prede e la pietà di Karloff non trova alcuna gratificazione.

Attento solo ad una cosa: i personaggi, inizialmente, tendono a sovrapporsi. Usando tantissimo anche io i soprannomi per i miei personaggi, è un rischio che comprendo bene; forse Ditagialle avrebbe potuto essere un po' più… stronzo, ecco. Inizialmente sembrano entrambi ripugnati dall'idea di uccidere il piccolo, mentre quella di Ditagialle alla fine è solo pigrizia e voglia di testare la fedeltà del compare. Nel complesso, un racconto che ho apprezzato!

NESSI CAUSALI:
Ciao Wladimiro, piacere di rileggerti!

Racconto in crescendo, che arriva al culmine di una scena di violenza esplosiva, breve ma intensa. Azzeccato il tema, naturalmente. Interessante e molto ben gestita la dualità della narrazione, un depistaggio che alla prima lettura riesce a cogliere impreparato il lettore, sebbene il piano possa apparire un po' troppo machiavellico per un semplice abuso da parte di un pedofilo. Tuttavia, quello che lo ha reso credibile per me è il dettaglio che Fabrizio non fosse un bambino qualsiasi, ma il rampollo di una famiglia molto ricca e potente (cose che apre la porta a vendette, fantasie di dominio e quant'altro). Quando poi ci viene rivelata, la verità è ancora più semplice e disgustosa.
UN racconto molto buono che sicuramente si merita il podio nella mia classifica, la prima posizione dovrò assegnarla esclusivamente sulla base del mio gusto per i temi trattati e il genere di riferimento, a questo punto.

Complimenti e in bocca al lupo per questa edition!

UNA SPLENDIDA COPPIA:
Ciao Luca!

Il tuo racconto mi risulta molto difficile da giudicare. Se la potenza emotiva è innegabilmente presente, ed è il pregio più grande della tua storia, devo ammettere che faticavo a capire il contesto. Mi spiego meglio: comprendo l'esigenza di rivelare man mano che i due interlocutori non si trovino a casa di Paolo, ma in una qualche struttura di cura. Insomma, hai tratteggiato una scena molto toccante con una calibrazione del senso di "groppo alla gola" molto ben gestita. Dall'iniziale complicità fra il protagonista e Paolo fino alla profonda tristezza del finale, tutto funziona a meraviglia. Però ho avuto bisogno di leggere la tua spiegazione in uno dei commenti per capire sul serio la cornice della storia: senza quella spiegazione, il rapporto fra Paolo, Ester e il narratore risulta troppo nebuloso. Una volta compreso che non ci siano legami di parentela, viene da chiedersi cosa lo spinga ad andare lì. L'unica spiegazione che mi ero dato era che fosse un volontario, ma che arrivasse perfino ad andare al cimitero per Ester mi sembrava troppo.
Il mi consiglio è di rimetterci mano e suggerire maggiormente cosa sia accaduto prima, può uscire una storia davvero struggente.
Alla prossima!

LA CANDELA:
Ciao Alexandra!

Io sono abbastanza nuovo qui, su MC, ma ho avuto modo di leggere almeno tre tuoi racconti, notando un'evoluzione positiva nella qualità. Insomma, migliori sempre di più e questa è un'ottima cosa, quindi ti faccio i complimenti anche solo per questo!
Venendo al racconto vero e proprio: la parte iniziale è buona, come ti hanno già fatto notare risulta abbastanza comico (forse involontariamente) che due bottiglie di birra abbiano mandato in blackout un uomo adulto, ma la descrizione del suo non troppo dolce risveglio è ben eseguita. Trovo un po' strano che lui senta il bisogno di raccontarsi dove viva la vicina e cosa abbia fatto per ricevere il dono. Personalmente, invece, non ritengo affatto esagerata la decisione di usare la magia per eliminare la "rompiscatole": il protagonista è un vigliacco, lo si capisce, perciò l'idea di usare una soluzione rapida e non rintracciabile per evitare un confronto mi sembra appropriata.
Nel complesso, una buona prova, probabilmente non da podio per mere questioni di tecnica, ma che ho apprezzato.
In bocca al lupo, alla prossima!

I FATTI:
Ciao, Giulio, piacere di conoscerti e leggerti per la prima volta!

Come già in passato, mi tocca uscire allo scoperto: il giallo , soprattutto all'italiana, non fa proprio per me, a livello di gusto personale. Chiaramente sul mio giudizio cerco di non lasciarmi influenzare dalla cosa, ma mi sembra onesto avvisare. Il tuo racconto, come ti hanno già detto, sembra un po' grosso per questi 3k caratteri maledetti. L'inizio è molto buono, l'uso di forme un po' desuete e la descrizione della protagonista aiutano molto a predisporre il "feeling" della tua scena, non è difficile immaginare questo ufficio piccolo e soffocante nel caldo di Otranto. Il commissario, sicuro di quali siano i fatti, gioca con la sospettata come fa il gatto col topo, si prende il suo tempo, insinua, testa le difese della sua avversaria. Questo, però, fintanto che sentivi di avere spazio a sufficienza: esauriti i caratteri, la velocità della scena si impenna, a scapito di quell'atmosfera costruita in precedenza.
Onore al coraggio di proporre un genere così complesso in uno spazio tanto ridotto, e ti faccio un grosso in bocca al lupo per la gara!

RITMO E RUMORE:
Ciao, Stefano!

Un racconto di redenzione, una sfida disperata e forse suicida per rimediare ad una menzogna del passato, recuperare il proprio onore e, forse, anche l'amore dei propri cari. Gli ingredienti per una grande storia ci sono tutti, inclusi il tema del conflitto con la natura e con sé stessi. Eppure, qualcosa nella forma mi ha impedito di apprezzare pienamente il tuo scritto. Se nelle prime righe posso condividere la decisione di usare una terminologia sensoriale "confusa", pensata per disorientare il lettore tanto quanto lo è il povero scalatore, con il procedere del racconto e del suo progressivo "risveglio", sarebbe stato opportuno rendere più agile il testo. Non è affatto un brutto racconto, e credo che la tua interpretazione del tema sia al contempo semplice, ma molto efficace, tuttavia non credo che mi sia arrivato pienamente.
Un peccato, ma ti faccio comunque i migliori auguri per questa edition!
Alla prossima!

MONTALBANO SONO:
Ciao Simone, sono abbastanza certo che sia la prima volta che leggo qualcosa di tuo, piacere di conoscerti!

Dunque, racconto interessante fino al climax mancato del del finale. Introduci un clima di paranoia molto credibile, chiunque inizialmente liquiderebbe l'accaduto come uno scherzo o un effettivo errore; ci sta che piano piano il protagonista continui a tormentarsi arrivando a immaginare complotti degni di Camilleri. Il finale, purtroppo, è un po' un "ah, tutto qui?"

Perdonami, ma non credo di aver colto il tema: chi sa cosa non ha fatto chi? Il protagonista che sa che il futuro assassino non ha recapitato la minaccia alla persona giusta? L'assassino che è convinto che il protagonista gli abbia messo le corna, quando non c'entra nulla? Non mi risulta chiarissimo.
Sulla questione del dialetto: tendenzialmente sono contrario all'uso di forme che spezzino il ritmo della lettura, ma è innegabile che tu abbia usato bene i termini per dare colore ed atmosfera; trattandosi poi di un racconto breve, risulta abbastanza facile consultare le note di traduzione, quindi non ci vedo un enorme problema.
Buona fortuna per la gara!

Polly Russell
Messaggi: 502

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#8 » mercoledì 1 luglio 2020, 23:28

Commenti sparsi e classifica alla fine.


Il pozzo nuovo di Baldassarre di Andrea Partiti
Ciao Andrea! Come al solito un’ottima prosa, come al solito ci lasci in bilico tra il detto e il non detto, ci lasci scegliere come preferiamo. In questo caso, cosa o chi sia l’abitante del pozzo. Di più, ci lasci decidere se esista davvero, perché potrebbe essere solo suggestione. E, come sempre, mi piace.
All’inizio ho faticato a carpire l’attinenza al tema, poi mi sono resa conto che è perfettamente aderente. Il “pozzo” sa cosa hai o non hai fatto per avere il suo favore. Diciamo non ho davvero nessun appunto da farti.


Tocca a te, di Maurizio Ferrero
Ciao Maurizio, buona ambientazione, come sempre del resto. Pochi dettagli ed è tutto chiaro. Immagino che essere una patita del genere giochi a tuo favore, ma, per me, il tuo universo è davvero ben delineato.
Il cannibale ha delle remore, niente di più facile, gli umani sono empatici con i cuccioli, quanti mangiano carne ma non l’agnello? Quello che non torna è il motivo per cui si accorge che non lo aveva ucciso. Il sangue sulle mani è relativo: un bambino di quattro anni puoi tranquillamente strozzarlo, soffocarlo... a meno che non si voglia eliminare il sangue per mantenere la carne. Sì, potrebbe essere ma ci devo arrivare. Magari lo puoi accennare, “scolalo bene stavolta, l’ultima è marcito prima di arrivare”, per esempio. La chiusa mi piace, anche se avrei cercato una frase più a effetto, tipo “neanche loro possono tornare a mani vuote”.
C’è un film carino (Ottima idea, mal realizzata) su netflix, con quel figo di Momoa e Curry sull’argomento.

Nessi causali, di Wladimiro Borchi

Wladimiro, buonasera!
Cioè, fammi capire, per uno stupro ai danni di un bambino, con scasso, con la premeditazione e annessi e connessi, il massimo della pena è sedici anni? Molto meglio le mie distopie, cacchio!
Ma lasciamo perdere. Il racconto è, come sempre, davvero buono. Il twist finale è inaspettato, o meglio, che accada qualcosa te lo aspetti, ma non quello che accadrà. Quindi hai raggiunto lo scopo.
Per il resto mi sembra difficile che si riesca ad incolpare il ladruncolo, voglio dire, questo è uno scassinatore, senza precedenti per stupro o molestie, o l’avvocato l’avrebbe detto. Arma tutto quel casino per stuprare un bambino? Ne avrebbe potuti trovare altri, in modo più facile. E la madre? Chiude e se ne va? Sì, capita di continuo è vero, ma ci sono dietro situazioni di forte disagio, sudditanza psicologica, abusi ripetuti nel tempo, insomma roba che polizia, avvocati e servizi sociali avrebbero dovuto intuire. Però sei tu quello di mestiere, quindi mi fido.
Quel “sei malato” sottende forse al fatto che Fabrizio abbia accusato il padre e non sia stato creduto? Spero, perché spiegherebbe la sua ripresa dallo stato catatonico e la sua voglia di vendetta, ma forse lo sottolineerei.
L’alternanza dei periodi è ben gestita, e il finale arriva veloce e crudo come si deve.


Una splendida coppia, di Luca Nesler

Accidenti Luca che tristezza, quanto dolore. Una bellissima storia con un finale del tutto inaspettato. Ma perché è tanto inaspettato? Eheh, vecchio volpone! Perché non ci dai alcun appiglio per capire cosa stia davvero accadendo, anche se il platano è una grande idea!
Mi spiego, parliamo di un signore anziano con un qualche tipo di problema, che sia una demenza, un deficit cognitivo o un Alzheimer. Il problema è che dubito che i deliri siano tanto precisi e tanto lunghi. È il caffè che ti frega un po’, di solito è un generico “sta di sotto”, oppure “è di là”, perché di solito sono ricordi di gioventù quelli che affiorano e a meno che Ester non avesse passato mezza esistenza a comprare caffè, è difficile. In più Paolo è molto preciso, fatto salvo il platano, che ti ripeto è una genialata. Insomma, non lo so, io cercherei di essere un po’ più fumosa.
Detto questo è un ottimo racconto, molto emotivo. Sarà un casino stilare una classifica stavolta.


La candela, di Alexandra Fischer
Ciao Ale! Certo che... ma quanti anni ha il tuo protagonista se si stronca con due birre? XD per una sbronza come quella che descrivi ci vuole un surplus di rum, secondo me. E quanto può essere stronzo per volerla far fuori? XD
Comunque, storia chiara, lineare, che scorre abbastanza bene. Secondo me, un po’ esagerata, sia la strega con i suoi regali, sia la sua reazione ad essere stato lasciato, ma alla fine, femminicidi ne vediamo giornalmente, quindi perché no?


Montalbano sono, di Simone Cassia

Ciao.
Che dire, sono un po’ perplessa. In realtà la storia c’è, ma sembra più il riassunto che la storia stessa. Un uomo ha mandavo un avviso alla finestra sbagliata, quello che doveva essere avvisato, non lo è stato, quindi ha continuato nel suo intento e viene ammazzato. Ok, però qualcosa in più dimmela. Perché passionale? Chi vive lì vicino? Chi doveva morire, lui, lei, loro? Questo protagonista sta lì a non fare nulla, fino a che la soluzione arriva da sola. Ci dici che si arrovella come Montalbano, bene, fammelo vedere allora. Oppure invece che una storia sembra un prologo.
Insomma che dire, ok che erano pochi caratteri, ma almeno quei pochi usali.
In più hai usato davvero troppo il dialetto, va bene nel discorso diretto, anche se io non lo amo, ma dal narratore no, è men che meno a singhiozzo. O narra e pensa in dialetto, oppure no.




I fatti, di Giulio Palmieri
Ciao! Credo sia la prima volta che leggo qualcosa di tuo. Comincio col dire che non sono una gran fan dei gialli, principalmente perché non li capisco, e rimango sempre indietro su quale era l’indizio o su chi sia il colpevole, ma questo non influenzerà la mia decisione.
Ho dei dubbi su come hai gestito il racconto, fondamentalmente questo ispettore sa che la colpa è della sorella ma non può dimostrarlo, quindi gli sciorina tutta la sua tesi, così, per sfogo. Ci starebbe pure, ma avrei optato allora per un soliloquio, una sorta di flusso di conoscenza che avrebbe fatto apparire la parte finale del tuo racconto meno “spiegone”.
I caratteri sono quel che sono, ma lo sappiamo dall’inizio, quindi vanno dosato con saggezza. E io ne avrei risparmiati un bel po‘, omettendo la descrizione fisica delle donne o le impressioni dell’appuntato, e li avrei usati per diluire l’infodump finale.
Detto questo, mi perplime anche la dinamica. L’eparina per via endovenosa è un farmaco particolare, monitorato dalle Asl e soggetto a controlli ematici periodici, difficile che il dentista non abbia discusso con il curante la diminuzione del farmaco o che la defunta si sia fidata delle parole della sorella. Tutto può essere ma è strano. Oltretutto, se progetto di far morire qualcuno evitando di curarlo, continuerei a richiedere ricette, ritirare farmaci, svuotare il contenuto delle siringhe nel cesso e gettarle dove le getto di solito.
Insomma, una buona idea di base, ma va migliorata nella realizzazione.


Ritmo e rumore di Stefano De Luca
Ciao. Allora parte iniziale è troppo lunga e scivola nel ridondante, una riga per far capire lo stato di confusione del narrante è più che sufficiente. In questo modo sembra una filastrocca e perde l’intensità che dovrebbe avere. Il tema è centrato alla perfezione, purtroppo il voler rendere esplicita la confusione del protagonista è i suoi sentimenti discordanti, manda in confusione anche il lettore. Mio consiglio, sfronderei inizio e fine, concentrandomi sul suo bisogno di fare davvero ciò per cui lo lodano.


Classifica
1. Il pozzo nuovo di Valbassa
2. Tocca a te
3. Nessi casuali
4. Una splendida coppia
5. Montalbano sono
6. La candela
7. I fatti
8. Ritmo e rumore

Avatar utente
antico
Messaggi: 3933

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#9 » giovedì 2 luglio 2020, 12:02

Ultimo giorno e vi manca solo la classifica di Giulio Marchese.

Giulio_Marchese
Messaggi: 113

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#10 » giovedì 2 luglio 2020, 21:56

Stavolta è stata dura stilare la classifica, ottimo gruppo.

Classifica:
1) Tocca a te, di Maurizio Ferrero
2) La candela, di Alexandra Fischer
3) Una splendida coppia, di Luca Nesler
4) Nessi causali, di Wladimiro Borchi
5) Il pozzo nuovo di Valbassa, di Andrea Partiti
6) Montalbano sono, di Simone Cassia
7) I fatti, di Giulio Palmieri
8) Ritmo e rumore, di Stefano De Luca

Commenti:

Il pozzo nuovo di Valbassa, di Andrea Partiti
► Mostra testo


Tocca a te, di Maurizio Ferrero
► Mostra testo


Nessi causali, di Wladimiro Borchi
► Mostra testo


Una splendida coppia, di Luca Nesler
► Mostra testo


La candela, di Alexandra Fischer
► Mostra testo


Montalbano sono, di Simone Cassia
► Mostra testo


Ritmo e rumore, di Stefano De Luca
► Mostra testo


I fatti, di Giulio Palmieri
► Mostra testo

Avatar utente
antico
Messaggi: 3933

Re: Gruppo De Santi: Lista Racconti e classifiche

Messaggio#11 » ieri, 0:29

Avete ricevuto tutte le classifiche.

Torna a “Pre Olympic Special Cerbero Edition - 142° All Time”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite