Il Drago Nero

Moderatore: Laboratorio

Martina Seppi
Messaggi: 37

Il Drago Nero

Messaggio#1 » venerdì 12 febbraio 2021, 11:36

La città di Enogher resisteva a fatica. L'esercito degli orchi era più preparato di quanto Bel volesse ammettere e i soldati della città erano numericamente inferiori. Bel diede di speroni, superò le urla e i gemiti dei soldati impegnati a respingere il nemico e si diresse verso la Sommità, la parte più alta della città, dove si ergeva il castello. Man a mano che saliva i vari livelli di strade, gli echi della battaglia si allontanavano. La Sommità era un ottimo punto strategico. Da quell'altura, Bel si rese finalmente conto di quanto gli orchi fossero numerosi, ben più di 10.000. In centinaia si stavano accalcando al Gran Portone, l'ingresso della città, per aprirsi la via che gli avrebbe condotti verso il castello, per reclamare il Libro degli Antichi Incantesimi. Bel sollevò la spada e lo smeraldo incastonato nell'elsa brillò. Un fascio di luce verde colpì gli orchi intenti a distruggere il Gran Portone. A decine finirono in polvere sulla terra. Diversi alzarono lo sguardo e digrignarono i denti quando lo riconobbero. Bel sollevò di nuovo la spada. Lo stesso fascio di luce, lo stesso risultato. Non avrebbe sconfitto tutti gli orchi, ma avrebbe dato ai soldati il tempo per organizzare le difese interne e riparare il Gran Portone, indebolito dalle asce nemiche.



Un ruggito proruppe da ovest. Bel girò la testa di scatto, neanche si accorse di aver abbassato la spada. Un enorme Drago Nero volteggiava sopra la città di Enogher. Le squame erano fatte di ossidiana, gli occhi rossi come rubini e i denti di puro diamante affilati come spade. Il Drago Nero volò due volte sopra la città, ruggendo maestosamente. I soldati smisero di combattere, pietrificati dalla paura. Gli orchi ne approfittarono per riprendere l'attacco contro il Gran Portone con più veemenza. Bel non alzò la spada. Non fece brillare lo smeraldo neanche quando il Drago Nero sputò fiamme nere contro i soldati e i palazzi di Enogher. Con un paio di fiammate incenerì diverse decine di soldati e distrusse una delle torri di difesa della città. Poi ruggì di nuovo e riprese ad incenerire la città e tutto ciò che al suo interno di muoveva. Incenerì anche diversi orchi, poco preziosi agli occhi di chi lo cavalcava. Dopo tre fiammate, due torri di difesa erano distrutte, un centinaio di soldati era cenere e il Gran Portone era semi-aperto.



Il Drago Nero volò verso Bel che ancora non muoveva un muscolo, ipnotizzato da quello spettacolo. Il Drago Nero volò in cerchio e atterrò sulla Sommità in un turbinio di polvere. Ruggì di nuovo, con ancora più ferocia. Chi lo cavalcava tirò le redini e il Drago Nero si acquietò. Da quando le fiamme nere si erano scontrate con la città di Enogher, Bel aveva avuto solo occhi per chi sedeva in sella al Drago Nero. La donna smontò in modo elegante, lo sguardo fisso negli occhi di Bel. I lunghi capelli neri a boccoli le ricadevano fino a metà schiena. Il vestito viola scuro era sormontato quasi interamente da un'armatura di ossidiana, l'arco visibile dietro la schiena. Bel la osservò dietro ad un velo di lacrime, mentre lei lo fissava intensamente con i suoi occhi azzurri. Poi si voltò con aria di superficialità e si diresse verso il castello, alla volta del Libro degli Antichi Incantesimi.



Avatar utente
Michael Dag
Messaggi: 82

Re: Il Drago Nero

Messaggio#2 » martedì 16 febbraio 2021, 17:01

sembra uno spaccato di un racconto più grande visti i numerosi riferimenti a cose sconosciute al lettore.
anche il finale indica un proseguimento dalla storia.

ti dico le stesse cose dell'altro racconto, ovvero, terza persona narrata e onnisciente.
sa proprio dei vecchi fantasy di 10-20 anni fa. esempio:


"Bel non alzò la spada. Non fece brillare lo smeraldo neanche quando il Drago Nero sputò fiamme nere contro i soldati e i palazzi di Enogher."

se NON alza la spada e NON fa brillare lo smeraldo, perché ne parli?
per RACCONTARE al lettore che non lo fa. potresti risolvere parlando del senso di impotenza che avvolge bel, dello sconforto, magari paura.

anche qui nomini troppo spesso il protagonista perché sposti la visuale su altre cose, poi torni a lui, poi cambi di nuovo.

Martina Seppi
Messaggi: 37

Re: Il Drago Nero

Messaggio#3 » domenica 21 febbraio 2021, 19:48

Ciao Michael,

grazie del feedback! Sì esatto, è una scena che avevo scritto qualche settimana fa e che volevo proporre per ricevere commenti. Gli errori assomigliano molto all'altra scena che ho postato proprio perché le ho scritte una di seguito all'altra.

Farò attenzione a ponderare meglio la terza persona. Hai dei link a qualche tuo racconto?

Grazie mille,
Martina

Avatar utente
Salvatore
Messaggi: 42

Re: Il Drago Nero

Messaggio#4 » sabato 27 febbraio 2021, 20:04

Ciao Martina, a me non hanno dato fastidio la terza persona e il narratore onnisciente. Mica dobbiamo per forza scrivere tutti narrativa immersiva in prima persona. Comunque sì, si vede che sono parti di un testo più lungo. Il racconto è scritto bene e non ho faticato a giungere alla fine. Semmai non ci ho trovato niente di così diverso dai tanti racconti fantasy che si trovano in giro. Ma magari le parti più originali sono quelle che hai omesso XD
L'unica cosa che non mi è piaciuta sono gli avverbi in -mente, proprio non li sopporto e li ritengo alquanto inutili. Io quando compro un libro, prima mi accerto che non ci siano avverbi in -mente nella prima pagina, qui ce n'è uno nella seconda frase.

Da quell'altura, Bel si rese finalmente conto di quanto gli orchi fossero numerosi, ben più di 10.000.


Rileggi questa frase senza il "finalmente". Noti cambiamenti? La lettura diventa più scorrevole e la scena è più diretta, secondo me. Ma la scelta di usarli spetta a te. Il mio è solo un consiglio :)

Poi ruggì di nuovo e riprese ad incenerire la città e tutto ciò che al suo interno di muoveva.


Qui invece c'è una D eufonica davanti a una parola che inizia con vocale diversa. Ti consiglio di usare le D eufoniche solo quando la parola successiva comincia con la stessa vocale (ed evitare; ad ammazzare). Io pur di non sentirne il suono orribile che fanno durante la lettura, trovo un sinonimo per evitare di usarle oppure scrivo "e evitare" o "a ammazzare".

Bel la osservò dietro ad un velo di lacrime, mentre lei lo fissava intensamente con i suoi occhi azzurri.


In questa frase c'è sia la D eufonica che l'avverbio in -mente. XD


Questo brano è parte di un romanzo? Sono curioso. Ciao e buona scrittura!

Martina Seppi
Messaggi: 37

Re: Il Drago Nero

Messaggio#5 » domenica 28 febbraio 2021, 15:55

Ciao Fernando!

grazie mille dei consigli e suggerimenti!

Rileggendo i pezzi che mi hai fatto notare senza gli avverbi in -mente, mi sono accorta che la lettura scorreva davvero meglio. Inoltre, ti ringrazio della puntualizzazione su ed/ad, molto utile.

Mi fa piacere il feedback positivo sul narratore onnisciente in terza persona, non so mai quanto sia professionale ed efficace usarlo.

In realtà ho scritto questa scena come esercizio di scrittura creativa. Per ora non fa parte di un romanzo, ma mi piacerebbe!

Tu hai qualche racconto tuo da farmi leggere? Ne sarei felice;)
Grazie mille ancora,
Martina

Avatar utente
Salvatore
Messaggi: 42

Re: Il Drago Nero

Messaggio#6 » domenica 28 febbraio 2021, 17:34

grazie mille dei consigli e suggerimenti!
Rileggendo i pezzi che mi hai fatto notare senza gli avverbi in -mente, mi sono accorta che la lettura scorreva davvero meglio. Inoltre, ti ringrazio della puntualizzazione su ed/ad, molto utile.


Mi fa piacere che tu abbia trovato utili i miei consigli :)

Mi fa piacere il feedback positivo sul narratore onnisciente in terza persona, non so mai quanto sia professionale ed efficace usarlo.


Lo utilizzano anche scrittori famosi, tranquilla. Devi valutare la scelta del narratore in base alla storia che scrivi ;)
In questo caso per me va bene.

In realtà ho scritto questa scena come esercizio di scrittura creativa. Per ora non fa parte di un romanzo, ma mi piacerebbe!


Se hai tempo e voglia, ti consiglio di progettarlo per bene in modo da farne un romanzo. Trova qualche idea originale, qualcosa che non esista già.

Tu hai qualche racconto tuo da farmi leggere? Ne sarei felice;)


Qui nel tavolo di lavoro ho un racconto in valutazione. Finora ho avuto un solo ok per la vetrina. Se lo leggessi anche tu, ne sarei molto felice :)

Ciao!

Torna a “L'archivio (tutti i racconti passati dal Laboratorio)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite