100 METRI PIANI: La classifica di Sara Simoni

Partenza: 20/07/2020 ore 22.00
Avatar utente
antico
Messaggi: 5512

100 METRI PIANI: La classifica di Sara Simoni

Messaggio#1 » venerdì 31 luglio 2020, 11:54

Immagine

Ecco la classifica di Sara Simoni, membro del COMITATO OLIMPICO delle Olimpiadi della Scrittura di Minuti Contati, per la finale dei 100 METRI PIANI. A seguire le motivazioni che l'hanno portata a stilare questa classifica.

LA CLASSIFICA DI SARA SIMONI

1. Barracca
2. Nella mia testa
3. Un corpo nuovo
4. Testacoda
5. Te lo ricordi?
6. Una nuova gara
7. Io voglio vincere!
8. Le ali ai piedi
9. Sesto principio di Funakoshi
10. L’ultima caccia
11. La mossa
12. Vittoria mancata

LA CLASSIFICA SPIEGATA

Ho dato le mie preferenze ai racconti che, a mio parere, hanno saputo gestire meglio il ritmo e calzare la misura breve della narrazione, sfruttandone la potenzialità senza farsene soffocare. A questo proposito, Barracca colpisce dritto il bersaglio, grazie anche a una penna gentile, capace di parlare al cuore del lettore, oltre che alla testa. Un corpo nuovo ha una tensione in calando, ma la sorpresa iniziale è gestita bene e fa perdonare le sbavature sul finale, con un piccolo sbandamento di pov. Testacoda ha un gusto pulp e quella vittoria ottenuta a un prezzo così caro fa il suo agghiacciante lavoro, anche se la scelta di spezzare in due (per ovvie esigenze di cambiamento di pov) un racconto così breve rischia di far perdere efficacia.
Anche Io voglio vincere gioca su una sanguinosa sorpresa finale, ma soffre un po’ lo spazio ristretto del racconto. L’ambientazione tratteggiata farebbe pensare a una dinamica dal respiro più ampio.
Di Te lo ricordi? ho apprezzato il ritmo, sostenuto da un buono stile, e quel finale volutamente sospeso. La protagonista vincerà la partita? In fondo non è davvero importante. La sua vittoria è il divertimento, ossia la capacità di vivere appieno il gioco.
Una nuova gara opera un ribaltamento di prospettiva interessante e capace di soddisfare appieno il lettore. Lo stile è scorrevole, forse con un lessico un po’ appiattito che almeno nella forma breve meriterebbe qualche lucidatura più attenta.
Ho inoltre premiato chi ha sviluppato il tema in modo originale, a volte sorprendente, e ho penalizzato le interpretazioni più forzate o decentrate. Sotto questo punto di vista mi ha colpito in positivo Nella mia testa, in cui la vittoria è il premio in palio contro l’insicurezza, e il nemico sono le barriere mentali della protagonista (le nostre barriere mentali, quelle che ogni giorno ci impediscono di vivere la vita che vogliamo). Il racconto è semplice, ma accompagnato da un’ottima gestione della prima persona, molto adatta alla declinazione scelta per il tema.
Le ali ai piedi svolge il tema in modo coerente, senza però osare sulla strada dell’originalità. Inoltre la narrazione molto raccontata e poco mostrata accentua l’esito didascalico e riduce l’empatia che il lettore potrebbe provare per Rhea.
Sesto principio di Funakoshi mi è parso un po’ decentrato. La scena è presentata in modo grazioso, e meriterebbe un compimento più coerente con l’idea in sé che con la traccia del concorso, perché il desiderio del protagonista di “sentirsi vincitore almeno una volta” suona forzato dopo quanto lo precede. Un chiarimento maggiore su questa sesta massima del dojo kun assunta nel titolo darebbe di certo soddisfazione al lettore.
Per quanto riguarda i racconti che ho penalizzato di più, L’ultima caccia ha un felice uso della lingua, ma quello che non funziona bene è la rivelazione sul tipo di gara, che rischia di lasciare i lettori confusi. La mossa soffre a sua volta di un po’ di nebulosità. Il racconto ha uno stile brillante che si fa leggere volentieri, ma il finale è fiacco, complice anche la scomparsa della protagonista da quelle ultime righe. Di Vittoria mancata invece non mi ha convinto l’interpretazione del tema, che mi è parsa forzata, forse anche a causa dell’utilizzo di un pov onnisciente che aumenta il distacco del lettore.



Torna a “100 metri piani: Minuti Contati Special Olympic Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite