Staffetta: la classifica di Francesco Nucera

Avatar utente
antico
Messaggi: 5269

Staffetta: la classifica di Francesco Nucera

Messaggio#1 » martedì 15 settembre 2020, 14:32

Immagine


La legge alle costole
Racconto gradevole e ben scritto. Si nota la mano di diversi autori. Già solo visivamente la prima parte è diversa dalle altre due, con frasi leggermente più lunghe. Si va molto meno a capo.
Invece la terza parte risulta leggermente più caotica.
Comprendo il disagio nel rispettare le indicazioni della staffetta, ma la resurrezione del terzo paragrafo è un po' forzata. “Roba nera gli cola dall’orecchio.” Gli avete fracassato il cranio e questo si rialza in un attimo. Dovrebbe almeno faticare a mantenere la posizione eretta…
Nel complesso avete superato la prova, le tre parti legano in maniera abbastanza omogenea.

Attraverso la nebbia
Anche in questo caso si percepiscono le diverse mani. Partiamo con un registro pulp (Minigonna rasofica) per poi addolcirlo nella seconda parte (Mi sento di merda. Mi manca l’aria. Arranco fuori dalla macchina.) per chiudere in maniera “poetica” ( Un boato sferragliante mi travolge alle spalle, e sono una nuvola di sangue nella nebbia). Tre mani, anche molto personali e forti, che hanno collaborato rimanendo però distinguibili.
Invece è molto buona la semina. Ci sono tutti gli indizi che portano al finale.
Concentrandosi sul racconto purtroppo devo dire che non mi è piaciuto. A dire la verità l'ho trovato anche di cattivo gusto in un'affermazione di Silvio.
«Maledette puttane! Devono morire.» Sputo sangue. «È per colpa loro se non ho più un marito.»
Lui si rialza. «Non era una puttana. Hai ucciso un’innocente.»

A meno di essere Pillon, questa affermazione è veramente di cattivo gusto. Qui è il marito della vittima a parlare, non la vostra protagonista che poteva vedere delle colpevoli nelle prostitute.
Scrivere è un potere non indifferente, dobbiamo fare attenzione ai messaggi che possiamo trasmettere.

Troppe pillole
Sarò franco, l'impressione è stata quella di leggere il copione di una soap opera sudamericana. Dialoghi poco fluidi e comportamenti stereotipati. Ottima invece l'idea finale che però da sola non può reggere l'intero racconto.
Venendo alla gara c'è da tirarvi le orecchie già solo per il passaggio dai caporali agli apici alti. Anche in questo caso ho notato una differenza di stile tra le tre parti. La prima è più fluida e diretta, la seconda ha frasi più articolate e la terza sembra leggermente meno esperta. Però questa può essere solo una mia impressione.

DAD – Didattica A Distanza -
Caspita che fatica.
In prima lettura devo ammettere di averci capito poco, ma questa è colpa mia che non sono un lettore attentissimo. In seconda lettura invece è tutto più chiaro ma rimane l'impressione di una scrittura che arranca. Ho avuto l'impressione che nelle prime due parti si viaggiasse a vista, con cautela, mentre nella terza avete provato a ribaltare il tutto con spiegazioni che però sono sembrate troppo contorte. Riassumendo: il racconto manca di fluidità e per questo anche le trovate simpatiche ne risentono. Manca la semina degli indizi per il ribaltamento finale.
Nel vostro caso devo dire che però non si sente la differenza di stile nelle tre parti. E quato è un bene per il contest.

Pezzi di ricambio
Racconto che fila bene. Nella prima parte si percepisce un po' di indecisione ma quelle successive prendono un buon ritmo. Non molto costruito il finale, io lettore non sapevo quale fosse lo scopo della corsa. Non sapevo ci fosse il rischio di smembramento.
Tra tutti è il racconto più completo, con meno sbavature e, se non sapessi del contest, non credo noterei la presenza di più autori.
Buon lavoro.

Classifica:

1. Pezzi di ricambio
2. La legge alle costole
3. DAD – Didattica A Distanza -
4. Attraverso la nebbia
5. Troppe pillole



Avatar utente
wladimiro.borchi
Messaggi: 341

Re: Staffetta: la classifica di Francesco Nucera

Messaggio#2 » martedì 15 settembre 2020, 18:50

Da ragazzo recitai la parte di Pandolfo nella "Bottega del Caffè" di Carlo Goldoni.
Ero talmente bravo a fare il cattivo che, dopo le repliche nei paesini di campagna, il pubblico mi voleva picchiare.

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 468

Re: Staffetta: la classifica di Francesco Nucera

Messaggio#3 » martedì 15 settembre 2020, 23:55

Mi unisco al commento di wladimiro, uomo saggio e colto e dalle inquietanti esperienze passate: ti ringrazio, Francesco, per il tuo commento tecnico, per le critiche sul racconto in quanto tale, hanno un grande valore, soprattutto per il valore che ti porti dietro come apprezzato autore.
Un po' meno ti ringrazio per le ultime righe del tuo intervento, ricordandoti che non ho bisogno di una paternale da parte tua sul valore della scrittura, sul senso delle parole e via discorrendo.
Il racconto era solo un racconto, e non c'era necessità alcuna di paragonare quanto scritto alle barbarie che sputa Pillon, né ad altre accezioni più o meno politicizzate.
Peccato, perché a fronte di qualche buon consiglio, hai completamente minato tutto il resto del giudizio con questa tua uscita fuori luogo da "buon padre di famiglia", finendo per assomigliare tu a Pillon molto più del racconto che stai stigmatizzando. Nel racconto non c'era nessun "messaggio", nessun insegnamento, nessun indottrinamento. Anche in questo caso, la malizia (di qualsiasi natura) è nell'occhio di legge.
Detto questo, chiudo.

La staffetta è stata una dei contest più divertenti dell'intera olimpiade, peccato che sia scivolata proprio sul finale.

Avatar utente
Emiliano Maramonte
Messaggi: 523
Contatta:

Re: Staffetta: la classifica di Francesco Nucera

Messaggio#4 » mercoledì 16 settembre 2020, 16:44

Faccio mia l'amarezza dei miei compagni di squadra (anche perché vengo chiamato in causa come coautore) e aggiungo solamente che qualsiasi risvolto "di cattivo gusto" sia stato rilevato non riflette assolutamente il pensiero e le opinioni di chicchessia, ma qualora ci fosse qualche passaggio non gradito, è stato pensato e concretizzato per mere esigenze narrative. Solo per quelle. E dispiace che abbia compromesso la valutazione complessiva, comunque non negativa.
Restano però la stima e il rispetto per il giudizio (inappellabile) dei giudici di Minuti Contati.

Al prossimo contest!
Emiliano

Torna a “La Staffetta”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite