Houdini

Appuntamento fissato per lunedì 20 novembre 2023 alle ore 21.00 con un tema di Jack Sensolini e Luca Mazza!
LeggErika3
Messaggi: 133

Houdini

Messaggio#1 » martedì 21 novembre 2023, 0:55

Los Angeles, 31 ottobre 1936

“ Sei sicura? Vuoi provare anche quest’anno?”
Bess teneva fra due dita una candela accesa, le labbra strette, gli occhi fissi sulla tavola.
“Sì. L’ultima volta.”
Malcom cercò di cogliere lo sguardo della donna.
“Ti manca molto?”
Bess sospirò e prese ad accendere le altre candele disposte a cerchio..
“Ho fatto una promessa. Anzi, lui l’ha fatta a me. Se ci fosse stato un modo, sarebbe tornato.”
Era timore, quello che percepiva nella voce della donna? Il luccichio del desiderio di riprendere a vivere?
Malcom sorrise mesto delle proprie illusioni: da dieci anni Bess annaspava perduta nel lutto della morte del suo vulcanico marito. Ogni anniversario di quell'assurda morte, organizzava una seduta per evocare almeno l'eco della roboante vitalità di quell'uomo straordinario.
Cambiavano i medium, mutava qualche partecipante, ma Malcom, timido e affidabile, c’era sempre.
Bess estrasse dalla borsa un ritratto, lo baciò e lo pose in mezzo alla tavola, spostando una candela a illuminarlo.
Malcolm guardò il primo piano color seppia: neanche il più grande escapologo del mondo sembrava trovare una via d’uscita dal regno dei morti. Ma, ugualmente, sembrava impossibile liberarsi di lui.

La medium era una vecchietta tonda, con le mani screpolate da lavandaia.
Malcom era costretto a stringerle la destra nel buio, mentre a sinistra percepiva le dita sudaticce del Presidente dell’Associazione Spiritistica del Wisconsin, che si sfregavano lascive contro le sue falangi. Oltre sedeva un prestigiatore che aveva lavorato con Harry in un paio di occasioni. Era la prima volta che partecipava a una seduta e continuava a ridacchiare, stringendosi alla fidanzata, una bellezza mora dallo sguardo annoiato e dalla scollatura più profonda che si potesse pensare. Non era difficile immaginarla sul palcoscenico vestita di piume di struzzo e paillettes, intenta a porgere cilindro e bacchetta.
Malcom era stomacato dal respiro russante della medium, dalle avance grossolane dello spiritista. Erano una marmaglia di cialtroni, cercavano di succhiare la fama residua del grande Houdini. Il giorno dopo avrebbero rilasciato interviste e, certo, almeno uno di loro, avrebbe rivelato una percezione particolare, una visione stupefacente.
“Mmmmhhh” gemette la medium. Lo spettacolo stava iniziando. Malcolm cercò nel buio il viso di Bess: era attenta, ma non tradiva alcuna emozione.
“Grande Houdini, come hai promesso in vita, mostrati alla tua amata Bess” rantolò la medium. Poi iniziò ad ansimare, con gli occhi spalancati rivolti verso l’alto.
I vestiti della lavandaia sembrarono gonfiarsi e Malcolm si chiese quale meccanismo truffaldino lo permettesse.
Riprese a gemere, più forte, quando uno schiocco secco, come un ramo che si spezza, fece balzare tutti sulle sedie. La medium uscì dalla parte, i vestiti si sgonfiarono con una pernacchia e si guardò intorno stupefatta.
La moglie del prestigiatore si era alzata in piedi e aveva perso l’espressione annoiata; fissava livida avanti a sé con occhi di brace. Il marito aveva smesso di ridacchiare, si era immobilizzato come una statua di cera.
Malcolm si voltò a sinistra: anche lo spiritista era imbambolato, con un sorriso ebete stampato sul volto. Alla sua destra la medium era come congelata, la bocca aperta, gli occhi vuoti.
“Bess” sussurrò la giovane con voce roca.
“Harry. Solo tu potevi farcela. Hai trovato la strada per tornare da me.”
Malcolm si sentiva sempre più intorpidito, le voci e i rumori si facevano remoti. Stava sprofondando nella medesima incoscienza che aveva annichilito gli altri partecipanti alla seduta.
“ No Bess, è stato un caso. Qui non ci sono strade da ricordare.”

Quando Malcolm si risvegliò, il prestigiatore e la sua valletta giacevano riversi sul tavolo e russavano entrambi sgradevolmente. La medium si stava rimettendo il soprabito, imbarazzata e confusa, già pronta ad andarsene.
Lo spiritista del Wisconsin era ancora nel dormiveglia, accoccolato contro di lui.
Bess spense le candele, per ultima quella di fronte al ritratto di Harry.
“Dunque?” Mormorò Malcolm con il fiato sospeso.
“Dunque nessuno tornerà più.”
E, finalmente, Bess lo guardò negli occhi.



Avatar utente
antico
Messaggi: 7115

Re: Houdini

Messaggio#2 » martedì 21 novembre 2023, 0:58

Ciao Erika! Parametri rispettati, buona IGNORANZA EROICA EDITION!

alexandra.fischer
Messaggi: 2826

Re: Houdini

Messaggio#3 » martedì 21 novembre 2023, 15:10

Tema centrato. La storia della seduta spiritica per evocare lo spirito di Houdini è affascinante. La medium è una vecchietta che rimane impressa nella mente del lettore, ma anche gli altri personaggi. Bess la moglie di Houdini, che spera nel ritorno del marito, il Presidente dell’Associazione Spiritica del Wisconsin, gay dichiarato, e un prestigiatore con valletta al seguito. La seduta riesce. Ma il risultato è comunque negativo. Non c’è modo di tornare dall’aldilà. Gustosa la scena della trance della medium con gli abiti che si gonfiano e si sgonfiano.

Avatar utente
Maurizio Chierchia
Messaggi: 238

Re: Houdini

Messaggio#4 » martedì 21 novembre 2023, 18:08

Ciao Erika.
Racconto interessante che fa la sua figura. L'ambientazione è resa molto bene. Le scene della seduta sono molto realistiche, il che rende bene l'immersione nel testo. In più la parte finale risponde al tema. Forse avrei preferito sapere qualcosa di più sulla moglie di Houdini e meno sugli altri partecipanti alla seduta.
In ogni caso una buona prova. Ti auguro buona gara e a rileggerci presto.
Maurizio Chierchia
"Domani è già vicino"

Ragazzo
Messaggi: 54

Re: Houdini

Messaggio#5 » mercoledì 22 novembre 2023, 20:15

Ciao, il racconto è scritto bene e tutto è mostrato bene. Il fatto che Houdini non sia riuscito a tornare, però, mi ha lasciato un po' di amaro in bocca.
io avrei voluto che si palesasse, ma senza una mappa...
Una nota: attenzione alle virgole, ne fai un uso eccessivo, specialmente dove non vanno.

"Era timore, quello che percepiva nella voce della donna?" Qui non ci va.
"La medium era una vecchietta tonda, con le mani screpolate da lavandaia." Anche qui non ci va.

Comunque, complimenti e buona fortuna.

Avatar utente
Fagiolo17
Messaggi: 508

Re: Houdini

Messaggio#6 » mercoledì 22 novembre 2023, 20:42

Ciao Erika, il tuo racconto mi è piaciuto e hai scelto una bellissima declinazione per il tema. Il buon Houdini che non può tornare, perché giustamente l’inferno non ha mappe e riesce solo per un colpo di fortuna a occupare il corpo della moglie del prestigiatore.
Figo!
Chiariscimi solo una cosa, la frase finale: “E, finalmente, Bess lo guardò negli occhi.” Intendi che finalmente lascia perdere il passato e vive nel presente, rendendosi conto dell’importanza di Malcom? O c’è qualcosa di diverso che non ho colto?
Comunque complimenti per la realizzazione e in bocca al lupo per l’edizione.

Gaia Peruzzo
Messaggi: 146

Re: Houdini

Messaggio#7 » giovedì 23 novembre 2023, 11:33

Ciao Erika. Adoro questo tipo di storie sul paranormale, e come ti hanno già detto anche altre persone, la seduta spiritica è una scena molto vivida. Sembra quasi di assistere a un film. Però ti confesso che il “segreto” finale su che cosa sia realmente successo, mi ha lasciato un filo di tristezza. Avrei voluto sapere di più sul passaggio in cui lo spirito di Houdini sembra effettivamente tornare, attraverso il corpo dell'aiutante dell'altro prestigiatore. Ci sta per il punto di vista incentrato su Malcolm, perché comunque stava cadendo in quella sorta di sonno. Però non saprei, alla fine della lettura, ho sentito una sensazione di vuoto dentro. E forse era quello che volevi trasmettere.
Però penso che se la storia si fosse concentrata sul punto di vista di Bess, avrebbe avuto ancora più impatto. Perché alla fine è lei che vuole rievocare lo spirito. Il racconto comunque secondo me è molto buono e l'idea di base è suggestiva. In bocca al lupo per il tuo racconto!

Avatar utente
Fkafka
Messaggi: 25

Re: Houdini

Messaggio#8 » giovedì 23 novembre 2023, 12:19

Il racconto mi è piaciuto e a differenza di altri commentatori trovo azzeccato anche il punto di vista "vicino" a Bess ma che non è quello di Bess. Allo stesso tempo avrei apprezzato un 'gancetto' appeso da qualche parte all'inizio, che avrei riscoperto alla fine per confermarmi del fatto che Malcom continuava a prestarsi a quelle cose per amore (fino a quel momento non corrisposto) di Bess. Ecco guarda, il gancetto forse voleva essere questo: "Malcom sorrise mesto delle proprie illusioni", ma almeno per me è risultata una frase molto ostica da capire e interpretare. Secondo me devi sistemarla meglio. Buone le descrizioni dei vari personaggi, rese anche attraverso un sapiente e delicato uso dell'ironia.

Giovanni P
Messaggi: 209

Re: Houdini

Messaggio#9 » sabato 25 novembre 2023, 14:17

Buongiorno,

Il tuo racconto. I ha fatto sorridere, fra le ultime volontà di Houdini c'era quella di essere contattato dopo la morte, o almeno dicono fatto sta che una seduta spiritica fa fatta per davvero, con scarsi risultati come è ovvio che fosse. Comunque sia il tuo racconto mi piace e anche il tuo stile di scrittura, per ora è un primo posto.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#10 » domenica 26 novembre 2023, 1:36

Ragazzo ha scritto:Ciao, il racconto è scritto bene e tutto è mostrato bene. Il fatto che Houdini non sia riuscito a tornare, però, mi ha lasciato un po' di amaro in bocca.
io avrei voluto che si palesasse, ma senza una mappa...
Una nota: attenzione alle virgole, ne fai un uso eccessivo, specialmente dove non vanno.

"Era timore, quello che percepiva nella voce della donna?" Qui non ci va.
"La medium era una vecchietta tonda, con le mani screpolate da lavandaia." Anche qui non ci va.

Comunque, complimenti e buona fortuna.

Hai ragione, anche a me sarebbe piaciuto che Houdini tornasse. Ma nonostante la miriade di sedute spiritiche (pare che cerchino ancora di evocarlo), non ha mai dato segno di sé.
A parte gli scherzi, grazie del commento.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#11 » domenica 26 novembre 2023, 1:37

alexandra.fischer ha scritto:Tema centrato. La storia della seduta spiritica per evocare lo spirito di Houdini è affascinante. La medium è una vecchietta che rimane impressa nella mente del lettore, ma anche gli altri personaggi. Bess la moglie di Houdini, che spera nel ritorno del marito, il Presidente dell’Associazione Spiritica del Wisconsin, gay dichiarato, e un prestigiatore con valletta al seguito. La seduta riesce. Ma il risultato è comunque negativo. Non c’è modo di tornare dall’aldilà. Gustosa la scena della trance della medium con gli abiti che si gonfiano e si sgonfiano.

Grazie Alexandra del tuo sempre veloce e preciso commento.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#12 » domenica 26 novembre 2023, 1:41

Maurizio Chierchia ha scritto:Ciao Erika.
Racconto interessante che fa la sua figura. L'ambientazione è resa molto bene. Le scene della seduta sono molto realistiche, il che rende bene l'immersione nel testo. In più la parte finale risponde al tema. Forse avrei preferito sapere qualcosa di più sulla moglie di Houdini e meno sugli altri partecipanti alla seduta.
In ogni caso una buona prova. Ti auguro buona gara e a rileggerci presto.

Ciao Maurizio, grazie del commento. Meno male che mi sono fermata, all’inizio mi ero immaginata una tavolata di partecipanti alla seduta ben più lunga…solo il tempo limitato mi ha impedito di aggiungere altri personaggi!

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#13 » domenica 26 novembre 2023, 1:45

Fagiolo17 ha scritto:Ciao Erika, il tuo racconto mi è piaciuto e hai scelto una bellissima declinazione per il tema. Il buon Houdini che non può tornare, perché giustamente l’inferno non ha mappe e riesce solo per un colpo di fortuna a occupare il corpo della moglie del prestigiatore.
Figo!
Chiariscimi solo una cosa, la frase finale: “E, finalmente, Bess lo guardò negli occhi.” Intendi che finalmente lascia perdere il passato e vive nel presente, rendendosi conto dell’importanza di Malcom? O c’è qualcosa di diverso che non ho colto?
Comunque complimenti per la realizzazione e in bocca al lupo per l’edizione.

Ciao, sì l’idea è proprio quella che hai colto tu. La storia dice che, dopo dieci anni, Bess si arrese e smise di fare sedute spiritiche alla ricerca del marito. Mi è piaciuto pensare che qualcuno l’aspettasse alla fine di quella strada.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#14 » domenica 26 novembre 2023, 1:49

Gaia Peruzzo ha scritto:Ciao Erika. Adoro questo tipo di storie sul paranormale, e come ti hanno già detto anche altre persone, la seduta spiritica è una scena molto vivida. Sembra quasi di assistere a un film. Però ti confesso che il “segreto” finale su che cosa sia realmente successo, mi ha lasciato un filo di tristezza. Avrei voluto sapere di più sul passaggio in cui lo spirito di Houdini sembra effettivamente tornare, attraverso il corpo dell'aiutante dell'altro prestigiatore. Ci sta per il punto di vista incentrato su Malcolm, perché comunque stava cadendo in quella sorta di sonno. Però non saprei, alla fine della lettura, ho sentito una sensazione di vuoto dentro. E forse era quello che volevi trasmettere.
Però penso che se la storia si fosse concentrata sul punto di vista di Bess, avrebbe avuto ancora più impatto. Perché alla fine è lei che vuole rievocare lo spirito. Il racconto comunque secondo me è molto buono e l'idea di base è suggestiva. In bocca al lupo per il tuo racconto!

Ciao Gaia, ti ringrazio del commento. In effetti sono partita volendo raccontare la storia di Bess, ma è una vicenda complessa, non sarei riuscita a farla stare in un fazzoletto di racconto. Ho preferita prenderla di striscio, attraverso gli occhi di un personaggio di fantasia.

Avatar utente
Andrea Furlan
Messaggi: 390

Re: Houdini

Messaggio#15 » martedì 28 novembre 2023, 0:02

Ciao Erika,
del tuo racconto ho apprezzato l’atmosfera, l’ambientazione e l’ottima caratterizzazione dei personaggi. Si capisce che conosci la storia che volevi raccontare e l’omaggio che riservi alla Storia (con la S maiuscola) e alle persone reali che l’hanno fatta, sei riuscita a creare una storia parallela di fantasia che racchiude tutto questo. Sei riuscita anche a creare una bella aspettativa sull’apparizione del fantasma di Houdini, tanto che mi sono chiesto diverse volte quale fosse il risultato più interessante. Purtroppo non mi è stato tutto chiaro il senso del finale e l’aderenza al tema: anche dopo aver letto il racconto diverse volte, i commenti degli altri e le tue risposte, continuo ad avere dubbi sulle informazioni che hai seminato e fornito, trovando forse lo stacco fra gli ultimi due paragrafi un po’ troppo brusco.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#16 » mercoledì 29 novembre 2023, 10:55

Giovanni P ha scritto:Buongiorno,

Il tuo racconto. I ha fatto sorridere, fra le ultime volontà di Houdini c'era quella di essere contattato dopo la morte, o almeno dicono fatto sta che una seduta spiritica fa fatta per davvero, con scarsi risultati come è ovvio che fosse. Comunque sia il tuo racconto mi piace e anche il tuo stile di scrittura, per ora è un primo posto.

Grazie mille dell'apprezzamento. In realtà di sedute spiritiche ne hanno fatte decine (tutt'ora credo sia in uso fare una seduta spiritica annuale nell'anniversario della sua morte). Aveva giurato che, se fosse stato possibile, sarebbe tornato. Ma, per il momento, pare non ci sia ancora riuscito.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#17 » mercoledì 29 novembre 2023, 11:02

Andrea Furlan ha scritto:Ciao Erika,
del tuo racconto ho apprezzato l’atmosfera, l’ambientazione e l’ottima caratterizzazione dei personaggi. Si capisce che conosci la storia che volevi raccontare e l’omaggio che riservi alla Storia (con la S maiuscola) e alle persone reali che l’hanno fatta, sei riuscita a creare una storia parallela di fantasia che racchiude tutto questo. Sei riuscita anche a creare una bella aspettativa sull’apparizione del fantasma di Houdini, tanto che mi sono chiesto diverse volte quale fosse il risultato più interessante. Purtroppo non mi è stato tutto chiaro il senso del finale e l’aderenza al tema: anche dopo aver letto il racconto diverse volte, i commenti degli altri e le tue risposte, continuo ad avere dubbi sulle informazioni che hai seminato e fornito, trovando forse lo stacco fra gli ultimi due paragrafi un po’ troppo brusco.

Ciao Andrea. L'interpretazione del tema voleva essere la seguente: Houdini casca per caso nell'ennesima seduta spiritica della moglie, ma non si tratta del primo di molti ritorni. L'inferno non ha mappe e non si potrà seguire volontariamente una strada per tornare indietro. Dunque saluta e se ne va, se si può banalizzare.
A quel punto la moglie ( che immagino fosse anche un po' legata da una figura così geniale e ingombrante) si sente libera di "guardarsi intorno", considerando davvero perduto il marito.
Tendo sempre a essere un po' criptica nei miei racconti, è certo un difetto ma anche un po' una mia caratteristica a cui non rinuncerò mai del tutto. In questo caso ho ecceduto perché, come osservi, conosco abbastanza la storia di Houdini e l'ho data troppo per scontata.

Avatar utente
AndreaCrevola
Messaggi: 170

Re: Houdini

Messaggio#18 » mercoledì 29 novembre 2023, 21:37

Ciao Erika, piacere di averti letto.
Del tuo racconto mi è piaciuta molto la prima parte e l'interpretazione del tema. Si gioca su due piani, quello del tentativo di evocare lo spirito del grande escapologo e l'interesse di Malcom verso Bess, inizialmente non ricambiato. Ho trovato il tuo testo ben bilanciato fra queste due trame intrecciate, perché il rischio (a mio avviso) era quello di non valorizzare nessuna delle due. In tal senso è forse una piccola pecca il fatto che la comparsa di Houdini sia così repentina e poco caratterizzata: dato il finale, poteva essere sfruttata per innescare il cambiamento di Bess. La donna, infatti, si accorge finalmente di Malcom ma mi è parsa una trasformazione la cui motivazione resta fra le righe.

Avatar utente
antico
Messaggi: 7115

Re: Houdini

Messaggio#19 » lunedì 4 dicembre 2023, 20:03

Bell'idea e buon racconto, ma mi sembra che tu non sia riuscita a metterlo su carta in modo efficace come avrebbe dovuto. Va rifinito, bilanciato, direi che necessità anche di una semina migliore, come alcuni ti hanno scritto. Comprendo la necessità dei tanti personaggi, ma ti rubano spazio per giocarti al meglio le carte di questo ultimo tentativo di fuga e il tutto rimane un po' troppo poco incisivo. Ottima la declinazione del tema. Detto questo, per me è un pollice tendente al positivo in modo solido anche se non brillante.

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#20 » mercoledì 6 dicembre 2023, 19:25

AndreaCrevola ha scritto:Ciao Erika, piacere di averti letto.
Del tuo racconto mi è piaciuta molto la prima parte e l'interpretazione del tema. Si gioca su due piani, quello del tentativo di evocare lo spirito del grande escapologo e l'interesse di Malcom verso Bess, inizialmente non ricambiato. Ho trovato il tuo testo ben bilanciato fra queste due trame intrecciate, perché il rischio (a mio avviso) era quello di non valorizzare nessuna delle due. In tal senso è forse una piccola pecca il fatto che la comparsa di Houdini sia così repentina e poco caratterizzata: dato il finale, poteva essere sfruttata per innescare il cambiamento di Bess. La donna, infatti, si accorge finalmente di Malcom ma mi è parsa una trasformazione la cui motivazione resta fra le righe.

Sì, direi che avete fatto in molti la medesima considerazione, dunque non posso che farne tesoro. Troppo implicito, fino a perdere incisività. Grazie delle osservazioni!

LeggErika3
Messaggi: 133

Re: Houdini

Messaggio#21 » mercoledì 6 dicembre 2023, 19:27

antico ha scritto:Bell'idea e buon racconto, ma mi sembra che tu non sia riuscita a metterlo su carta in modo efficace come avrebbe dovuto. Va rifinito, bilanciato, direi che necessità anche di una semina migliore, come alcuni ti hanno scritto. Comprendo la necessità dei tanti personaggi, ma ti rubano spazio per giocarti al meglio le carte di questo ultimo tentativo di fuga e il tutto rimane un po' troppo poco incisivo. Ottima la declinazione del tema. Detto questo, per me è un pollice tendente al positivo in modo solido anche se non brillante.

Grazie di lettura e commento, che vanno a confermare quanto osservato da molti lettori. Partita come al solito "all'arrembaggio" della prima storia che mi è venuta in mente, non ho colto che questa vicenda richiedeva più spazio per non implodere nel nulla, come sembra accadere sul finale. Ci lavorerò. Grazie!

Torna a “Ignoranza Eroica Edition - la TERZA dell'UNDICESIMA ERA - 177° ALL TIME”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti