[PROMOSSO IN VETRINA] Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Moderatore: Laboratorio

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

[PROMOSSO IN VETRINA] Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#1 » lunedì 8 febbraio 2021, 15:32

Piccolo Mondo

Sfioro con il polpastrello il touchpad e ruoto in senso orario. Tendo il collo per avvicinare il viso allo schermo e sbatto le palpebre. L'immagine inizia a prendere forma, prima una matassa di colori confusi, sovrapposti, poi forme e confini sempre più nitidi.
«È straordinario.» Sul monitor di fronte a me sorge un intero, piccolo mondo. «Non è un semplice formicaio, è qualcosa di più... complesso.»
«Che ti avevo detto, Ryan.» Klaus mi posa una mano sulla spalla, la sua voce è gonfia di emozione. «Le parole non sono sufficienti. Bisogna osservarlo in prima persona per poter capire. Ingrandisci ancora.»
Poggio pollice e indice sul sensore. Mentre li allargo l'immagine sullo schermo cresce di conseguenza. Ma è dopo aver regolato la messa a fuoco che capisco cosa sto osservando.
«Case.» Fatico a deglutire per l'emozione. «Hanno costruito delle vere e proprie case.»
«E non solo.» Mi indica altre figure sullo schermo. «Hanno anche degli edifici comuni. Mense, mi pare, e ospedali. E questo credo che sia addirittura una specie di luogo di culto. Una chiesa.»
«Non è possibile. Le formiche non possono —»
«Quelle non sono più formiche. Si sono evolute. Io le ho fatte evolvere. E guarda bene adesso.»
Esce dalla stanza e si dirige verso la vasca.
«Cosa devo guardare?»
«Tieni la camera fissa sulla chiesa.»
Le guardo entrare in processione nell'edificio, una piramide che svetta in mezzo alle piccole case di argilla. Quanti sviluppi potrebbe avere questo esperimento? E non solo in entomologia, ma anche riguardo alle scienze sociali e gli studi antropologici. Klaus ha ragione, non sono più formiche. Hanno assunto una posizione quasi eretta, indossano delle specie di modesti indumenti, ricavati da foglie e paglia. Realizzano opere complesse e la loro interazione sociale sembra così elaborata, così accurata...
L'immagine sullo schermo viene sostituita da una macchia nera. Dura qualche istante. Quando la visuale riappare, ci sono solo macerie e corpicini schiacciati.
«Santo cielo! Che diavolo è successo?»
«Studio la loro reazione agli imprevisti.» Klaus rientra nella sala monitor, nelle mani stringe una lunga bacchetta, sul viso ha un sorriso soddisfatto. «La loro capacità di resistere alle difficoltà, di ricostruire dopo una catastrofe. È per la scienza.»
«Ma... ma loro...»
Scoppia a ridere. «Ti stai preoccupando per degli insetti?» Spalanca gli occhi, il suo sorriso diventa beffardo. «Siamo scienziati, ricordi? È necessario il distacco dall'esperimento. Gli specchi, le lenti, ce li fanno apparire vicini, come esseri umani in miniatura. Ma noi dobbiamo mantenere la giusta distanza. Sono solo i nostri oggetti di studio.»
Lo osservo in silenzio per qualche istante. Parla come uno scienziato, Klaus, ma si atteggia come un piccolo dio capriccioso.

*

Attraverso la strada e imbocco la via di casa sua. Stamani Klaus doveva passare a prendermi per andare in laboratorio, ma non si è fatto vivo e non risponde al telefono. Non vorrei che si fosse sentito male.
Davanti alla casa c'è un'ambulanza parcheggiata. Aumento il passo e di riflesso mi gratto dietro al collo. Deve essere un prurito nervoso, non mi ha dato pace per tutta la notte.
«Klaus!» È lui quello steso sulla barella. Mi metto a correre, mentre i paramedici lo sollevano e lo caricano in ambulanza.
Uno di loro mi si para davanti. «Salve. È un suo conoscente?»
«Sono un collega.» Provo a sporgermi oltre la sua spalla ma stanno chiudendo lo sportello. «Che cosa gli è successo?»
«Il suo amico è ridotto parecchio male. Un grave shock anafilattico. Le assicuro, non avevo mai visto nulla del genere, il corpo è ricoperto di bolle, come migliaia di minuscole punture d'insetto.»
Resto senza parole. E senza saliva.
Di colpo il prurito mi pare più forte. Insopportabile. La mano scatta sul retro del collo e inizia a grattare, strofinare, graffiare.
Dobbiamo mantenere la giusta distanza, mi dicevi, Klaus. Forse, se l'avessimo fatto, loro l'avrebbero mantenuta da noi.
Ultima modifica di GiulianoCannoletta il sabato 13 febbraio 2021, 19:58, modificato 6 volte in totale.


“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#2 » lunedì 8 febbraio 2021, 15:33

Ciao! Su consiglio dell'Antico ho portato questo racconto (scritto per la Specularia Edition) in Laboratorio, per poterlo revisionare.

È la prima volta che scrivo nel Laboratorio, ho letto il regolamento ma se sbaglio qualcosa bacchettatemi pure!

Questa è la prima versione del racconto: viewtopic.php?f=203&t=4409

Ho già limato un po' il testo partendo dai consigli ricevuti nei commenti. In particolare ho cercato di rendere più esplicita la prima parte che era poco chiara, ho rivisto beat e dialoghi per renderli più lineari ed evitare ripetizioni e ho provato a dedicare qualche parola in più alle riflessioni del Pdv.

In particolare vorrei qualche consiglio/ giudizio sul finale: ho aggiunto una reazione fisica alla sensazione di prurito, ma sulla frase conclusiva ho sentimenti discordanti. Qualcuno mi ha scritto che spezza un po' la tensione ma, se la levo, mi sembra che manchi qualcosa.

A voi la parola!
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Avatar utente
Michael Dag
Messaggi: 211

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#3 » martedì 9 febbraio 2021, 13:29

Dobbiamo mantenere la giusta distanza, mi dicevi, Klaus. Forse, se l'avessimo fatto noi per primi, loro lo avrebbero fatto con noi.

oh, alle fine è lui che è andato li a demolirgli le case!

domanda, hai un massimo di lunghezza?
potresti spendere due parole per descrivere gli indumenti che indossano, magari paglia e fango modellato.
oppure gli edifici, o magari un capoformica diverso dagli altri

"...ma si atteggia come un piccolo dio capriccioso" ecco, questa frasse la leverei proprio, si capisce benissimo dal testo. hai mostrato tutto molto bene, non serve lo spieghino finale. magari qualche allusione al concetto durante un dialogo, nulla di più.

per il resto...per me è ok
Se ti piacciono i miei racconti, ne troverai molti altri sulla mia pagina Facebook!
Cavaliere Rosso

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#4 » martedì 9 febbraio 2021, 14:37

Ciao! Grazie per i consigli.
Era un mio testo per l'edizione di gennaio di mc, quindi col limite di 4242 caratteri, ma ora in laboratorio credo di non avere più di questi limiti. E una buona idea aggiungere qualche dettaglio sul villaggio delle formiche.
La frase finale mi convince, invece per quanto riguarda "piccolo dio capriccioso" mi metti in crisi! :)
È un'espressione che mi piaceva (non tanto per spiegare l'ovvio, quanto per sottolinearlo con un'espressione pittoresca), e nei commenti ricevuti durante l'edizione aveva riscosso successo.
Magari aspetto qualche altro commento.
Grazie ancora!
Giuliano
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#5 » sabato 13 febbraio 2021, 20:13

Ciao Fernando! Grazie per i consigli. Ho aggiornato il racconto secondo i suggerimenti tuoi e di Michael e devo dire che ora mi convince di più.

Riguardo al tuo dubbio finale: in realtà, quando l'ho scritto, non ho approfondito molto le tipologie di formiche velenose. Mi interessava richiamare l'atmosfera della fantascienza classica, se vogliamo un po' "ingenua", e privilegiare il senso di meraviglia più che il realismo. E, soprattutto, era un'edizione di mc e la clessidra stava scorrendo inesorabile. :)
Ho sostituito "morsi" con "punture", effettivamente sono più coerenti a uno shock anafilattico, oltre a essere la vendetta per eccellenza dei piccoli insetti! Possiamo dunque concludere che queste formiche, già velenose in partenza, siano diventate ancora più pericolose nel corso della loro evoluzione indotta!

Grazie ancora, a presto,
Giuliano
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Maurizio Mannoni
Messaggi: 55

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#6 » martedì 20 aprile 2021, 21:22

Formiche alla riscossa per esperimenti da laboratorio senza morale. Piacevole lettura, scritto bene.

CHIEDO LA GRAZIA

Avatar utente
Andrea Vanacore
Messaggi: 9

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#7 » lunedì 24 maggio 2021, 22:26

Ciao Giuliano! Ho letto il racconto è mi è piaciuto molto. Un'idea semplice e originale. Lo stile è asciutto, scorrevole e ben immerso.

Se dovessi fare qualche appunto, ti direi di aggiungere qualche dettaglio di ambientazione nella prima parte. Noi vediamo solo lo schermo, ma c'è anche un ambiente intorno ai due scienziati. Quando scrivi "Esce dalla stanza e si dirige verso la vasca" noi non abbiamo visto niente della stanza e non sappiamo ancora che c'è una vasca al di fuori.

All'inizio della seconda scena, sposterei la frase iniziale "Attraverso la strada e imbocco la via di casa sua" dopo "...non risponde al telefono". Mi sembra un flusso più naturale, ma è solo una mia opinione personale, non sono certo che sia teoricamente corretto.

Per quanto riguarda l'ultima frase, non mi dispiace: mi sembra un pensiero plausibile nel flusso della vicenda. Certo, magari una reazione un po' poco spaventata alla puntura, se consideriamo quello che è successo al suo collega, ma probabilmente il protagonista, essendo all'esterno, sa che le formiche non riusciranno ad attaccarlo in massa, quindi non ha da temere. Che non sia molto dispiaciuto ci sta, perché alla fine della prima scena era rimasto molto male per il gesto del collega.

Spero di esserti stato utile! Grazie per il tuo racconto :-)

Martina Seppi
Messaggi: 44

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#8 » domenica 30 maggio 2021, 11:06

Ciao Giuliano,

piacere di averti letto;) Io non ho nulla da dire in questo caso, se non:

CHIEDO LA GRAZIA

Gran bel racconto!
PS: magari il prossimo fallo un po' più lungo;)

Martina

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#9 » domenica 30 maggio 2021, 11:20

Ciao Martina, grazie del commento! È un racconto proveniente da una vecchia edizione di mc, quindi avevo il limite di caratteri, spero presto di scrivere qualcosa di più lungo :)

Con la tua richiesta di grazia, a questo punto:
RICHIEDO L'AMMISSIONE ALLA VETRINA!
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#10 » lunedì 31 maggio 2021, 17:29

Mi sono accorto ora che mi è scomparsa una richiesta di grazia, quello di Fernardo. In realtà sono scomparsi tutti i suoi commenti, suppongo sia perché ha cancellato l'account.
Vale lo stesso o devo aspettarne un'altra? :)
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Avatar utente
Il Dottore
Messaggi: 392

Re: Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#11 » martedì 1 giugno 2021, 10:19

Sicuro fosse Fernando e non Salvatore (che mi ha richiesto la cancellazione dell'account nei giorni scorsi)?

Comunque se te la ricordi, mi fido e ti metto in valutazione ;)
Sono pronto a vivisezionare i vostri racconti... soffriranno, ma sarà per il vostro bene!

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: [IN VALUTAZIONE PER LA VETRINA] Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#12 » martedì 1 giugno 2021, 12:40

Si era lui! Fernando, che poi ha cambiato il nome in Salvatore e infine si è cancellato.
Grazie per la fiducia :)
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Avatar utente
Il Dottore
Messaggi: 392

Re: [IN VALUTAZIONE PER LA VETRINA] Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#13 » mercoledì 20 ottobre 2021, 15:55

Ciao Giuliano.

Racconto molto carino, complimenti.
Te lo passo in Vetrina.
(perdonami per il ritardo, ma ora mi sono rimesso in pare e conto di essere più efficiente in futuro)
Sono pronto a vivisezionare i vostri racconti... soffriranno, ma sarà per il vostro bene!

Avatar utente
GiulianoCannoletta
Messaggi: 233

Re: [IN VALUTAZIONE PER LA VETRINA] Piccolo mondo (dalla Specularia Edition)

Messaggio#14 » mercoledì 20 ottobre 2021, 18:15

Grazie Doc!
“Uno scrittore argentino che ama molto la boxe mi diceva che in quella lotta che si instaura fra un testo appassionante e il suo lettore, il romanzo vince sempre ai punti, mentre il racconto deve vincere per knock out.”
Julio Cortázar

Torna a “L'archivio (tutti i racconti passati dal Laboratorio)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti