(Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Fernando Nappo
Messaggi: 585

(Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#1 » mercoledì 15 marzo 2017, 22:12

Il piccolo Nogai diede corda all’aquilone e lo osservò salire nel vento. Una folata e Nogai, inesperto nell’arte di governare gli aquiloni, s’irrigidì recuperando con troppa foga; la corda si tese una volta, poi un’altra, e infine si spezzò. Libero, l’aquilone prese il vento e partì senza meta. Nogai lo seguì nella sua corsa sopra gli alberi, tra le case, fino a vederlo scendere in picchiata tra i vicoli della periferia cittadina.
Ansimante, Nogai si fermò di fronte al cancello d’una piccola casa tradizionale. Seduto sui gradini c’era un vecchio con l’aquilone tra le mani. L’uomo, accortosi d’essere osservato, alzò lo sguardo: «È tuo?»
Nogai annuì.
L’uomo fece segno al bambino di raggiungerlo. «Purtroppo si è strappato. Dovrai ripararlo, se vorrai farlo volare di nuovo.»
Nogai prese l’aquilone e lo esaminò, pensoso. «Ora non ho i soldi per comperare dell’altra carta».
Il vecchio s’infilò un dito in bocca e saggiò l’aria. «È un vero peccato. Oggi il vento è perfetto per far volare un aquilone.»
Nogai non rispose, accennò un inchino e si girò per allontanarsi.
«Il mio nome è Majin» disse l’uomo. «Se mi concedi l’onore, riparerò il tuo aquilone e lo faremo volare di nuovo.»
Il viso di Nogai s’illuminò. «Davvero lo farebbe?»
«Aspetta e vedrai» disse Majin. Puntò le mani sulle ginocchia e lentamente si alzò. Aiutandosi col corrimano, salì i gradini e rientrò in casa. Ne uscì poco dopo con un paio di forbici. Guardò il piccolo e gli fece l’occhiolino, poi, senza pensarci due volte, infilò le lame delle forbici nella parete e tagliò un rettangolo di carta di riso.
Nogai si portò le mani alla bocca. «Così rovina la casa…»
Il vecchio sorrise. «Cosa vuoi che sia, mio piccolo amico? Se il tuo aquilone tornerà a volare, ne sarà valsa la pena.»
Scese i gradini, prese l’aquilone dalle mani del piccolo e disse: «Come ti chiami?»
«Il mio nome è Nogai» disse il bambino, chinando appena il capo.
«Bene, Nogai. Quello che mi serve per terminare il lavoro è nel capanno degli attrezzi. Ma tu aspettami qui, d’accordo?»
Nogai annuì.
Majin infilò una mano in tasca e ne trasse tre piccoli mandarini: «Così non ti annoierai nell’attesa».
Con un sorriso, Nogai prese i frutti e andò a sedersi sui gradini. Attese un poco, poi sbucciò il primo mandarino. Tra uno spicchio e l’altro, sputava i semi, giocando a lanciarli il più lontano possibile. Sbucciò senza fretta anche gli altri due, ma s’infilò i semi in tasca: li avrebbe dati al fratello perché si divertisse con la cerbottana.
Majin riapparve poco dopo. Nogai sgranò gli occhi per la meraviglia: il vecchio aveva riparato l’aquilone, e vi aveva dipinto sopra una farfalla, le ali gialle e rosse, il corpo blu, e in nero il nome Nogai.
«Ho anche cambiato la corda con una più robusta» disse il vecchio, «così non si romperà di nuovo.»

Sulla collina, seduto all’ombra di un albero, Majin osservava Nogai giocare con l’aquilone, felice e sorridente tra gli altri bambini. Un soffio di vento gli scompigliò i capelli. Majin si passò una mano sul capo per sistemarli e disse al vento: «Ti ringrazio, amico mio, ti sono debitore».
Ultima modifica di Fernando Nappo il giovedì 18 maggio 2017, 22:09, modificato 2 volte in totale.



Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#2 » mercoledì 15 marzo 2017, 22:21

La prima versione del racconto, nonostante si sia guadagnata la vetrina, soffriva di un problema piuttosto fastidioso - legato al nome del bambino - che questa corregge. Questa versione, tra l'altro , è gia stata brevemente editata dall'Antico per limare un paio di fastidiose ripetizioni. In aggiunta, ne ho approfittapo per sistemare un altro paio di cosette sulla scorta di alcuni suggerimenti ricevuti durante il contest. Se troverà riscontro, chiederò di sostituirla a quella in vetrina.

Qui sotto riporto la versione attualmente in vetrina:
► Mostra testo

alexandra.fischer
Messaggi: 2009

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#3 » giovedì 16 marzo 2017, 21:28

La storia è indubbiamente poetica e scritta con molta abilità. Rispetto alla versione precedente c'è una maggior verosimiglianza, data dalla grande cura nei particolari descrittivi (soprattutto nella prima parte in cui Nogai gioca con l'aquilone) e trovo che l'aver introdotto le presentazioni giovi molto (al lettore sembra di essere lì, ad assistere all'incontro fra Nogai e Majin, due sconosciuti che si aiutano a vicenda: l'uno a riavere l'aquilone e a ottenere qualche seme di mandarino per la cerbottana del fratello, l'altro a lenire la propria solitudine e pazienza per la casa rovinata).


Attenzione al refuso:tradzonale per tradizionale.

Tolto questo, il racconto merita l'ammissione alla vetrina

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#4 » giovedì 16 marzo 2017, 22:18

Grazie per la segnalazione del refuso, Alexandra, e per l'apprezzamento.

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#5 » venerdì 17 marzo 2017, 9:01

Ciao Fernando.
Molto delicato questo tuo racconto.
Non avevo avuto modo di leggere la versione originale.
Questa versione, leggermente rivista con la correzione del nome del bambino e altre piccole cose, è ancora più bella.
Un piccolo refuso:
"Nogai prese l’aquilone è lo esaminò, pensoso."
C'è una e accentata di troppo.

Chiedo l'ammissione alla vetrina
Maria Rosaria

Kuranes
Messaggi: 105

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#6 » lunedì 3 aprile 2017, 14:28

Secondo me il racconto dipinge delle immagini molto belle e molto vivide, mi piace l'introduzione a una situazione potenzialmente "strana" che invece si svolge e risolve in maniera poetica. Per qualche motivo però la chiusa sul discorso diretto mi disturba. Forse è solo una questione di gusto personale però.

Sempre a livello di forma invece l'unica frase che non mi convince è "Una folata e Nogai, inesperto nell’arte di governare gli aquiloni, s’irrigidì recuperando con troppa foga". Forse c'è un modo di svolgere il gerundio per alleggerire un po' la frase, anche perché lo stile di tutto il resto è estremamente pulito e forse questa frase è l'unica a essere un pelo in controtendenza.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4877

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#7 » domenica 14 maggio 2017, 11:45

Fernando, essendo già in Vetrina il racconto attendo tue eventuali modifiche, ma se non ricevo notizie entro il mio prossimo controllo procederò a disattivare il racconto qui nel Laboratorio ;)

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#8 » giovedì 18 maggio 2017, 22:10

Questa è la versione che mi piacerebbe avere in vetrina, in sostituzione dell'attuale. Non credo lo modificherò oltre.

Avatar utente
angelo.frascella
Messaggi: 698

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#9 » giovedì 18 maggio 2017, 22:21

Ciao, Fernando.

A me era già piaciuto in MC. Se ti serve un'altra richiesta di ammissione alla vetrina, la ufficializzo subito: CHIEDO L'AMMISSIONE ALLA VETRINA

Fernando Nappo
Messaggi: 585

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#10 » venerdì 19 maggio 2017, 9:15

Grazie, Angelo!

ChiaradiLuna
Messaggi: 129

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#11 » mercoledì 24 maggio 2017, 23:46

Ciao Fernando!
So bene di essere in ritardo nel commentare il tuo racconto, dato che hai già ottenuto l'ammissione alla vetrina. Ci tenevo però a dirti che ho trovato il tuo racconto davvero molto delicato, mi hai risollevato l'anima ^^
Non so dirti quanto sia migliorato rispetto alla versione precedente perché non l'ho letta, ma qualunque cosa tu abbia modificato hai fatto più che bene ;)
L'idea dell'aquilone che finisce nella casa di un estraneo non la trovo molto originale, ma mi piace molto come tu l'abbia rielaborata con il finale del vecchio che ringrazia il vento. Bravo!
Spero di rileggerti presto!

Avatar utente
Sara Todde
Messaggi: 42

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#12 » mercoledì 21 giugno 2017, 18:45

Ciao Fernando, la storia di Nogai e Majin, due improbabili amici da generazioni diverse che non si sarebbero mai incontrati se non grazie al vento, è a parer mio un piccolo gioiello che risplende nella sua semplicità e nella delicatezza dei tratti con cui ci mostri questo frammento delle loro vite. Ti farà sorridere, ma mentre leggevo mi è sembrato di vederli, il vecchio e il bambino, nei loro sguardi e nei loro gesti, quasi fossero i personaggi di un manga. Vedo che ti sei già guadagnato la vetrina, e confermo che il tuo racconto la merita pienamente!
Once barely taking a break
Now she sleeps her days away

Avatar utente
Il Dottore
Messaggi: 328

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#13 » giovedì 20 luglio 2017, 8:11

Ciao, Fernando.

Hai abbastanza richieste di Grazia da "sfidarmi" per provare l'accesso alla Vetrina.
Che vuoi fare?
Sono pronto a vivisezionare i vostri racconti... soffriranno, ma sarà per il vostro bene!

Avatar utente
antico
Messaggi: 4877

Re: (Emanuele Manco edition) - Nogai di Fernando Nappo

Messaggio#14 » venerdì 18 agosto 2017, 17:14

Racconto aggiornato sulla Vetrina, provvedo ad archiviarlo.

Torna a “2017”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti