Girone Antonio Lanzetta

Per partecipare alla Sfida basta aver voglia di mettersi in gioco.
Le fasi di gioco sono quattro:
1) Il due maggio sveleremo il tema deciso da Lorenzo Crescentini. I partecipanti dovranno scrivere un racconto e postarlo sul forum.
2) Gli autori si leggeranno e classificheranno i racconti che gli saranno assegnati.
3) Gli SPONSOR leggeranno e commenteranno i racconti semifinalisti (i migliori X di ogni girone) e sceglieranno i finalisti.
4) Lorenzo Crescentini assegnerà la vittoria.
Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 844

Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#1 » lunedì 21 maggio 2018, 0:07

Immagine

Questo è il gruppo Antonio Lanzetta de LA SFIDA Ad Animali con Antonio Lanzetta come giudice.

Gli autori del gruppo Antonio Lanzetta dovranno commentare e classificare i racconti del gruppo Maurizio Vicedomini.

I racconti di questo gruppo verranno commentati dagli autori del gruppo Maurizio Vicedomini.

I 2 migliori racconti di questo raggruppamento accederanno alle semifinali e saranno valutati da Antonio Lanzetta che deciderà quale dovrà finire al vaglio di Lorenzo Crescentini.

Al girone verrà assegnato un lettore esterno che stilerà una classifica che si sommerà a quelle degli altri.

I gruppi sono stati formati seguendo l'ora di consegna.

E ora vediamo i racconti ammessi:

Dipartimento di Inseminazione Ovarica. (D.I.O.), di Sonia Lippi, 14461 caratteri, consegnato il 16/05 alle 22:39.
Ladri di galline, di Agostino Langellotti, 18821 caratteri, consegnato il 18/05 alle 15:08.
Disgiunzione di Azzanngaitten, di Fabio Aloisio, 18831 caratteri, consegnato il 20/05 alle 22:59.
Sfera celeste, di Mario Mardirossian, 4501 caratteri, consegnato il 20/05 alle 23:41.


Avete tempo fino alle 23.59 di domenica 3 giugno per commentare i racconti del gruppo Maurizio Vicedomini.
Chi non postasse anche solo un commento verrà squalificato.
Chi non postasse la classifica verrà squalificato
Le vostre classifiche corredate dai commenti andranno postate direttamente sul loro gruppo. Vi avverto che saremo fiscali e non accetteremo classifiche postate anche solo alle 00.00 a meno che problemi improvvisi vi ostacolino all'ultimo, ma in quel caso gradiamo essere avvertiti, sapete come trovare i moderatori. Vi ricordiamo che le vostre classifiche dovranno essere complete dal primo all'ultimo.

I racconti non possono essere più modificati. Se avete dubbi su come compilare le classifiche, rivolgetevi a SPARTACO.
Potete commentare i vari racconti nei singoli thread per discutere con gli autori, ma la classifica corredata dai commenti deve obbligatoriamente essere postata nel gruppo Maurizio Vicedomini.
Altra nota importante: evitate di rispondere qui ai commenti ai vostri lavori, ma fatelo esclusivamente sui vostri tread.

BUONA SFIDA!



Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 844

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#2 » martedì 22 maggio 2018, 23:26

Ricordate che da questo mese siete tenuti a indicare la presenza dei bonus nei racconti che commentate.

Avatar utente
Wladimiro Borchi
Messaggi: 258

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#3 » giovedì 24 maggio 2018, 12:55

LADRI DI GALLINE
Ciao Agostino,
piacere di conoscerti.
Il racconto è davvero molto carino e scritto davvero bene.
Sinceramente dopo le tue critiche al mio, azzeccate al 99%, mi aspettavo di leggere una bella penna ed è stato così.
Nulla da dire sullo stile fresco e brillante.
I personaggi ci sono e tengono assolutamente bene la storia, emergendo senza alcuna necessità di didascalie.
Ho trovato un paio di frasi fatte all'inizio, di quelle che gli editor odiano perchè "il lettore deve avere la percezione che hai creato qualcosa di nuovo per lui!". Te le segnalo: "ribolliva come una teiera sui fornelli" e al "nocciolo della questione". Mi permetto di suggerirti di trovare due locuzioni nuove e totalmente tue.
L'unica pecca è che la storia sul finale lascia spiazzati.
Mi spiego meglio. E' un bel racconto, punto. Ma il finale non svela niente a parte il fatto che i due ladri di polli sono pronti a lavorare per il Dodo.
Ma è davvero l'unica critica che mi sento di muoverti e legata unicamente al mio gusto personale.
A questo punto siete in tre a meritare il mio podio personale.
Come sempre sarà un inferno capire chi sono i primi due.
I bonus ci sono entrambi.
A rileggerci.


DISGIUNZIONE DI AZZANNGAITTEN
Ciao Fabio,
piacere di conoscerti e di leggerti.
Il tuo racconto mi sembra molto elaborato e il linguaggio utilizzato molto ricercato.
Forse troppo per i miei gusti, soprattutto quando si inseriscono termini come "propinarci" nei dialoghi. Penso di non averlo mai sentito dire a nessuno in vita mia.
Il tutto, oltre a rendere i dialoghi meno credibili, ha reso la lettura del lavoro un po' faticosa.
La trama è ben congegnata e il cambio di prospettiva sul finale, anche se prevedibile, restituisce, nel complesso un buon racconto.
Mi sembra che ci siano anche i personaggi con le loro motivazioni, che traspaiono dal loro agire e da quello che dicono, per cui sicuramente uno dei racconti che potrebbero essere ai primi posti della mia classifica, seppur con le perplessità stilistiche che ti ho evidenziato.
I bonus ci sono entrambi.
A rileggerci presto.


DIPARTIMENTO DI INSEMINAZIONE OVARICA (D.I.O.)
Cara Sonia,
c'è poco da fare, quello che scrivi mi piace sempre molto.
La storia è furba e intelligente e, nonostante si apra con immagini porno e litrate di sperma, riesce a essere tenera e romantica.
Non condivido che la prima volta il sesso sia bellissimo. Anzi, non ricordo niente di più scioccante e catastrofico della mia prima volta.
Forse Adamo ed Eva potevano migliorare di volta in volta.
L'avrei trovato più credibile e avrebbe leso meno il mio amor proprio.
Attenzione ai discorsi diretti.
In alcuni casi gli introduci in maniera classica.
Luca sorrise: «Sono il re del mondo».
Altre volte con la virgola.
Luca sorrise, «Sono il re del mondo»
In altre occasioni la punteggiatura all'interno del virgolettato influenza quello che c'è all'esterno
Luca disse: «Sono il re del mondo!» Rimanendo con il pugno alzato.
In realtà non dovrebbe essere così. Il punto esclamativo tra le virgolette non impone di riprendere la frase fuori dalle stesse con la maiuscola.
Luca sorrise: «Sono il re del mondo!», rimanendo con il pugno alzato.
Questo giusto per dire delle piccolezze, ma il racconto è splendido.
I bonus ci sono entrambi.
Grazie di esistere.

SFERA CELESTE
Ciao Mariano,
Innanzi tutto, piacere di conoscerti.
E' il tuo primo racconto che leggo e, purtroppo, devo dire che mi ha lasciato alquanto perplesso.
Innanzi tutto il senso del tuo lavoro mi rimane del tutto oscuro. Dipende senz'altro dal fatto che il sottoscritto non possiede adeguate conoscenze storico scientifiche per capirlo, ma, da buon scrittore, dovresti, laddove fosse così, fornire al tuo lettore le basi per poter comprendere appieno il significato del tuo scritto.
Non ho capito se "Matteo Costantin era sul terrazzo" come scrivi all'inizio o se lo raggiunge dopo, laddove scrivi, circa a metà del racconto: "Uscì in terrazza".
Lo stile dovrebbe essere un po' rivisto.
Il brano è pieno di ripetizioni (magnificatore fino all'ossesso, Giove compare quattro volte nelle ultime 1000 battute, sfera, vetro e cristallo, compaiono due o tre volte a testa in tre righe).
Attento agli avverbi in -ente, spesso sono inutili e rallentano la lettura: "nuovamente" è addirittura ripetuto due volte a distanza di tre righe.
Laddove tu andassi in semifinale, sfrutta il tempo concesso per risistemare le cose.
Così è davvero difficile e faticoso da leggere.
Mancano entrambi i bonus.
A presto.

Ed ecco che, impietosa e fetida, giunge la classifica.
1) DIPARTIMENTO DI INSEMINAZIONE OVARICA (D.I.O.)
2) LADRI DI GALLINE
3) DISGIUNZIONE DI AZZANNGAITTEN
4) SFERA CELESTE
IMBUTO!!!

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 447

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#4 » sabato 26 maggio 2018, 15:55

I commenti di seguito, in ordine sparso. È stata una bella lettura, a prescindere dalla classifica finale: bravi a tutti gli autori e l'autrice!

Disgiunzione di Azzanngaitten
Ciao, Fabio,
il tuo racconto è stata una bella lettura, molto weird tales, condito di una buona quantità di particolari più o meno fanta-scientifici. Quando ho capito qual era l'andazzo della storia e il motivo per cui tutto sembrava andare alla deriva, ho cominciato a divertirmi veramente perché ho lasciato trasportarmi dalla tua fantasia e dalle distorsioni fisiche del Disgiuntore. Ormai tutto era possibile e tutto era plausibile.

Devo confessarti che, a fronte di una serie di invenzioni interessanti, la parte più debole del racconto è purtroppo il finale. Insomma, hai a disposizione Joseph, la montagna del Disgiuntore (che ormai è un'entità propria, quasi un luogo di culto) e alla fine mi dai un branco di leoni? Perché non far comparire la montagna direttamente nel Cretaceo, con Joseph in piedi sulla sommità come il nuovo sovrano di questo mondo andato verso la follia? E finalmente Carlo ha davanti la sua nemesi. (è solo un'idea, brainstorming, e cose così).
Mi preme solo sottolineare che la parte finale della tua storia è quella che ha meno pathos e stride con il resto tra l'altro molto bello.

Per quel che riguarda i bonus, c'è l'animale estinto, ma non ho trovato la mutazione genetica. Eventualmente me la sono persa per strada o non ho inteso qualche passaggio. Feel free di correggermi!

In chiusura: complimenti!

Ladri di Galline
Ciao, Pretorian/Ash,

il tuo racconto è davvero divertente e di puro intrattenimento. Molto gradito: dentro la plancia della navetta si sentono gli echi di film come i Guardiani della Galassia, e tutto l'impianto narrativo ricorda molto Cowboy Bepop (non so se hai presente...). La crew è la classica banda di badass intergalattici e si comporta esattamente come uno si aspetta che facciano: un po' in attrito tra di loro, ma sempre pronti a salvare la pelle l'uno all'altro.
Effettivamente (e devo condividere la perplessità con Wladimiro), la parte che mi è sembrata più debole è stato il finale, che non aggiunge niente a quello che era stato preparato prima, manca l'effetto 'Luke io sono tuo padre!' che mi stavo aspettando fin da quando il Dodo si è messo a parlare (non intendo dire che il Dodo deve essere il padre di qualcuno, insomma... hai capito cosa intendo! :D ).
Purtroppo tutto si risolve in un contratto a tempo indeterminato di ladrocinio e scorrerie a pagamento.
Poi ti faccio una domanda: probabilmente è tutto frutto della mia totale ignoranza, ma il fatto che il Dodo si chiami Hegel ha a che fare con il filosofo? Te lo chiedo perché se tutto il racconto è un'allegoria con riferimenti al pensiero hegeliano, allora, prima me lo devi spiegare bene, e poi devo venire a stringerti la mano. (se invece è un'invenzione della mia mente, è solo perché mi drogo.)

I bonus ci sono, e sono evidenti.
Complimenti e alla prossima.

Dipartimento di Inseminazione Ovarica (D.I.O.)
Ciao, Sonia,
come promesso, niente pippe (ed è il caso di dirlo) sulla parte scientifica. Who cares?
Mi inquieta il fatto di essere discendente di un tizio che si è quasi ammazzato con la sua stessa mano e non è diventato ipovedente.

A parte gli scherzi, il racconto scorre bene, liscio, anche se visti i nomi e il mito che hai rivisitato, sembra un po' troppo prevedibile. Nonostante tutto, hai giocato bene le tue carte, mettendo in scena una vicenda divertente e molto colorita, con delle scene davvero memorabili (gli insegnamenti della dottoressa sono un esempio. Che poi mi chiedevo: se Adam non è mai uscito con una donna, LEI con quanti maschi è mai uscita?).
Lo stile è il tuo, ormai sto imparando a conoscervi in tanti, e mi piace, senza aggiungere altro. Qualche virgola dispersa, ma a parte questo, non devo segnalarti nulla di tecnico.
Il tema è centrato, i bonus ci sono (anche se l'animale estinto compare en passant, ma ha un ruolo nella vicenda, quindi OK!).

Sfera Celeste
Ciao, Mario,
Bentrovato qui su MinutiContati.
Ho letto il tuo racconto e mi ha effettivamente lasciato perplesso, perché a parte la scoperta (tra l'altro fichissima - i pianeti contenuti in sfere di cristallo è una bella trovata), la storia non porta da nessuna parte. O meglio: si tronca proprio là dove deve cominciare a spiegare quali sono le CONSEGUENZE di questa scoperta. Sarebbe stata interessante (a titolo di brainstorming) spostare la narrazione ina vanti nel tempo e riscrivere la storia della conquista spaziale.

Come tu stesso hai spiegato, il tempo sempre tiranno ti ha fatto far le cose di corsa, ma davvero, non mollare questa storia, ha tutte le carte in regola per diventare qualcosa di coinvolgente.

Sul versante tecnico, rimarco quello che ha già detto l'ottimo e attento Wladimiro, ma come sempre il motivo è tutto racchiuso nella fretta con cui hai affrontato la sfida.

Detto questo, ti rinnovo i complimenti e spero di leggerti ancora e ancora in questi lidi!

Aggiungo, in tutta fretta, che mancano tutti e due i bonus!

****

Ed ora la tanto agognata classifica, sofferta perché le storie, come già scritte sono molto valide.

1 - Dipartimento di Inseminazione Ovarica
2 - Ladri di Galline
3 - Disgiunzione di Azzangaitten
4 - Sfera celeste

Avatar utente
fabiogimignani
Messaggi: 8

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#5 » martedì 29 maggio 2018, 8:53

DISGIUNZIONE DI AZZANNGAITTEN
La struttura regge decisamente bene e lo scenario apocalittico riesce a creare quello stato di curiosità angosciante che ti tiene incollato alle parole.
Lo ho letto con piacere, trovando quella sacca di respiro (dimmi che era voluta, ti prego) della famiglia di triceratopi.
Piacevole e fluido.
E i bonus ci sono: da aquila a fenice è una mutazione di tutto rispetto!


SFERA CELESTE
Nonostante la prosa comunque scorrevole, trovo la struttura un po' compressa e senza sbocchi apparenti.
La parola "magnificatore" è ripetuta un po' troppo spesso (opinione personale) e, se da un lato ho apprezzato moltissimo l'idea dei microcosmi incastonati nel cristallo, dall'altro noto l'assenza di mutazioni genetiche e di animali estinti.
Sinceramente qualche migliaio di battute in più non ci sarebbe stato male.


DIPARTIMENTO DI INSEMINAZIONE OVARICA

Il racconto fila senza intoppi, anche se la trama (ahimé, sono antico) mi ha fatto tornare in mente una storia a fumetti letta almeno un trentennio fa sulle pagine di "Metal Urlant"... e se qualcuno di voi si ricorda la testata in questione lo compatisco sinceramente: siamo quasi animali estinti a nostra volta.
Ma riguardo al tuo racconto confido in una similitudine casuale; anzi: ne sono convinto!
Detto ciò... buona la struttura e l'idea, buona l'esposizione, buono il finale che riabilita gli amanuensi di tutto il mondo fornendo un barlume di speranza anche a loro.
Punteggiatura e dialoghi un po' da rivedere qua e là, ma niente che una spolverata di editing non possa rendere eccellente.
Centrato appieno il bonus sulla mutazione e sulla scoperta; un po' stiracchiato l'animale estinto, ma comunque c'è.
Ho visto un "se" (pronome) senza accento e un "glie lo"... per un po' ho pianto, ma si sopravvive a tutto.
Comunque bello.
Mi è piaciuto, brava!


LADRI DI GALLINE
Bello!
Letto tutto d'un fiato apprezzando ritmo, ambientazione e delirio.
Giusto spunto caricaturale di alcuni personaggi e resa tridimensionale degli stessi, mentre i comprimari patiscono la corretta sfocatura senza risultarne penalizzati.
I trattini per incasellare i dialoghi non sono la mia passione, ma questo è un commento di carattere puramente soggettivo.
Circa i bonus direi che ci sono, anche se non so quanto un animale clonato possa essere considerato realmente un "animale estinto"... ma anche questa è accademia.
Pollice decisamente all'insù!



La classifica:

1. DIPARTIMENTO DI INSEMINAZIONE OVARICA
2. LADRI DI GALLINE
3. DISGIUNZIONE DI AZZANGAITTEN
3. SFERA CELESTE

Avatar utente
White Duke
Messaggi: 84

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#6 » giovedì 31 maggio 2018, 11:08

Per l'ultimo posto non ho avuto dubbi, per il primo ci ho dovuto pensare un po' ma il vero dilemma è stato decidere il secondo ed il terzo posto. Nel complesso i primi tre racconti erano tutti ottimi. Anche il quarto aveva ottime premesse. Quindi congratulazioni a tutti i quattro autori.

1 - Ladri di galline
2 - Disgiunzione di Azzangaitten
3 - Dipartimento di inseminazione ovarica (D.I.O.)
4 - Sfera celeste

LADRI DI GALLINE
Racconto veramente bello ed appassionante. Ho apprezzato molto l’idea di base e anche lo svolgimento, credo di non avere nessun appunto da fare.
Mi sono piaciuti i personaggi, i classici “ragazzi cattivi” ma di buon cuore alla Ian Solo e anche l’ambientazione è molto ben definita. I tanti dettagli inseriti proprio nell’ambientazione mi hanno fatto pensare fin da subito che tu abbia grandi progetti per questi personaggi, e leggendo la tua risposta ai commenti mi sembra di capire che è proprio così.
I bonus ci sono entrambi.

DISGIUNZIONE DI AZZANGAITTEN
Allora, dal punto di vista scientifico potremmo parlare del tuo racconto per ore, e non ti nascondo che credo (sottolineo il “credo” perché non faccio il fisico di professione ma sono solo un appassionato) di aver trovato alcune imprecisioni scientifiche. Tuttavia si tratta di un testo principalmente di fantascienza e si sa che la fantascienza deve necessariamente “forzare” la scienza quindi tutto sommato ci sta.
Per il resto il racconto mi è piaciuto, la prosa è impeccabile e il tema del concorso è centrato, forse il finale è un po’ debole, ma un finale più “rilassante” non è necessariamente un difetto.
I bonus ci sono entrambi.

DIPARTIMENTO DI INSEMINAZIONE OVARICA (D.I.O.)
Racconto abbastanza inquietante sul futuro dell’umanità ma nel complesso originale e molto godibile. Ho apprezzato molto l’idea della rilettura in chiave (fanta)scientifica degli episodi biblici di Adamo ed Eva, del serpente e della mela.
Prosa bella, anche se con qualche refuso.
Nel complesso mi è piaciuto e non ho particolari appunti da fare.
I bonus ci sono entrambi.

SFERA CELESTE
Soggetto affascinante e pertinente al tema proposto.
La prosa presenta tante ripetizioni nel testo che ne compromettono la lettura scorrevole.
Racconto troppo breve, avendo a disposizione 20.000 caratteri la storia si prestava ad essere sviluppata in maniera più profonda, davvero non capisco perché hai voluto chiuderla così. Sembra solo l’incipit di un racconto, come se mancasse il testo vero e proprio.
Mancano entrambi i bonus.
Portate dei fiori sulla tomba di Algernon

Avatar utente
DavidG
Messaggi: 76

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#7 » domenica 3 giugno 2018, 23:39

Dipartimento di Inseminazione Ovarica.

«É un maschio, é un maschio!» disse la dottoressa.
Pero era gay. Ehhh e quindi Adamo ancora seg...
Ehmm Ciao Sonia! e complimenti per il tuo bel racconto. Di quelli che ho letto sinora senz'altro il piú completo, il narrato e i dialoghi sono ben bilanciati e non ci sono spiegoni. Ci sono molte inesatezze a livello di punteggiatura, ti consiglio di approfondire il tema.
Ti faccio degli esempi:
«Basta!» Urlò coprendosi la faccia, «non ce la faccio più». Disse fra se piangendo.
Non ce la faccio piú è quello che dice piangendo, non quello che urla. Qui spezzi una frase che dipende da un'altra.

«Basta!» Urlò coprendosi la faccia.
«Non ce la faccio più» disse fra se piangendo.

Già sarebbe meglio anche se non mi convince troppo, io leverei di torno que punto.

«Adam che succede?» Igea entrò nel mini appartamento arredato in maniera essenziale;

Due punti se procedi alla descrizione.

«Hai voglia di parlare un po'? lo sai che con me puoi aprirti». Disse sedendosi sul grande divano bianco di pelle.

Anche qui il punto non ci va.

«Hai voglia di parlare un po'? lo sai che con me puoi aprirti», disse sedendosi sul grande divano bianco di pelle.

iniziò a singhiozzare sommessamente.

Invece qui io ce lo metterei.

Insomma ricontrolla!
Ok con i bonus.



Ladri di Galline:

Ciao Pretoriano, un piacere rileggerti dopo tanto tempo, vedo che non hai perso la penna :) Il tuo racconto mi è piaciuto davvero molto. Bravo davvero. Non ho niente da eccepire se non il finale un po' moscio, pero dato che hai spiegato che è stato scritto in un'ottica di qualcosa di piu vasto tutto torna. Questa è l'unica ragione per la quale ti metto al secondo posto. Vorrá dire che aspetto il seguito. Ti aspetto alla prossima edizione.

Bonus Ok

DISGIUNZIONE DI AZZANGAITTEN

Ciao, il tuo racconto è quello con le possibilità maggiori per quanto riguarda trama e ambientazione, originali e davvero interessanti.
Peró l'inizio è un po' appensantito da uno stile un po' arcaico e lento, e il finale mi ha lasciato molto perplesso. Ci avevi preparato a qualsiasi possibilità, e invece la cosa si sgonfia un po'.
Come consiglia Leonard ( https://corsidiscritturacreativa.com/20 ... scrittura/) evita di cominciare un racconto descrivendoci il tempo. :)

Bonus OK

Sfera Celeste.

Ciao e benvenuto.
Credo che sia una delle prime cose che scrivi vero? Ti do il consiglio piú importante di tutti:
...
...
SUSPENSE
...
...
...
SHOW DON'T TELL!!!!!!!!

Non ci raccontare quello che succede, faccelo vivere! Non ci raccontare pensieri, dialoghi azioni e caratteristiche dei personaggi, ma
falli parlare, agire e pensare. La storia è interessante, ma la cosa piú importante è come una storia è raccontata, non la storia in sé.
Ci devi regalare emozioni, non nozioni! :)
Anche per te i consigli di Leonard: https://corsidiscritturacreativa.com/20 ... scrittura/
e pure quelli di Eco http://www.mestierediscrivere.com/articolo/eco2
(Ah comunque la storia merita, ritornaci sopra tra due o tre mesi ;)
Adesso non puoi fallire! Alla prossima e non arrenderti!

Non credo ci siano bonus :/


Classiphica

1-Dipartimento di Inseminazione Ovarica.
2-Ladri di Galline:
3-DISGIUNZIONE DI AZZANGAITTEN
4-Sfera Celeste.

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 844

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#8 » lunedì 4 giugno 2018, 17:15

Nonostante non siano ancora arrivati i commenti e la classifica del Lettore Anonimo, visto lo scarto di punti tra il secondo in classifica e il terzo possiamo chiudere il girone e dare il via alle semifinali.

Classifica senza Lettore Anonimo:

1) Dipartimento di Inseminazione Ovarica. (D.I.O.), di Sonia Lippi = (7 - 6 entrambi i bonus) 1 punto
2) Ladri di galline, di Agostino Langellotti = (9 - 6 entrambi i bonus) 3 punti
3) Disgiunzione di Azzanngaitten, di Fabio Aloisio = (14 - 6 entrambi i bonus) 8 punti
4) Sfera celeste, di Mario Mardirossian = (20 - 0 nessun bonus assegnato) 20 punti

Accedono alla semifinale e saranno giudicati da Antonio Lanzetta: Sonia Lippi ( Dipartimento di Inseminazione Ovarica. (D.I.O.)) e Agostino Langellotti (Ladri di galline).

Sonia e Agostino hanno tempo fino mercoledì 6 giugno alle 23:59 per revisionare il racconto da sottoporre allo SPONSOR.
Vi ricordo che il limite di battute in questa fase slitta da 20000 a 21313.

Complimenti a tutti!

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 844

Re: Girone Antonio Lanzetta

Messaggio#9 » lunedì 11 giugno 2018, 8:32

Commenti e classifica del Lettore Anonimo:

Premessa: chiedo scusa a tutti per il ritardo e per la cortezza dei commenti.



1)Dipartimento di Inseminazione Ovarica (D.I.O.)

Del tuo racconto mi è piaciuto tutto un sacco con l’eccezione del finale. Hai creato un modo alternativo interessante e sei riuscita a delinearlo senza esagerare coi dettagli, ma mantenendolo realistico. I personaggi sono tutti e tre solidi, l’unico accenno che mi è venuto in mente è il fatto che anche Eva potrebbe essere in difficoltà con l’unico uomo del mondo. Per quanto riguarda il finale da quando ho letto Harry Potter ho qualche problema con le soluzioni tipo “l’amore vero risolve tutto”. Mi ha accontentata alla grande tra i 6 e i 12 anni, adesso mi fa alzare un sopracciglio, ecco. Tutto sommato un ottimo lavoro.



2)Ladri di Galline:

Anche il tuo racconto mi è piaciuto tutto fino alla fine. La storia legge e il racconto ti “risucchia” abbastanza, i personaggi da soli sono buoni, ma per quanto mi riguarda la forza sta nel rapporto tra di loro, che merierebbe anche qualche linea in più. La pecca è che sembra interrotto o finito male: non c’è una grande rivelazione finale, né una vera conclusione della storia (che farà poi il dodo?).



3)Disgiunzione di Azzanngaitten:

Ammettendo che ho letto il racconto senza cercare di capirne la scienza (non ne ho la pazienza e non lo faccio nella realtà, quando leggo un libro), e quindi non ho idea della concretezza o meno della parte scientifica, il tuo stile riesce a catturare il lettore, ma dal mio punto di vista dovresti introdurre le regole e le caratteristiche dell’ambientazione con più calma e con un po’ di spiegazione in più, ogni tanto mi hai lasciata un po’ confusa.



4)Sfera celeste:

Il mio principale problema con questo racconto è che non ne capisco il senso. Non la trovo una storia interessante di per sé (è un tipo che guarda le stelle) e non portando avanti l’idea e le conseguenze dei pianeti nei cristalli perdi anche la possibilità di sfruttare quell’idea lì. In aggiunta, mentre apprezzo molto gli stralci di pensiero diretto del protagonista, li distinguerei dal resto scrivendoli in corsivo e farei un ri-controllo ripetizione, che ogni tanto ti sono sfuggite.

Torna a “La Sfida ad Animali”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite