Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Appuntamento per lunedì 18 febbraio dalle 21.00 all'una con il Campione della Quinta Era di Minuti Contati: Raffaele Marra!
Fabio84
Messaggi: 153

Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#1 » martedì 19 febbraio 2019, 0:58

Oltre il nulla di Fabio Aloisio

Aveva adocchiato la ragazza già alla prima cena di gala. Era seduta su un tavolino in mezzo alla sala di osservazione.
Mel si avvicinò con fare casuale, con la testa per aria, ammirando le costellazioni nude attraverso le vetrate della cupola.
Si fermò accanto a lei, come se fosse capitato lì per sbaglio. La salutò alzando il drink: - Prima crociera? – domandò.
Lei fece tintinnare il bicchiere contro il suo e ridacchiò: - Sono una principiante – si schernì. - Come mi hai beccato?
- I “novizi” tendono a starsene al centro, lontani dalle vetrate – indicò le coppie in completo da sera che stazionavano sulle sedie vicino, gli sguardi smarriti attorno e sopra di sé.
- Ho paura di stare troppo vicino al vuoto – ammise lei. – Mi chiamo Lara.
- Mel. Stai tranquilla, è una passeggiata.
- Quante volte sei stato in crociera?
- Questa è la quarta, ma non conta: ogni viaggio fa storia a sé. La rotta è nuova: sono curioso.
La voce del comandante irruppe nell’osservatorio, rimbalzata da tutti gli altoparlanti: - Gentili ospiti, tra un minuto compiremo il balzo. Posizioneremo la Far Star in maniera da garantirvi il migliore spettacolo. L’Orizzonte del Futuro comparirà proprio sopra la cupola.
- Oh Dio! – Lara ingollò il drink in un sorso e si fece aria con la mano.
- Sarà straordinario – la rincuorò, accarezzandole la spalla nuda.
- Non mi piacciono le sorprese – si sporse verso di lui. – Mi fai una piccola anticipazione?
Mel ridacchiò: - Ma non hai visto neanche un filmato? Balziamo in una zona di nulla cosmico, una porzione di spazio che non è stata raggiunta dal fronte di espansione del Big Bang. La luce non esiste ancora e a tutti gli effetti siamo fuori dall’universo conosciuto. Quando ne veniamo investiti è come assistere alla nascita del cosmo.
- In che senso “investiti”? – si accigliò lei. – Tipo onda d’urto?
Le offerse il braccio e lei si strinse attorno: - In ogni caso la nave ha degli scudi di energia che ci proteggono.
Il capitano fu di parola: dopo un minuto le luci della sala di osservazione si spensero, lasciando gli ospiti illuminati del solo chiarore delle stelle. Ci fu il classico pop! che indicava il balzo.
Mel sentì Lara artigliargli il polso e urlare. Un coro di grida si aggiunge al suo.
Inorridì non riuscendo a concepire quello che si stagliava oltre la cupola: avrebbe preferito di gran lunga l’oscurità priva di vita che era sempre comparsa dopo il balzo.
In un bagliore soffuso color carne, un’accozzaglia di corpi dall’aspetto viscido, pieni di denti e tentacoli affollavano il cielo. Si torcevano in una danza sofferente e macabra. Dovevano essere enormi, grandi come pianeti, come soli…
Un inferno di occhi posò lo sguardo su di loro. Su di lui.
Sentì il cervello rattrappirsi, lo stava per lasciare orfano di fronte a una realtà incomprensibile.
La nave vibrò e lo scudo di energia si attivò in un lampo arancione: il fronte d’espansione li aveva travolti.
Quando il tremore cessò, al di là delle vetrate spiccava il cosmo appena nato, così come l’aveva visto nelle altre crociere.
Lara gli si era avvinghiata sul petto e piangeva.
- Quelle cose… - sussurrò la ragazza. – Dove sono?
Allora non era un’allucinazione!
- Il fronte d’espansione deve averle spazzate via. Il nulla non è vuoto come si credeva.
- E adesso? – bisbigliò Lara.
- Andiamo al bar. Voglio bere fino a dimenticare tutto questo!



Avatar utente
antico
Messaggi: 4375

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#2 » martedì 19 febbraio 2019, 1:01

Ciao Fabio! Caratteri e tempo (al pelo) ok! Divertiti in questa Marra Edition!

Avatar utente
megagenius
Messaggi: 356

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#3 » martedì 19 febbraio 2019, 23:01

Carissimo Fabio!
Quando leggo qui a Minuti Contati racconti di fantascienza, ci vado a nozze! E stavolta, col tuo racconto, ci vado doppiamente a nozze visto che hai tirato fuori un piccolo pezzo di bravura! E non lo dico con faciloneria, ma perché l'intuizione che sta alla base della trama, sinceramente non l'ho trovata in tanti anni di letture fantascientifiche da nessuna parte. Forse (ma molto forse), qualcosa che gli si avvicina potrebbe essere lo spunto narrativo del film "Punto di non ritorno" del 1997, in cui l'astronave Event Horizon, in seguito a un salto iperspaziale con un sistema di propulsione potentissimo, torna lasciando intendere di essere stata oltre i confini dell'universo conosciuto e, addirittura, all'Inferno!!
Mi ha scosso la visione provocata dal transito nel vuoto cosmico assoluto: occhi, tentacoli, creature viscide e terrificanti la cui presenza è una minaccia incombente, ma lontana, forse ancestrale, forse presente, non si sa, ma inquietante.
La storia è narrata benissimo, pochissime cadute di tono o di controllo, pochissime imperfezioni (mi ha lasciato perplesso questa frase: "Le offerse il braccio e lei si strinse attorno", non l'ho capita bene... Una svista?), fino a una conclusione buona e incisiva. Solo, io avrei ritoccato la frase di chiusura, per renderla un sigillo più incisivo, tipo: "Andiamo al bar, ci facciamo una bevuta e dimentichiamo tutto"... O qualcosa del genere.
In ogni caso, ottima prova. Salvo sorprese, da podio!
In bocca al lupo!

Emiliano.

Avatar utente
Marco Travaglini
Messaggi: 116

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#4 » venerdì 22 febbraio 2019, 10:38

Ciao Fabio,

Hai presente quando leggi un racconto e ti piace talmente tanto che continui a sentirtelo nel palato, quasi come se lo avessi gustato mangiandolo? Sono due giorni che ripenso a questo racconto. E niente, è bello.
Mi ha ricordato molto Lovecraft per il terrore. Bellissima l’immagine del mostro/mostri talmente grande da essere inconcepibile e quel colpo di maestria con quel “Su di lui.” Anche l’immagine del cervello che alza bandiera bianca, molto molto bella.
E allo stesso tempo l’idea di spostarsi con una nave da crociera a osservare l’arrivo del fronte di espansione del Big Bang è squisitamente fantascientifica.
Anche impegnandomi, l’unica cosa che riesco a contestarti è l’aver messo il testo giustificato nei primi paragrafi :D
Complimenti.

viviana.tenga
Messaggi: 500

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#5 » sabato 23 febbraio 2019, 18:44

Ciao Fabio,
Bella l'idea e molto d'impatto l'immagine infernale oltre il fronte del Big Bang. Devo dire che non me l'aspettavo e ne sono quasi rimasta turbata. Più che "nulla è come sembra" qui si parla di "il Nulla non è come sembra", ma comunque direi che è una variazione sul tema che ci sta.
L'unica cosa che non mi ha convinto del tutto è il personaggio di Lara: che non abbia davvero idea di cosa l'aspetti mi sembra poco credibile. Immagino che (oltre che a uno stratagemma narrativo da parte tua) la cosa dovesse essere una scusa per filtrare un po' con Mel, ma la cosa non si percepisce del tutto e rimane il dubbio che davvero lei si sia imbarcata senza sapere nulla.

Avatar utente
Linda De Santi
Messaggi: 497

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#6 » lunedì 25 febbraio 2019, 20:58

Ciao Fabio!
Di questo racconto mi sono piaciuti soprattutto lo stile di scrittura (al top come sempre!) e la descrizione di ciò che c’è nel “nulla” che si presenta alla vista dei passeggeri della crociera dopo il salto. Bello, oscuro, bizzarro.
Naturalmente, ho apprezzato molto il riferimento a Lovecraft :)
Il finale forse avrebbe meritato più spazio: mi sarebbe piaciuto vedere Mel scosso per l’aver visto qualcosa che lui stesso non si aspettava, ma che allo stesso tempo cerca di mantenere un certo aplomb con Lara per non sfigurare. Anche una maggiore incisività nell’ultimissima frase non avrebbe guastato, secondo me: avrei chiuso il cerchio facendo in modo che Mel invitasse Lara a bere qualcosa (“ti va un invito a bere per dimenticare?”), visto che si è avvicinato a lei proprio per questo. Comunque si tratta di dettagli che in sé non inficiano il valore del racconto.
Alla prossima!

Avatar utente
DandElion
Messaggi: 591

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#7 » martedì 26 febbraio 2019, 0:13

Uh mama..
Ciao Fabio, noto una certa tentacolare affinità xD
Cazzeggio a parte, bel racconto, molto ben costruito, bellissimo il ritmo fino al balzo. Poi mi è piaciuto meno, mi è sembrato che il finale ad affetto non avesse abbastanza caratteri per essere spiegato bene come l'introduzione e la frase finale, invece, riprende il tono della prima parte. Insomma mi piace con qualche piccola riserva sull'affrettarsi di un momento narrativo che in my opinion avrebbe avuto bisogno di un respiro un po' più ampio, descrivendo con maggior dovizia di particolari non solo il primo impatto visivo, ma anche qualcosa di più di emotivo. ok la razionalità si annichilisce, ma il terrore? l'emotività? Insomma mi hai quasi convinto, ma è quel quasi che mi impensierisce.
#AbbassoIlTerzoPuntino #NonSmerigliateLeBalle
#LicenzaPoeticaGrammatica
Adoro le critiche, ma -ve prego!- che siano costruttive!!

Avatar utente
antico
Messaggi: 4375

Re: Oltre il nulla - Fabio Aloisio

Messaggio#8 » lunedì 4 marzo 2019, 14:04

Idea molto buona e discreta aderenza al tema. Bellissima la frase finale, significativa e d'impatto. Scrittura di alto livello. Non arrivo alla massima valutazione solo per una certa qual mancanza di mordente nella costruzione che ho trovato migliorabile attraverso l'inserimento di più elementi di contesto oltre al fatto che il rapporto tra Lara e Mel mi è sembrato troppo lineare e contrastarlo di più non farebbe male al racconto. Detto questo, un pollice quasi su.

Torna a “125° Edizione - Marra Edition - Decima della Sesta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite