Live

L'atto conclusivo della Sesta Era di Minuti Contati vi aspetta lunedì 20 maggio dalle 21.00 all'una con tante guest che si sono alternate nel corso delle sue dodici edizioni!
Avatar utente
Piscu
Messaggi: 83
Contatta:

Live

Messaggio#1 » lunedì 20 maggio 2019, 23:48

Live
di Andrea Viscusi

«Siamo qui con il signor Elvi che oggi compie #centoanni, giusto?»
Ezio scuote le spalle, d'altronde è quello il motivo per cui lo stanno intervistando, ma la newsler ha già ripreso a parlare, lo sguardo a fuoco sul suo piano VR personale che lui non può vedere.
«Non sono molti i centenni vivi oggi, lei è sopravvissuto al #MorbilloRosso del 28, alla #GlaciazioneFlegrea del 56, e che altro?»
Ezio cerca gli occhi della ragazza, ma lei non sembra prestargli attenzione. Cosa vuole sapere? La guerra, la sete, il freddo? Sono cose che la gente oggi non capisce, anche se può vederle in prima persona.
«Si ricorda di quando è nato?» chiede lei.
Lui aggrotta la fronte. «No, come…»
«Cento anni fa, era il @20maggio2019»
«Sì.»
La ragazza contrae un angolo della bocca e nel piano VR di Ezio si apre un video.

«Per colpa sua ci siamo persi il finale di GOT!» dice la voce fuori campo, mentre l'inquadratura stringe su una sfera lucida e spelacchiata che spunta da un fascio di panni. Il campo si allarga e rivela che quello è un neonato tenuto in braccio da sua madre. La mamma guarda in camera, imbroncia le labbra e un'esplosione di cuoricini riempie lo schermo fino a formare una scritta: BENVENUTO EZIO!

«Quello era lei, #newborn! Non si ricorda?»
Ezio sospira. Non sopporta quando gli altri si collegano ai suoi tag. Lui lo evita sempre, ma per loro è una cosa normale, come chiamarsi per nome. «Sì, c'è il video, ma io non mi ricordo di quando ero così…»
«I #commenti al nostro #live ci chiedono di vedere il suo #primoamore.» La newsler ghigna. «Questo se lo ricoderà!»
Yrana. La caduta dalla bici, l'amputazione, l'infezione. Così giovane. Più di metà vita che è senza di lei. «Certo, la ricordo.»
«Il vostro primo bacio?»
Ezio sorride. «Era luglio ed era molto caldo…»
«Eccolo, @Yrana @17luglio2033»

Il termometro nell'angolo a destra segna 18°, il sole sta scendendo dietro le colline. L'inquadratura è storta, qualcuno tiene con il braccio la camera ma non è abbastanza distante per entrarci dentro. Il viso della ragazza si sporge di lato, il video segue il movimento fino a mostrare il bacio sulla guancia di un giovane Ezio.

«Ma aveva detto che faceva #caldo!»
«Mi devo essere confuso.»
«Lol, signor Elvi, ma è tutto qui, tutto #live! Non si può confondere, non può dimenticare!»
Ezio strizza gli occhi, cerca di allontanare i flash residui del VR. «Mi dispiace, non sono così abituato…»
«Ma è la sua #vita, sono #centoanni di registrazioni, a disposizione di tutti. Un #patrimonio inestimabile.» Gli avvicina una mano al petto ma si ferma prima di toccarlo. Non ci si tocca in VR. «I #commenti mi chiedono… ouch!» Storce la bocca come se avesse morso una fetta di limone.
«Cosa?»
«Il suo #giornopiùbrutto, ce lo vuole dire?»
«No» dice, ma sta già pensando al @12settembre2058…

Le immagini sono riprese dall'altro, un drone che si libra sopra la città distrutta. Lampi e scoppi, nuvole di polvere e gente che corre e cerca riparo negli edifici ancora in piedi. Una squadra di tre risciò solari li insegue, gli spari partono da lì sopra. Uno degli inseguiti cade, rotola, rimane a terra. Un risciò si avvicina. L'uomo a bordo punta il fucile. Quello a terra tende il braccio, piange. Zoom in sul fucile: un colpo. Zoom out sul braccio e sul volto: Ezio.

La newsler annuisce, gli occhi vacui. «La #guerraèmorte, ragazzi, ricordatevelo.»
«Ho fatto di tutto per dimenticarlo» dice Ezio. «Ma ogni volta che penso a quel giorno…»
Lei si bocca, segue qualcosa nel suo feed. «I nostri cinque minuti sono quasi finiti, signor Elvi. Un'#ultimadomanda, permette?»
«Va bene.»
«Abbiamo visto la sua #vita, il suo passato. Lei #oggi è qui. Dove si vede #domani?»
Ezio apre la bocca e la richiude.
Cento anni di tag, timestamp, accessi. La sua intera vita che può essere rivissuta anche adesso, da chiunque. Chiunque può ricordarla meglio di lui, conoscerlo meglio di se stesso. Una vita che non è più sua, non lo è mai stata, un lungo #live ininterrotto.
C'è solo un modo per uscirne.
«Non voglio più vedermi da nessuna parte» risponde, e pensa alla sua ultima notte in diretta.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4375

Re: Live

Messaggio#2 » lunedì 20 maggio 2019, 23:57

Andrea, che piacere rivederti nell'arena! Grandissimo! Tutto ok con i parametri, divertiti in questa ALL STARS EDITION!

alexandra.fischer
Messaggi: 1834

Re: Live

Messaggio#3 » martedì 21 maggio 2019, 18:34

Specifiche centrate (bella la suddivisione in 2019, 2033, 2058) di parti della vita del “centenne” Ezio che non ha molta voglia di rievocarla (la sua Yrana è morta per una caduta dalla bici, e c’è stata una guerra.) nel corso di un’intervista che ha molto di virtuale (si riallaccia a video di You Tube, a Instagram. Questa è la mia impressione di fondo). Non ricorda tutto nel dettaglio (vedi la confusione del ricordo estivo del primo amore) e anche la stanchezza di fondo di quest’uomo, che alla fine si vede alle prese con una serie di ricordi che lo rendono intercambiabile. Bizzarri i nomi delle malattie alle quali è sopravvissuto.


Attenzione a:

ricoderà (ricorderà)

Avatar utente
Luca Nesler
Messaggi: 494
Contatta:

Re: Live

Messaggio#4 » mercoledì 22 maggio 2019, 0:59

Ciao Andrea. Requisiti rispettati. Io interpreto il tuo racconto come un nuovo "Truman Show". In questo ho odiato la newsler e empatizzato col povero Ezio, di cui esprimi molto bene la stanchezza, non solo dei cento anni, ma del dover avere a che fare con tutto quanto questo teatrino mediatico. Penso che sia ben collegato con la nostra realtà attuale, da buona tradizione distopica.
Ho trovato la scrittura corretta e pulita, nulla da dire, ma in linea generale, poco dinamico. Nel senso che, oltre all'idea di fondo, c'è poco che renda il racconto interessante. Ci sono momenti che inquadrano la triste realtà di Ezio. Svolgimento costretto dall'idea dell'intervista, che però è funzionale a presentare il tutto. Insomma, difficile fare altrimenti.
Una riflessione del tutto personale sul finale: quello drammatico è un po' un must nel racconto breve, ma io lo avrei trovato più interessante (e forse più drammatico) se il povero Ezio avesse semplicemente continuato con il live. Sono una vera carogna...
Alla prossima!

Avatar utente
Sirimedho
Messaggi: 168
Contatta:

Re: Live

Messaggio#5 » mercoledì 22 maggio 2019, 23:10

Buonasera Andrea.
Un mondo tra cent’anni esasperazione di quello attuale. Mi ricorda un po’ un episodio di Black Mirror. La parte che ho più apprezzato è quella degli episodi della vita di Ezio: il primo amore, l’azione di guerra; ho trovato irritante il resto, cosa probabilmente voluta e cercata, ma proprio per questo mi chiedo se non valesse di più la pena di fermarsi sull’umanità del personaggio e non la disumanità dei media.
Non credo che sia così rilevante, ma ho trovato un po’ oscuro il meccanismo con cui vengono presi i video, di un’azione di guerra, della nascita avvenuta ai giorni nostri.
Buon contest!

Avatar utente
Linda De Santi
Messaggi: 497

Re: Live

Messaggio#6 » giovedì 23 maggio 2019, 10:24

Uno spaccato distopico su un futuro in cui tutti sono sempre live e la vita di ciascuno diventa materiale mediatico da dare in pasto a un pubblico affamato di emozioni, da ricercare nelle vite degli altri in momenti come la nascita, il primo amore, il dolore più grande.
Concordo con chi ha accostato questo racconto a The Truman Show e Black Mirror, ed essendo un’appassionata sia del film che della serie, non ho potuto che apprezzare.
La tua scrittura, come sempre, è chiara e scorrevole, “accogliente”, mi verrebbe da dire, perché la trovo molto orientata al lettore, e questa è forse la virtù che apprezzo maggiormente in un autore.
Non mi ha convinto molto l’uso di elementi contemporanei come gli hashtag e l’espressione “lol” (che in verità già adesso inizia a essere passata): li trovo un po’ forzati nel contesto del mondo tra cent’anni, penso che per allora saranno stati abbondamente sostituiti da diverse generazioni di gerghi "social". Forse sarebbe valsa la pena provare a inventare qualche espressione nuova, ad esempio al posto di “lol” ci poteva stare un’altra parola (il senso si sarebbe capito dal contesto, visto che l’hai reso molto bene).
Altra cosa, il protagonista è nato il 20 maggio del 2019, ma in quest’epoca non esiste ancora la tecnologia per il live pervasivo della vita delle persone (retcon? ;) ).
Nel complesso, comunque, il tuo racconto mi è piaciuto molto, bravo.

Avatar utente
Gabriele Dolzadelli
Messaggi: 228
Contatta:

Re: Live

Messaggio#7 » giovedì 23 maggio 2019, 11:14

Ciao Andrea.
Credo che sia difficile rappresentare un'estremizzazione della società moderna, in un futuro non molto lontano, senza risultare eccessivamente caricaturali o grotteschi. Tu sei ben riuscito a mantenerti sul filo, esaltando il marcio di uno stile di vita a cui ci stiamo abituando, ma mantenendo comunque un certo realismo che mi ha permesso di empatizzare sufficientemente con il protagonista. L'utilizzo degli hastag e delle chiocciole è stato fatto con sapienza e ti sei destreggiato molto bene. Mi è piaciuto il finale. Forse avrei solo speso qualche parola in più, togliendo caratteri ad altre parti del testo, ma sono gusti personali. Complimenti.

Avatar utente
Piscu
Messaggi: 83
Contatta:

Re: Live

Messaggio#8 » giovedì 23 maggio 2019, 12:53

rispondo a un paio di osservazioni sul testo

Linda De Santi ha scritto:Non mi ha convinto molto l’uso di elementi contemporanei come gli hashtag e l’espressione “lol” (che in verità già adesso inizia a essere passata): li trovo un po’ forzati nel contesto del mondo tra cent’anni, penso che per allora saranno stati abbondamente sostituiti da diverse generazioni di gerghi "social". Forse sarebbe valsa la pena provare a inventare qualche espressione nuova, ad esempio al posto di “lol” ci poteva stare un’altra parola (il senso si sarebbe capito dal contesto, visto che l’hai reso molto bene).

sul LOL hai sicuramente ragione, sugli hashtag concordo in parte. nel senso, di certo per come si evolveranno i social tra cent'anni magari non si userrà più il "cancelletto" (un tempo si chiamava così quel simbolo!). ma il concetto astratto di hashtag, che credo abbia una sua valenza proprio a livello di costruzione del linguaggio, credo che ci sarà ancora. per esprimerlo nel testo penso che l'unico modo fosse quello, se avessi messo un altro simbolo non avrebbe avuto senso per il lettore di oggi. poi ci sarebbe da aprire tutto il disorso su come viene espresso nella lingua parlata il simbolo, io l'ho pensato come una questione di intonazione, come per esempio un punto interrogativo che non rappresenta un suono ma un'inflessione della frase. ma appunto è un altro discorso...


Linda De Santi ha scritto:Altra cosa, il protagonista è nato il 20 maggio del 2019, ma in quest’epoca non esiste ancora la tecnologia per il live pervasivo della vita delle persone (retcon? ;) ).


Sirimedho ha scritto:Non credo che sia così rilevante, ma ho trovato un po’ oscuro il meccanismo con cui vengono presi i video, di un’azione di guerra, della nascita avvenuta ai giorni nostri.


come non esiste il sistema del live pervasivo!? e tutti i video, foto, tag, registrazioni nei luoghi...? in realtà l'avanzamento tecnologico che ho pensato non è tanto nella tecnologia di acquisizione, quanto in quella di archivio e ricerca. il video della nascita è stato fatto dal padre, quello del bacio dalla ragazza, quello di guerra da un drone (magari militare, magari di un giornale): tutti questi frammenti sono stati poi catalogati in un sistema colossale che associa ad ogni persona, ogni luogo e ogni momento tutto il materiale che lo riguarda. quindi i semi di questa registrazioe pervasiva ci sono già, manca soltanto il modo di collegare tutti i dati. future is bright!

Avatar utente
Linda De Santi
Messaggi: 497

Re: Live

Messaggio#9 » giovedì 23 maggio 2019, 13:46

Ciao Andrea, grazie per i chiarimenti!
In effetti avevo pensato più a un sistema esterno di registrazione della vita dei singoli imposto da un'entità superiore (governo, media, ecc.), non ai video fatti con gli smartphone, le dirette social, le registrazioni, ecc. Così in effetti ci sta e torna tutto!

Avatar utente
maria rosaria
Messaggi: 687

Re: Live

Messaggio#10 » sabato 25 maggio 2019, 15:48

Ciao Andrea.
Che dire? Questo tuo racconto mi ha veramente colpito.
Mi ha divertito, perché sembra una parodia di quello che viviamo spesso sui social e amareggiato per lo stesso identico motivo: insomma, un quadro spietato di come poi non è che sia molto futuristica la vita “live” che tu ci hai raccontato.
Il racconto è scritto bene (ci sono un paio di refusi, ma è colpa della fretta) e la narrazione scorre dritta verso un finale semplice ma inevitabile.
Maria Rosaria

Avatar utente
invernomuto
Messaggi: 257

Re: Live

Messaggio#11 » martedì 28 maggio 2019, 4:22

Ciao @Andrea!
Tra gli autori di #MinutiContati ti ho sempre considerato uno dei più affini alle tematiche sul #futuro - soprattutto in salsa social e "web culture" di memi e simili - e infatti con questo racconto un po' sospeso tra il Black Mirror e il Thruman Show non mi hai affatto deluso.
La crescita esponenziale dei successi e dei fallimenti nel mondo di internet è davanti agli occhi di tutti (ogni nuovo youtuber o influencer che arriva rompe i record di crescita dei precedenti, e altrettanto rapidamente vengono bruciati i record di "maggior numero di follower persi in un giorno") e l'importanza della condivisione ha creato nuovi miliardari e benedetto (o maledetto, a seconda dei punti di vista) con l'attenzione della massa anche personaggi improbabili come i nostrani Follettina o Youtubo anche io.
Viene quindi facile immaginare che, a meno di un evento apocalittico che ci ricatapulti al medioevo o a una "calata dei visigoti" imprevista, il futuro ci riserverà sempre più celebrità, sempre meno privacy e sempre più "apparire", e il tuo racconto rappresenta al meglio questa ipotesi Warholiana.

Onestamente non ho molto da dire nemmeno riguardo all'utilizzo dei "vetusti" hashtag - dopotutto noi utilizziamo ancora il logogramma romano & - mentre su "lol" cedo meno il punto, sarebbe un po' come ritrovare un "togo" o "ma sei un drago" ai giorni d'oggi.

Nel complesso è un'ottima prova, complice anche il tuo stile scorrevole. A presto!

Fabio84
Messaggi: 149

Re: Live

Messaggio#12 » martedì 28 maggio 2019, 14:07

Ciao Andrea,
il racconto mi è piaciuto e allo stesso tempo mi ha trasmesso malinconia.
Arrivati a una certa età penso sia difficile doversi confrontare con i ritmi, la tecnologia odierna e subire quasi un'aggressione dalla società che nel frattempo si è evoluta. due mondi inconciliabili a volte.
Mi è piaciuta la parte in cui c'è un riconoscimento facciale anche da altri utenti e sistemi di registrazione diversi.
La cosa fa un po' paura, così come il fatto che la gente possa sapere di te più di quanto si immagini, addirittura di chi vive la vita stessa.
Finale amaro: immagino che l'intervista abbia peggiorato l'umore di Ezio =/

Avatar utente
antico
Messaggi: 4375

Re: Live

Messaggio#13 » lunedì 3 giugno 2019, 15:20

Idea molto buona che ti ha aperto un mondo intero, in quanto a potenziali spunti e punti di interesse. Non arrivo al pollice su completo solo perché penso che ci sia da lavorarci per arrivare all'ottimale in quanto prima stesura che va necessariamente revisionata perché va resa più graffiante ancora di quanto già non sia. Forse la stessa intervista può essere lavorata, nel senso che è troppo classica e una società del futuro potrebbe richiedere qualcosa di più innovativo. Detto questo, tema perfettamente centrato. Pollice quasi su per me.

Torna a “128° Edizione ALL TIME - All Stars Edition - Tredicesima della Sesta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti