Il piccolo Pixon

Minuti Contati torna alle LIVE.
Vi aspettiamo domenica 26 gennaio 2020, dalle 10.00, alla Tuscany Hall di Firenze
Paola
Messaggi: 38

Il piccolo Pixon

Messaggio#1 » domenica 26 gennaio 2020, 15:31

Anno 2099.
La Carspak HT atterrò silenziosa come sempre. Si aprirono i portelloni e scesero Myrtia e Sirion. Una veloce analisi dell’aria attraverso i sensori posti nel polso che, dopo un’infinita serie di numeri sequenziali, decretò: respirabile per un massimo di due ore, dopo effettuare quindici minuti di compensazione.
Myrtia toccò la parte laterale del casco e il visore si annullò. Tossì un po’. La stessa cosa la eseguì Sirion.
«Andiamo non abbiamo molto tempo.»
La città di Edron era distrutta, desolata, triste. Colonne di fumo si alzavano pigre. Non c’era nessuno in zona.
«Come è possibile?» domanda Sirion «Neanche un corpo o parte di esso.»
«La furia della Colonna Skunt è stata devastante. Tutto questo fumo è la sua firma.»
«Ancora devo capire come hanno fatto ad annullare i circuiti di protezione. Solo io ne avevo i codici e ti assicuro che avevano superato milioni di scansioni palesanti.» Sirion era ancora incredulo, fra tutte le città che potevano essere conquistate e rase al suolo, non avrebbe mai scommesso su Edron.
Erano all’interno delle strette aree stradali costeggiate da grattacieli rettangolari, dalle sembianze di spogli carceri, pieni di finestre tutte uguali, tutte buie.
«Se riusciamo a trovare un pixon o anche parte di esso, siamo a posto.» Myrtia aveva fatto apparire davanti agli occhi un visore a raggi X, e accese il ricettore di suoni ad alta e bassa frequenza situato dietro l’orecchio.
Proseguirono in silenzio. Intorno a loro Carspak A, AA, H1 e altre distrutte, intere, parzialmente rovinate, rovesciate, incastrate nelle vetrine, spazzate via da una furia inaudita.
Sirion alzò la mano e attivò i sensori della guanto pelle.
«Nessuna linea HU, niente corrente YGM, così è un problema trovare un pixon.»
«Fermo» disse Myrtia, «ho percepito dei suoni irregolari, bassa frequenza. Muoviamoci prima si spengano del tutto. Seguimi!»
Entrarono in un magazzino Akkazon. Desolato. C’erano ancora i pacchi sui nastri trasportatori, bloccati dal loro flusso costante, che mai più sarebbe stato riattivato.
«Dove sono i pixon? Non è possibile siano stati tutti disintegrati» Sirion non si capacitava.
«Il suono viene da là» Myrtia indica una botola delle condutture YGM.
L’aprono. Al di sotto dei tubi una lucina si accende e si spegne. Sirion allunga il braccio e tira fuori parte di un pixon. La testa grigia, i grandi occhi divenuti piccole fessure. Ha solo un braccio, gli altri arti non ci sono più.
Myrtia mette la mano guantata, con i sensori ai polpastrelli, sul volto e procede a una veloce scansione dell’ultimo Log. Poco dopo, dal polso le parte un vocale:

«… completare il lavoro, procedere per le spedizioni… Aspetto nuovi ordini. Flusso del nastro bloccato. Procedo con le mansioni di riserva e attivo corrente K1 interna. Bloccata porta di uscita. Situazione non regolare. Procedo come da protocollo… Insubordinazione. Codice impazzito. Esplosioni costanti, continue. Presenza di estranei/umani nell’ambiente. Percepisco e registro questo comando vocale:“Distruggete ogni forma di memoria, disintegrate i pixon. Non ne deve rimanere neanche uno!”
Attivo programma salva memoria e arretro scansionando velocemente ogni probabile nascondiglio…»

Un boato forte, spaventoso, esce dal microfono nel polso. Riparte una voce umana.

“Capitano Skunt, tutti i pixon sono stati disintegrati. Nessuna memoria è attiva”.

«…Salvare Log… attivare flusso energetico a bassa alimentazione…»

“Ottimo lavoro. Adesso tocca a Plat”.

«Spegnere ogni forma di consumo di energia… salvare solo memoria L…»

Myrtia espirò. «Sei stato di grande aiuto, piccolo pixon» poi rivolta a Sirion, «hai sentito? Plat è il prossimo obiettivo. Avvisiamo subito e torniamo alla centrale.»
Sirion prese parte di ciò che era rimasto del pixon e vedendo lo sguardo curioso di Myrtia disse:«È un eroe, ha diritto a essere ripristinato!»



Avatar utente
antico
Messaggi: 4384

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#2 » domenica 26 gennaio 2020, 15:35

Ed ecco anche il quarto racconto! Tutto ok con caratteri e tempo, buona RPG FIRENZE LIVE EDITION!

Avatar utente
Piscu
Messaggi: 83
Contatta:

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#3 » domenica 2 febbraio 2020, 19:22

sono convinto che nella tua testa ci fosse un mondo vasto e dettagliato dal quale hai tratto questo breve episodio, ma al lettore non arriva quasi nulla. si intuisce l'esistenza di un conflitto tra fazioni diverse, una delle quali ha sterminato una razza di (credo) subumani (forse robot?), su cui i protagonisti stanno investigando. ma ho fatto uno sforzo notevole solo per mettere insieme questa singola frase descrittiva, perché non ci sono abbastanza elementi per farsi un'idea coerente. inoltre anche la storia di per sé non ha un vero svolgimento, questi due arrivano sul posto, trovano un indizio e se ne vanno: pare più il prologo di una storia più lunga, ma di per sé non ha molto valore.

Avatar utente
Linda De Santi
Messaggi: 497

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#4 » lunedì 3 febbraio 2020, 14:48

Molto carino.
Lo scenario è quello di un pianeta distrutto di recente, su cui indagano due agenti in cerca degli aggressori che hanno provocato il disastro. Il contesto, anche con i pochi caratteri a disposizione, risulta abbastanza ben delineato.
Qualche refuso, ma direi che è inevitabile viste le condizioni in cui abbiamo scritto :)
Alcune espressioni sono un filo imprecise, ad esempio ‘il visore si annullò’ o ‘scansioni palesanti’, ma credo che anche queste siano legate al poco tempo a disposizione.
Mi è rimasto il dubbio sul perché gli aggressori facciano irruzione nel centro commerciale per prendersela con i pixon, che sembrano innocui robottini addetti all’impacchettamento e alle consegne. Forse poteva trovare spazio qualche accenno sul perché proprio i pixon possono essere la chiave di volta per i due agenti per proseguire le indagini, in ogni caso il racconto mi è piaciuto, è scorrevole e di lettura piacevole.
Alla prossima!

Avatar utente
Andrea Partiti
Messaggi: 951
Contatta:

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#5 » mercoledì 5 febbraio 2020, 12:38

Penso che abbiamo sofferto tutti di una crisi da cyberpunk per cui siamo andati su wikipedia a cercare le caratteristiche del genere e abbiamo preso un paio di elementi della lista per ispirarci e bloccandoci un po' su quella scelta :D Per ora abbiamo due mondi virtuali, una AI con manie di controllo e un mondo con impianti biologici.
L'ambientazione del tuo racconto è molto evocativa, funziona bene e crea l'atmosfera giusta, perché con la protagonista che arriva e scopre, anche noi arriviamo e scopriamo, quindi viviamo coi tempi giusti l'esplorazione.
Purtroppo la storia mi ha mancato completamente e non riesco ad orientarmi in quel che effettivamente succede ed è successo. I neologismi e le tecnologie non aiutano, perché dove in una storia più lunga potrebbero aiutare e creare quel colore esotico, qua non fanno che rendere oscura la storia, nascondono e sembrano quasi un voler calare parole e fuffa per mascherare la mancanza di sostanza. Sono quasi sicuro che non sia così e che avessi in mente idee precise, magari anche tecnologie classiche ma rebrandizzate per renderle adatte alla tua ambientazione.
L'idea che mi resta alla fine è di una sorta di città - centro smistamento (amazon) attaccata, distruggendo tutti i lavoratori robotici che hanno assistito all'attacco, ma avere un movente più esplicito per l'esplorazione "dobbiamo scoprire chi sono i nemici" o "sappiamo chi sono i nemici, vogliamo sapere come sono armati" o qualsiasi altra variazione, aiuterebbe moltissimo.

Paola
Messaggi: 38

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#6 » mercoledì 5 febbraio 2020, 16:33

Ciao Linda e Andrea,
sì in realtà, in quel momento, cercavo "termini" futuristici ma capibili, ecco perché mi sono inventata: il visore si annullò (volevo dare l’idea che sparisse con immediatezza) e scansioni palesanti (che mostrano al momento). :D :D :D Per giustificarmi potrei dire che con la confusione di meglio non mi è venuto ;)

Avatar utente
giulio.palmieri
Messaggi: 75

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#7 » giovedì 6 febbraio 2020, 0:35

Buona sera Paola, piacere di leggerti.
Allora, l'idea di base ha un suo valore (un'unità artificiale che trattiene memoria delle distruzioni compiute dall'uomo), però così com'è il racconto, è una specie di scenografia che non collima bene coi personaggi. Il pdv iniziale mi sembra non perfettamente identificato, né l'incedere dei personaggi nell'ambientazione. Il finale ha un suo effetto, ma ecco, il procedere verso il finale sembra innaturale. A mio avviso dovresti immedesimarti pienamente in uno dei protagonisti e farlo incedere nella scena senza spiegare niente, mostrando gli effetti della distruzione della città, e lasciando verso il finale la sorpresa della scoperta di qualcosa di artificale che si è salvato. Allo stato attuale sfuggono troppi dettagli.

Avatar utente
ceranu
Messaggi: 738

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#8 » domenica 9 febbraio 2020, 23:40

Ciao Paola.
Il racconto è carino ma paga il fatto di non essere un racconto. Questo è più un capitolo di qualcosa di più grosso, un antefatto…
Un racconto, per funzionare, deve arrivare al lettore come un condensato di emozioni che però soddisfi il suo palato. Nel tuo caso invece abbiamo un andamento blando che ci accompagna verso qualcosa che non arriva. Un colpo di scena…
La scrittura è buona e ho apprezzato la scelta di non raccontare il tutto come se stessi scrivendo un diario, cosa che invece hanno fatto quasi tutti i tuoi avversari.
Nel complesso è una buona lettura che però mi ha lasciato insoddisfatto.

Avatar utente
lordmax
Messaggi: 308

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#9 » giovedì 20 febbraio 2020, 7:34

Con vergogna per il ritardo

Genere: Rivolta
Il tema è centrato.
L'idea mi è piaciuta molto. Benché sia chiaro che sono due fazioni in guerra, una di ribelli che attaccano e devastano le città e una di difensori, sembra di leggere una storia molto più antica, diciamo qualcosa come la rivoltà del thé di americana memoria. Se ho ben compreso i ribelli arrivano, devastano una città e distruggono tutto quanto trovano con particolare attenzione alle IA che svolgono tutto il lavoro.
L'uso di tecnobubble utile per dare una visione futuristica un po' penalizza la comprensione del racconto ma a una seconda lettura gli elementi tornano più o meno al loro posto.
Sarebbe stato più interessante forse vivere la storia dal PDV di uno dei personaggi con qualche momento emozionalmente forte perché il tentativo finale è piuttsto debole.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4384

Re: Il piccolo Pixon

Messaggio#10 » giovedì 27 febbraio 2020, 18:40

Occhio ai tempi, passi al presente in un paio di situazioni e in un modo assai brusco. La storia non mi ha convinto: tutte le informazioni utili per i protagonisti arrivano randomicamente dall'unico Pixon analizzato in mezzo a un'infinità, ma la casualità non si ferma a questo perché proprio quel Pixon è riuscito a captare, in fase di distruzione, tutto quello che serviva, detto proprio in quel momento con un perfetto tempismo: troppo forzato. Insomma, da rivedere la strategia stessa del racconto, troppo attento, forse, a rispettare tema e contesto forzandosi oltre il verosimile per esplicare la storia raccontata. Pollice ni, per me.

Torna a “137° ALL TIME - RPG Firenze Live Edition”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite