Istinti naturali

Per partecipare alla Sfida basta aver voglia di mettersi in gioco.
Le fasi di gioco sono quattro:
1) Il primo dicembre sveleremo il tema deciso da Flavia Imperi. I partecipanti dovranno scrivere un racconto e postarlo sul forum.
2) Gli autori si leggeranno e classificheranno i racconti che gli saranno assegnati.
3) Gli SPONSOR leggeranno e commenteranno i racconti semifinalisti (i migliori X di ogni girone) e sceglieranno i finalisti.
4) Il BOSS assegnerà la vittoria.
Avatar utente
PietroD'Addabbo
Messaggi: 87
Contatta:

Istinti naturali

Messaggio#1 » domenica 20 dicembre 2020, 23:49

Istinti naturali.
di Pietro, Miriam e Paola D'Addabbo.


Agata ha gli occhi lucidi, ha in mano il diario scolastico e lo poggia sul tavolo senza rispondere al mio saluto, sale le scale di corsa. La porta della sua camera scivola due volte sui binari, dentro e fuori dalla parete.
Il diario è lì per me. La copertina di tela ha qualche macchia scura, ma non sono gocce di pioggia. Il nastro segnalibro, rosso, fa capolino fra le ultime pagine, le famigerate comunicazioni scuola-famiglia.

***

Ci incontriamo sul pianerottolo. Rosalba bussa con forza, se volesse sfondare la porta le basterebbe usare entrambe le mani anziché una.
La nonna apre, il profumo di biscotti caldi è avvolgente, ha invaso l’appartamento e ora, aperta la diga, trabocca sul pianerottolo.
≪Rosalba, Josephine. Entrate!≫.
Il merlo indiano della nonna le fa eco
≪Entrate. Entraaateee.≫ con una vocetta gracchiante.
L’invito è superfluo per mia cugina, si fionda verso la cucina.
Il merlo la accoglie ≪Buongiorno. Buongiorno.≫ senza ottenere risposta
Vorrei anch’io quei biscotti ma le buone maniere mi impongono di mantenere un po’ di contegno.
≪Ciao nonna, mamma mi ha detto che avevi bisogno di me per una commissione.≫
So già che era solo una scusa.
≪Dopo cara, dopo. Vai con Rosalba, prendi anche tu qualche biscotto.≫
Mi accarezza i capelli con la sua mano rugosa e morbida, l’odore fresco di sapone alla lavanda si mescola con quello caldo del burro e della vaniglia. Mi poggia il palmo dolcemente dietro le spalle, mi guida in cucina, mi indica una sedia. Le briciole hanno invaso il tavolo davanti a Rosalba che mastica con le guance gonfie.
Seduta in punta di sedia prendo un biscotto. Il suo tepore sotto i polpastrelli mi inumidisce la bocca, un singolo morso e il palato è estasiato.
Nonna ci offre una tazza di tè, tradizioni inglesi mai perse.
Disegni di rami, di pesche e di usignoli adornano tre tazzine e la teiera fumante riposti sul vassoio che poggia al centro del tavolo accanto ai biscotti.
Accetto volentieri e ringrazio, mia cugina invece scuote la testa dimenando le trecce bionde.
Bevo dalla mia tazzina, Rosalba mastica vorace, la nonna ci guarda a turno con occhi dolci e amorevoli mentre sorseggia con eleganza. Il merlo zufola di tanto in tanto.
Finiamo di consumare il nostro tè, ci chiede di attendere un attimo. Anche i biscotti sono finiti, Rosalba si agita sulla sedia, impaziente di andare via.
Si risiede composta, la nonna porta due pacchi avvolti da carta regalo e infiocchettati, uno grande quanto il vassoio del tè, l’altro invece un piccolo cubetto.
≪Sono per voi, uno a testa.≫
Rosalba sceglie il pacco grande, uno scatto felino e diventa suo, lo apre strappando la carta. Io slego il nodo dello spago dal pacchettino. La nonna sorride di nuovo.
Mia cugina estrae un oggetto, la forma è davvero quella di un vassoio.
≪Mia sorella lo adorava, lo portava con sè dovunque. Mi fa piacere che lo abbia tu.≫
Una smorfia arriccia il nasino di Rosalba e le strizza gli occhi azzurri. Lo mette in verticale davanti a sé, fa una linguaccia e lo rimette giù.
È uno specchio dalla cornice istoriata con incisioni di piante e animali.
≪Grazie nonna.≫
Il tono di una domanda.
La risposta della nonna è un sorriso, il merlo alle sue spalle ripete con più gentilezza di quanta ne abbia messa mia cugina.
≪Grazie, graaazieee.≫
Il mio pacchetto contiene una spilla antica, un ovale di ceramica dipinta con uno spillone metallico incastonato sul retro. Rosalba me la toglie, la guarda con la stessa espressione di prima. Anche le labbra, già sottili, si stringono in una linea serrata. La lascia sul tavolo davanti a me, ricomincia a agitarsi sulla sedia.
Riprendo la spilla, è meravigliosa, è come avere per me un pezzo della casa di nonna. Lei si protende verso di me.
≪Cosa ritrae?≫.
Mi meraviglia che non lo sappia. Al centro dell’ovale, davanti a un cielo velato, c’è il busto e il muso piatto, buffo e imbronciato di un cane. Lo mostro alla nonna, sono felicissima.
≪Il mio animale preferito. Grazie nonna.≫

***

Apro il diario di Agata con la stessa inesistente voglia con cui aprivo la bocca di fronte al dentista quando ero bambina.
All’interno la calligrafia svolazzante e riconoscibile della Preside.
- L’alunna Carlini, attraversando il cortile dopo la campanella d’uscita, è stata oggetto delle attenzioni verbali di un gruppo di compagne e ha reagito violentemente alle loro sollecitazioni. In considerazione dell’ottimo rendimento mostrato finora dall’alunna, l’episodio ci sorprende. Si rende necessario un colloquio per un confronto sui provvedimenti da mettere in atto, affinché questo episodio increscioso rimanga un caso isolato. -
La firma della Preside in fondo, dove dovrò mettere anche la mia. Rileggo le frasi una seconda volta, chiudo il diario. Salgo le scale verso la cameretta di mia figlia, i singhiozzi mi raggiungono come pugnalate al cuore, povera piccola.

***

Esco dal palazzo, Rosalba non si vede nè a destra nè a sinistra, mi avvio da sola verso casa. Dietro il primo angolo un cucciolo abbaia a uno specchio, abbandonato accanto ai contenitori della spazzatura. Inconfondibile con i suoi fregi, mia cugina deve averlo abbandonato là per correre dai suoi amici svampiti. Che ingrata.
Il cucciolo smette di abbaiare, mi ha notato e comincia a guaire. Mi guarda con occhi lucidi, neri e profondi, tristi. Prendo la spilla ricevuta dalla nonna, è identico, sembra il suo ritratto.
Mi chino verso di lui, si avvicina lento alla mia mano protesa, annusa. Chissà se, così piccolo, ha già sentito l’odore di lavanda. Si infila sotto le mie dita, concedo la carezza che sembra cercare. Tra le pliche del collo non trovo collare, nessuno in giro sembra cercarlo.
Prendo lo specchio, mi rialzo, faccio qualche passo.
Il cagnolino mi segue con lo sguardo, la testa di lato, un orecchio pendulo e l’altro che gli nasconde un occhio. È così carino.
≪Vieni?≫
Mi raggiunge, proseguiamo insieme verso casa. Lo chiamerò Elliot.

***

Entro nella stanza, Agata è seduta sul letto, il volto fra le mani. Ha ancora la giacca.
≪Ne vuoi parlare?≫.
Mi siedo accanto a lei. Affonda il suo viso sul mio petto.
≪Sono così crudeli. Non volevo.≫
Le cingo le spalle con un braccio, la lascio sfogare.
≪Lo so, amore mio. Lo so. Capitava anche a me, alla tua età, di perdere le staffe.≫
Non ho altre frasi per lei che non suonino retoriche anche a me. La tengo fra le mie braccia, tento di scaldarle l’anima, entrambe in silenzio.

***

Entro in casa, Elliot mi segue saltellando per scalare i gradini, sono pochi per fortuna. Ho notato che lo specchio è sporco, uno dei fregi è unto, rappresenta un gatto acciambellato. Prendo i prodotti dal mobiletto della dispensa, porto tutto in bagno, strofino con attenzione per non raschiare la vernice. Elliot mi osserva seduto in corridoio.
Il naso mi pizzica, non sono mai stata allergica, non trattengo uno starnuto. Porto la mano sul volto per non sputacchiare dovunque, sento qualcosa di strano. Controllo nello specchio, un lungo pelo rigido mi spunta sotto il naso. Un secondo, un terzo, vengono fuori sotto il naso, si drizzano come molle. Anche il naso: meno tozzo, meno largo, più scuro, addirittura nero. Gli occhiali non scivolano a terra perdendo l’appoggio, scompaiono.
Che mi sta succedendo?
Nello specchio del bagno c’è la stessa faccia occhialuta di sempre, le stesse lentiggini, i fondi di due bottiglie davanti agli occhi, la coda alta attaccata alla nuca.
Nello specchio della nonna invece c’è un altro volto. Tiro fuori la lingua, lo fa anche lui; un occhiolino, idem. Sono io, come in uno dei filtri di Instagram. Guardo con attenzione lo specchio, cerco la webcam e la presa per la ricarica. Uno scherzetto della nonna? Ma i baffi li sento con le dita.
≪Funziona così, per magia. Strofini e ti trasformi.≫
Un ragazzo sconosciuto nel bagno di casa mia! Stringo al petto lo specchio, piroetto su me stessa, cado seduta sul water. Fortuna che era chiuso.
Non c’è nessuno davanti a me. Un’altra funzione dell’app?
≪Non volevo spaventarti.≫ Elliot mi guarda, la lingua a penzoloni, ansante davanti ai miei piedi. ≪Se mi guardi attraverso lo specchio vedrai diverso anche me.≫
Apro la bocca senza proferire parola, avrei molte domande ma non posso articolare suono.
Mi tiro un pizzico sull’avambraccio, nei romanzi è l’unico modo per scoprire se si sta sognando o meno. Dolore, ma se avessi sognato anche quello?
Giro lo specchio, per inquadrare Elliot. Dentro il riflesso non c’è un cane rugoso e paffuto, ma un giovanotto alto e slanciato. Capelli neri, vestiti troppo grandi, ha i risvolti sia ai jeans che alle maniche della camicia. Un principio di peluria bruna adombra il mento.
≪Lo specchio era per Rosalba, devi ridarlo a lei.≫
Agito i baffi, tiro su i piedi sul coperchio del water, avvinghio lo specchio.
≪No. Lei lo ha buttato. Ora è mio.≫

***

Rimaniamo abbracciate per un po’, i singhiozzi si diradano e le lacrime si asciugano, l’abbraccio ora è una tenera coccola fra madre e figlia.
Le sfilo la giacca.
≪Ho una storia da raccontarti. Ti va di ascoltarla?≫
Mi guarda con una muta domanda in occhi che scioglierebbero il cuore a un orso.
≪Riguarda quel che è successo oggi, piccola mia, ma in un modo speciale.≫
Si appoggia di nuovo a me, era molto più piccola di così l’ultima volta che le ho raccontato una favola.

***

Fatico a convincere mia madre, non vuole che vada alla festa con lo zaino, non si addice al vestito da principessa che mi ha fatto indossare. La promessa di lasciarlo a papà dopo che mi avrà fatto scendere è l’unica mediazione che riesco a strappare.
La saluto con un bacio volante, se la lasciassi avvicinare rovinerebbe il trucco che fatica a nascondere piccoli brufoli, lei ricambia allo stesso modo per fortuna.
Papà accosta, scendo con lo zaino e vado a riporlo dietro. Sollevo la chiusura, lo specchio mostra la solita me, imbellettata a sufficienza per nascondere gli sfoghi sul viso e niente di più. Accarezzo una delle rose della cornice dello specchio, il brutto anatroccolo scompare sostituita dalla sfavillante regina delle feste, tutta glitter e corone di fiori.
Richiudo lo zaino, anche il vano bagagli.
Saluto papà attraverso il finestrino.
≪Finalmente un sorriso, ranocchietta. Temevo non volessi andarci a questa festa.≫
Vero, ma ora è diverso. Ora sono diversa, sono felice.
Gli regalo un bacio sulla guancia, l’impronta malva delle labbra è una medaglia al merito.
Supero il cancelletto, la musica arriva fin qua, gli ospiti si muovono dietro le finestre con le tende aperte. Anche Rosalba è già dentro, seduta da sola su un divanetto.
L’uscio è aperto, saluto due ragazzi che non conosco, loro ricambiano, tornano a parlare fra loro. Nessun commento, nessuno scherno. Funziona.
Comincia la festa anche per me.

***

L’inizio di questa storia è complicato. Non è il solito C’era Una Volta.
≪Ricordi lo scorso anno, le lezioni su Darwin? Ne eri entusiasta.≫
Fa cenno di sì.
≪Papà lo era anche più di me. Mi ha portato in laboratorio. Lo ricordo bene.≫
La guardo di sottecchi per fingermi imbronciata.
≪Tu e il lavoro siete le sue due passioni, ma non preoccuparti, non sono gelosa.≫
Le prendo il mento fra le dita, mi dà una spintarella schernendosi.
≪Ha sposato te, non il suo lavoro.≫
La risposta che mi darebbe lui. Hanno un bellissimo rapporto.
≪D’accordo, d’accordo. Tuo padre pensa che l’evoluzione spieghi tutto, che non valga solo per la biologia. La cultura, la morale, tutto cambia lentamente, ma conserva in sé ciò che è stato prima. La musica ad esempio. Non ci sarebbe Sfera Ebbasta se non ci fosse stato Mozart. Anzi, c’è un po’ di Mozart in Sfera Ebbasta.≫
Mi sembra perplessa, mi piacerebbe riuscire ad essere più chiara. Riproviamo.

***

La pausa per la ricreazione è finita, resto qualche istante più degli altri fuori dall’aula, sono sola. Corro al vano sotto le scale, sposto i vecchi banchi accatastati e prendo lo specchio. Per il compito in classe di matematica scelgo il delfino.
Il volto si allunga in un muso grigio, il naso si sposta dietro la nuca allargandosi in uno sfiatatoio. Lo specchietto da trucco conferma che per il mondo nulla apparirà cambiato. Sono preparata alla gran sete che mi assale, dovrò tenere una bottiglietta d’acqua sul banco durante la prova. Una buona scusa anche con il prof, la coda al bar dell’istituto per comprarla.
Nascondo lo specchio, risposto i banchi.
Esco dal vano e corro in classe, sfioro Rosalba che torna anche lei, molto più serafica.
Il suo sguardo mi ghiaccia le vene, soprattutto quando non guarda più me ma il vano scale da cui uscivo.
≪Il compito.≫ le ricordo.
Rientriamo insieme in aula, il professore ci squadra rapace e distribuisce a tutti il foglio dei quesiti. Non lui né la matematica mi fanno paura ora.
I problemi, le equazioni, la penna scorre sulle quattro pagine di protocollo. I numeri mi parlano la loro lingua che oggi è anche la mia, la mente è lucida.
Attendo che due compagne consegnino e lascino l’aula, mi alzo per consegnare anch’io. Rosalba di slancio mi precede alla cattedra, mi risiedo per attendere il mio turno. Il professore scorre le pagine, la prova di mia cugina è incompleta. Lei fa spallucce ed esce comunque.
Consegno anche io. Il professore prende il mio elaborato e fa il solito controllo. Scorre le pagine, il viso si illumina. Mi guarda da sopra le lenti, mi fa cenno di andare. Tutta la classe punta gli occhi su di me.
Vado a recuperare lo specchio, sposto i banchi nel sottoscale, non lo trovo.
≪Questo è mio.≫
Rosalba ha lo specchio, valuto le probabilità di riuscire ad ingannarla, le chance di riaverlo. Le mostro il panno con cui l’avvolgo per proteggerlo.
≪Pensavo non lo volessi. Posso coprirlo?≫
Se riuscissi a sfiorarlo, potrei avere una chance. Diventare un ghepardo, correre via.
Mi prende per il bavero, tende l’altro braccio e allontana lo specchio. Lancio un’occhiata in quella direzione. Un gorilla strangola un delfino.
Ha scoperto tutto.
Il mio cucciolo entra nell’atrio, viene da noi, abbaia, capisco i suoi rimproveri.
Rosalba mi lascia ≪Ne riparleremo, altrove. A casa.≫

***

Il punto è che non è affatto facile spiegare questa cosa con la scienza.
≪In tutti noi c’è un po’ di ogni essere che ci ha preceduti, il DNA ne porta le tracce. Così me lo ha spiegato lui. Ma forse è più facile mostrartelo.≫
Le prendo la mano, mi segue, la porto davanti allo sgabuzzino, ne estraggo uno specchio dalla foggia antiquata, con la cornice tutta fregi, piante e animali intrecciati. La invito a specchiarsi.
≪Serve a fare pace con ogni parte di noi. E con gli altri.≫
Le prendo la mano e la porto a sfiorare la rosa.
La sua espressione è dubbiosa. Sono certa che pensi ad uno scherzo. La invito a toccare altri fregi, sente le trasformazioni come le ho sentite io quando ne avevo bisogno, lo leggo sul suo viso.
≪Abbiamo un bel po’ di aneddoti da raccontarti, io e zia Josephine.≫


"Ho solo due cose da lasciarti in eredità, figlio mio, e si tratta di radici ed ali." (William Hodding Carter)

Avatar utente
PietroD'Addabbo
Messaggi: 87
Contatta:

Re: Istinti naturali

Messaggio#2 » domenica 20 dicembre 2020, 23:52

Chiedo i seguenti bonus:

Bonus 1: Protagoniste adolescenti (Young Adult)
Bonus 2: Almeno una scena che generi “sense of wonder”
Bonus 3: Uso di flashback e/o flashfoward
Bonus 4: Uno specchio deve essere importante nella trama
"Ho solo due cose da lasciarti in eredità, figlio mio, e si tratta di radici ed ali." (William Hodding Carter)

Avatar utente
Spartaco
Messaggi: 848

Re: Istinti naturali

Messaggio#3 » lunedì 21 dicembre 2020, 22:24

A TUTTI I PARTECIPANTI:
Se volete che La Sfida diventi qualcosa di più di un esercizio di scrittura sta a voi impegnarvi. Anche nella fase dei commenti cercate di superare i vostri limiti. Fate critiche costruttive, cercate le lacune dei racconti che dovete leggere e non fatevi problemi nell’esprimere il vostro pensiero in maniera onesta.
La perfezione non passa da queste parti ma insieme potete aiutarvi a migliorare.
Ultima nota, affinché la comunità cresca, se non l’avete fatto vi consiglio di iscrivervi al gruppo Facebook de La Sfida a…
https://www.facebook.com/groups/215238252346692

Daniel Travis
Messaggi: 412
Contatta:

Re: Istinti naturali

Messaggio#4 » martedì 22 dicembre 2020, 17:15

Bello. Ben caratterizzato, con un sistema magico non rigido ma chiaro e ricco d'atmosfera. Lo stile ha molti guizzi (la descrizione di casa della nonna è particolarmente evocativa) e poche scivolate (un singolo morso e il palato è estasiato è tremendo, uno slogan pubblicitario cacofonico). Il ritmo ha la giusta gradualità; i salti tra presente e passato possono richiedere un filo di attenzione in più ma non è un male, né rovina alcunché.
Unica "pecca": l'arco di riconciliazione tra le due è implicato, alla fine, ma non approfonditamente preparato, né esplorato. Avrei preferito seguire anche quello, così mi sembra di aver guardato l'ottimo pilot di una serie di cui (per ora?) non ci sono altri episodi.
Ma è un buon difetto da avere.
Il Crocicchio è un punto tra le cose. Qui si incontrano Dei e Diavoli e si stringono patti. Qui, dopo aver trapassato i vampiri e averli inchiodati a terra, decapitati, bruciati, si gettano al vento le loro ceneri.
Il Crocicchio è un luogo di possibilità.

Avatar utente
PietroD'Addabbo
Messaggi: 87
Contatta:

Re: Istinti naturali

Messaggio#5 » giovedì 24 dicembre 2020, 8:51

Grazie Daniel per il tuo commento.
Terrò ben presente il rischio di generare 'slogan' pubblicitari nel descrivere sensazioni positive da oggi in poi.
La riconciliazione era inizialmente prevista ma l'inesperienza con la gestione dei tempi mi ha portato a non poter sfruttare quei 6k caratteri ancora a disposizione per quella parte della storia.
Spero sia godibile anche così.
"Ho solo due cose da lasciarti in eredità, figlio mio, e si tratta di radici ed ali." (William Hodding Carter)

Avatar utente
Hayà
Messaggi: 47

Re: Istinti naturali

Messaggio#6 » mercoledì 30 dicembre 2020, 11:57

Ciao Pietro, un piacere leggerti.

Mi è piaciuta molto l'idea dietro!
Confermo il tema e i bonus, a parte uno. Quello del flashback/flashforward l'ho trovato usato in una maniera un po' troppo bizzarra e forzata.
Cerco di spiegarmi meglio: la riconciliazione tra Josephine e Rosalba avviene principalmente tramite la scena finale, dove si rivela che il PoV è quello di Rosalba. Ma quella stessa scena l'ho trovata come un espediente forzato per mostrare la riconciliazione, rendendo tutte le scene "nel presente" un po' inutili.
Se rimuovessimo le scene ambientate nel presente, rimarremmo solo con la domanda "si saranno riappacificate?", domanda a cui comunque otteniamo solo una risposta piuttosto vaga. Spero si capisca ciò che intendo!
Per questo lo trovo un poco forzato. Leggo dai tuoi commenti che doveva essere spiegata meglio la scena di riconciliazione, e posso comprendere il limite di 20k caratteri.
Ovviamente, l'ultima parola spetta ai giudici!

Detto questo, passo ai lati positivi. L'idea mi è piaciuta molta e come viene sfruttata, le descrizioni le ho trovate molto evocative, soprattutto quella nella casa della nonna. Al momento immaginavo me stessa con dei biscotti in mano!

Voglio solo mostrare un errore:

Il merlo indiano della nonna le fa eco
≪Entrate. Entraaateee.≫ con una vocetta gracchiante.

Penso qui tu sia andato a capo troppo presto.

Comunque, il mio commento iniziale non ha rovinato il mio apprezzamento della storia.
Lo stile l'ho trovato ottimo, i personaggi ben caratterizzati, l'idea azzeccata.
Ottimo lavoro.

Avatar utente
Dario17
Messaggi: 155

Re: Istinti naturali

Messaggio#7 » domenica 3 gennaio 2021, 17:34

Il tema c'è, dato che l'argomento principale sia una trasformazione magica interiore ma non esteriore.
Il racconto mi ha riportato alla mente un vecchio cartone degli anni '90 (sono un matusa) chiamato "Un fiocco per sognare-un fiocco per cambiare" intinto però nel mondo animale.
La magia non chiara, la spalla animale/magica, la vita scolastica e familiare....
Il punto forte di questo racconto è il mostrato, sia per quanto riguardano le percezioni sensoriali ben messe (giusto un paio sono di troppo ma sono inezie) che per la parte comportamentale della cuginetta coprotagonista/antagonista. È ottimo il modo in cui ne percepiamo il carattere dalle sue azioni, infatti alcuni pensieri diretti della protagonista punto di vist risultano un po' superflui e ribadiscono concetti già espressi (la superficialità e la maleducazione di Rosalba, per l'appunto.
Ho qualcosina da ridire sull'incipit del flashback: è molto confuso.

Ci incontriamo sul pianerottolo

Ci incontriamo chi? Siamo all'inizio ed ancora abbiamo le idee non chiare su chi siamo dentro.

Man mano che la lettura continua le cose si fanno più nitide, però pasano troppe righe e sono costretto a rileggere per chiarire meglio il tutto.

Se per lo svolgimento delle due ragazzine non si possa avere niente da dire (che io però pensavo fossero più bambine che adolescenti, forse andava calcata la mano su dettagli più young adult per caratterizzarle), non ho avuto buone impressioni su Elliott in quanto l'ho trovato un espediente narrativo, un vero e proprio spiegone a due o quattro zampe, a seconda del caso. La spalla magica/animale, per l'appunto.
Sparisce presto dal raccont ose non per un'ultima comparsata. Era davvero necessario?
Carina l'idea della trasformazione in delfino per aguzzare l'ingegno matematico, forse un po' troppo arrembante, avrei gradito di più qualcosa di più terra terra per dare l'idea dei poteri dello specchio: Diventare un giaguaro o una pantera per strappare la sufficienza nella prova finale di educazione fisica, magari? La butto lì.
Mi è piaciuto l ospezzettamento tra passato e presente perchè lo avete messo bene giù, senza sembrare ne prolissi ne troppo bruschi.
Non ho capito bene come si spieghi lo scazzo della piccola Agata con il resto e di come sia finito il rapporto tra le due cugine, ma questo non ne pregiudica la buona impressione generale.
Confermo al 100% l'impressione sullo slogan publicitario, lo avrei messo io ma vi è stato già segnalato egregiamente.
Discreto lavoro.

Avatar utente
Fagiolo17
Messaggi: 205

Re: Istinti naturali

Messaggio#8 » martedì 5 gennaio 2021, 19:20

Ciao Pietro, Miriam e Paola e piacere di leggervi.
Il racconto scorre via bene e diverte. Unica pecca non aver sfruttato i caratteri mancanti per la scena di riconcigliazione che così rimane sottintesa, ma non mostrata. Si sente che manca quel qualcosina in più per chiudere la narrazione alla perfezione.
Per quanto abbia apprezzato i salti di qua e di là del racconto, nel passato e nel presente, avvengono troppo repentinamente. Alcune scene sono davvero corte (la prima non arriva a 450 battute). Il risultato è ugualmente di ottima qualità, ma non posso che notare quanto sarebbe migliorato il gradimento ampliandole.

Ti aggiungo qualche appunto qua e là, solo il mio parere ovviamente.

“Finiamo di consumare il nostro tè, ci chiede di attendere un attimo. Anche i biscotti sono finiti, Rosalba si agita sulla sedia, impaziente di andare via.”

Chi lo chiede, la nonna? Lo avrei mostrato, sarebbe stato più incisivo e di spazio ne avevi ancora.

“Gli occhiali non scivolano a terra perdendo l’appoggio, scompaiono.”

Toglierei “perdendo l’appoggio” è già chiaro cosa vuoi dire.

Tema:
Azzeccato e ben sviluppato. Nulla è come sembra.

Bonus:
Lo specchio è fondante per la trama, il sense of wonder è ben presente, i flashback gestititi egregiamente e le tematiche YA molto forti.

Avatar utente
Puch89
Messaggi: 208

Re: Istinti naturali

Messaggio#9 » venerdì 8 gennaio 2021, 17:28

Ciao a tutti e tre, piacere di leggervi.
Questo racconto ha innanzi tutto un grande punto di forza: c'è tanto mostrato davvero ben fatto. Probabilmente è il racconto con più mostrato di tutto il girone, quindi i miei complimenti al riguardo. L'immersione nella vicenda è potente, i personaggi ben caratterizzati e si riesce a viverli sulla propria pelle. Ben fatto.
La storia di per sé è carina, ma l'intreccio non è stato elaborato in modo altrettanto buono. L'alternarsi del presente e del passato è gestito si discretamente, ma non ha una grande utilità ai fini della narrazione e del messaggio implicito del racconto, anzi, così com'è impostato toglie solo caratteri che avreste potuto spendere per raccontare com'è andata a finire tra le due protagoniste.
L'espediente narrativo di Elliot è un po' meh, nel senso che è stato gestito non troppo bene anche questo, appare in un momento (reso forse con troppa confusione, tra l'altro) e poi sparisce; più avanti lo si ritrova e si capisce meglio la sua funzione, ma in modo molto blando. L'idea di utilizzare gli animali, o meglio le loro "peculiarità" è davvero interessante, ma io non l'avevo capita appieno fino all'ultimo, anche il passaggio di mezzo con Josephine che va alla festa, ho dovuto rileggerlo a fine racconto per cogliere, ma forse è stata una disattenzione mia. Passiamo ai bonus.
Il tema c'è; lo young adult è presente; i flashback ci sono anche se utilizzati in modo non proprio brillante; il sense of wonder c'è; lo specchio c'è.
Nel complesso un buon lavoro, anche se da limare un po' in certi punti. Come ho già detto, molto del coinvolgimento lo fa lo stile mostrato.

Avatar utente
wladimiro.borchi
Messaggi: 266

Re: Istinti naturali

Messaggio#10 » venerdì 8 gennaio 2021, 17:40

Ottimo, avevo già commentato il vostro racconto, ma non so dove sia finito il commento.
Spero che stavolta vada in porto.
Allora, come dicevo nel commento finito nell'altrove, il vostro racconto mi è piaciuto.
Non voglio discutere dei bonus che, almeno per me, ci sono tutti, anche se devo riconoscere che l'utilizzo dei flash-back non sia proprio ortodosso. Il fatto che i due io narrante siano diversi non inficia il fatto che la storia si altaleni avanti e indietro sulla linea del tempo, per cui, tecnicamente, per me i flash-back ci sono.
Lo stile è molto buono, forse le frasi sono un po' troppo corte, ma questo è gusto personale.
Quello che manca, oltre al momento della riappacificazione, è un acuirsi del conflitto che crei un po' più di tensione. Alla fine c'è, ma è davvero troppo rarefatta per tenere incollati.
In ogni caso altro racconto molto bello e ben scritto.
Mai come in questa sfida (come ho già scritto non so dove) la classifica mi viene voglia di deciderla lanciando i dadi.
A presto
Wladimiro

Avatar utente
Eugene Fitzherbert
Messaggi: 466

Re: Istinti naturali

Messaggio#11 » sabato 9 gennaio 2021, 16:34

Ciao a... tutti/e, siete un charter letterario!
Il racconto è interessante, anche se ha delle imperfezioni qua e là. Soprattutto ci sono un paio di personaggi usa e getta che potevano anche essere sfruttati meglio o eliminati del tutto (tipo Elliot). Credo inoltre che il vero neo della storia sia il mancato approfondimento del rapporto tra le due cugine e come questo rapporto si intersechi con lo specchio. Tra l'altro, una cosa del genere serve anche a giustificare il ribaltamento di punto di vista alla fine (BTW, bella idea!). Le vicende passate avrebbero dovuto farmi arrivare a quel finale. In questo caso mi è solo stato servito a fine pasto, ma senza un reale legame con le vicende del passato.

Altra cosa che mi sento di sottolineare: la magia alla base dello specchio segue un percorso e delle regole un po' troppo fumose e non sempre la vediamo all'opera. In questo senso, forse doveva essere sfruttata meglio la scena in cui la protagonista ha il primo contatto con lo strumento magico. La scena in questione è troppo blanda e non porta veramente a nessuna grande rivelazione. Poi ci ritroviamo catapultati in un'altra parte della vicenda in cui il potenziale dello specchio viene sfruttato al massimo, senza quasi nessun passaggio intermedio.

Dal punto di vista stilistico, il racconto fa un buon uso del mostrato. Una cosa da migliorare, secondo me, è la scansione dei dialoghi, sia come scelta dei vari beat, che come disposizione all'interno del testo. Attenzione che in alcuni passaggi cambi soggetto all'interno della stessa frase e questo, per quanto non completamente sbagliato, porta a disorientare il lettore.

Per concludere: una buona idea, ricca di potenziale che necessita di più spazio e di più approfondimento.
Bel lavoro!
Alla prossima.

Avatar utente
PietroD'Addabbo
Messaggi: 87
Contatta:

Re: Istinti naturali

Messaggio#12 » martedì 12 gennaio 2021, 14:04

Grazie a tutti per i vostri commenti.

Eugene Fitzherbert ha scritto:Ciao a... tutti/e, siete un charter letterario!


Trattandosi di un racconto indirizzato ad un certo genere di target, ho pensato di coinvolgere le mie figlie preadolescenti per 'svecchiare' la storia mediando fra la mia e le loro età.
Pensiamo di ripetere l'esperimento con la Sfida di Febbraio, perché stato molto divertente per tutti e tre. Le piccole hanno atteso con curiosità e (poca) ansia tutti i vostri giudizi.

Sapevamo di non poterci aspettare molto avendo utilizzato male i tempi concessi e avendo sfruttato solo tre quarti dei caratteri consentiti per il racconto, consegnando tra l'altro in extremis, ma tutti i giudizi sono stati apprezzati.

Se mai ci sarà una versione 'completa' di questo racconto, Elliot avrà la presenza più importante che gli era destinata, poiché in questa versione manca la sezione con le giovani che si riappacificano e che rivela essere magica anche la spilla con la figura di un animale: per Josephine è un cane, per la nonna era stato il merlo indiano. Spilla e specchio infatti sono tramandati di generazione in generazione a coppie di parenti/amiche dal rapporto problematico affinché risolvano le loro controversie.

Alla prossima dal trio D'Addabbo
"Ho solo due cose da lasciarti in eredità, figlio mio, e si tratta di radici ed ali." (William Hodding Carter)

Torna a “La sfida a Odissea Wonderland”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite