Casa dolce casa

Appuntamento per lunedì 18 febbraio dalle 21.00 all'una con il Campione della Quinta Era di Minuti Contati: Raffaele Marra!
Avatar utente
wladimiro.borchi
Messaggi: 207

Casa dolce casa

Messaggio#1 » lunedì 18 febbraio 2019, 23:38

Immagine

CASA DOLCE CASA
«Papà, corri!»
Marco, dopo una serata di calcetto, pizza e birra con gli amici, viene accolto da quell’urlo, al proprio rientro a casa.
È la voce della maggiore, Luna, che lo chiama dal piano di sopra.
Il grido suona carico di terrore, quasi soffocato.
L’uomo scatta, col soprabito ancora indosso, abbandonando la borsa sul pavimento dell’ingresso.
Gli scalini gli scorrono dinanzi agli occhi nella penombra, come in un film a doppia velocità.
«Che succede, tesoro? Papà è qui. Non aver paura.»
Quando la porta della camera viene spalancata, la piccola è seduta nel proprio letto, al buio.
Il click dell’interruttore suona a vuoto sotto la sua mano.
«Non c’è corrente, papà. Ho paura. L’hanno presa.»
Lo stomaco dell’uomo si contorce e le gambe quasi cedono, quando vede l’altro lettino sfatto e vuoto.
«Chi hanno preso? Chi è stato?» riesce solo a gridare, mentre il cuore accelera di quattro volte.
«Lisa, papà! L’ha presa l’uomo nero.»
L’unica cosa che gli viene in mente è di lasciare la moglie con Luna e precipitarsi fuori a cercarla.
«Amore, non ti muovere, aspetta solo un minuto!»
Nel buio percorre il corridoio al contrario, fino alla sua camera.
«Patrizia, svegliati, non c’è corrente, Lisa è sparita.» grida alla donna immobile nel letto.
Si avvicina per scuoterla, dopo aver maledetto il suo sonno pesante.
Gli basta toccarla e la testa si piega oltre cuscino, rilasciando a terra qualcosa di viscido che sciaborda tra i suo piedi con un tonfo umido.
«Patrizia! Patrizia!» il suo urlo manda in mille pezzi il silenzio, quando la mano si posa sul foro, largo come un pugno, al centro della fronte della moglie.
La bimba lo sente.
«Papà, che succede?»
«Resta dove sei? Non ti muovere.»
Marco si asciuga le mani, alle coperte.
«È fuori in giardino!»
L’improvvisa voce di Luna, lo fa sussultare. D’istinto guarda fuori dalla finestra e vede, giù in basso, la sorellina attraversarne tutta la lunghezza, con indosso solo il pigiama.
Si precipita giù dalle scale: «Luna, chiuditi a chiave in camera. Non aprire a nessuno!»
L’uomo fa due giri del giardino attorno alla casa, illuminato dalla sola luce della luna, ma la bambina sembra essersi, ancora una volta, volatilizzata.
Deve tornare dentro, prendere lo smartphone dalla borsa e chiamare la polizia.
È di nuovo nell’ingresso quando la martellata lo colpisce: proprio al centro della nuca, mentre è chinato a cercare il telefonino. La penna affilata si conficca nel cervelletto al primo colpo, come una forchetta nella sfoglia croccante.
Il suo corpo è squassato da una manciata di violente convulsioni, che imbrattano di sangue le pareti dell’ingresso, poi resta a terra immobile.
«Posso uscire, adesso?»
Luna apre la porta dello sgabuzzino.
«Certo, Lisa, ma non ti far vedere, papà ti sta ancora cercando in giardino. Lo scherzo è andato alla grande. Vai in cucina, ci meritiamo proprio una tazza di latte con i biscotti.»
La piccola volta le spalle alla maggiore, che, sorridendo malvagia, solleva ancora una volta il martello.



Avatar utente
antico
Messaggi: 4540

Re: Casa dolce casa

Messaggio#2 » lunedì 18 febbraio 2019, 23:46

Wladimiro, buonasera! Tutto ok con i parametri, in bocca al lupo in questa Marra Edition!

Lorenzo Diddi
Messaggi: 88

Re: Casa dolce casa

Messaggio#3 » martedì 19 febbraio 2019, 19:51

Ciao Wladimiro,
Ho il piacere di rileggere qualcosa di tuo. Personalmente, non amo l’horror e tutto ciò che lo riguarda. Questa è la mia premessa. Tuttavia, dato che ho già letto alcuni tuoi lavori, devo ammettere che la tua capacità di presentare questo tema, riesce a coinvolgermi in maniera sincera e sentita. Ti devo fare le mie congratulazioni Wladimiro. Niente di più difficile, complimenti.
Venendo al racconto in sé: un’idea interessante; hai unito il tema dell’inquietudine e dell’orrore con un qualcosa di più fantasioso-immaginario, rispettando a pieno il tema del contest, che prevede del mistero, dell’assurdo, dello sconvolgente. I personaggi riescono nelle loro parti, il racconto vive, l’ansia sale…che dire, una prova meritevole di interesse. Molto bene.
Buona edizione anche a te.

Avatar utente
megagenius
Messaggi: 390

Re: Casa dolce casa

Messaggio#4 » martedì 19 febbraio 2019, 23:58

Ciao Wladimiro!
Molto lieto di leggerti e commentarti.
Un'altra delle mie passioni, oltre alla fantascienza, è l'horror, o meglio, il thriller-horror, sai Dean Koontz, Richard Laymon, Simmons, McCammon e autori così... Il tuo racconto prende e molto, secondo i canoni usuali del genere su citato, e riesce benissimo a condurre il lettore fino al finale, con un paio di sussulti ben costruiti nel mezzo.
Pochi appunti da fare in merito alla costruzione della tensione, come anche pochi appunti da fare sul finale che, però, mi è parso davvero forzato. Ok, d'accordo, le bambine sono malvagie, ma, non so, mi sarebbe piaciuto avere anche solo un o due indizi di quello che sarebbe poi esploso nel finale. Magari è solo una mia pignoleria, però in un finale, soprattutto di thriller e horror ci si gioca tutto.
Non che non l'abbia apprezzato, ma mi ha dato da pensare e mi ha provocato un interrogativo: perché?
In ogni caso, una prova narrativa più che positiva.

In bocca al lupo!
Emiliano.

Avatar utente
Marco Travaglini
Messaggi: 116

Re: Casa dolce casa

Messaggio#5 » venerdì 22 febbraio 2019, 9:44

Ciao Wladimiro,
nonostante io non sia particolare amante del genere, è sempre un piacere leggerti e mi piace il modo in cui presenti ogni tuo racconto con una bella immagine di copertina.
È decisamente un racconto ben strutturato e sinceramente non ho molto da dire al riguardo: il ritmo e la tensione ci sono in ogni parte e si legge in un attimo. Bella l'immagine della forchetta nella sfoglia croccante. E secondo me ci sono un po' di indizi su Luna, in fondo è lei che chiama il padre tutte le volte, è molto insistente e lo manipola mandandolo ogni volta dove lei decide di farlo andare; l'unico posto in cui il povero Marco (sigh, non potevi scegliere un altro nome per questo povero padre ahahah) decide di andare spontaneamente è dalla moglie.
A voler essere puntigliosi ti segnalo tre mie impressioni del tutto personali:
- L'incipit del racconto è l'unica parte lentissima: tra l'urlo e lo scatto del padre, passano un sacco di frasi e parole; alcune frasi descrittive, lente. È l'unica parte che potrebbe essere migliorata secondo me, con un po' di sano taglia e cuci.
- L'ultima frase: toglierei quel "malvagia" che secondo me non solo non è necessario, ma fa perdere incisività a tutto. Tanto ormai lo sappiamo di che pasta è fatta quella stronzetta di Luna, se sorride sollevando un martello non pensiamo certo che voglia appendere un quadro :P
- Questa è personalissima: mi ha dato un pochino fastidio quando hai scritto "la penna affilata si conficca nel cervelletto", in particolare "la penna affilata". Lo so che è il termine corretto, ma messa così da sola, senza riferimento al martello, mi ha fatto immaginare la scena della bimba con una penna anziché col martello.

Comunque tutte osservazioni di poco conto, racconto promosso a pieni voti.

Avatar utente
Linda De Santi
Messaggi: 497

Re: Casa dolce casa

Messaggio#6 » domenica 24 febbraio 2019, 14:28

Ciao Wladimiro!
Ti faccio i complimenti per lo stile e il ritmo di questo racconto, che mi ha tenuto incollata dalla prima all’ultima riga con il fiato sospeso.
Il tema è più che centrato e la è storia ottima. Nel finale, forse a causa della concitazione di eventi, ho avuto qualche difficoltà a inquadrare la situazione: Luna esce dallo sgabuzzino (però il papà le aveva detto di chiudersi a chiave in camera, quindi mi aspettavo che fosse ancora lì) e Lisa, che è la sorella malvagia, la inganna dicendo che il papà è ancora in giardino. Il cadavere dell’uomo però si trova nell’ingresso, presumibilmente vicino a Lisa (che l’ha appena attaccato), come fa Luna a non notarlo?
Insomma, mi è rimasto il dubbio se ad essere malvage siano entrambe le sorelle oppure solo Lisa, ma nel complesso non c’è dubbio che si tratti di un’ottima prova :) Alla prossima!

viviana.tenga
Messaggi: 500

Re: Casa dolce casa

Messaggio#7 » domenica 24 febbraio 2019, 22:15

Ciao Wladimiro,
Di certo, un racconto che funziona e inquieta tantissimo. Sulle prime, pensavo che il tutto si sarebbe risolto in uno scherzo innocuo. Quando poi ci hai mostrato la mamma morta, ho cominciato a non sapere cosa aspettarmi e il finale è arrivato davvero inaspettato.
Sono d'accordo con Marco sul "malvagia" nell'ultima frase che si potrebbe eliminare. L'unico altro piccolo appunto che ho da farti è che mi sarebbe piaciuto inquadrare meglio l'età di Luna, per capire meglio quanto è consapevole di quello che sta facendo.

Avatar utente
Wladimiro Borchi
Messaggi: 258

Re: Casa dolce casa

Messaggio#8 » lunedì 25 febbraio 2019, 12:27

Ringrazio tutti dei commenti e dei consigli.
Marco, il tuo commento è meglio del mio racconto.
Ho riso come un cretino durante tutta la lettura.
Grazie davvero
W
IMBUTO!!!

Avatar utente
DandElion
Messaggi: 591

Re: Casa dolce casa

Messaggio#9 » martedì 26 febbraio 2019, 0:31

Porcapu**ana, e chi va a letto adesso?
Nulla è come sembra. Lo puoi dire forte. Intrigantissimo il personaggio di Luna, perfetta young psycho, ci si potrebbe fare cinema con questo personaggio già dai pochi tratti con cui lo delinei, mi è partito un film mentale che mi terrà sul pezzo per giorni. Bravo davvero e hai veramente colpito la vena thriller/horror che preferisco. Applausi.
#AbbassoIlTerzoPuntino #NonSmerigliateLeBalle
#LicenzaPoeticaGrammatica
Adoro le critiche, ma -ve prego!- che siano costruttive!!

Avatar utente
giancarmine trotta
Messaggi: 383

Re: Casa dolce casa

Messaggio#10 » venerdì 1 marzo 2019, 17:04

Ciao Wladimiro, ero curioso di leggere altro!
Ehm..
Ho sensazioni strane: inquieta come "L'esorcista" e fa sorridere come "Mamma ho perso l'aereo".
Il ribaltamento c'è e avevo anche immaginato una specie di gioco delle figlie, ma la scena della mamma e poi la martellata al protagonista mi avevano fatto cambiare idea, invece...
Buona Marra edition e a rileggerci presto,
G.

Avatar utente
antico
Messaggi: 4540

Re: Casa dolce casa

Messaggio#11 » lunedì 4 marzo 2019, 14:21

Poco da dire: una prova coerente per tutta la sua durata e di alto livello. Forse potresti rendere più chiaro il fatto che Lisa si è andata a rintanare subito dopo la camminata notturna (si capisce, ma in effetti in quel punto la lettura ha un'incertezza). Tema assolutamente centrato. Pollice su per me.

Avatar utente
Wladimiro Borchi
Messaggi: 258

Re: Casa dolce casa

Messaggio#12 » lunedì 4 marzo 2019, 16:48

L'Antico che dice "pollice su" è come una droga...
Ora ne voglio ancora...
Buahahahahahahahaha
W
IMBUTO!!!

Torna a “125° Edizione - Marra Edition - Decima della Sesta Era”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti