Gli ultimi racconti

Tu perché lo fai?

«Shay, tu perché sei quì?» Nella stanza semibuia, il viso della donna assume un’espressione interrogativa. «Intendo, perché sei nella Compagnia della Morte? Perché ti sei arruolata?» Lei alza le spalle.…
continua

Pidyon Haben

Erano passati molti giorni da quando gli Israeliti si erano allontanati dall'Egitto e dalla schiavitù. Quel pomeriggio l'accampamento languiva sotto il sole del deserto. Yael aspettava fuori dalle tende centrali…
continua

XAB 4

Sento tentacoli di metallo infilarsi sotto la mia pelle, mentre scavano come vermi. Sono come una salsiccia quando viene sfilato via il budello. Un calzino rivoltato e sbattuto. Le allegorie…
continua

La redenzione è solo a una goccia di sangue da qui

Lunedì 15 aprile ore 20.00 “La redenzione è solo a una goccia di sangue da qui” Questi caratteri lampeggiano sulla cattedrale. Impossibile non vederli. I volantini urlano slogan di espiazione,…
continua

Achillea e Amazzone

L’amore può uccidere. Questo pensa Achillea mentre contempla il corpo di Amazzone. Lo fa attraverso le sbarre della propria cella che è prospiciente quella di lei. La coscia di Amazzone…
continua

Madri

Quando la strapparono dall’umidità della cella e la portarono a ceffoni fino alla stanza del commissario fu come scalare l’inferno per ripiombare in un altro. La schiaffarono su una sedia.…
continua

Hypnos

Inspira. A fondo, così. Di notte, le suburbia di Nuova York hanno sempre quest’odore. Di malattia e di marcio. E di droga, da seguirne la scia. Ti ricordi? È qui…
continua

Dentro o Fuori

(L’inquadratura si stringe su Fabrizio Loperfido e sul suo penetrante sguardo da mattatore. Indossa un completo laminato multicolore. Applausi scroscianti.) Bentornati, amici! Vi ringrazio per essere ancora qui con noi.…
continua

Legame di sangue

Allo scoccare della mezzanotte la stanza iniziò a sanguinare. Dapprima si formarono macchie scure sul soffitto, poi iniziarono a cadere le prime gocce. Di lì a qualche ora il sangue…
continua

A colpi di maggioranza

Nella testa le rintrona il rantolo di Mario, a terra con la mascella ridotta a un bignè schiacciato. Lisa preme il grilletto con tutte le sue forze. Il crepitio delle…
continua

L’omino dei ricambi

La prima a uscire sul terrazzino fu la signorina Anita, una mano a stringere al petto i lembi della consunta, ma dignitosa, vestaglia rosa antico e l’altra intenta a fare…
continua