Gli ultimi racconti

Na-na-no

Attraverso il salone in punta di piedi, il silenzio delle sei del mattino amplifica ogni scricchiolio. Almeno sono riuscito a non svegliare Sonia. Mi trascino in cucina. Ho decisamente bisogno…
continua

Pausa pranzo

Sei di corsa. Come sempre. Una pausa pranzo dove avresti voluto andare a Pilates, sudare, rilassarti per almeno tre quarti d’ora. Invece Allegra, la mamma di Massimo, ti ha chiamato.…
continua

Mi vivi dentro

Quando la veterinaria ha detto “diagnosi nefasta" e ha suggerito l’eutanasia, io non le ho creduto. Sbaglia, mi sono risposta subito. Sbaglia perché la mia Astrid mangia come un leone…
continua

Non ti lascio andare

Lasciami andare, lasciami andare, gne, gne... Lo so cosa mi direbbe se potesse parlare. Per questo rimango al buio. La sento respirare, posso anche sentire il battito del suo cuore,…
continua

Celso

Il rumore sordo dello scrocco mi fa saltare. Come se non sapessi che il portone è così vecchio da voler andare in pensione, ma il dato di fatto è che…
continua

Come se fosse facile

Apro la portiera dell'auto e slaccio la cintura ad Alice, che scalpita nel suo giubbottino. I suoi compagni di classe sono già arrivati e hanno preso posto sull'autobus, giusto un…
continua

Don’t say a prayer for me now

«No, don’t say a prayer for me now, save it ‘til the morning after...» La ragazza cantava a mezza voce. «Marie, ma dove vai conciata in quel modo?» «A un…
continua

Ancora qui?

Vattene, non c'è niente per te, qui. Ok, dai, qualcosa da mangiare non si nega neanche a un cane, ma non aspettarti altro. Mi vedi come sono ridotto? Questo ammasso…
continua

Veglia

Li sento. Loro non lo sanno, ma io li sento.   Mio padre sta raccontando ancora – madonna santa, sarà la milionesima volta, alla milionesima infermiera – di quella volta…
continua

L’infanticida

1893, Forlì «Lasciatemi andare!» urlava il prigioniero dalla cella, afferrando le sbarre con una forza inaudita. Giuseppe arretrò contro il muro e sentì il cuore accelerare. Aveva solo vent’anni e…
continua

Axa

“Quindici minuti all’approccio finale.” Jones fu scosso da un brivido. Alzò gli occhi al cielo traboccante di stelle e nebulose e rise di gioia. Subito dopo precipitò nella malinconia. Sapeva…
continua