Categoria: drammatico

Il mio meglio

I biglietti aerei per New York e i contratti di lavoro giacevano sul comò di quella che presto sarebbe diventata la mia vecchia cameretta. Un mese e mezzo alla partenza.…
continua

La nuova situa

Il ragazzo sta seduto sul pouf in soggiorno. Almeno, sta seduto come stanno seduti loro, un po’ su e un po’ giù, insomma non si decidono. Sembra un sacco di…
continua

Il meglio di me

“Il respiratore continua la sua litania di beep regolari scandendo i secondi, sempre più lontani l’uno dall’altro...” Giona mi guarda con aria perplessa. Torna a guardare il foglio e poi…
continua

Yussef

Finalmente la luce del mattino illumina la mia tenda, sono rimasto sveglio tutta la notte, a dire il vero non ricordo quando è stata l’ultima volta che sono riuscito a…
continua

Dinosauri

Henry Spencer si affacciò dalla porta dello studio. Fizzy era in sala d'aspetto con l'infermiera, appollaiato su uno sgabello troppo alto, le gambette che ciondolavano avanti e indietro. «Dottor Spencer!»…
continua

Er Mejo

Alfonso Catenacci è il primo che scatta, sotto i fanali alogeni dei lampioni, tra due ali di auto a delimitare la pista, poi seguono gli altri, lui è sull’aquila della…
continua

Contare sulle dita

Carico la fisiologica nella flebo e collego la cannula, il liquido scende fino al grosso livido nel gomito del vecchio. Serve davvero, questa roba? È bianco come le lenzuola del…
continua

Dove i numeri sono tutti uguali

La mamma allaccia gli alamari del mio cappottino rosa, poi strattona Knut per tenerlo sveglio. «Julia, tienilo sempre per mano,» mi carezza la guancia, «non lo lasciare mai.» Prendo la…
continua

Lo chiamano mare

- Un giorno -   “Ma quello è un corpo?”, il vecchio guarda spaventato il giovane. “Intendi di un uomo?”, il giovane è perplesso. “Secondo te cosa diamine è quella…
continua

Der Schreiber

La mia Greta se n’è andata. Le infermiere mi sorridono ma si vede che sono in difficoltà. Devo sembrare proprio ridicolo con questo papillon. Ma io non vado agli appuntamenti…
continua

Interrogatorio

Aldo entrò nella stanza dell’interrogatorio. Il sospettato aveva spostato la sedia contro il muro e sedeva chino con le braccia in mezzo alle cosce. A quanto diceva l’appuntato Colli, non…
continua