Categoria: drammatico

Seconda occasione

I suoni dell’alba mi svegliano. La calma lascia spazio al caos cittadino, senza il quale mi sentirei perso. La quiete va bene per farsi coccolare sotto le lenzuola ma, per…
continua

Kaboom

Lo sbirro che fino a quel momento se ne era stato tranquillo come un pupazzo abbassa le braccia e le punta in direzione di Qui, Quo e Qua. Con un…
continua

Vita in appello

«Vada, signorina, ci rivedremo quando si sarà rinfrescata le idee.»   Non avete idea del numero di echi che questa sentenza produce nella mia testa. E’ la voce del professore…
continua

La scelta impossibile

Le macchine continuavano ad emettere suoni sommessi e allo stesso tempo assordanti. Bip. Bip. Era come il linguaggio morse. Il Bip significava vita, l’assenza di Bip significava morte. Rachele si…
continua

Meglio così

Sono sdraiato supino, gli occhi fissi sul soffitto. Nel silenzio della stanza il respiro pesante di Marta che dorme profondamente. Giro la testa verso la sveglia digitale: mezzanotte e quaranta.…
continua

Secondo piano

Nooo mamma   «Mamma?» «Sì, è coso, il figlio della vecchia» Valeria continua a tagliare le cipolle per lo spezzatino «La moglie l’ha lasciato ed è venuto a stare con…
continua

Sulla via del ritorno

Non li avevamo visti arrivare, forse avevano traslocato mentre eravamo al mare. Al nostro ritorno avevamo trovato le valige zozze ammonticchiate sul pianerottolo, un seggiolino macchiato, le scale luride di…
continua

Apparenze

Finalmente. La buona notizia è che la solita settimana di lavoro orribile si è conclusa. La cattiva è che l'orologio appeso alla parete del soggiorno segna già le ventuno quando…
continua

Il potere

Era facile starsene lì sdraiato sul letto a guardare le pale del ventilatore a soffitto che lentamente rallentavano. Era facile davvero. La parte difficile stava nel cercare di non seguire…
continua

La saccenza

Elio si porta la sigaretta alla bocca e inspira. Dopo qualche secondo, il fumo fuoriesce sinuoso dal naso e si disperde nell’aria. La cenere cade sul terreno battuto del parco.…
continua

Le cose importanti

«Come sarebbe a dire che non ti ricordi?» Giada non poteva crederci. Per una volta che chiedeva un favore a suo fratello, questi si dimostrava il solito irresponsabile. «Gli hai…
continua