Categoria: drammatico

Luna nuova

Scruto la vallata: il mercante verrà, perché stanotte sarà luna nuova. Perdio, Elena, non ricominciare con la tua corazza: non chiamarlo mercante, chiamalo Stefano. Così ti ha detto di chiamarsi…
continua

Blu

«Il nostro unico nemico è il tempo…» «Cosa? Come dici papà?» «Niente, scusami, stavo citando il titolo di un libro che ho letto da giovane.» «Ah. Qui è bellissimo come…
continua

Due minuti

Il retrobottega è buio e puzza di muffa. La Vecchia farfuglia in un dialetto incomprensibile, conta le banconote, infine porge una ciotola piena di un intruglio verdastro. «Hai due minuti»…
continua

Dado da venti

I gradini sono undici, devo toccare solo quelli pari o sono guai. La scala si fa scendere con un bastone a uncino, di solito ci metto un sacco per agganciare…
continua

Il Sorriso di Marta

Notte Senza Fine sarebbe arrivato a Mezzanotte. L’uomo non smette di frugare, gli spigoli nelle scatole gli graffiano le mani, ogni respiro un pugno nello stomaco. Sposta, solleva, lancia via,…
continua

Semi tra le fiamme

Santa si affacciò all’abbaino, facendo guizzare le iridi nell’oscurità di una sera di tarda estate. Il sole era sceso all’orizzonte da meno di un’ora. Tra i colli carichi di vigneti,…
continua

Aspettami in soffitta

Gal aveva riposto con cura il vecchio libro di fiabe nella cassapanca del corredo, alla sesta lettura aveva capito ormai, che la matrigna di Hansel e Gretel non li avrebbe…
continua

Seconda occasione

I suoni dell’alba mi svegliano. La calma lascia spazio al caos cittadino, senza il quale mi sentirei perso. La quiete va bene per farsi coccolare sotto le lenzuola ma, per…
continua

Kaboom

Lo sbirro che fino a quel momento se ne era stato tranquillo come un pupazzo abbassa le braccia e le punta in direzione di Qui, Quo e Qua. Con un…
continua

Vita in appello

«Vada, signorina, ci rivedremo quando si sarà rinfrescata le idee.»   Non avete idea del numero di echi che questa sentenza produce nella mia testa. E’ la voce del professore…
continua

La scelta impossibile

Le macchine continuavano ad emettere suoni sommessi e allo stesso tempo assordanti. Bip. Bip. Era come il linguaggio morse. Il Bip significava vita, l’assenza di Bip significava morte. Rachele si…
continua