Categoria: drammatico

La casa del nonno

Una nuvola di polvere grigia si avvicina lungo la strada, il baccano del motore è sempre più forte. Il suv nero si ferma a pochi metri dalla veranda. Io continuo…
continua

Chi resta

Supero l’ingresso e nonna Ebe mi chiude la porta alle spalle. «Ma quanto sei cresciuto?» Mi fissa come se fossi appena uscito da un uovo di pasqua gigante. Mi mette…
continua

I Superstiti

Gael camminava guardando la sola meta possibile: l’orizzonte. Un raggio fioco trafiggeva due cactus giganti. Dov’era Juanito? Si voltò di scatto e li vide tutti accasciati a terra. Un gemito…
continua

Kartush ti ama

Kartush guarda il sole sorgere nell’orizzonte polveroso: la sabbia sollevata dal vento si incolla alle lacrime. Non è riuscito a dormire per tutta la notte, torturato dagli incubi e dal…
continua

Sgorbio

C’è un gatto fuori dalla finestra, immobile, che mi fissa. Ha il musetto bianco, una macchia nera che gli copre un occhio e il dorso rosso con qualche macchia nera.…
continua

Dove avevo messo radici

L’ho fatto. Finalmente. Riprendo a respirare regolare, ma la testa continua a girarmi. Mi siedo sul bordo del divano, i gomiti appoggiati sulle ginocchia e le mani alla fronte. Sento…
continua

Fredo, fumo e tanta miseria

Arrivo davanti alla casola. Sbatto gli scarpon sul muretto e spaco la fanga che si stacca. El fumo vien su dal camino, dala finestra un chiarore. Ha mai messo la…
continua

Non puoi

Sembra il mercato del pesce. Papà mi ci portava ogni mattina presto, mi diceva che ci saremmo divertiti e io gli credevo, perché lo amavo. Ora papà è morto, e…
continua

Figli miei

Il vento che soffia da nord porta con sé odore di fumo e qualcosa che non riconosco. Un olezzo viscido e pungente si insinua tra di noi e si attacca…
continua

L’ultima evasione

Chiudo gli occhi nell'istante che precede il boato per godermi un'ultima volta quella magia. Quell'atmosfera elettrica che mi fa rizzare i peli delle braccia, quell'odore di legno e vernice, quel…
continua

La Legge della Giungla

Butto la valigia nell’autobus e salgo i gradini. Non c’è nessuno. Mi siedo accanto al finestrino. Parti, dai! Oh no! Ecco uno di quei vecchi che per salire due scalini…
continua