Categoria: amore

Quel maledetto scalino della nostra vita

La cassetta della posta è vuota. L’artrite mi gioca brutti scherzi, mica riesco a tenerlo in mano questo pomello. Al diavolo, do un colpo e lo sportello sbatte. Mi gratto…
continua

Sesto principio di Funakoshi

“Libera la mente e il cuore.”   La ragazza con il maglione della scuola di karate andava ogni giorno ad allenarsi in cima alla scogliera, dal primo pomeriggio al tramonto.…
continua

Brutto stronzo!

«Brutto stronzo!» L’aveva sussurrato fra sé e sé, quando l’aveva vista camminare sorridente con i cartoni delle pizze in mano, diretta verso casa. Non sapeva chi fosse il destinatario del…
continua

Un mondo piccolo

Con venti euro ci potevo comprare duecento caramelle. Oppure quattro giornali con le figurine. La strada scorreva silenziosa ad ogni passo della bambina. Era grigia e fredda, ed era l’unico…
continua

La scelta impossibile

Le macchine continuavano ad emettere suoni sommessi e allo stesso tempo assordanti. Bip. Bip. Era come il linguaggio morse. Il Bip significava vita, l’assenza di Bip significava morte. Rachele si…
continua

Occhi azzurri, sorriso obliquo

Arianna aveva sempre avuto le idee chiare su ciò che voleva. Quando vide per la prima volta Diego, all'età di diciott'anni, le ebbe più chiare che mai. Quegli occhi azzurri…
continua

Doriana

  Quanti anni erano passati? Luca in jeans e maglietta. Luca con la corona di alloro. Luca davanti alla sua vecchia volvo, sepolta in uno sfasciacarrozze a Rafsbotn. Luca col…
continua

Come le rondini

«Giù!» dice. «Giù!» ancora. Allora le fai fare l’aeroplanino e lei plana, plana e plana fino a poggiare i piedi per poi subito ripartire verso la pallina, verso il limone…
continua

Il solito muretto

Sogni dal passato che tornano a bussare a un presente dall'oscuro futuro. Quinto classificato nella 115° Edizione di Minuti Contati con Ilaria Tuti come guest star, un racconto di Dand…
continua

Breccia

Non è mai tempo per arrendersi. Selezionato nel Laboratorio di Minuti Contati, un racconto di ChiaradiLuna.   Eccomi, dunque. Di tante cose che avevo immaginato di compiere nella mia vita,…
continua

Solo per i tuoi occhi

Nonno Enrico ha le mani fredde, fu il mio primo pensiero da bambino. Mi teneva in braccio, dita gelide a stringermi e un’espressione imbronciata. Forse temeva di farmi paura, con…
continua