Categoria: fantasy

òrediccu it oI

Venerdì, ore 21.59 La stretta al collo era d’acciaio. Valeria lottò per strapparsi di dosso le dita crudeli che la stavano soffocando. La penombra della camera da letto virava alla…
continua

Solo un’idea

Il brusio si mescola agli scricchiolii delle pedane e dei banchi di legno. Io siedo con la valigetta sulle gambe. Il mio vicino ha le gambe accavallate, dondola un piede…
continua

Caccia alla penna

E dire che cominciava a piacermi stare qui: bella gente e mai una serata noiosa. «Benvenuto» mi aveva detto Mary appena arrivato «Qui ci si diverte, a dispetto di quello…
continua

WWT

Mi nascondo dietro al ceppo dei coltelli. I rumori della battaglia mi riempiono le orecchie. Sporgo la testa e un colpo di fucile mi porta via mezza faccia. Cominciamo bene.…
continua

Demonio!

Indietreggio sull'erba umida, la schiena urta il muro della taverna. Faccio per levare la benda dall'occhio, ma Gorna mi dà di gomito. «Ci metterai nei casini.» «Più di così?» Davanti…
continua

Tocca ferro

Tre colpi vigorosi batterono contro la porta. «Aprite, in nome di Lord Dale!» Flann poggiò il martello sul tavolo da lavoro, afferrò con le pinze il blocco di metallo che…
continua

Che ti sei messa in testa?

Mi porto le mani sulla testa, la pelliccia che ricopre le orecchie da gatto è tutta in disordine. Prendo la spazzola con le setole fini e vado davanti allo specchio.…
continua

Il cuore della foresta

Oscar Cooper si stampò una manata sul collo, troppo lento per impensierire la zanzara che lo aveva punto. La mano scivolò sulla pelle sudata. «Forza, professore. Non manca molto.» Donovan…
continua

Tasse

Damian mi indica una porta sulla sinistra. «L'indirizzo è questo, capo. Cezar Albescu.» Il marciapiede è lurido di macchie scure, puzza di piscio. «Bel posticino.» Busso con le nocche e…
continua

La breccia

Il calore del sole lo aveva fatto sudare così tanto che la camicia era fradicia. L'alito di vento che spirava da est aveva l'unico effetto di sollevare polvere dal terreno,…
continua

Il ruggito dell’Orda

Il ruggito dell’Orda si abbatté sul portone del tempio: il legno rinforzato tremò; dall’altra parte del muro, una pioggia di calcinacci, polvere e detriti investì Abelan. «Dèi, datemi la forza»,…
continua