Categoria: fantastico

Narratori e narrati

«Io non ne posso più. La situazione sta diventando insostenibile.» Mi volto verso Juan, i suoi capelli hanno cambiato colore per l’ennesima volta. Un bel viola questa volta. «Non possiamo…
continua

Dietro di te

Telefono spento. Internet staccato. Casa vuota. Mi accendo un toscanello, prendo una bella boccata e sbuffo una nuvoletta di fumo grigio Accarezzo la tastiera. Mi serve un buon attacco e…
continua

Solo uno sconosciuto sull’autobus

L'autobus ha un altro scossone, la pioggia batte sul vetro e sulle macchine parcheggiate. «È occupato?» Mike mi sorride indicando il posto vuoto accanto a me. La sua giacca è…
continua

Vacanze di mezza estate

«È capitato a te?» «Eh, sì.» Il giovane guardò la foto sullo smartphone dell’amico. «Questo lo riconosco, il rudere che il comune ha deciso di abbattere. Hai combinato un bel…
continua

Lo dice la TV

«Aiutami!» Rino prese il telecomando. Il film era troppo noioso. «Ti prego, non cambiare canale. Aiutami!» “Pazzesco”, Rino sorrise, “trama inconsistente, pessima recitazione… e ora tirano fuori questi mezzucci da…
continua

La parete del mare

Fyodor ha ucciso un uomo, uno che neanche sapeva chi fosse, ma che gli aveva mancato di rispetto, e tutti sanno che a Fyodor nessuno può cagare il cazzo. Gli…
continua

Sono solo nel buio?

“Sono solo nel buio?” “Inchiostro su tela. Praga 1945”   - Qualche problema, signore? La guida del museo mi appoggia una mano sulla spalla. Con la coda dell’occhio, noto lunghi…
continua

Buchi neri

Lanciai un’occhiata all’orologio. Mancavano cinque minuti alle nove. Infilai in bocca l’ultima polpetta rimasta nel piatto e mi alzai da tavola. «Ci riprovi anche stasera?» Sbuffò la mamma. Annuii, mandai…
continua

Separati alla nascita

La navetta atterra, sembra un bozzolo di fil di ferro: i nostri ospiti non badano molto all’estetica. Un gruppetto di uomini muscolosi scende dalla passerella, il loro capo davanti a…
continua

Mai rispondere al fuoco

Tito correva nel campo verso suo padre e il vecchio Manlio. Le pianticelle erano alte e gli sferzavano la faccia. Alle sue spalle crescevano grida e tonfi di zoccoli, insieme…
continua

Massimi Sistemi

Virginia entrò in aula. La luce mattutina di Firenze entrava dalle finestre e rimbalzava sui banchi delle compagne di classe. Soltanto la metà di loro alzò lo sguardo dai loro…
continua