Tag: 4 min

La maledizione di Maria Carolina

Corleone - Real Casina di Caccia di Ficuzza, 1810   Maria Carolina apre la busta, legge le prime righe e si siede sul letto. Spalanca gli occhi. «Non è possibile!…
continua

La torcia

Forse la terra è l'inferno di un altro pianeta. (Aldous Huxley)   I suoi genitori erano andati a trovare i nonni dall'altra parte della città. Aaron aveva strappato il permesso…
continua

I pazzi non giudicano

La vecchia cancellata è socchiusa: saranno passati da lì? Afferro le sbarre e strattono: niente. I palmi doloranti sono rossi di ruggine. Restituiscimi i miei bambini, casa maledetta. Mi scruta…
continua

Tocca ferro

Tre colpi vigorosi batterono contro la porta. «Aprite, in nome di Lord Dale!» Flann poggiò il martello sul tavolo da lavoro, afferrò con le pinze il blocco di metallo che…
continua

Che ti sei messa in testa?

Mi porto le mani sulla testa, la pelliccia che ricopre le orecchie da gatto è tutta in disordine. Prendo la spazzola con le setole fini e vado davanti allo specchio.…
continua

Il gancio e lo specchio

Crollo sullo sgabello, allargo le braccia e le abbandono sulle corde. Tom mi sfila il paradenti. Mi tiene l'occhio aperto con le dita. «Hai preso un bel tiro, ma è…
continua

Il cuore della foresta

Oscar Cooper si stampò una manata sul collo, troppo lento per impensierire la zanzara che lo aveva punto. La mano scivolò sulla pelle sudata. «Forza, professore. Non manca molto.» Donovan…
continua

Studiare al Prato

Il prato di San Francesco è già pieno di universitari e liceali. Il tratto d’ombra gettato dalla chiesa è vuoto. Tutti hanno scelto il primo sole. Ci sono palloni ancora…
continua

Occhi bassi e ubbidire

Jacob aveva accettato il suo ruolo da sommelier, di esperto degustatore di merda, che la vita aveva scelto per lui, complici la sua stazza contadina e i suoi occhi privi…
continua

Tasse

Damian mi indica una porta sulla sinistra. «L'indirizzo è questo, capo. Cezar Albescu.» Il marciapiede è lurido di macchie scure, puzza di piscio. «Bel posticino.» Busso con le nocche e…
continua

Infinite melodie

Un’eternità. Da un’eternità sono legato allo sgabello di fronte al pianoforte. La stanza in cui sono intrappolato è grigia, senza finestre, senza porte, soffocante. Vivo seduto di fronte alla tastiera,…
continua