Categoria: drammatico

L’hangar dei mostri

L'uomo dai capelli brizzolati mi scruta. Dovrebbe essere lui il mio mentore? Gli tendo la mano. «Finn Sullivan, piacere di conoscerla. Mi afferra la mano in una stretta d'acciaio, trattengo…
continua

Una scommessa

La rete tesa davanti agli occhi di Mimì non ondeggiava: era immobile e ferma, proprio come le sue gambe. Aveva le dita fredde, indice e anulare fasciati; pure il mignolino…
continua

Machu Picchu

Sbuco per primo oltre il tornante. Davanti a me si apre uno spettacolo più maestoso di quanto potessi immaginare. «Daniele, che ti avevo detto, ce l'abbiamo fatta. Machu Picchu!»  …
continua

Piccola esploratrice

Tessa incrocia le braccia. Il muro di Villa Russel è alto almeno il doppio di lei, ma il vecchio castagno che cresce nel suo giardino è ancora più alto e…
continua

La casa del nonno

Una nuvola di polvere grigia si avvicina lungo la strada, il baccano del motore è sempre più forte. Il suv nero si ferma a pochi metri dalla veranda. Io continuo…
continua

Chi resta

Supero l’ingresso e nonna Ebe mi chiude la porta alle spalle. «Ma quanto sei cresciuto?» Mi fissa come se fossi appena uscito da un uovo di pasqua gigante. Mi mette…
continua

I Superstiti

Gael camminava guardando la sola meta possibile: l’orizzonte. Un raggio fioco trafiggeva due cactus giganti. Dov’era Juanito? Si voltò di scatto e li vide tutti accasciati a terra. Un gemito…
continua

Kartush ti ama

Kartush guarda il sole sorgere nell’orizzonte polveroso: la sabbia sollevata dal vento si incolla alle lacrime. Non è riuscito a dormire per tutta la notte, torturato dagli incubi e dal…
continua

Sgorbio

C’è un gatto fuori dalla finestra, immobile, che mi fissa. Ha il musetto bianco, una macchia nera che gli copre un occhio e il dorso rosso con qualche macchia nera.…
continua

Dove avevo messo radici

L’ho fatto. Finalmente. Riprendo a respirare regolare, ma la testa continua a girarmi. Mi siedo sul bordo del divano, i gomiti appoggiati sulle ginocchia e le mani alla fronte. Sento…
continua

Fredo, fumo e tanta miseria

Arrivo davanti alla casola. Sbatto gli scarpon sul muretto e spaco la fanga che si stacca. El fumo vien su dal camino, dala finestra un chiarore. Ha mai messo la…
continua