Categoria: drammatico

Contare sulle dita

Carico la fisiologica nella flebo e collego la cannula, il liquido scende fino al grosso livido nel gomito del vecchio. Serve davvero, questa roba? È bianco come le lenzuola del…
continua

Dove i numeri sono tutti uguali

La mamma allaccia gli alamari del mio cappottino rosa, poi strattona Knut per tenerlo sveglio. «Julia, tienilo sempre per mano,» mi carezza la guancia, «non lo lasciare mai.» Prendo la…
continua

Lo chiamano mare

- Un giorno -   “Ma quello è un corpo?”, il vecchio guarda spaventato il giovane. “Intendi di un uomo?”, il giovane è perplesso. “Secondo te cosa diamine è quella…
continua

Der Schreiber

La mia Greta se n’è andata. Le infermiere mi sorridono ma si vede che sono in difficoltà. Devo sembrare proprio ridicolo con questo papillon. Ma io non vado agli appuntamenti…
continua

Interrogatorio

Aldo entrò nella stanza dell’interrogatorio. Il sospettato aveva spostato la sedia contro il muro e sedeva chino con le braccia in mezzo alle cosce. A quanto diceva l’appuntato Colli, non…
continua

Speak to me

Clicco sul suo messaggio vocale: “Amore, torno a cena. Aspettami”. Che bella voce, gentile, suadente. Metto su Dark Side of the Moon. Mi pare appropriato. “Leave but don't leave me.…
continua

Si concentri

Dottore, io ho capito dove vuole arrivare. Me lo dica lei. Che tirare fuori la verità fa bene. È una cosa che ci guarisce, no? Be’, forse non sempre ci…
continua

Lettera da una madre mai nata

Carissimo,   ti lascio questa come memoria di me, di quello mi ha scomposto fino a rendermi granelli di desideri irrealizzati e sogni lasciati a metà. Ti lascio queste righe…
continua

Lascia perdere e sopporta

La stanza è piena di sedie e, come al solito, lui mi sta aspettando nella terza fila, quinta sedia a partire dalla parete. Ha cambiato abito rispetto alla settimana scorsa.…
continua

Che nemmeno i cristiani fanno così

Figliolo, figlio mio. Capisco tutto. Che mica son decisioni che un adolescente dovrebbe prendere. E non lo sai, quanto mi spacca in due il doverti chiedere il permesso. Ma il…
continua

Mai rispondere al fuoco

Tito correva nel campo verso suo padre e il vecchio Manlio. Le pianticelle erano alte e gli sferzavano la faccia. Alle sue spalle crescevano grida e tonfi di zoccoli, insieme…
continua